Product SiteDocumentation Site

Koha 3.20

Manuale Koha 3.20 (it)

Edizione 1

Nicole C. Engard

ByWater Solutions/BibLibre

Nota Legale

Questo manuale è rilasciato sotto la licenza GNU General Public License, version 3 or later
Approfondisci la licenza andando nella Appendice GPL3
Published: 2015
1. Introduzione
1.1. Basi di Koha
1.2. Raccomandazioni per Koha
1.3. Come usare questo manuale
1.4. Contribuire al manuale
2. Amministrazione
2.1. Preferenze di sistema globali
2.1.1. Acquisizioni
2.1.2. Amministrazione
2.1.3. Authority
2.1.4. Catalogazione
2.1.5. Circolazione
2.1.6. Contenuti avanzati
2.1.7. I18N/L10N
2.1.8. Uso locale
2.1.9. Log
2.1.10. OPAC
2.1.11. Utenti
2.1.12. Ricerca
2.1.13. Risorse in continuazione
2.1.14. Interfaccia dello staff
2.1.15. Strumenti
2.1.16. Web Services
2.2. Parametri di base
2.2.1. Biblioteche & Gruppi
2.2.2. Tipo di copia
2.2.3. Valori autorizzati
2.3. Utenti e circolazione
2.3.1. Categorie utente
2.3.2. Circolazione e regole dei ritardi
2.3.3. Attributi utente
2.3.4. Limiti nei trasferimenti
2.3.5. Matrice Costo Trasporto
2.3.6. Avvisi di circolazione delle copie
2.3.7. Città e paesi
2.4. Catalogazione (amministrazione)
2.4.1. Griglia di catalogazione bibliografica MARC
2.4.2. Link tra Koha e MARC
2.4.3. Mappatura da keyword a MARC
2.4.4. Test della griglia di catalogazione bibliografica MARC
2.4.5. Tipi di authority
2.4.6. Schemi di classificazione
2.4.7. Regole di corrispondenza per record
2.4.8. Configurazione dei set di OAI
2.4.9. Campi per ricerca di copie
2.5. Acquisizioni
2.5.1. Valute e tassi di cambio
2.5.2. Budgets
2.5.3. Fondi
2.6. Parametri aggiuntivi
2.6.1. Servers Z39.50/SRU
2.6.2. Intendi dire:
2.6.3. Impostazioni colonna
3. Strumenti
3.1. Utenti e circolazione
3.1.1. Liste utenti
3.1.2. Commenti
3.1.3. Importa utente
3.1.4. Avvisi & Ricevute
3.1.5. Triggers per messaggi di ritardo/status
3.1.6. Creatore delle tessere utente
3.1.7. Utenti (rendere anonimo, cancellare massivamente)
3.1.8. Modifica utente via batch
3.1.9. Moderazione dei tag
3.1.10. Carica le immagini degli utenti
3.1.11. Raccolte mobili
3.2. Catalogo
3.2.1. Modificare copie via batch
3.2.2. Cancellazione copie via batch
3.2.3. Cancella records via batch
3.2.4. Modifica record via batch
3.2.5. Export dati (MARC & Autorità)
3.2.6. Inventario/stoccaggio
3.2.7. Creatore di etichette
3.2.8. Creatore etichette per il dorso
3.2.9. Templates di modifica MARC
3.2.10. Deposito MARC records per l'importazione
3.2.11. Strumento di Gestione del deposito dei records MARC
3.2.12. Carica le immagini di copertine locali
3.3. Strumenti aggiuntivi
3.3.1. Calendario
3.3.2. Profili CSV
3.3.3. Visualizzatore dei log
3.3.4. News Koha
3.3.5. Pianificatore di operazioni
3.3.6. Editor delle citazioni del giorno
4. Utenti
4.1. Aggiungi un nuovo utente
4.2. Aggiungi un utente staff
4.3. Aggiungi un utente per le statistiche
4.4. Copia un utente
4.5. Aggiungi immagini utente
4.6. Modifica utenti
4.7. Gestione degli autoaggiornamenti degli utenti
4.8. Permessi utente
4.8.1. Impostazione dei privilegi utente
4.8.2. Impostazione dei privilegi utente
4.9. Informazioni utente
4.9.1. Presta
4.9.2. Dettagli
4.9.3. Multe
4.9.4. Routing Lists
4.9.5. Storico della circolazione
4.9.6. Log delle modifiche
4.9.7. Avvisi
4.9.8. Statistiche
4.9.9. Files
4.9.10. Suggerimenti di acquisto
4.9.11. Liberatorie dell'utente
4.10. Cerca utente
5. Circolazione
5.1. Prestito
5.1.1. Dare copie in prestito
5.1.2. Avvisi al momento della concessione di un prestito
5.1.3. Avvisi al momento della concessione di un prestito
5.2. Rinnovi
5.3. Restituzione (check in)
5.3.1. Restituzioni
5.3.2. Messaggi al momento della restituzione
5.4. Messaggi sulla circolazione
5.4.1. Configura messaggi
5.4.2. Aggiungi un nuovo messaggio
5.4.3. Vedi messaggi
5.5. Prenotazioni
5.5.1. Fare prenotazioni dall'interfaccia staff
5.5.2. Gestisci le prenotazioni
5.5.3. Ricezione prenotazioni
5.6. Trasferimenti
5.7. Imposta la biblioteca
5.8. Catalogazione veloce
5.9. Reports sulla circolazione
5.9.1. Prenotazioni in coda
5.9.2. Prenotazioni da trattare
5.9.3. Prenotazioni in attesa di essere ritirate
5.9.4. Distribuzione delle prenotazioni
5.9.5. Trasferimenti da ricevere
5.9.6. Ritardi
5.9.7. Ritardi con sanzioni
5.9.8. Consultazioni pendenti
5.10. Tracciare l'uso locale
5.11. Collocare opere in 'Lavorazione' / 'Scaffale temporaneo'
5.12. Auto registrazione del prestito
5.13. Utilità della circolazione offline
5.13.1. Circolazione non in linea in Koha
5.13.2. Firefox Plugin
5.13.3. Strumento Circolazione Offline per Windows
6. Catalogazione
6.1. Record bibliografici
6.1.1. Aggiunta di record
6.1.2. Aggiunta di record analitici
6.1.3. Modifica di record
6.1.4. Duplicazione di record
6.1.5. Unione di record
6.1.6. Cancellazione Records
6.2. Record di copie
6.2.1. Aggiunta di copie
6.2.2. Modifica di copie
6.2.3. Informazioni sulla copia
6.2.4. Spostamento di copie
6.2.5. Cancellazione delle copie
6.2.6. Storico della circolazione
6.3. Authority
6.3.1. Aggiungere authority
6.3.2. Ricerca authority
6.3.3. Modificare Authority
6.3.4. Fusione Authority
6.4. Guide per la catalogazione
6.4.1. Guida rapida alla catalogazione del record bibliografico
6.4.2. Guida alla catalogazione delle copie
6.4.3. Gestione degli ordini e delle prenotazioni
7. Testi per i corsi
7.1. Configurazione di 'Testi per i corsi'
7.2. Aggiungi corsi
7.3. Aggiungere Testi ai corsi
7.4. Testi per i corsi nell'Opac
8. Risorse in continuazione
8.1. Gestione delle Frequenze delle Risorse in continuazione
8.2. Gestione degli schemi di numerazione delle Risorse in continuazione
8.3. Aggiungere un abbonamento
8.4. Fascicoli ricevuti
8.5. Creare una Routing List
8.6. Abbonamenti dell'intranet (staff client)
8.7. Abbonamenti nell'OPAC
8.8. Reclamo seriali
8.9. Controlla scadenza (periodici)
8.10. Rinnovo abbonamenti
8.11. Ricerca di una risorsa in continuazione
9. Acquisizioni
9.1. Setup
9.2. Fornitori
9.2.1. Aggiungi un fornitore
9.2.2. Vedi/Modifica il fornitore
9.2.3. Contratti del fornitore
9.3. Gestione dei suggerimenti
9.4. Effettuare ordini di acquisto
9.4.1. Creare un raccoglitore
9.4.2. Crea un ordine d'acquisto
9.4.3. Stampa dei raccoglitori
9.5. Ricezione ordini
9.6. Fatture
9.7. Solleciti e Ordini in ritardo
9.8. Ricerche sulle acquisizioni
9.9. Tracciamento Budget / Fondi
10. Liste & Carrello
10.1. Liste
10.1.1. Crea una lista
10.1.2. Aggiungi una lista
10.1.3. Visualizza Liste
10.1.4. Unire records bibliografici con le liste
10.2. Carrello
11. Reports
11.1. Report personalizzati
11.1.1. Aggiungi un report personalizzato
11.1.2. Modifica report personalizzati
11.1.3. Esegui i report personalizzati
11.2. Rapporti statistici
11.2.1. Statistiche delle Acquisizioni
11.2.2. Statistiche degli utenti
11.2.3. Statistiche del catalogo
11.2.4. Statistiche circolazione
11.2.5. Statistiche sui seriali
11.2.6. Statistiche sulle prenotazioni
11.2.7. Utenti con più prestiti
11.2.8. Copie con maggiore circolazione
11.2.9. Utenti senza prestiti
11.2.10. Copie mai prestate
11.2.11. Catalogo per tipo di copia
11.2.12. Copie smarrite
11.2.13. Durata media del prestito
11.3. Dizionario dei report
12. OPAC
12.1. Risultati della ricerca
12.1.1. Panoramica dei risultati
12.1.2. Filtri
12.1.3. Cerca i feed RSS
12.2. Record bibliografico
12.3. Liste & Carrello
12.3.1. Liste
12.3.2. Carrello
12.4. Fare prenotazioni
12.5. Contenuti avanzati
12.5.1. Marcatura
12.5.2. Commenti
12.5.3. Zotero
12.5.4. Feed RSS personalizzati
12.6. Auto registrazione tramite l'OPAC
12.7. Il mio account
12.7.1. Im miei dati in breve
12.7.2. Blocchi utente
12.7.3. Le mie multe
12.7.4. I miei dettagli
12.7.5. I miei tag
12.7.6. Cambiare password
12.7.7. Cronologia ricerche
12.7.8. La mia Cronologia delle letture
12.7.9. La mia Privacy
12.7.10. I miei suggerimenti di acquisto
12.7.11. I miei messaggi
12.7.12. Le mie liste
12.8. Suggerimenti di acquisto
13. Ricerca
13.1. Prefissi della ricerca avanzata
13.2. Guida alla ricerca
13.2.1. Descrizione dell'indicizzazione e della ricerca
13.2.2. Configurazione degli indici
13.2.3. Ricerca base
13.2.4. Ricerca avanzata
13.2.5. Ricerca sui dati di copia
13.2.6. Ricerca con la Common Command Language (CCL)
13.3. Indici di ricerca Koha
14. Gestione Plugin
14.1. Configurazione
15. Cronologia della ricerca
16. Informazioni su Koha
16.1. Informazioni sul server
16.2. Moduli Perl
16.3. Informazioni di sistema
17. Lista di controllo per l'implementazione
17.1. Migrazione dei dati
17.2. Configurazione amministrazione
17.3. Configurazione localizzazione
17.4. Configurazione della circolazione
17.5. Configurazione utenti
17.6. Configurazione della catalogazione
17.7. Configurazione delle autorità
17.8. Configurazione della ricerca
17.9. Configurazione Opac
17.9.1. Sezioni Opac modificabili
17.10. Arrichimento Opac (configurazione)
17.11. Configurazione delle acquisizioni
17.12. Configurazione delle risorse in continuazione
17.13. Pianificazione per andare in produzione
18. Installazione di SOPAC2
18.1. Introduzione
18.2. Installazione di Locum e Insurge
18.2.1. Dipendenze
18.2.2. Scarica
18.2.3. Creazione del database
18.2.4. Sincronizzazione del DSN
18.2.5. Installazione di Insurge
18.2.6. Installazione di Locum
18.3. Installazione del connettore di Koha
18.4. Raccogli i Records
18.5. Installazione di Sphinx
18.5.1. Dipendenze
18.5.2. Scaricare e compilare sphinx
18.5.3. Creazione utente e gruppo
18.5.4. Il demone di Sphinx
18.5.5. Configurazione
18.5.6. Indicizzazione dei documenti
18.6. Installazione di SOPAC2
18.6.1. Scarica
18.6.2. Installazione
18.6.3. Configurazione
19. Elaborazioni pianificate
19.1. Elaborazioni pianificate
19.1.1. Cerca
19.1.2. Circolazione
19.1.3. Utenti
19.1.4. Avvisi
19.1.5. In elaborazione/Lista libri
19.1.6. Catalogo
19.1.7. OPAC
19.1.8. Amministrazione del sistema
19.1.9. Acquisizioni
19.1.10. Script di uso sconsigliato:
20. Web Services
20.1. OAI-PMH
20.1.1. Esempio di configurazione OAI
20.2. Servizi REST
21. Utilizzare il server SRU
21.1. Utilizzare il server SRU
21.1.1. Explain
21.1.2. Cerca
21.1.3. Retrieve
A. Novità bibliografiche come slider dell'Opac
B. Preferenze di sistema di default
B.1. ISBD Defaults
B.1.1. MARC21 Default
B.1.2. Deafault Unimarc
C. Configurare le stampanti per scontrini
C.1. Per stampanti Epson TM-T88III (3) & TM-T88IV (4)
C.1.1. Nel driver della stampante
C.1.2. In Firefox
C.2. Stampanti Epson TM-T88II (2)
C.2.1. In Firefox
C.3. Stampanti Star SP542
C.3.1. Installare la stampante
C.4. Configurare Firefox per stampare con la stampante per la stampa delle ricevute
D. Informazioni sulle notizie e avvisi
D.1. Campo Guida per Avvisi & Ricevute
E. Esempio di avviso
F. Esempi di abbonamenti a periodici
F.1. Reader's Digest (0034-0375)
F.2. People Weekly (1076-0091)
F.3. Et-Mol
F.4. Backpacker (0277-867X)
F.5. Keats-Shelley Journal (0453-4387)
F.6. Computers in Libraries (1041-7915)
G. Esempi di e-mail da una lista o dal carrello
G.1. Esempio di email da una lista
G.2. Esempio di e-mail dal carrello
H. Usare Koha come un Content Management System (CMS)
H.1. Setup
H.1.1. Modificare il modello delle pagine
H.1.2. Risoluzione problemi
H.1.3. Un punto in più
H.2. Uso del CMS
H.2.1. Aggiungere pagine
H.2.2. Visualizzare la nuova pagina
H.2.3. Esempio:
H.2.4. Esempi reali
I. Reset del database di Koha
I.1. Cancella dati di esempio dalle tabelle
I.2. Cancellare gli indici di Zebra
J. Link importanti
J.1. Collegati a Koha
J.2. Collegati alla circolazione
J.3. Catalogazione
J.4. Contenuti arrichiti
J.5. Design web
J.6. Reportistica
J.7. Guide all'installazione
J.8. Varie
K. Koha XSLT tipi copia
L. MarcEdit
L.1. Aggiungere un prefisso alle collocazioni
L.2. Importare dati da Excel in Koha
L.2.1. Convertire un file dal formato Excel al formato .mrk
L.2.2. Convertire il file .mrk in .mrc
L.2.3. Importe il file .mrc in Koha
M. Talking Tech
M.1. Installazione e messa a punto
M.2. Inviare il file delle notifiche
M.3. Ricevere il file dei risultati
N. OCLC Connexion Gateway
N.1. Configura l' OCLC service in Koha
N.2. Configura il tuo OCLC desktop client
N.3. Usare l'OCLC Connexion Gateway
N.3.1. Per esporare un record alla volta
N.3.2. Esporta i records via batch
N.3.3. Copie in OCLC
O. Domande frequenti
O.1. Visualizza
O.1.1. Tipi di elemento personalizzati/Icone per i valori autorizzati
O.1.2. Personalizzare le immagini di Koha
O.1.3. Visualizzazione dei campi nell'OPAC
O.1.4. Visualizzazione del sottotitolo nei record bibliografici
O.1.5. Mostrare agli utenti i codici a barre delle copie che hanno chiesto in prestito
O.2. Circolazione/Avvisi
O.2.1. Data di riconsegna
O.2.2. Prenotazioni da trattare e Prenotazioni in coda
O.2.3. Avvisi di scadenza duplicati
O.2.4. Stampa degli avvisi di scadenza
O.2.5. Impossibile rinnovare i prestiti
O.2.6. Impossibile prenotare
O.2.7. Scorciatoie da tastiera
O.2.8. Avvisi e messaggi via SMS
O.3. Catalogazione
O.3.1. Campi Authority
O.3.2. Link tra Koha e MARC
O.3.3. Numero di copie per record bibliografico
O.3.4. Analitici
O.4. Acquisizioni
O.4.1. Pianifica categorie
O.5. Risorse in continuazione
O.5.1. Schemi avanzati
O.6. Reports
O.6.1. Definire codici memorizzati nel database
O.6.2. Parametri di esecuzione
O.6.3. Limiti sui risultati
O.7. Ricerca
O.7.1. Ricerca avanzata
O.7.2. Ricerca con caratteri jolly
O.7.3. Ricerca per titolo
O.8. Contenuti avanzati
O.8.1. Applicare FRBR (Functional Requirements for Bibliographic records - requisiti funzionali per record bibliografici) al contenuto
O.8.2. Amazon
O.9. Amministrazione del sistema
O.9.1. Errori nelle esecuzioni pianificate di Zebra
O.9.2. Aprire al pubblico il servizio Z39.50
O.9.3. Valori autorizzati per le collocazioni a scaffale
O.9.4. Perchè mi servono i valori autorizzati?
O.9.5. Come si pulisc la tabella delle sessioni?
O.10. Hardware
O.10.1. Lettori di codici a barre
O.10.2. Stampanti
P. Estendere Koha
P.1. Script per la ricerca su Amazon ad uso delle biblioteche Koha
P.2. Nuvola di parole chiave
P.3. Tendina delle novità.
P.4. Catalogazione e ricerca per colore
Q. Koha e il tuo sito web
Q.1. La ricerca di Koha sul tuo sito
R. GNU General Public License version 3

Capitolo 1. Introduzione

Koha è il primo gestionale per biblioteche (ILS) libero e open source. Lo sviluppo è sponsorizzato da biblioteche di ogni tipo e dimensione, collaborano ad esso volontari e ditte di supporto da tutto il mondo.
Scopri di più su Koha visitando il sito ufficiale: http://koha-community.org
Le raccomandazioni sul sistema e sull'hardware necessario per far funzionare Koha si trovano nel wiki ufficiale insieme alla documentazione per gli sviluppatori: http://wiki.koha-community.org
Quando si usa Koha nella parte riservata ai bibliotecari (chiamata 'intranet' e/o 'staff client') è fortemente raccomandato l'uso del browser Firefox. L'intranet non supporta il browser Internet Explorer e non è ancora ottimizzata per Google Chrome.
Questo manuale è in continuo cambiamento, suggerimenti di modifiche vanno mandati al Documentation Manger attraverso la DOCS mailing list. Il manuale è organizzato seguendo i moduli di Koha. All'inizio di molte sessioni (e nel proseguo) troverai dei suggerimenti 'Vai a:'.Sono delle indicazioni su come trovare la sezione di cui parla lì il manuale.
Ad esempio: Vai a: Più > Amministrazione > Preferenze di sistema
Questo suggerimento ti dice come trovare l'opzione del menu di Koha (che sta sulla barra in alto) che ti porta alle preferenze di sistema
Vi sono link all'interno del manuale che ti fanno muovere attraverso le varie sezioni, le immagini ti mostrano come dovrebbe essere lo schermo (le immagini sono in inglese, non in italiano, attenzione).
Si può cercare all'interno del manuale, solo versione inglese, usando la ricerca personalizzata di Google disponibile nella pagina Koha Documentation .
Questo manuale è un documento in continuo cambiamento, proposte di modifiche e aggiunte sono sempre benvenute.
Il sito Koha Manual è gestito dal Documentation Manager, ma chiunque può partecipare a fare il miglior manuale possibile.
Per modificare il manuale raccomandiamo oXygen o altri editors specializzati per XML/DocBook. Chiediamo che ogni capitolo e sezione abbia un'ID tag associato ad esso per permmettere di costruire link permanenti e gestire la ricerca.
Le modifiche al manuale vanno invate alla DOCS mailing list e saranno revisionate dal Documentatio Manager prima dell'inclusione.

Capitolo 2. Amministrazione

Le preferenze globali di sistema controllano Koha. Definiscile prima di operare su Koha.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Preferenze di sistema globali
Le preferenze di sistema possono essere ricercate, usando una parte del nome o della descrizione, tramite la casella di ricerca nella pagina 'Amministrazione' o la casella in alto in ogni pagina delle preferenze di sistema.
Quando cambi una preferenza compare una nota '(modificato)' accanto al campo interessato, finché non clicchi il tasto 'Salva tutte le preferenze':
Al termine del salvataggio delle modifiche riceverai un messaggio di conferma che indica quali preferenze sono state aggiornate:
Ogni sezione delle preferenze può essere ordinata alfabeticamente cliccando sulla piccola freccia alla destra della parola 'Preferenza' dell'intestazione della colonna
Se la preferenza si riferisce a valori monetari (come nel caso di maxoutstanding) la valuta visualizzata sarà il default che imposti nella tua Currency and Exchange Rate area di amministrazione. Gli esempi che seguono sono relativi ai dollari USA (USD), ma vanno intesi nella valuta corrente.

Importante

Per sistemi bibliotecari con URL univoci per ogni biblioteca, ogni preferenza di sistema può essere sovrascritta operando sul file koha-http.conf, questa è una modifica che va fatta da un gestore del sistema o da chi ha accesso ai files di configurazione. Per esempio tutte le biblioteche tranne una vogliono avere l'evidenziazione dei termini cercati. Allora si metterà la preferenza OpacHighlightedWords ad 'Evidenzia' e poi configuri la sezione ad hoc di koha-http.conf della biblioteca aggiungendo 'SetEnv OVERRIDE_SYSPREF_OpacHighlightedWords "0"'. Dopo aver fatto ripartire il server apache, quella biblioteca non avrà i termini di ricerca evidenziati. Consulta il tuo gestore del sistema per maggiori informazioni.

2.1.1. Acquisizioni

Vai a: Più > Amministrazione > Preferenze di sistema globali > Acquisizioni

2.1.1.1. Politica

2.1.1.1.1. AcqCreateItem
Default: creare un ordine
Chiede: Crea un record in uno di questi casi ___.
Valori:
  • durante la catalogazione
  • facendo un ordine
  • ricevendo un ordine
Descrizione:
  • Questa preferenza ti permette di decidere quando vuoi creare un record di copia in Koha. Se scegli di creare un record di copia 'facendo un ordine', fornirai i dati di copia al momento dell'inserimento di record nel nasket. Se scegli di aggiungere una copia 'ricevendo un ordine', ti verrà cheista l'informazione della copia quando ricevi gli ordini in acquisizione. Se scegli di aggiungere la copia 'durante al catalogazione', i record di copia non verranno creati in acquisizione, ma dovrai inserirli nel modulo di catalogazione.
2.1.1.1.2. AcqEnableFiles
Predefinito: Non attivare
Chiede: ___ la possibilità di caricare e collegare dei files alle ricevute.
Valori:
  • Attivare
  • Non attivare
Descrizione:
  • Questa preferenza imposta l'autorizzazione a caricare o meno file alle ricevute attraverso il modulo delle acquisizioni.
Chiede: Al momento della cancellazione di una ricevuta, aggiorna i sottocampi di una copia se creati al momento dell'ordine (es. o=5|a="bla bla""). ___
Descrizione:
  • Questa preferenza è usata insieme alla preferenza AcqItemSetSubfieldsWhenReceived preference. Se hai configurato il sistema per immettere valori di deafult quando ricevi una copia, puoi volere che questi valori vengano cancellati se il ricevimento viene cancellato. Questa preferenza ti permette di farlo.
Chiede: Alla ricezione delle copie, aggiorna i relativi sottocampi se sono stati creati facendo un ordine (p.es. o=5|a="testo libero"). ___
Descrizione:
  • Questa preferenza ti permette di indicare i valori di default per le copie che ricevi tramite l'acquisizione. Inserisci i dati nel formato sottocampo=valore e separa i valori con una barra (|). Per esempio puoi rimuovere lo stato di ordinato in modo automatico indicando 7=0 in questa preferenza. Così si imposta lo stato di 'Non per il prestito' a 0 (sottocampo 7), cioè prestabile.
2.1.1.1.5. AcqViewBaskets
Default: creato da un membro dello staff
Chiede: Mostra i raccoglitori ___
Valori:
  • creato da un membro dello staff
  • dalla sottobiblioteca del membro dello staff
  • nel sistema, indipendentemente dalla biblioteca che ha fatto l'ordine
Descrizione:
  • In acquisizione, questa preferenza permette di controllare quali raccoglitori puoi vedere relativamente a un fornitore. Il valore di default di 'creato da un membro dello staff' fa vedere solo i raccoglitori creati da te. Scegliendo di vedere i raccoglitori 'dalla sottobiblioteca del membro dello staff' mostrerà i racoglitori creati da tutti i membri dello staff della tua sottobiblioteca. Infine, puoi scegliere la terza preferenza per mostrare tutti i raccoglitori creati sul sistema ('nel sistema, indipendentemente dalla biblioteca che ha fatto l'ordine'). Il superlibrarian può comunque vedere tutti i raccoglitori creati nel sistema.
Default: Non avvisare
Chiede: ___ quando la bibliotecaria cerca di creare una fattura con numero duplicato.
Valori:
  • Non avvisare
  • Avvisa
Default: chiedi sempre conferma
Chiede: Quando viene chiuso o riaperto un raccoglitore, ___.
Valori:
  • chiedi sempre conferma
  • non chiedere conferma
Descrizioni:
  • Questa preferenza permette di evitare la conferma chiudendo o riaprendo un raccoglitore. Se salti la conferma, non crei un nuovo ordine di acquisto.
2.1.1.1.8. CurrencyFormat
Default: 360,000.00 (US)
Chiede: Mostra le valute usando il seguente formato ___
Valori:
  • 360,000.00 (US)
  • 360 000,00 (FR)
2.1.1.1.9. gist
Default: 0
Chiede: L'IVA di default è ___
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di definire l'IVA per Merci e Servizi. Il valore di default di 0 disabilita questa preferenza.

Nota

Inserisci un numero (.06) per indicare una percentuale (6%).
2.1.1.1.10. MarcFieldsToOrder
Chiede: Impostare i valori di mappatura per un nuovo ordine creato da un record MARC proveniente da un file nel deposito.
Descrizione:
  • Questa preferenza include i campi MARC da controllare al momento dell'ordine da usare quando si ordina a partire da un file nel deposito. Puoi usare i seguenti campi: price, quantity, budget_code, discount, sort1, sort2.
    Per esempio:
    prezzo: 947$a|947$c
    quantità: 969$h
    codice budget: 922$a
2.1.1.1.11. UniqueItemFields
Default: barcode
Chiede:___ (lista di campi separati da spazio che devono essere unici per copia, devono essere campi validi SQL della tabella items table)
Descrizione:
  • Se questa preferenza è lasciata vuota, non verrà effettuato il controllo di unicità sulle copie aggiunte in acquisizione. Questo implica che può essere creato un doppio barcode in acquisizione che può creare errori in futuro nella circolazione.

2.1.1.2. Stampa

2.1.1.2.1. OrderPdfFormat
Default: pdfformat::layout2pages
Chiede: Usa ___ quando stampi gli ordini di acquisto.
Queste preferenze sono le impostazioni generali del tuo sistema.
Vai a: Più > Amministrazione > Preferenze globali di sistema > Amministrazione
Il protocollo web Central Authentication Service (CAS) per l'autenticazione single sign-on. Se non sai di cosa si tratta, lascia i valori di default.
2.1.2.1.1. AllowPKIAuth
Default: no
Chiede: Usa il campo ___ per il certificato di autenticazione del client SSL
Valori:
  • no
  • il nome comune
  • l'indirizzo email
2.1.2.1.2. casAuthentication
Default: Non usare
Chiede: ___ CAS per autenticare il login.
2.1.2.1.3. casLogout
Default: Non fare logout
Chiede: ___ da CAS quando esci da Koha.
2.1.2.1.4. casServerUrl
Chiede: Il server di autenticazione CAS è all'indirizzo ___
Queste preferenze sono relative alla tua interfaccia Koha
2.1.2.2.1. DebugLevel
Default: molta
Chiede: Mostra ___ informazione di debug nel browser quando si verifica un errore interno.
Valori:
  • molta - mostra tutta l'informazione disponibile
  • no - mostra solo i messaggi di errore fondamentali
  • medio - mostra solo alcune informazioni dell'errore
Descrizione:
  • Questa preferenza determina quanta informazione verrà mostrata sullo schermo quando nel sistema si verifica un errore. I maggiori dettagli verranno mostrati con il livello 2, alcuni dettagli verranno mostrati con il livello 1, e solo elementi fondamentali verranno mostrati con il livello 0. Questa impostazione è importante per un sistema nuovo e l'amministratore è interessato a individuare rapidamente errori o problemi. Con messaggi di errore dettagliati dà la possibilità di riparare difetti più rapidamente.
2.1.2.2.2. delimitatore
Default: punto e virgola
Chiede: Separa le colonne del file esportato usando ___ per default.
Valori:
  • #'s
  • barre rovesciate (backslashes)
  • virgole
  • punto e virgola (;)
  • barre (/)
  • tab
Descrizione:
  • Qesta preferenza determina la separazione di default dei dati nei report di Koha. In molti casi sarai in grado di cambiare questa scelta al momento dell'esportazione.
Questo è il 'From' di default per i messaggi email, salvo che ogni branch ne abbia impostato uno. Si utilizza quando avviene un errore interno.
Chiede: Usa ___ come indirizzo email per l'amministratore di Koha.
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di usare un indirizzo email per avvisi dall'OPAC. Se non viene impostato uno specifico indirizzo email per la sottobiblioteca, questo indirizzo riceverà messaggi dagli utenti su richieste di modifiche, suggerimenti di acquisto, domande su prestiti scaduti. Si raccomanda di usare un indirizzo email utilizzato da più persone dello staff, per fare fronte alle assenze della persona preposta. Questo indirizzo email può essere cambiato quando occorre.
2.1.2.2.4. noItemTypeImages
Default: Mostra
Chiede: ___ le icone del tipo di copia nel catalogo.
Valori:
  • Mostra
  • Non mostrare
Descrizione:
  • Questa preferenza permette all'amministratore del sistema di determinare se gli utenti possono impostare e vedere l'icona del tipo di copia nel catalogo, sia nell'OPAC che nell'interfaccia dello staff. Le immagini appariranno sia nell'OPAC che nell'interfaccia dello staff. Se la preferenza è disabilitata, le immagini saranno sostituite da testo, sia nell'OPAC che nell'interfaccia dello staff.
2.1.2.2.5. ReplytoDefault
Chiede: Usa ___ come indirizzo replyto nei messaggi automatici di posta elettronica
Descrizione:
2.1.2.2.6. ReturnpathDefault
Chiede: Usa ___ come indirizzo di ritorno; se lo lasci vuoto, verrà usato KohaAdminEmailAddress.
Descrizione:
  • L'indirizzo di ritorno (return path) è quello a cui vengono inviati i messaggi che rimbalzano. Per default vanno all' indirizzo della biblioteca; qui puoi indicarne uno specifico.
2.1.2.2.7. virtualshelves
Default: Permetti
Chiede: allo staff e agli utenti di creare e vedere liste di libri.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Questa preferenza controlla la disponibilità delle liste sia nell'OPAC che nell'interfaccia dello staff. Se è impostata a "Non permettere", nessuno sarà in grado di salvare record nelle liste, private o pubbliche.
Queste preferenze si riferiscono all'accesso al tuo sistema koha
2.1.2.3.1. AutoLocation
Default: Non richiedere
Chiede: ___ allo staff di effettuare il login da un computer appartenente al range di indirizzi IP specificati per la sua biblioteca.
  • Definisce il range di indirizzi IP relativi all'area di amministrazione della biblioteca
Valori:
  • Non richiedere
  • Richiedi
Descrizione:
  • Questa preferenza protegge il sistema impedendo ad utenti non autorizzati di accedere ai programmi dello staff e ai settings. Gli utenti autorizzati o non autorizzati sono individuati tramite l'indirizzo IP del loro computer. Quando la preferenza è impostata a 'Richiedi', l'autorizzazione via IP è attiva e gli IP non autorizzati verranno bloccati. Questo significa che lo staff non potrà lavorare da casa, a meno di autorizzare il loro indirizzo IP. Quando è impostata a 'Non richiedere', qualunque membro dello staff potrà accedere, indipendentemente dall'IP che usa.
Default: Non impedire
Chiede: ___ allo staff (ma non ai superlibrarians) di modificare oggetti (prenotazioni, copie, utenti, etc.) appartenenti ad altre biblioteche.
Valori:
  • Non impedire
  • Impedisci
Descrizione:
  • Queste preferenze dovrebbero essere usate in consorzi di biblioteche che condividono una sola installazione di Koha dove più biblioteche sono considerate organizzazioni indipendenti, nel senso che non condividono materiale o utenti, e non prevedono di cambiare questa logica in futuro. Se impostato a "Prevenire", aumenta la sicurezza tra biblioteche: viene impedito a utenti dello staff di effettuare il login in altre biblioteche, vengono omessi utenti di altre biblioteche dalle ricerche sugli utenti, vengono limitate le locations(?) quando si cfea o modifica una copia, viene impedito agli utenti di effettuare prenotazioni o prestiti da biblioteche diverse dalla propria, e lo staff non può modificare record di altre biblioteche. Queste limitazioni non sono applicate al superlibrarian, che ha il massimo livello dei privilegi.

Importante

È importante che questo valore venga impostato prima di attivare il sistema e che NON venga più cambiato dopo
Default: Attiva
Chiede: ___ verificare il cambiamento di indirizzo IP remoto per la protezione della sessione. Disabilitare solo se l'indirizzo IP remoto cambia frequentemente.
Valori:
  • Disabilita
  • Attiva
Descrizione:
  • Se questa preferenza è impostata su 'Attiva' Koha forzerà la disconnessione se l'indirizzo IP di provenienza cambia, come misura di sicurezza. Per alcuni sistemi l'indirizzo IP cambia di frequente, di modo che ti consigliamo di impostare questa preferenza a 'Disabilita' per evitare che Koha disconnetta dal cliente personale ogni volta che cambia l'IP.

Importante

Lo scopo è aiutare coloro il cui indirizzo IP cambia più volte durante il giorno; l'impostazione di questa preferenza su 'Disabilita' non è raccomandata in caso contrario, perché corrisponde alla rimozione di importanti funzioni di sicurezza per l'accesso dello staff.
2.1.2.3.4. SessionStorage
Default: nel database MySQL
Chiede: Conserva le informazioni di login
Valori:
  • in file temporanei
  • nel database MySQL
  • nel database PostgreSQL
    • Importante

      PostgreSQL non è ancora supportato
Descrizione:
  • Questa preferenza permette all'amministratore di scegliere in quale formato vengono conservati i dati delle sessioni web.
2.1.2.3.5. timeout
Default: 12000000
Chiede: Esegui il logout automatico dell'utente dopo ___ secondi di inattività.
Descrizione:
  • Questa preferenza determina la durata dell'inattività di una sessione OPAC o staff. Il valore di questa preferenza è in secondi. Attualmente, lo stesso valore è applicato alle sessioni staff e a quelle OPAC.

2.1.2.4. Mozilla Persona

2.1.2.4.1. Persona
Default: Non permettere
Chiede: ___ l'uso di Mozilla persona per il login.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Mozilla Persona è un servizio simile a Open-ID che permette di effettuare il login a più siti web utilizzando sempre un proprio account Mozilla. Se accetti di usare Persona, i tuoi utenti dell'OPAC potranno effettuare il login usando le loro credenziali Mozilla Persona. Approfondisci Mozilla Persona sul sito ufficiale Mozilla.

    Importante

    Per fare funzionare correttamente il login persona devi definire correttamente la preferenza OPACBaseURL.
In quanto progetto open source, Koha è usato ovunque nel mondo. Questa preferenza ci aiuterà a mantenere statistiche più precise sul suo utilizzo. Se scegli di condividere alcuni tuoi dati, saranno pubblicati sul sito Hea Koha community. Devi attivare matching cron job per inviare questa informazione a intervalli regolari alla community.
2.1.2.5.1. UsageStats
Default: Non condividere
Chiede: ___ con la community di Koha dati anonimi di utilizzo del tuo Koha.
Valori:
  • Non condividere
  • Condividi
Descrizione:
  • Questi dati sono conservati per tracciare l'uso di Koha nel mondo. Se scegli di condividere questa informazione, verrà pubblicata sul sito Hea Koha community. Questa informazione è inviata usando il job di cron Usage Sharing Cron Job.
2.1.2.5.2. UsageStatsCountry
Chiede: il Paese dove si trova la tua biblioteca: ___
Descrizione:
  • Questi dati sono conservati per tracciare l'uso di Koha nel mondo. Se scegli di condividere questa informazione, verrà pubblicata sul sito Hea Koha community. Questa informazione è inviata usando il job di cron Usage Sharing Cron Job.

Importante

Questa preferenza dipende dalla preferenza UsageStats. Impostala a 'Condividi' per condividere la tua informazione.
Chiede: Il nome della biblioteca ___ verrà mostrato sul sito Hea Koha community.
Descrizione:
  • Questi dati sono conservati per tracciare l'uso di Koha nel mondo. Se scegli di condividere questa informazione, verrà pubblicata sul sito Hea Koha community. Questa informazione è inviata usando il job di cron Usage Sharing Cron Job.

Importante

Queste preferenze dipendono dalla preferenza UsageStats. Impostala a 'Share' per condividere la tua informazione. Se questo campo è vuoto, i dati verranno condivisi in modo anonimo, se imposti al valore 'Share' la preferenza UsageStats.
Default: pubblico
Chiede: Il tipo di biblioteca ___ sarà mostrato sul sito Hea Koha community.
Valori:
  • accademico
  • ente
  • governo
  • privato
  • pubblico
  • ente religioso
  • ente di ricerca
  • ente scolastico
  • società o associazione
  • iscrizione
Descrizione:
  • Questi dati sono conservati per tracciare l'uso di Koha nel mondo. Se scegli di condividere questa informazione, verrà pubblicata sul sito Hea Koha community. Questa informazione è inviata usando il job di cron Usage Sharing Cron Job.

Importante

Questa preferenza dipende dalla preferenza UsageStats. Impostala a 'Condividi' per condividere la tua informazione.
Chiede: L'URL della biblioteca ___ apparirà sul sito Hea Koha community.
Descrizione:
  • Questi dati sono conservati per tracciare l'uso di Koha nel mondo. Se scegli di condividere questa informazione, verrà pubblicata sul sito Hea Koha community. Questa informazione è inviata usando il job di cron Usage Sharing Cron Job.

Importante

Questa preferenza dipende dalla preferenza UsageStats. Impostala a 'Condividi' per condividere la tua informazione.

2.1.3. Authority

Vai a: Più > Amministrazione > Preferenze di sistema globali > Authority

2.1.3.1. Generale

Predefinito: Non mostrare
Chiede: ___ le gerarchie tra Broader Terms e Narrower Terms quando mostri le autorità.
Valori:
  • Visualizza
  • Non mostrare
Descrizione:
  • Se i tuoi record di autorità comprendono dei campi 5xx con riferimenti "vedi anche" a BT o NT, questa preferenza abilita la visualizzazione di queste autorità in alto nel record.
Predefinito: non generare in automatico
Chiede: Quando modifichi i record bibliografici, ___ i record di autorità mancanti.
Valori:
  • non generare in automatico
  • genera in automatico

Importante

La preferenza di sistema BiblioAddsAuthorities deve essere impostata su "permetti" affinché questa preferenza abbia effetto
Descrizione:
  • Quando questa e la preferenza BiblioAddsAuthorities sono entrambe attive, vengono automaticamente creati dei record di autorità per le intestazioni che non sono presenti negli indici. Quando BiblioAddsAuthorities è attiva e AutoCreateAuthorities non lo è, non vengono automaticamente creati dei record di autorità al salvataggio del record bibliografico, ma l'utente può inserire delle intestazioni non presenti negli indici di autorità. Se BiblioAddsAuthorities è disattivata, la preferenza non ha effetto.
Predefinito: permetti
Chiede: quando modifichi i record bibliografici, ___ di creare nuovi record di autorità, anziché dover necessariamente fare riferimento a record di autorità già esistenti.
Valori:
  • permetti
    • Questa impostazione permette di inserire valori nei campi controllati dalle autorità e aggiungere un nuovo record di autorità se non esiste già
  • non permettere
    • Questa impostazione bloccherà i campi controllati da autorità, obbligando a cercare un autorità già presente anziché inserire le informazioni di propria mano.
2.1.3.1.4. dontmerge
Predefinito: Non attivare
Chiede: ___ l'aggiornamento automatico dei record bibliografici quando viene cambiato un record di autorità collegato.
Valori:
  • Attivare
  • Non attivare
Descrizione:
  • Questa preferenza istruisce Koha su come comportarsi in caso di cambiamenti a un record di autorità. Se modifichi un record di autorità e questa preferenza è attiva, Koha aggiornerà immediatamente tutti i record bibliografici legati a quel record di autorità usando i dati del record di autorità stesso. Se non è attiva, Koha non li modificherà. Il compito è lasciato al cronjob merge_authority.pl.

Importante

Se questa preferenza è impostata a 'non aggiornare automaticamente', è necessario chiedere all'amministratore del sistema di attivare il cronjob merge_authority.pl.
Predefinito: || aca||aabn | a|a d
Chiede: Usa il seguente testo per il campo 008 posizioni 06-39 delle autorità MARC21 (composto da elementi a posizione fissa).

Importante

Non includere la data (posizioni 00-05) nel valore, viene automaticamente calcolata e inserita da Koha nelle posizioni precedenti a quelle specificate in questa preferenza.
Descrizione:
  • Questa preferenza definisce il valore predefinito nel campo 008 dei record di autorità; non riguarda i record bibliografici.
Default: afrey50 ba0
Chiede: Usa il seguente testo per il campo 100 delle autorità UNIMARC (composto da elementi a posizione fissa).

Importante

Non va inclusa la data (posizione 00-07) in questa preferenza, poiché Koha la calcola automaticamente.
Descrizione:
  • Questa preferenza controlla il valore di default del campo 100 delle autorità UNIMARC. No ha effetto sui record bibliografici.
Default: Non usare
Chiede: ___ i numeri dei record di autorità al posto del testo per le ricerche dai percorsi dei soggetti.
Valori:
  • Non usare
    • I link effettuano la ricerca sulle parole chiave dei soggetti/autori (ad esempio: opac-search.pl?q=su:Business%20networks)
  • Usa
    • I link effettuano la ricerca sul numero del record di autorità (ad esempio: opac-search.pl?q=an:354)
Descrizione:
  • Le biblioteche con indici di autorità molto sviluppati potrebbero desiderare che i link a un soggetto o autore autorizzato, nell'OPAC come nell'interfaccia amministrativa, restituiscano una lista di risultati con quell'esatto record di autorità. Quelle che possiedono indici di autorità incompleti potrebbero desiderare che i link effettuino una ricerca per parole chiave, restituendo quindi tutti i risultati potenzialmente rilevanti; per questa opzione, la preferenza dev'essere impostata su 'Non usare'.

2.1.3.2. Linker

Queste preferenze controllano come Koha lega i record bibliografici ai record di autorità. Tutti i record aggiunti a Koha dopo aver impostato queste preferenze si legheranno automaticamente ai record di autorità. Per i record aggiunti in precedenza, si può usare lo script misc/link_bibs_to_authorities.pl,da fare lanciare all'amministratore del sistema.
Default: Non ricollegare
Chiede: ___ automaticamente le intestazioni già legate quando viene salvato un record nel modulo di catalogazione.
Valori:
  • Attivare
  • Non collegare
Descrizione:
  • Utenti esperti di Koha non si aspettano coerenza dei legami tra record bibliografici e record di autorità. Questa preferenza permette di disabilitare il relinking nel modulo di catalogazione soltanto (cioè il relinking resta possibile tramite il tool link_bibs_to_authorities.pl). Si noti che sebbene il comportamento di default di Koha coincida con il precedente comportamento (conservare i link a record di autorità non aggiornati), esso non coincide con il comportamento atteso (aggiornare il link biblio/authority in seguito alla modifica del record bibliografico). Le biblioteche che desiderano tale comportamento al posto di quello con cui Koha gestisce il linking, devono attivare la preferenza CatalogModuleRelink. Una volta attiva, anche le seguenti preferenze potranno essere attivate.
2.1.3.2.2. LinkerKeepStale
Default: Non ricollegare
Chiede: ___ conserva legami esistenti ai record di autorità per quelle intestazioni per le quali il linker è incapace di trovare un match.
Valori:
  • Attivare
  • Non collegare
Descrizione:
  • Quando è impostato a 'Sì', il linker non rimuoverà mai il legame a un record di autorità, sebbene, in funzione del valore di LinkerRelink, il linker potrà modificare il legame.
2.1.3.2.3. LinkerModule
Default: Default
Chiede: Usa il modulo ___ del linker per il match delle intestazioni dei record di autorità.
Valori:
  • Default
    • Mantenere il comportamento precedente di Koha di creare legami quando c'è un match esatto a una ed una sola intestazione di autorità; se la preferenza LinkerOptions è impostata a 'broader_headings', Koha cercherà di legare le intestazioni ai record di autorità più ampi, cioè effettuando ricerche rimuovendo sottocampi a partire dalla fine del campo
  • Primo match
    • Crea un legame al primo record di autorità anche se il match avviene con più record di autorità
  • Ultimo match
    • Crea un legame con l'ultimo record di autorità che soddisfa il match, anche se il match avviene con più record di autorità
Descrizione:
  • Questa preferenza istruisce Koha su quale tipo di match usare con i record di autorità mentre si salva un record bibliografico.
2.1.3.2.4. LinkerOptions
Chiede: Imposta le seguenti opzioni ___ per il linker delle authority

Importante

Questa funzionalità è sperimentale e non andrebbe adoperata in una installazione di produzione fino al suo completo sviluppo.
Descrizione:
  • Questa è una lista separata da barre (|). Attualmente, l'unica opzione disponibile è "broader_headings". Con questa opzione impostata a "broader_headings", il linker cercherà di eseguire l'aggancio alla seguente intestazione in questo modo:
    =600 10$aCamins-Esakov, Jared$xCoin collections$vCatalogs$vEarly works to 1800.
    Primo: Camins-Esakov, Jared--Coin collections--Catalogs--Early works to 1800
    Succesivo: Camins-Esakov, Jared--Coin collections--Catalogs
    Scccessivo: Camins-Esakov, Jared--Coin collections
    Successivo: Camins-Esakov, Jared (coincide! se un tentativo precedente fosse andato a buon fine, non sarebbe stato tentato questo passo)
2.1.3.2.5. LinkerRelink
Default: Ricollega
Chiede: ___ le intestazioni che erano state collegate in precedenza ai record di autorità.
Valori:
  • Attivare
  • Non collegare
Descrizione:
  • Se impostata a 'Ricollega', il linker confermerà i legami delle intestazioni già create con i record di autorità, correggendo eventuali legami errati. Se impostata a 'Non ricollegare', qualsiasi legame, anche errato, verrà ignorato e resterà intatto.
Vai a: Più > Amministrazione > Preferenze di sistema globali > Catalogazione

2.1.4.1. Visualizza

2.1.4.1.1. AcquisitionDetails
Predefinito: Mostra
Chiede: ___ i dati di acquisizione nella pagina dei dettagli del record.
Valori:
  • Visualizza
  • Non mostrare
Descrizione:
  • Questa preferenza controlla la presenza di una sezione nella pagina dei dettagli dello staff che include dati di acquisizione di quel titolo. Comprende i link a informazioni presenti nel modulo delle acquisizioni.
2.1.4.1.2. AuthoritySeparator
Default: --
Chiede: Separa la visualizzazione di più autori, serie e soggetti con ___.
2.1.4.1.3. hide_marc
Predefinito: Mostra
Chiede: ___ i numeri dei campi, i caratteri dei sottocampi e gli indicatori di MARC nelle viste MARC.
Valori:
  • Mostra -- visualizza i numeri dei campi nell'interfaccia di catalogazione
  • Non mostrare -- visualizza solo testo descrittivo nell'interfaccia di catalogazione
Predefinito: Visualizzazione ISBD
Chiede: Per default, visualizza i record bibliografici con ___
Valori:
  • Visualizzazione ISBD -- mostra i record nell'interfaccia amministrativa con il vecchio formato della scheda catalografica
    • Vedi la preferenza di sistema ISBD per maggiori informazioni
  • MARC con etichette -- mostra i record nell'interfaccia amministrativa con il MARC ed etichette testuali che ne spiegano i campi
  • MARC -- mostra i record nell'interfaccia amministrativa con i soli campi MARC
  • Visualizzazione normale -- visualizzazione semplice delle informazioni bibliografiche nell'interfaccia amministrativa (per l'utente comune)
Descrizione:
  • Questa impostazione definisce la visualizzazione del record bibliografico nell'interfaccia dello staff; non influisce sulla visualizzazione nell'OPAC, che è gestita dalla preferenza di sistema BiblioDefaultView nella scheda OPAC delle preferenze di sistema. Questa opzione definisce solo la visualizzazione predefinita: le altre viste MARC e ISBD possono sempre essere selezionate cliccando nella barra laterale della pagina del record bibliografico.
2.1.4.1.5. ISBD
Chiede: Usa il seguente template ISBD:
Descrizione:
  • Questa impostazione definisce come verrà mostrata la descrizione ISBD. Gli elementi nella lista possono essere cambiati di ordine per modificare la vista ISBD. ISBD (International Standard Bibliographic Description) fu introdotto nel 1969 dall'IFLA (International Federation of Library Associations) per fornire linee guida per la catalogazione descrittiva. Lo scopo di ISBD è favorire lo scambio internazionale di record bibliografici per differenti tipi di materiali.
2.1.4.1.6. LabelMARCView
Predefinito: Non attivare
Chiede: ___ la compressione in un unico tag (espandibile) dei tag dello stesso tipo ripetuti più volte.
Valori:
  • Attiva -- accorpa tutti i tag dello stesso tipo sotto un unico tag nella vista MARC dell'OPAC e dell'interfaccia amministrativa
  • Non attivare -- elenca tutte le singole occorrenze dello stesso tag nella vista MARC dell'OPAC e dell'interfaccia amministrativa
2.1.4.1.7. NotesBlacklist
Chiede: Non mostrare i campi note ___ nell'OPAC e nell'interfaccia staff.
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di decidere quali campi note verranno nascosti nell'OPAC e nell'interfaccia staff. Specificva i campi in una lista separata da virgole. Per esempio, per nascondere le note locali e biblografiche in MARC21, usa '504,590'.
Predefinito per OpacSuppression: Non nascondere
Chiede: ___ le copie marcate come soppresse nei risultati dell'OPAC. Nota che deve essere definito l'indice Suppress in Zebra e almeno deve esistere almeno una copia soppressa nel catalogo, altrimenti le ricerche falliranno tutte. Restringi la soppressione agli indirizzi IP fuori dal range ____ (lascia vuoto o imposta il range del tipo 192.168..). Redirigi la pagina di dettagli del record soppresso a ___. Mostra il seguente messaggio nella pagina di redirezione ___-
Valori per OpacSuppression:
  • Non nascondere
    • Mostrerà i record tra i risultati di una ricerca OPAC anche se sono marcati come soppressi
  • Nascondi
    • Non mostrerà i record tra i risultati di una ricerca OPAC anche se sono marcati come soppressi
Valori di OpacSuppressionRedirect:
  • una pagina di spiegazione ('Questo record è bloccato').
  • la pagina di errore 404 ('Non trovato').
Descrizione:
  • Queste preferenze controllano la visibilità dei record bibliografici nell'OPAC. Ogni record bibliografico che vuoi tenere nascosto richiede il valore "1" nel campo 942$n (MARC21, non c'è valore ufficiale per l'Unimarc). L'indicizzatore lo nasconderà nell'OPAC ma non nell'interfaccia dello staff. Se vuoi controllare ulteriormente la soppressione puoi definire un set di indirizzi IP a cui comunque mostrare il record soppresso. Definisci un range del tipo 192.168.. Se non vuoi limitare la soppressione in questo modo, lascia il campo IP vuoto. Puoi anche decidere che cosa mostrare a un utente nell'OPAC usando le preferenze OpacSuppressionRedirect e OpacSuppressionMessage. Puoi anche mostrare la pagina 404 se cercano di vedere un record soppresso, o puoi creare una pagina specifica inserendo il codice HTML in OpacSuppressionMessage.

    Nota

    Un valore autorizzato per il campo MARC21 942$n (o per l'equivalente campo UNIMARC) va indicato per evitare errori. Un esempio potrebbe essere creare un valore autorizzato SUPPRESS con 0 per non sopprimere e1 per sopprimere.

Importante

Se questa preferenza è impostata su 'Nascondi' e imposti il sottocampo 942$n a 1, verrà nascosto l'intero record bibliografico, non solo la specifica copia.

Importante

Devi avere definito l'indice Suppress in Zebra, ed avere almeno un record con il valore "1" nel campo mappato per questo scopo, o le tue ricerche falliranno del tutto nell'OPAC (non vedresti mai nessun risultato).
Default di SeparateHoldings: Non separare
Default per SeparateHoldingsBranch: la propria biblioteca
Chiede: ___ le copie in due sezioni, la prima contiene le copie appartenenti alla biblioteca ___. La seconda sezione conterrà tutte le altre.
Valori di SeparateHoldings:
  • Non separare
  • Separare
Valori di SeparateHoldingsBranch:
  • la biblioteca che possiede la copia
  • la propria biblioteca
Descrizione:
  • Questa preferenza permettte di decidere se mostrare le informazioni di copia nell'interfaccia staff separate in più sezioni. Il default è mostrarle tutte in una sola sezione.
2.1.4.1.10. URLLinkText
Predefinito: URLLinkText
Chiede: Mostra ___ come testo per i link presenti nei record MARC.
Descrizione:
  • Se il campo 856 non ha un sottocampo 3 oppure y definito, il testo del link reciterà 'Clicca per accedere alla risorsa online'. Se desideri che venga visualizzato un testo differente, inseriscilo in questo campo.
2.1.4.1.11. UseControlNumber
Default: Non usare
Chiede: ___ i sottocampi $w e il campo 001 di MARC 21 per collegare i record bibliografici tra loro.
Valori:
  • Non usare
    • Quando si clicca nei link dei titoli accanto a 'Continua' e 'Continuato da' nella pagina del record bibliografico, Koha effettuerà una ricerca per titolo
  • Usa
    • Quando si clicca nei link dei titoli accanto a 'Continua' e 'Continuato da' nella pagina del record bibliografico, Koha effettuerà una ricerca per numero di controllo (campo 001)

Importante

A meno che tu non imposti rigorosamente a mano i sottocampi 773$w di MARC 21 per creare le relazioni bibliografiche, è bene impostare questa preferenza su "Non usare" e impostare invece la preferenza EasyAnalyticalRecords su "Mostra"
Descrizione:
  • Se hai un a risorsa in continuazione chiamata "Journal of Interesting Things" che ha record separati rispetto a quando aveva titolo "Transactions of the Interesting Stuff Society", puoi aggiungere legami per indicare la relazione tra i due record. UseControlNumber ti permette di usare i local accession numbers per questi legali. In MARC21, le sezioni rilvanti per questi due record appariranno così:
        =001    12345
        =110  2_$aInteresting Stuff Society.
        =245  10$aTransactions of the Interesting Stuff Society.
        =785  00$aInteresting Stuff Society$tJournal of Interesting Things.$w12346
         
        =001    12346
        =110  2_$aInteresting Stuff Society.
        =245  10$aJournal of Interesting Things.
        =780  00$aInteresting Stuff Society$tTransactions of the Interesting Stuff Society.$w12345
    Se UseControlNumber è impostato su 'Usa', i campi 78x per i legami di MARC 21 utilizzeranno il sottocampo $w invece di fare una ricerca sui titoli "Journal of Interesting Things" e "Transactions of the Interesting Stuff Society".

2.1.4.2. Importazione

Predefinito: non tentare
Chiede: quando viene eseguito il controllo per ISBN durante l'importazione, ___ il match aggressivo cercando tutte le varianti degli ISBN dei record importato come frasi nei record già presenti in catalogo.
Valori:
  • tenta
  • non attivare
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di alterare il match per ISBN usata nei record in deposito per effettuare un controllo più aggressivo in importazione. Questo significa che dall'ISBN verranno eliminati i caratteri non numerici per tentare il match tra numeri puri. Se questa preferenza è imposatta a "non attivare" allora Koha decreta il match se i valori degl ISBN sono identici.

Importante

Si noti che questa preferenza non ha effetto se UseQueryParser è attiva.

2.1.4.3. Interfaccia

2.1.4.3.1. advancedMARCeditor
Predefinito: Non mostrare
Chiede: ___ le descrizioni dei campi e sottocampi nell'editor MARC.
Descrizione:
  • Questa preferenza abilita o disabilita la presenza dei nomi dei campi MARC nell'editor dei record.
Valori:
  • Visualizza
  • Non mostrare
Predefinito: Classificazione decimale Dewey
Chiede: Usa ___ come schema di classificazione predefinito.
Valori:
  • ANSCR (Sound Recordings)
  • Classificazione decimale Dewey
  • Classificazione della Library of Congress
  • Altro sistema di classificazione
  • SuDoc Classification (U.S. GPO)
  • Classificazione decimale universale

Linda Culberson

Ms. Dept. of Archives and History

A cura di

Nicole C. Engard

Corretti errori, cambiato cntenuto dove necessario e aggiunti nuovi screenshot. 
October 2011
Predefinito: Non mostrare
Chiede: ___ l'interfaccia facilitata per creare relazioni analitiche tra record
Valori:
  • Visualizza
  • Non mostrare

Importante

Se scegli di utilizzare questa funzionalità, accertati che la preferenza di sistema UseControlNumber sia impostata su "Non usare", altrimenti i link "Mostra analitici" nell'interfaccia amministrativa e nell'OPAC non funzioneranno.
Descrizione:
  • L'analitico è un record di catalogo che descrive una parte di un'opera più ampia, a sua volta catalogata. Nella catalogazione bibliografica i record analitici possono essere creati per i capitoli dei libri o i numeri dei periodici. Nella catalogazione archivistica, i record analitici vengono creati per serie o esemplari appartenenti a una collezione. Questa funzionalità facilita il collegamento dei record analitici a quelli superiori, abilitando apposite opzioni nell'interfaccia delle pagine dei record bibliografici.
Chiede: Mostra i sottocampi MARC ___ come informazioni sulle copie per i record senza copie, separando i sottocampi con ___.
Descrizione:
  • Alcune biblioteche migrano il catalogo verso Koha con le informazioni sulle copie nel campo 852 (il campo di OCLC di informazione sulle copie), scegliendo di non trasferire le informazioni nel campo 952 (il campo di Koha di informazione sulle copie), ad esempio se non prevedono di prestare. Questa preferenza permette di ricavare le informazioni sulle copie da un campo alternativo al 952. La preferenza di sistema AlternateHoldingsField può interrogare più sottocampi, ad esempio 852abhi interrogherà i sottocampi a, b, h, i del campo 852.
  • Con il valore di AlternateHoldingsField impostato a 852abhi e quello di AlternateHoldingsSeparator uguale ad uno spazio, le copie appariranno così:
2.1.4.4.2. autoBarcode
Predefinito: creati nella forma <branchcode>yymm0001
Chiede: i codici a barre sono ___
Valori:
  • creati nella forma <branchcode>yymm0001
  • generato nella forma <year>-0001, <year>-0002
  • generato nella forma 1, 2, 3
  • barcode EAN-13 incrementali
  • non sono creati automaticamente
Descrizione:
  • Questa impostazione è per le biblioteche che desiderano generare automaticamente i codici a barre tramite Koha anziché scansire codici a barre pre-stampati o assegnarli manualmente. L'impostazione predefinita fa sì che quando clicchi il sottocampo per il codice a barre (il 952$p in MARC 21), questo venga popolato automaticamente con il codice a barre nella forma scelta. Se invece desideri che venga compilato automaticamente solo quando clicchi sul plugin (i puntini di sospensione a destra del sottocampo), puoi sostituire il plugin barcode.pl con barcode_manual.pl nella schermata di modifica del sottocampo nelle griglie di catalogazione. Per maggiori informazioni sulla modifica delle griglie, vedi la sezione Griglia di catalogazione bibliografica MARC.
Default: Vuoto equivale a eng
Chiede: Definisci la lingua di default per il campo 008 posizioni 35-37 del MARC21 ___.
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di impostare la lingua di default per il campo 008 del MARC21. Se non viene impostata, verrà usato l'inglese (eng). Vedi MARC Code List for Languages per gli altri valori.

Nota

Questa preferenza non ha effetto se si usa l'Unimarc.
2.1.4.4.4. item-level_itypes
Default: la specifica copia
Chiede: Utilizza il tipo di documento del ___ come tipo di documento di riferimento per la circolazione, multe eccetera.
Valori:
  • il record bibliografico
  • la specifica copia
Descrizione:
  • Questa preferenza stabilisce a quale tipo di documento fare riferimento per le regole di circolazione: quello definito nel record bibliografico oppure quello della copia in oggetto. Inoltre, stabilisce se l'icona del tipo di documento appaia o meno nei risultati di ricerca dell'OPAC. Se la preferenza è impostata su 'il record bibliografico' Koha mostra l'icona del tipo di documento a sinistra del risultato nei risultati di ricerca dell'OPAC.
2.1.4.4.5. itemcallnumber
Default: 082ab
Chiede: Definisci i sottocampi MARC che concorrono alla formazione della segnatura della copia.

Nota

Questo valore può includere più sottocampi in cui cercare, ad esempio 082ab cercherà nei sottocampi a, b del campo 082.
Descrizione:
  • Questa preferenza determina il campo ad usare per determinare la segnatura da inserire automaticamente nei record di copia (952$o). Il valore è fissato indicando il tag MARC (050, 082, 090, 852 sono i tipici del MARC21) e i sottocampi, senza delimitatore (per $a, $b usato ab).
Esempi per MARC 21:
  • Dewey: 082ab o 092ab; LOC: 050ab o 090ab; dalle informazioni di copia nel record: 852hi
2.1.4.4.6. marcflavour
Default: MARC21
Chiede: Gestisci e memorizza i record MARC in formato ___.
Valori:
  • MARC21
    • Lo stile standard per USA, Canada, Australia, Nuova Zelanda, Regno Unito, Germania e altri Paesi
  • UNIMARC
    • Lo standard utilizzato in Francia, Italia, Portogallo, Russia ed altri paesi
  • NORMARC
    • Lo standard usato in Norvegia
Descrizione:
  • Questa preferenza definisce lo standard MARC (MARC21, UNIMARC o NORMARC) usato per la conservazione dei record.

Importante

La modifica di questa preferenza non convertirà i tuoi record in un altro formato MARC.
2.1.4.4.7. MARCOrgCode
Default: OSt
Chiede: Definisci il default del codice MARC dell'istituzione ___ da usare nei record MARC21 (lasciare vuoto per disabilitarlo).
Descrizione:
  • Il codice MARC di organizzazione viene utilizzato per identificare biblioteche e copie, e altro ancora.
Approfondisci e cerca il codice MARC21 della tua istituzione su MARC Code list for Organizations o in Canada su Canadian Symbols Directory.

Nota

Questa preferenza non ha effetto se si usa l'Unimarc.
Chiede: Quando vengono create le copie, assegna loro temporaneamente la localizzazione ___ (può essere un codice di localizzazione oppure vuoto per disabilitare)
2.1.4.4.9. PrefillItem
Default: la nuova copia non viene precompilata con gli ultimi valori creati nelle copie.
Chiede: Quando viene aggiunta una copia, ___
Valori:
  • la nuova copia non viene precompilata con gli ultimi valori creati nelle copie
  • la nuova copia viene precompilata con gli ultimi valori creati nelle copie
Descrizione:
  • Questa preferenza gestisce il comportamento adottato nell'aggiunta delle copie. È possibile precompilare la copia successiva con i valori utilizzati nella copia precedentemente aggiunta, risparmiando così tempo di digitazione, oppure avere un modulo interamente non compilato. Tramite la preferenza SubfieldsToUseWhenPrefill puoi specificare quali sottocampi precompilare.
Chiede: Definisci una lista di sottocampi per i quali è ammessa la modifica quando il permesso items_batchmod_restricted è attivo, separati da spazi. ___
Esempi per MARC 21:
  • UNIMARC: "995$f 995$h 995$j"
  • MARC21: "952$a 952$b 952$c"
Descrizione:
  • Questa preferenza ti permette di definire quali campi possono essere modificati tramite lo strumento batch item modification se items_batchmod_restricted permission è attivo.

    Nota

    Il framework FA è escluso da questo permesso. Se la preferenza è vuota, nessun campo verrà bloccato.
Chiede: Indica una lista di sottocampi da autorizzare in modifica, quando il permesso edit_items_restricted è attivo; separati da spazi. ___
Esempi per MARC 21:
  • UNIMARC: "995$f 995$h 995$j"
  • MARC21: "952$a 952$b 952$c"
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di definire quali campi possono essere editati in catalogazione se è attivo il permesso edit_items_restricted

    Nota

    Il framework FA è escluso da questo permesso. Se la preferenza è vuota, nessun campo verrà bloccato.
Chiede_ Definisci una lista di sottocampi da usare per precompilare una copia ___

Importante

Separa i valori con uno spazio.
Descrizione:
  • Se la preferenza di sistema PrefillItem permette la precompilazione dei sottocampi di copia con quelli dell'ultima copia aggiunta, questa preferenza stabilisce quali sottocampi precompilare e quali no. Inserisci la lista di sottocampi da precompilare, separati dallo spazio.
Predefiniti: Non copiare; 701,702,700
Chiede: ___ gli autori dai campi UNIMARC ___ (separati da virgola) per correggere i campi autore quando utilizzi Z39.50.
Descrizione di z3950NormalizeAuthor:
  • Questa preferenza permette a 'Autorità nomi personali' di sostituire autori usando il record di autorità. Questa preferenza è da utilizzare con biblioteche Unimarc.
Valori di z3950NormalizeAuthor:
  • Copia
  • Non copiare
Descrizione di z3950AuthorAuthFields:
  • Questa preferenza definisce quali campi MARC saranno usati quando 'Autorità nomi personali' sostituisce l'autore con il record di autorità. Questa preferenza si applica in ambito Unimarc. I campi MARC selezionati qui verranno usati se 'z3950NormalizeAuthor' è impostato a "Copia". I campi di default sono 700, 701 e 702.
Predefinito: non tentare
Chiede: Quando si usa la stampa rapida di etichette per il dorso, ___ l'apparizione automatica di una finestra pop up per la stampa.
Valori:
  • tenta
  • non attivare
2.1.4.5.2. SpineLabelFormat
Predefinito: <itemcallnumber><copynumber>
Chiede: Includi questi campi per la stampa rapida di etichette per il dorso: (inserisci colonne delle tabelle biblio, biblioitems o items del database, racchiuse tra < e >).
Predefinito: Non mostrare
Chiede: ___ nella pagina del record bibliografico i link per stampare le etichette per il dorso.
Valori:
  • Visualizza
  • Non mostrare

2.1.5. Circolazione

Vai a: Più > Amministrazione > Preferenze di sistema globali > Circolazione
Default: Permetti
Chiede: ___ agli utenti di prendere in prestito più copie dello stesso libro.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Se questa preferenza è impostata a "Permettere", gli utenti potranno prendere in prestito più copie dello steso libro allo stesso tempo. Se è impostata a "Non permettere", ne potranno prendere una sola. Comuqnue, per i record relativi ad abbonamenti, sarà sempre possibile effettuare prestiti multipli.

    Importante

    Questo si riferisce a record non relativi a un abbonamento.
Default: Blocca
Chiede: ___ la restituzione di copie che erano state ritirate.
Valori:
  • Blocca
  • Non bloccare
Descrizione:
  • Questa preferenza controlla se una copia ritirata (952$0 nel MARC21) può essere prestata o no.
Default: Ricollega
Chiede: ___ calcolo e aggiornamento delle multe per ritardo quando unna copia viene restituita.
Valori:
  • Attivare
  • Non attivare
Descrizione:
  • Se questa preferenza è impostata a 'Calcola(?)' e il cronjob delle multe è disattivato, Koha calcolerà le multe solo quando la copia viene restituita. Se il cronjob delle multe è attivo e questa preferenza è 'Calcola', allora questa preferenza calcolerà le multe con il cronjob (normalmente di notte) e anche al momento della restituzione di un prestito. Questa opzione è adatta per chi fa prestiti orari. Se questa preferenza ha valore 'Non calcolare', le multe verranno addebitate dal cronjob, se è attivo.

Importante

Se effettui prestiti orari, questa preferenza dovrebbe essere attiva.
Default: non chiedere
Chiede: Quando presti un libro con tassa di prestito, ___ conferma.
Valori:
  • chiedi
  • non chiedere
Descrizione:
  • Se hai tariffe per i prestiti, questa preferenza permetterà di visualizzare o meno una richiesta di conferma al momento del prestito.
Chiede: Questa è una lista di coppie di valori. Quando una copia viene restituita, se il valore non prestabile a sinistra corrisponde con le copie non prestabili, sarà aggiornato al valore di destra. Ad esempio '-1: 0' causerà che una copia che era impostata su 'ordinato' per ora sia disponibile per il prestito. Ogni coppia di valori dovrebbe essere su una riga separata.
Chiede: Impedisci agli utenti dei seguenti tipi di audience dal prendere in prestito materiale non appropriato: ___
Descrizione:
  • Questa preferenza definisce valori in base ai quali Koha restringe il prestito in base all'età. Queste restrizioni possono essere bypassate tramite la preferenza AgeRestrictionOverride. Inserisci in questo campo una serie di valori separati da barra (|) e senza spazi. Per esempio PG|R|E|EC|Age| cercherà per PG seguito da una età (numero), R seguito da un età, Age seguito da un età, ecc. Questi valori possono essere in un campo MARC, ma la Library of Congress raccomanda il tag 512$a (Target Audience Note). Qualunque sia il campo che intendi usare, devi mappare la parola agerestriction nella tabella biblioitems a quel campo in Koha to MARC Mapping. Quando cataloghi, puoi inserire valori come PG 13 o E 10 nel campo 521$a e Koha avviserà il bancone prestiti che il materiale non è raccomandato a utenti senza quella età.

    Importante

    Devi mappare la keyword agerestriction nella tabella biblioitems al campo MARC field dove apparirà questa informazione, tramite l'area di amministrazione Mappatura da keyword a MARC.
Default: Non permettere
Chiede: ___ allo staff di prestare materiale se vi sono restrizioni sull'età.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Quando AgeRestrictionMarker è attiva, Koha avviserà il bancone prestiti prima che venga concesso un prestito che abbia una restrizione di età indficata nel campo MARC. Questa preferenza chiede se si vuole che lo staff sia in grado di concedere comunque il prestito a utenti sotto l'età indicata nel record.
Default: Richiedi
Chiede: ___ allo staff di sovrascrivere tutte le multe, anche quelle minori di noissuescharge.
Valori:
  • Non richiedere
  • Richiedi
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di decidere se si vuole essere avvisati che l'utente ha multe quando chiede un prestito. Se è impostata a 'Richiedi', apparirà un messaggio indipendentemente dall'ammontare dovuto dall'utente.
2.1.5.2.4. AllowFineOverride
Default: Non permettere
Chiede: ___ allo staff di bypassare manualmente il blocco di prestiti agli utenti che hanno debiti superiori a noissuescharge.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di decidere se il personale al bancone può concedere prestiti a chi ha debiti superiori a un certo valore. Se è impostata a 'Permetti', il personale verrà avvisato del debito, ma non verrà impedito il prestito.
Default: Non permettere
Chiede: ___ prestito di copie prenotate da altri. Se viene permesso, non vengono mostrati i messaggi RESERVE_WAITING e RESERVED. Questo permette l'autoprestito di quelle copie.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere

Importante

Questa preferenza è applicata solo all'autoprestito basato su SIP, non al modulo web dei prestiti di Koha.
Descrizione:
  • Quanto questa preferenza è impostata a "Permettere", gli utenti potranno utilizzare il sistema di autoprestito per libri eventualmente prenotati da altri. Se vuoi evitarlo, imposta la preferenza a "Non permettere".
Default: Permetti
Chiede: ___ allo staff di bypassare il blocco del prestito delle copie che sono marcate come non prestabili.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Questa preferenza è una cimbinazione che controlla la possibilità del personale (agli utenti verrà sempre impedito l'autoprestito) di concedere prestiti di copie marcate come 'non prestabili'. Se impostata a 'Permettere', permetterà il prestito, impostata a 'Non permettere', lo impedirà. Questa preferenza è indicata per materiale che deve rimanere sempre in biblioteca, come quello di reference, mentre altre risorse potranno essere prestate.
Default: Permetti
Chiede:___ allo staff di modificare manualmente la data di rinnovo e di rinnovare un prestito in corso quando questo supera la scadenza.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Questa preferenza è una combinazione che controlla la possbiblità dello staff di scavalcare il limite del numero di rinnovi del prestito di una copia. Impostandola a "Permettere", sarà possibile scavalcare detto limite. Nel primo caso, si lascia allo staff la decisione. Nel secondo caso, si prevengono eventuali abusi da parte dello staff.
Default: qualsiasi biblioteca
Chiede: Permetti la restituzione del materiale ___
Valori:
  • sia alla biblioteca che possiede la copia, sia a quella che ha fatto il prestito.
  • solo la biblioteca da cui proviene la copia.
  • solo la biblioteca che ha effettuato il prestito.
  • a qualsiasi biblioteca.
Descrizione:
  • Questa preferenza permette alla biblioteca di decidere come accettare le restituzioni. Alcuni sistemi permettono la restituzione dei prestiti in qualsiasi biblioteca del sistema (è il valore di default di questa preferenza), altri vogliono limitare la restituzione a biblioteche specifiche. Questa preferenza permette di limitare la restituzione di prestiti alla/e biblioteca/e impostate nel valore.
Default: Permetti
Chiede: ___ allo staff di superare il blocco del numero massimo di copie che un utente può avere in prestito.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Se questa preferenza è impostata a "Permettere", allo staff verrà presentata la scelta di prestare all'utente più di ciò che gli è permesso da quanto impostato in Circolazione e regole dei ritardi. DIversamente, nessun membro dello staff sarò in grado di prestare scavalcando detti limiti.
2.1.5.2.10. AutomaticItemReturn
Default: Ricollega
Chiede: ___ automaticamente copie alla biblioteca di appartenenza quando vengono restituite.
Valori:
  • Attivare
  • Non attivare
Descrizione:
  • Questa preferenza è una combinazione che determina se una copia è restituita automaticamente alla biblioteca di appartenenza oppure no. Se è impostata "Non trasferire", al personale di un'altra biblioteca che riceve indietro il prestito verrà chiesto se la copia dovrà rimanere nella biblioteca in cui viene restituita (e in quel caso il relativo dato nella copia verrà aggiornato) o restituito alla biblioteca originaria. Impostando la preferenza a "Trasferire", si assicura che la copia restituita rimane di appartenenza della biblioteca originaria, e ad essa va poi fatta arrivare.
Default: Non ricollegare
Chiede: ___ la cancellazione automatica delle restrizioni causate da prestiti restituiti in ritardo quando l'utente non ha più libri in prestitio.
Valori:
  • Attivare
  • Non collegare
Descrizione:
  • Usado la preferenza ***Overdue Notice/Status Triggers*** puoi penalizzare l'utente che riceve avvisi di restituzione ritardata. Questa preferenza permette di decidere se Koha rimuoverà automaticamente la penalizzazione in caso di restituzione di tutto il dovuto.
2.1.5.2.12. CircControl
Default: la biblioteca di provenienza della copia
Chiede: Usa le regole di prestito e multe della ___
Valori:
Chiede: Addebita una copia persa all'utente quando il valore di LOST cambia in ___
Descrizione:
  • Lascia vuoto questo campo se non vuoi addebitare all'utenza le copie perdute. Se invece le vuoi addebitare, inserisci LOST authorized value che stai usando nella preferenza DefaultLongOverdueLostValue. Questa preferenza è usata quando il cronjob longoverdue è fatto girare con il parametro --charge.
Chiede: Per default, imposta il valore di LOST di una copia a ___ quando la copia non viene restituita per oltre ___ giorni.
Descrizione:
  • Queste preferenze sono usate quando il cronjob longoverdue è fatto girare senza il parametro --lost. Permette all'utenza di impostare i valori del cron longoverdue senza dover editare il crontab. Impostare i valori a 1 e 30 per esempio farà sì che la copia abbia il valore autorizzato LOST impostato a 1 dopo che sarà rimasta non restituita per 30 giorni.
Default: Non includere
Chiede: ___ costi di prenotazione quando viene calcolato il noissuescharge.
Valori:
  • Non includere
  • Includi
2.1.5.2.16. HomeOrHoldingBranch
Default: la biblioteca che ha effettuato il prestito
Chiede: Usa le regole di prestito e multe della ___
Valori:
  • biblioteca di provenienza della copia
    • Questo equivale a 'biblioteca di appartenenza'
  • la biblioteca che aveva effettuato il prestito
    • Questo equivale a 'biblioteca che detiene la copia'
Descrizione:
  • Questa preferenza fa diverse cose.
    • Se la preferenza CircControl è impostata a 'la biblioteca da cui proviene la copia', allora le regole di circolazione e multe saranno determinate dalla biblioteca dove HomeOrHoldingBranch indica se è usata la biblioteca di appartenenza o la biblioteca che detiene la copia.
    • Se la preferenza IndependentBranches è impostata a 'Impedisci' allora il valore della preferenza è usato per determinare se la copia può essere prestata. Se la biblioteca della copia non coincide con la biblioteca collegata, la copia non può essere prestata a meno che ti sia un superlibrarian.

Importante

Si sconsiglia di modificare questa preferenza, dato che modificherebbe il trattamento delle copie attualmente in prestito.
Default: la biblioteca di provenienza della copia
Chiede: Al momento della restituzione, girare la copia ___
Valori:
  • biblioteca di provenienza della copia
  • alla biblioteca che ha effettuato il prestito
Descrizione:
  • Questa preferenza controlla la domanda di Koha di dove inviare una copia restituita. Il valore di questa preferenza è superato da quei valori che puoi avere impostato in Circolazione e regole dei ritardi.
Default: Non muovere
Chiede: ___ copie che hanno collocazione PROT a collocazione CART quando vengono restituite.
Valori:
  • Non muovere
  • Muovi
Descrizione:
  • Questa preferenza è usata per gestire automaticamente i cambi alle posizioni delle copie da processing (PROC) al carrello (CART). Un cron job deve essere attivato per girare a intervalli definiti per spostare copie da CART a posizione permanente. (For example, an hourly cron entry of cart_to_shelf.pl --hours 3 where --hours is the amount of time an item should spend on the cart before aging to its permanent location.) Ulteriore informazione si trova nel capitolo relativo in questo manuale.
    • Nota

      Se la preferenza di sistema ReturnToShelvingCart è attiva, ogni nuova copia restituita è posta automaticamente nel carrello per il riporto a scaffale, e processata dallo stesso script.
    • Importante

      Copie restituite ma con prenotazione confermata, non verranno inserite nel carrello per il riporto a scaffale. La collocazione del carrello verrà cancellata.
2.1.5.2.19. IssuingInProcess
Default: Non impedire
Chiede: ___ agli utenti di prendere in prestito una copia il cui costo di prestito li porterà oltre il proprio limite di debito.
Valori:
  • Non impedire
  • Impedisci
Descrizione:
  • Questa preferenza determina se un utente può prendere un prestito se ha un debito sul suo account e il costo di quanto vorrebbe ricevere in prestito gli farebbe superare il limite massimo consentito dalla biblioteca.
Esempio: La tua biblioteca ha un limite massimo di 'multe' di 5 dollari (oltre quella cifra, l'utente non può avere altri prestiti). Un utente si avvicina al bancone con 5 copie da prestare (4 libri e un video). L'utente ha 4 dollari di debiti sul suo account. Uno dei video costa 1 dollaro, per cui raggiunge 5 dollari, che è il limite.
2.1.5.2.20. IssueLostItem
Default: Mostra un messaggio
Chiede: Quando viene lavorata una copia che è stata marcata come perduta, ___-
Valori:
  • mostra un messaggio
  • non fare nulla
    • Questa opzione presterà la copia senza fare sapere che è marcata come perduta.
  • richiede conferma
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di definire come avvisare il personale dello staff che una copia ha stato di perduta quando viene prestata. Lo staff può marcare la copia come disponibile se scegli 'mostrare un messaggio' o 'richiedere conferma'. Se scegli 'non fare nulla', non ci sarà avviso, la copia verrà prestata e rimarrà in stato di perduta.
Default: Includi
Chiede: ___ i costi di MANUAL_INV nella somma dei costi che compongono noissuescharge.
Valori:
  • Non includere
  • Includi
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di decidere se costi imputati manualmente sono inclusi quando viene calcolato il noissuescharge. Se è impostato a 'includi' allora Koha includerà tutti i costi manuali per decidere se l'utente ha un debito eccessivo per poter procedere ad ulteriori prestiti. Se è impostato a 'non includere', allora Koha ignorerà i costi imputati manualmente.
2.1.5.2.22. maxoutstanding
Default: 5
Chiede: Impedire agli utenti di fare prenotazioni nell'OPAC se hanno un debito superiore a ___ dollari.
2.1.5.2.23. noissuescharge
Default: 5
Chiede: Impedire agli utenti di chiedere prestiti se hanno un debito superiore a ___ dollari.
Descrizione:
  • Questa preferenza è l'ammontare massimo del credito che una biblioteca può avere prima di bloccare un utente dal prendere altri prestiti. Usando le preferenze ManInvInNoissuesCharge e RentalsInNoissuesCharge, puoi controllare quali tipi di ammontare rientrano in questo totale. Questo coincide anche con maxoutstanding che impedisce agli utenti di effettuare prenotazioni se hanno superato il massimo di debito con la biblioteca.
2.1.5.2.24. OnSiteCheckouts
Default: Disattivare
Chiede: ___ il servizio di consultazione.
Valori:
  • Disabilita
  • Attiva
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di prestare copie che non sono ammesse al prestito. Una casella di spunta, con etichetta 'Consultazione' viene aggiunta alla schermata di prestito quando questa preferenza è attiva. Così è possibile tenere traccia di chi sta usando copie che non sono in prestito o che appartengono a un circuito chiuso.
Default: Disattivare
Chiede: ___ la consultazione in ogni caso (anche se un utente è disattivato, ecc.).
Valori:
  • Disabilita
  • Attiva
Descrizione:
  • Questa preferenza permette allo staff di saltare qualsiasi restrizione sia presente per un utente e consentire i prestiti interni alla biblioteca. Questa preferenza richiede che la preferenza Consultazione sia impostata su 'Attiva'.
2.1.5.2.26. OverduesBlockCirc
Default: Chiedi conferma
Chiede: ___ quando si effettua un prestito a un utente che ha prestiti scaduti
Valori:
  • Chiedi conferma
    • Non permetterà di rilasciare prestiti a utenti con ritardi in corso senza l'autorizzazione di un superiore
  • Blocca
    • Impedisci agli utenti con prestiti scaduti di poter registrare altri prestiti
  • Non bloccare
    • Permetti agli utenti con prestiti scaduti di poter registrare altri prestiti
2.1.5.2.27. OverdueNoticeBcc
Chiede: Spedire tutti gli avvisi in copia nascosta all'indirizzo ___
Questa preferenza permette al personale di ricevere copia degli avvisi inviati agli utenti.

Nota

Se vuoi indicare più di una persona, inserisci i rispettivi indirizzi email separati da virgole.

Nota

Il nome di questa preferenza può ingannare, indica che il erpsonale riceverà soltanto copia degli avvisi, non degli avvisi di ritardo restituzione prestiti.
Default: Ignora il calendario
Chiede: ___ quando si lavora oltre il termine dei solleciti di ritardo
Valori:
  • Ignora il calendario
    • I solleciti non tengono conto delle festività, e verranno inviati anche se le festività implicano che il prestito non è scaduto
  • Usa il calendario
    • I solleciti tengono presenti le festività, e non verranno spediti se la festa implica che il prestito della copia non è ancora scaduto.
Chiede: Includi fino a ___ copie nel messaggio di ritardo restituzione prestiti.

Nota

Se il numero di copie in prestito è maggiore di questo numero, il messaggio conterrà un avviso che indica all'utente di controllare online tutti i suoi prestiti in corso.

Nota

Impostare a 0 per indicare di includere nel messaggio tutti i prestiti scaduti.

Importante

Questa prefrenza si riferisce solo agli avvisi stampati, non a quelli inviati via email.
2.1.5.2.30. RenewalPeriodBase
Default: la vecchia data di scadenza del prestito
Chiede: Quando viene rinnovato un prestito, basare la nuova data su ___
Valori:
  • la vecchia data di restituzione del prestito
  • la data odierna
2.1.5.2.31. RenewalSendNotice
Default: Non spedire
Chiede: ___un avviso di rinnovo in base alle preferenze dell'utente relative ai prestiti.
Valori:
  • Non spedire
  • Invia
Descrizione:
  • Se un utente ha scelto di ricevere messaggi di prestito iniziato nelle sue preferenze e questa preferenza è impostata a 'Spedisci', allora l'utente riceverà un messaggio anche quando rinnoverà un prestito. Ti occorrerà impostare un nuovo messaggio con il codice di RENEWAL (se non lo hai già fatto) con un testo adeguato per il rinnovo di un prestito.

    Importante

    Questa preferenza richiede di avere impostato su 'Permettere' la preferenza EnhancedMessagingPreferences.
Default: Includi
Chiede: ___ costi di prestito quando viene calcolato il noissuescharge.
Valori:
  • Non includere
  • Includi
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di decidere se i costi di prestito vanno inclusi quando si calcola il noissuescharge. Se è impostata a "Includere", Koha conteggerà tutti i costi di prestito nel momento in cui decide se l'utente deve una cifra superiore che supera il massimo previsto al momento della richiesta di prestito. Se è impostata a "Non includere", Koha ignorerà il costo del prestito.
2.1.5.2.33. ReturnBeforeExpiry
Default: Non richiedere
Chiede: ___ agli utenti di restituire prestiti prima che il loro account scada (restringendo la data di scadenza prestito alla data di scadenza dell'iscrizione).
Valori:
  • Non richiedere
  • Richiedi
Descrizione:
  • Questa preferenza può fare sì che un utente conservi prestiti anche dopo al scaddenza della sua tessera. Se impostata a "Richiedere", la data di scadenza di tutti i iprestiti in corso non può essere impostata a una data posteriore alla scadenza della tessera. Se impostata diversamente, la data di scadenza del prestito può eccedere la data di scadenza della tessera.
Default: Non muovere
Chiede: ___ tutte le copie alla location CART quando vengono restituite.
Valori:
  • Non muovere
  • Muovi
Descrizione:
  • Maggiori informazioni possono essere trovate nel relativo capitolo in questo manuale.
Default: la biblioteca che detiene il libro
Chiede: Per i risultati della ricerca nell'interfaccia dello staff, mostra la biblioteca ___
Valori:
  • biblioteca di provenienza della copia
  • la biblioteca che possiede la copia
Default: 3
Chiede: Mostra un avviso sulla schermata "Transfers to receive" se lo spostamento non è stato ricevuto entro ___ giorni da quando è stato spedito.
Descrizione:
  • La preferenza TransferMaxDaysWarning definisce un numero di giorni di default. Questa preferenza permette di fare apparire sullo schermo dopo un certo numero di giorni se una copia da trasferire tra biblioteche non è giunta a destinazione. L'avviso appare nel report Transfers to Receive.
Defaults: Non forzare & codice di collezione
Chiede: ___ i limiti per i trasferimenti tra biblioteche basati sul ___
Valori di UseBranchTransferLimits:
  • Non forzare
  • Forzare
Valori di BranchTransferLimitsType:
  • codice di collezione
  • tipo di copia
Descrizione di BranchTransferLimitsType:
  • Questo parametro è composto e determina se le copie sono trasferite in base al tipo o alla collezione. Questo valore determina come il gestore della biblioteca definisce le copie che possono essere trasferite tra biblioteche.
2.1.5.2.38. useDaysMode
Default: Non includere
Chiede: Calcolare la data di restituzione usando ___.
Valori:
  • solo le regole della circolazione.
  • il calendario per spostare la data in avanti, al più vicino giorno di apertura.
  • il calendario per saltare tutti i giorni di chiusura della biblioteca.
Descrizione:
  • Questa preferenza controlla come le date previste di chiusura della biblioteca infulenzano la data di restituzione di un prestito. L'impostazione 'il calendario per saltare tutti i giorni di chiusura della biblioteca' permette di non conteggiare i giorni di chiusura come giorni del periodo di prestito, l'impostazione 'solo le regole della circolazione' non considererà il periodo di chiusura, e l'impostazione 'il calendario per spostare la data in avanti, al più vicino giorno di apertura' influenzerà solo la data di restituzione se il giorno in cui scade il prestito cade esattamente nel giorno di chiusura.
Esempio:
  • La biblioteca ha fissato sul calendario il 24 e 25 dicembre come giorni di chiusura. Un libro prestato a un utente ha data di scadenza 25 dicembre, in base alle regole di circolazione e multe. Se questa preferenza è impostata a 'solo le regole di circolazione', allora la copia avrà scadenza 25 dicembre. Se la preferenza è impostata a 'sposta la data al giorno successivo di apertura', allora la data di restituzione sarà 26 dicembre. Se la preferenza è impostata a 'salta i giorni in cui la biblioteca è chiusa', allora la data di restituzione diverrà 27 dicembre, per rispettare i due giorni di chiusura.
Il calendario è definito biblioteca per biblioteca. Per saperne di più sul calendario, vedi la sezione 'Calendari & Feste' di questo manuale.
Default: Non usare
Chiede: ___ la Matrice di costi di trasporto per calcolare i compensi(?) tra biblioteche.
Valori:
  • Non usare
  • Usa
Descrizione:
  • Se il sistema è configurato per utilizzare la Matrice dei costi di trasporto per soddisfare le prenotazioni, quando si cerca di soddisfare una prenotazione, il sistema ricercherà la biblioteca a costo più basso, e tenterà di soddisfare la prenotazione con una copia di quella biblioteca. Biblioteche a parità di costo saranno selezionati casualmente. La biblioteca o le biblioteche di costo più alto saranno scelte solo se tutte le biblioteche del gruppo precedente non sono in grado di soddisfare la prenotazione.
    Il sistema utilizzerà la biblioteca che detiene la copia per determinare se la copia soddisfa una prenotazione utilizzando la Matrice dei costi di trasporto.
2.1.5.3.1. UseCourseReserves
Default: Non usare
Chiede: ___ testi per i corsi
Valori:
  • Non usare
  • Usa
Descrizione:
  • Il modulo Testi per i corsi di Koha permette di 'riservare' temporaneamente delle copie ed assegnare loro delle regole diverse di circolazione mentre vengono utilizzate per un corso specifico.
2.1.5.4.1. finesCalendar
Default: non includere i giorni in cui la biblioteca è chiusa
Chiede: Calcolare le multe basate sui giorni di ritardo ___
Valori:
  • direttamente
  • non includendo i giorni in cui la biblioteca è chiusa
Descrizione:
  • Questa preferenza determina se verranno addebitate delle multe durante periodi in cui la biblioteca è chiusa. I casi sono per esempio feste, chiusure tecniche della biblioteca, ecc. Scegliendo l'impostazione "non includendo i giorni in cui la biblioteca è chiusa", Koha accederà al suo modulo Calendario e considererà i giorni i chiusura della biblioteca. Per fare uso di questa impostazione, l'amministratore deve prima accedere al calendario di Koha e impostare i giorni di festa.
Il calendario è definito biblioteca per biblioteca. Per saperne di più sul calendario, vedi la sezione 'Calendari & Feste' di questo manuale.
Default: Includi
Chiede: ___ il periodo di grazia per il calcolo di un prestito restituito in ritardo.
Valori:
  • Non includere
  • Includi
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di controllare come Koha calcola le multe in caso di periodo di grazia. Se scegli di includere il periodo di grazia, Koha addebiterà per i giorni di grazia qualora la copia debba essere restituita dopo quei giorni. Se scegli di non includere i giorni di grazia, Koha addebiterà solo relativamente ai giorni posteriori al periodo di grazia.
2.1.5.4.3. finesMode
Default: Calcolare (ma solo per informare via email l'amministratore)
Chiede: ___ le multe
Valori:
  • Calcolare (ma solo per informare via email l'amministratore)
  • Calcolare e applicare
  • Non calcolare

Importante

Richiede il cronjob delle multe attivo (misc/cronjobs/fines.pl)
Default: Restituire
Chiede: ___ il costo di libro perso addebitato all'utente quando il libro perso viene rstituito.
Valori:
  • Non restituire
  • Restituire
Descrizione:
  • Quando una copia è marcata su Koha come perduta, il sistema addebita all'utente il costo di sostituzione. Questa preferenza permette di controllare come Koha gestisce la restituzione di copie perdute. Per default, l'addebito viene cancellato. Cambia a "Non restituire" se vuoi che l'addebito venga confermato.
Default: Commina
Chiede: ___ il costo di sostituzione all'utente che perde una copia.
Valori:
  • Tariffa
  • Non comminare
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di dire a Koha cosa fare quando una copia viene marcata come perduta. Se vuoi, può venire addebitato il costo all'utente che l'aveva in prestito, oppure all'utente non verrà addebitato nulla.
Default: Non condonare
Chiede: ____ le multe relative a una copia se viene poi perduta.
Valori:
  • Non condonare
  • Condona
Descrizione:
  • Questa preferenza permette alla biblioteca di decidere se va addebitata una multa in aggiunta alla tassa di sostituzione quando una copia è contrassegnata come persa. Se questa preferenza è impostata su 'Dimentica' allora all'utente non sarà addebitato altro in aggiunta al costo di sostituzione.
Default: Permetti
Chiede: ___ richieste di prenotazione posteriori a un certo numero di giorni.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Default: Permetti
Chiede: ___ richieste di prenotazione su copie danneggiate.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Questo parametro è binario e controlla se sono effettuabili prenotazioni su materiale danneggiato (sottocampo 4 del record di copia). Impostando questo valore a "Non permettere" si impedirà di effettuare prenotazioni su copie aventi quello stato, e viceversa. Questa preferenza è importante perché determina se un utente può richiedere una copia che potrebbe essere in procinto di essere riparata o in cattive condizioni. La biblioteca potrebbe impostarla a "Non permettere" se si sa di non poter dare la copia tempestivamente all'utenza, o addirittura mai (se va mandata in riparazione). Impostandola a "Permettere", si consentirà all'utente di prenotare la copia, che riceverà non appena tornerà ad essere disponibile.
Default: Permetti
Chiede: ___ a un utente di prenotare un'altra copia di un libro, quando ne ha già una o più in prestito.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Impstando a "Non permettere", puoi evitare che un utente impedisca ad altri di prendere in prestito un'altra copia dello stesso libro.
Default: Permetti
Chiede: ___ allo staff di scavalcare le regole di prenotazione quando assegna una prenotazione.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Questa preferenza è un'impostazione sì/no che controlla se lo staff può saltare le regole di prestiti e multe relativamente alle prenotazioni. Impostando questa preferenza a 'Non permettere' lo impedirà, e viceversa impostandola a 'Permetti'. Questa preferenza è importante perché definisce quanto siano restrittive le regole della biblioteca riguardo alle prenotazioni. Se ha il valore di 'Permetti', lo staff potrebbe abusarne. Altrimenti, lo staff non potrà abusarne ma il sistema sarà inflessibile riguardo alle prenotazioni.
Default: Non permettere
Chiede: ___ a un utente di rinnovare un prestito di una copia non prenotata se sono disponibili altre copie che possono soddisfare la prenotazione.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Default: Permetti
Chiede: ___ di riattivare prenotazioni in sospeso dopo una data fissata.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Se questa preferenza ha il valore 'Permetti' allora tutte le prenotazioni in sospeso avranno una data automatica di scadenza. Se questa preferenza ha il valore 'Permetti', occorre anche che il cronjob Unsuspend Holds sia attivo.

Importante

La prenotazione scadrà dopo la data indicata dall'utente.
Default: Permetti
Chiede: ___ a un utente di una biblioteca di prenotare una copia da un'altra biblioteca.
Descrizione:
  • Questa preferenza controlla se gli utenti possono fare prenotazioni da altre biblioteche. Se la preferenza è impostata su 'Permettere', lo potranno fare, e viceversa. Questa impostazione è importante perché determina se gli utenti possono richiedere copie da altre biblioteche. Se la biblioteca sta condividendo un'installazione di Koha con altre biblioteche indipendenti che non intendono fare prestito interbibliotecario, allora si raccomanda di impostare questa preferenza a 'Non permettere'.
Valori:
2.1.5.5.8. ConfirmFutureHolds
Default: 0
Chiede: Conferma prenotazioni future (che inizino non oltre ___ giorni) al momento della restituzione.
Descrizione:
  • Confermando una prenotazione in fase di restituzione di un prestito, il numero di giorni in questa preferenza viene preso in considerazione al momento di decidere per quali prenotazioni inviare solleciti. Questa preferenza non interferisce con il rinnovo, il prestito o il trasferimento di un libro.

Nota

Questo numero di giorni sarà utilizzato anche per calcolare la data di fine predefinito per il report delle prenotazioni. Ma non interferisce con il rilascio, il rinnovo o il trasferimento di libri.

Importante

Questa preferenza si usa solo se hai permesso date future di prenotazione con AllowHoldDateInFuture o OPACAllowHoldDateInFuture
Chiede: ___ la riduzione della durata di un prestito a ___ giorni per le copie che hanno oltre ___ prenotazioni.
Default di decreaseLoanHighHolds: Non attivare
Valori di decreaseLoanHighHolds:
Non attivare
  • Attiva
Descrizione:
  • Queste preferenze consentono di modificare la durata del prestito per le copie che hanno molte prenotazioni. Questo non avrà effetto su copie che sono già state prenotate, ma le copie che sono state prestate dopo il decreaseLoanHighHoldsValue è soddisfatto, saranno prestate solo per il numero di giorni indicati nella preferenza decreaseLoanHighHoldsDuration.
Default: Non attivare
Chiede: ___ la possibilità di prenotare più libri da una pagina di risultati di una ricerca
Valori:
  • Non attivare
  • Attiva
Default: Non attivare
Chiede: ___ di spedire un email all'amministratore di Koha quando viene inoltrata una richiesta di prenotazione.
Valori:
  • Non attivare
  • Attiva
Descrizione:
  • Questa preferenza consente a Koha di inviare un email al personale della biblioteca ogni volta che un utente conferma in lettura una copia. Mentre questa funzione avviserà immediatamente il bibliotecario della necessità dell'utente, è estremamente poco pratico nella maggior parte delle biblioteche. Nella maggior parte delle biblioteche le liste di attesa sono monitorate e gestite da un'interfaccia separata. Detto questo, molte biblioteche che consentono la conferma in lettura preferiscono avere questa preferenza attiva in modo da essere avvisati di lasciare una copia a scaffale.

Importante

Per poter spedire questo email devi avere un template di avviso con il codice HOLDPLACED

Importante

Questo avviso sarà spedito se il cronjob process_message_queue.pl gira periodicamente per spedire messaggi.
Default: Non permettere
Chiede: ___ che le prenotazioni scadano automaticamente se non sono state ritirate entro il periodo specificato in ReservesMaxPickUpDelay
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Se impostata a 'permetti' questa preferenza cancellerà le prenotazioni che hanno atteso più dei giorni specificati nella preferenza di sistema ReservesMaxPickUpDelay. Le prenotazioni verranno cancellate solo se il cronjob Expire Holds viene eseguito.
Default: 0
Chiede: Se si usa ExpireReservesMaxPickUpDelay, addebita a un utente che fa scadere la propria prenotazione una tassa di ___ dollari.
Descrizione:
  • Se si mette in scadenza prenotazioni che hanno atteso troppo a lungo è possibile utilizzare questa preferenza per multare l'utente. Se non multi gli utenti per le prenotazioni non ritirate in tempo, è possibile lasciare questa impostazione su default, che è 0. Le prenotazioni scadute verranno cancellate e addebitate se il cron job Expire Holds è in esecuzione.
Default: Permetti
Chiede: ___ le prenotazioni scadute verranno cancellate nei giorni di chiusura della biblioteca.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Chiede: ___ priorità per soddisfare prenotazioni a utenti il cui ___ corrisponde la voce ___ della copia
Valori di LocalHoldsPriority:
  • Non consegnare
  • Consegna
Valori di LocalHoldsPriorityPatronControl:
  • la propria biblioteca
  • Biblioteca di raccolta.
Valori di LocalHoldsPriorityItemControl:
  • la biblioteca che possiede la copia
  • la propria biblioteca
Descrizione:
  • Questa caratteristica permetterà alle biblioteche di specificare che, quando una copia viene restituita, a una prenotazione locale può essere data priorità anche se è di priorità inferiore nell'elenco delle prenotazioni non soddisfatte.
2.1.5.5.16. maxreserves
Default: 50
Chiede: Gli utenti possono avere non oltre ___ prenotazioni allo stesso tempo.
Default: Permetti
Chiede: ___ agli utenti di effettuare prenotazioni che non entrano in lista di attesa prima di una certa data.
Valori:
Default: Permetti
Chiede: ___ a un utente di scegliere da quale biblioteca prelevare una prenotazione.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Questa preferenza non impedirà allo staff di essere in grado di trasferire titoli da una biblioteca all'altra per soddisfare una prenotazione, solo impedirà agli utenti di pensare che possano ritirare un libro presso un'altra biblioteca diversa da quella in cui sono registrati.
Default: biblioteca che possiede la copia
Chiede: Controlla il ___ per vedere se l'utente può prenotare una copia.
Valori:
  • la biblioteca che possiede la copia.
  • la biblioteca dell'utente.
Default: 7
Chiede: Marca una prenotazione come problematica se ha atteso più di ___ giorni.
Descrizione:
  • Questa preferenza (basata sui giorni di calendario, non sul Calendario festivo di Koha) assegna uan data di scadenza a una copia prenotata. Dopo questa data, lo staff può rilasciare la copia, che può tornare sullo scaffale o passare ad altra prenotazione in attesa nella coda. Le copie scadute sono spostate nella scheda 'Prenotazioni scadute' nel report 'Prenotazioni in attesa di prelevamento'.
2.1.5.5.21. ReservesNeedReturns
Default: Non marcare automaticamente
Chiede: ___ le prenotazioni come si trova e in attesa quando una sospensione è posto in particolare su di loro e sono già effettuato la registrazione.
Valori:
  • Automaticamente
  • Non automaticamente
Descrizione:
  • Questa preferenza si riferisce alle prenotazioni di 'copie specifiche' quando la copia è sullo scaffale. Questa preferenza permette a una biblioteca di decidere se una prenotazione di una 'copia specifica' è contrassegnato come "Waiting" al momento della prenotazione o se la copia sarà contrassegnata come "Waiting" dopo la restituzione. Questa preferenza dirà all'utente che la loro copia è 'In attesa' alla sua biblioteca e pronta per il prestito.
Default di StaticHoldsQueueWeight: 0
Default di RandomizeHoldsQueueWeight: in quell'ordine
Chiede: Soddisfa le prenotazioni dalle biblioteche ___ (codici di branch, separati da virgole; se vuoto, utilizza tutte le branch) ___
Valori di RandomizeHoldsQueueWeight:
  • in ordine casuale
    • Se StaticHoldsQueueWeight è il default, Koha sceglierà a caso tra tute le biblioteche, altrimenti sceglierà a caso tra quelle elencate.
  • in quell'ordine
    • Se StaticHoldsQueueWeight viene lasciato sul valore predefinito, allora verranno utilizzate tutte le biblioteche in ordine alfabetico, altrimenti userà le biblioteche nell'ordine in cui le hai inserite nella preferenza StaticHoldsQueueWeight.
Descrizioni:
  • Queste preferenze controllano come è generato il report Coda delle prenotazioni usando un cronjob.
    Se non vuoi che le tue biblioteche partecipino al processo di assegnazione di prenotazioni, devi comunque elencare qui le biblioteche che vi prendono parte, con una lista di codici di biblioteca separate da virgola (es.: "MPL,CPL,SPL,BML" ecc. ).
    Per default, la coda delle prenotazioni funziona in modo che il sistema prima tenta di soddisfare una prenotazione utilizzando copie che sono già presso la biblioteca del ritiro. In mancanza, build_holds_queue.pl userà la lista di biblioteche definite in StaticHoldsQueueWeight. Se RandomizeHoldsQueueWeight non è attiva (come da default), lo script assegnerà le richieste in base alla preferenza di sistema StaticHoldsQueueWeight.
    Per esempio, se il tuo sistema ha tre biblioteche, di varia dimensione (piccola, media e grande) e vuoi che il processo di assegnazione prenotazioni usi prima la alla grande biblioteca e poi le piccole, potresti impostare la preferenza di sistema 'StaticHoldsQueueWeight' a "LRG,MED,SML".
    Se vuoi che il carico delle prenotazioni venga suddiviso equamente tra le varie biblioteche del sistema, abilita la preferenza di sistema RandomizeHoldsQueueWeight. Quando è attiva, l'ordine delle biblioteche verrà rigenerato casualmente ogni volta che viene creata la loro lista.
    Lasciare vuota la preferenza di sistema StaticHoldsQueueWeight è controindicato. Se fosse, lo script build_holds_queue script ignorerà RandomizeHoldsQueueWeight e processerà le richieste di prenotazione per ordine alfabetico, non a caso.

Importante

La Matrice dei Costi di Trasporto ha la precedenza nel controllo della provenienza delle prenotazioni; se la matrice non viene utilizzata, Koha controlla il StaticHoldsQueueWeight. Per utilizzare la Matrice dei Costi di Trasporto semplicemente impostare la preferenza UseTransportCostMatrix a 'Usa'
Default: Permetti
Chiede: ___ di sospendere le prenotazioni dall'interfaccia dello staff.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • La funzionalità di sospensione prenotazioni può essere dis/attivata nel client personale agendo su questa preferenza di sistema. Se è impostata su 'Consenti' si può impostare la preferenza di sistema AutoResumeSuspendedHolds .
2.1.5.5.24. SuspendHoldsOpac
Default: Permetti
Chiede: ___ di sospendere le prenotazioni dall'interfaccia dell'OPAC.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • La sospensione delle prenotazioni può essere dis/attivata tramite questa preferenza di sistema. Se è impostata a 'permetti', imposta anche la preferenza AutoResumeSuspendedHolds.
Default: Non tracciare
Chiede: ___ le copie quando vengono cancellate tutte le prenotazioni in attesa.
Valori:
  • Non trasferire
  • Trasferisci
Descrizione:
  • Quando TransferWhenCancelAllWaitingHolds è impostato su "Non trasferire", nessun trasferimento tra biblioteche viene creato. Koha non permetterà il trasferimento di prenotazioni, perché renderebbe orfane le copie della biblioteca in cui le prenotazioni erano in attesa di ritiro, senza ulteriori istruzioni per il personale di ciò che gli oggetti sono in biblioteca o dove devono andare. Quando quella preferenza di sistema è impostato su "Transfer", trasferimenti tra biblioteche vengono creati, e quindi le prenotazioni potranno essere annullate.

2.1.5.6. Interfaccia

Default: Non permettere
Chiede: ___ allo staff di cancellare messaggi aggiunti da altre biblioteche.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Default: Non attivare
Chiede: ___ la circolazione offline su computer della circolazione.
Valori:
  • Non attivare
  • Attiva
Descrizione:
  • L'impostazione di questa preferenza su 'Abilita' consente di utilizzare l'interfaccia Koha per la circolazione offline . Questa preferenza di sistema non influisce sulla preferenza Firefox Plugin né sulla preferenza desktop application, dato che le tre preferenze della circolazione offline sono indipendenti.
2.1.5.6.3. CircAutocompl
Default: Tenta
Chiede: ___ automaticamente i dati dell'utente quando si effettua una ricerca per utente sulla schermata della circolazione.
Descrizione:
  • Questa preferenza è un'impostazione binaria che determina se l'autocompletamento di campi è attivo o no sui campi della circolazione. Impostato a 'Tenta', rende possibile allo staff di iniziare a digitare un nome o altro valore nel campo e ottenere un menù a tendina con suggerimenti per il completamento. Impostato a 'Non tentare', non fa comparire la tendina. Questa preferenza può alleggerire il lavoro dello staff o può potenzialmente rallentare il caricamento della pagina.
Valori:
  • Non tentare
  • Tenta
Default: aprire una finestra per la stampa di una ricevuta veloce
Chiede: Quando un campo di barcode è lasciato vuoto nella circolazione ___
Valori:
  • pulisci lo schermo
  • apri una finestra per la stampa della ricevuta ridotta
  • apri una finestra per la stampa della ricevuta
Descrizione:
  • Se questa preferenza è impostata per aprire una ricevuta veloce (ISSUEQSLIP) o una aprire ricevuta (ISSUESLIP) da stampare, lo staff non avrà bisogno di cliccare il bottone Stampa per generare la ricevuta di prestito per l'utente. Se la preferenza è impostata in modo da ripulire lo schermo, allora il 'prestito' di un barcode vuoto ripulirà lo schermo dai dati dell'ultimo utente.
Default: Non richiedere
Chiede: ___ allo staff di scegliere quali prestiti mostrare prima di eseguire il report dei prestiti in ritardo.
Descrizione:
  • Il report dei solleciti dei prestiti scaduti mostra tutti i prestiti scaduti del sistema. Se hai un grande sistema bibliotecario amministrato da Koha, potrebbe servirti impostare questa preferenza su 'Richiedi', per fare girare il report con un filtro per biblioteca, periodo, categoria di utenti, ecc. Si eviterà di ingolfare il sistema.
Valori:
  • Non richiedere
  • Richiedi
Default: Non notificare
Chiede: ___ ai bibliotecari se ci sono multe per ritardi sulle copie in restituzione.
Valori:
  • Non notificare
  • Notifica
Descrizione:
  • Se questa preferenza è impostata su 'Notifica' per tutti i libri che hanno multe per ritardo si aprirà un messaggio di avviso al momento della restituzione. Questo avviso dovrà essere accettato prima di poter continuare a restituire copie. Con questa preferenza impostata su 'Non notificare, 'si continua a vedere le multe dovute dall'utente, ma senza dover accettare la notifica.
Default: Mostra
Chiede: ___ un bottone per resettare l'utente corrente dalla schermata di circolazione.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
2.1.5.6.8. ExportRemoveFields
Chiede: I seguenti campi dovranno essere esclusi dai report CSV o iso2709 dello storico dei prestiti ___
Descrizione:
  • Questa lista di campi separata da spazi (es. 100a 245b) sarà automaticamente esclusa dall'export dello storico dei prestiti dell'utente corrente.
Chiede: Usa il profilo CSV ___ per esportare lo storico dei prestiti dell'utente
Descrizione:
  • Usare questa preferenza per indicare quale profilo CSV usare in fase di esportazione dei prestiti. Se questa preferenza rimane vuota, non potrai estrarre il sommario dei prestiti utente.
Default: 2
Chiede: Impostare la data di inizio di default per l'elenco delle prenotazioni a ___ giorno(i) fa.
Descrizione:
  • Il report Prenotazioni attive della circolazione, per default filtra le prenotazioni effettuate 2 o meno giorni fa. Questa preferenza permette di impostare il filtro di default a qualsiasi numero di giorni.
Default: Non attivare
Chiede: ___ l'uso automatico nella pagina dei prestiti della ricerca per parole chiave nel caso in cui la ricerca per barcode non abbia dato risultato.
Valori:
  • Non attivare
  • Attiva
Descrizione:
  • A volte le biblioteche vogliono prestare utilizzando qualcosa di diverso dal codice a barre. L'attivazione di questa preferenza farà una ricerca per parole chiave di Koha per trovare la copia che si sta cercando di prestare. È possibile utilizzare il numero, codice a barre, parte del titolo o qualsiasi cosa che inseriresti nella ricerca per parole chiave quando questa preferenza è abilitata e Koha vi chiederà quale copia si sta cercando di prestare.

Importante

Anche se non si sta cercando per codice a barre, un codice a barre è richiesto su ogni titolo da prestare. Solo i titoli con codici a barre verranno visualizzati nei risultati della ricerca.
Default: Non filtrare
Chiede: ___ codici a barre scansionati delle copie.
Valori:
  • Convertire dal formato CueCat
  • Convertire dal formato Libsuite8
  • Non filtrare
  • EAN-13 o UPC-A con zeri aggiuntivi da
  • Rimuovi gli spazi da
  • Rimuovi il primo numero dallo stile T-prefix
    • Questo formato è comune per le biblioteche che migrano da sistemi Follett
2.1.5.6.13. NoticeCSS
Chiede: Includi il foglio di stile ___ su Annunci.

Importante

Deve essere un URL completo, che inizia con http://
Descrizione:
  • Se si desidera impostare lo stile delle notizie con un insieme coerente di caratteri e colori è possibile utilizzare questa preferenza per chiedere a Koha di usare un foglio di stile specifico per le notizie.
Default: 20
Chiede: Mostra le ultime ___ copie restituite sulla schermata della restituzione prestiti.
Default: dal primo all'ultimo
Chiede: Ordina i precedenti prestiti sulla pagina di circolazione dalla data di restituzione ___.
Valori:
  • dal primo all'ultimo
  • dall'ultimo al primo
Default: Non registrare
Chiede: ___ uso locale quando una copia non prestata ritorna dal prestito.
Valori:
  • Non registrare
  • Record
Descrizione:
  • Se questa preferenza è impostata su "Non registrare" è possibile registrare prestiti locali di copie registrandoli all'utente delle statistiche. Con questa preferenza impostata su "Registrazione" è possibile registrare prestiti locali registrandoli all'utente delle statistiche e / o registrando la restituzione di una copia non attualmente in prestito.
2.1.5.6.17. soundon
Default: Non attivare
Chiede: ___ i suoni di circolazione nella schermata dei prestiti quando una copia viene restituita o prestata.
Valori:
  • Non attivare
  • Attiva

Importante

Questa caratteristica è supportatata dai browser che riconoscono l'HTML5.
2.1.5.6.18. SpecifyDueDate
Default: Permetti
Chiede: ___ allo staff di specificare la data di restituzione di un prestito.
Le date di restituzione vengono calcolate in base alle regole di circolazione e multe, ma possono essere modificate dallo staff se lo consenti.
Descrizione:
  • Questa preferenza permette al personale della circolazione di cambiare una data di scadenza della data di scadenza automatica a un'altra data. Questa opzione potrebbe essere utilizzata in circostanze in cui la data di scadenza può avere bisogno di essere diminuita o aumentata. L'impostazione "Consenti" dà questa possibilità al personale, l'impostazione "Non consentire" la toglie.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
2.1.5.6.19. SpecifyReturnDate
Default: Non permettere
Chiede: ___ allo staff di indicare una data di ritorno per una restituzione.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di decidere se lo staff può indicare una data di rientro diversa da quella corrente.
Default: dall'ultimo al primo
Chiede: Ordina i prestiti di oggi nella pagina della circolazione per data di restituzione ___.
Valori:
  • dal primo all'ultimo
  • dall'ultimo al primo
Default: Non ricollegare
Chiede: ___ il contatore dei prestiti di un record bibliografico quando una sua copia viene prestata
Valori:
  • Attivare

    Importante

    Questo aumenta il carico del server in modo significativo; se le prestazioni sono un problema, utilizzare il job di cron job di cron per aggiornare il conteggio dei fascicoli.
  • Non collegare
Descrizione:
  • Koha può monitorare il numero di volte in cui una copia viene prestata e memorizzare il dato nel database. Queste informazioni non vengono memorizzate per default. L'impostazione di questa preferenza su 'Sì' dirà a Koha di tenere traccia in tempo reale del prestito della copia. In caso contrario si potrebbe usare il job di cron job di cron per aggiornare di notte quel campo.
Default: Non notificare
Chiede: ___ allo staff le prenotazioni in attesa dell'utente che sta restituendo una copia.
Valori:
  • Non notificare
  • Notifica
Descrizione:
  • Durante il prestito di libri è possibile scegliere di avere o meno un avviso pop-up che indichi se l'utente che ha restituito il libro ha una prenotazione in attesa. Se si imposta a 'Notifica' la preferenza WaitingNotifyAtCheckin ogni volta una prenotazione è trovata per l'utente che aveva per ultimo il libro, verrà visualizzato un messaggio sullo schermo.
Default: Non permettere
Chiede: ___ agli utenti di restituire per mezzo del sistema di autoprestito.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Questa preferenza serve per determinare se vuoi permettere agli utenti di restituire copie tramite il sistema di autoprestito. Per default, il sistema di autoprestito per Koha lavora solo in uscita.

Importante

La maggior parte delle biblioteche vorranno lasciare questa preferenza impostata su "Non consentire". Questa preferenza consente di disattivare il requisito per accedere alla macchina di autoprestito con uno username e password personale, memorizzando username e password per l'accesso automatico.
Default di AutoSelfCheckAllowed: Non permettere
Chiede: ___ al sistema di autoprestito di collegarsi automaticamente con username ___ e password ___.
Valori di AutoSelfCheckAllowed:
  • Permetti
  • Non permettere
Valore dell'AutoSelfCheckID:
Valore di AutoSelfCheckPass:
2.1.5.7.3. SCOUserCSS
Chiede: Includi il seguente foglio di stile CSS in tutte le pagine web del sistema di autoprestito
Descrizione:
  • Il foglio di stile CSS indicato in questa preferenza sarà usato in tutte le pagine del sistema di autoprestito gestito da Koha.
2.1.5.7.4. SCOUserJS
Chiede: Includi il seguente codice JavaScript in tutte le pagine web del sistema di autoprestito
Descrizione:
  • Il codice JavaScript inserito in questa preferenza sarà applicato a tutte le schermate di restituzione prestito.
Chiede: Includi il seguente codice HTML nelle pagine di Aiuto web del sistema di autoprestito
Descrizione:
  • Facendo clic sul link 'Help' in alto a destra dell'interfaccia di autoprestito, si apre un processo in tre fasi per l'utilizzo dell'interfaccia di autoprestito. L'aggiunta di codice HTML in questa preferenza di sistema stamperà un ulteriore testo di guida sopra ciò che è già incluso.
Default: Codice a barre
Chiede: Gli utenti si devono collegare al sistema di autoprestito via web usando il loro ___
Valori:
  • Codice a barre
  • Username e password
Descrizione:
  • Questa preferenza consente di decidere come i vostri utenti potranno accedere alla macchina di autoprestito. Barcode è il numero di tessera dell'utente e il nome utente e la password sono impostati utilizzando l'OPAC / username e password personale dal record di utente.
Default: Mostra
Chiede: ___ il popup per la stampa della ricevuta alla conclusione di un autoprestito.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Questa preferenza controlla se una richiesta si presenta sul sistema di autoprestito quando l'utente fa clic sul pulsante 'Fine'.
2.1.5.7.8. SelfCheckTimeout
Default: 120
Chiede: Fai scadere il login dell'attuale utente collegato al sistema di autoprestito dopo ___ secondi.
Descrizione:
  • Trascorso il tempo di inattività impostato in questa preferenza, il sistema di autoprestito eseguirà il logout e ritornerà alla schermata iniziale.
Default: Non mostrare
Chiede: ___ la foto dell'utente (se ne ha una) quando usa il sistema di autoprestito.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
2.1.5.7.10. WebBasedSelfCheck
Default: Non attivare
Chiede: ___ il sistema di autoprestito.
Valori:
  • Non attivare
  • Attiva
Attivando questa preferenza si permette l'accesso al modulo self checkout di Koha.
Vai a: Più > Amministrazione > Preferenze di Sistema globali > Arricchimento OPAC

Importante

Leggi sempre i termini di servizio associati alle sorgenti esterne di dati, per essere sicuro di usare i prodotti nei limiti permessi.

Nota

Non è possibile avere più di un servizio per le copertine (comprese le copertine locali). Se ne imposti più di uno, otterrai più di una immagine di copertina.

2.1.6.1. Tutti

2.1.6.1.1. FRBRizeEditions
Default: Non mostrare
Chiede: ___ altre edizioni di una copia nell'interfaccia dello staff
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Utilizzando le regole dell'FRBR Functional Requirements for Bibliographic records, questa opzione, se attiva, include nel tuo catalogo tutte le edizioni relative ad un titolo, indipendentemente dal tipo di materiale. I record appariranno in una specifica scheda 'Edizioni' nella pagina dei dettagli del titolo in questione. Secondo Libraries Unlimited's Online Dictionary for Library and Information Science (http://lu.com/odlis/), rendere coerente con FRBR un catalogo significa mettere in relazione record di materiale simile. L'operazione implica mettere insieme entità (insiemi di Opere, Espressioni o Manifestazioni) e non tanto insiemi di record. Ciò può aiutare l'utenza a a selezionare record, espressioni o manifestazioni simili di possibile interesse. Quando è impostato a 'Mostra', l'OPAC contatta uno o più web service ISBN per ottenere gli ISBN associati e mostrare una scheda Edizioni nella pagina dei dettagli. Attivandola, va anche selezionato una delle opzioni ISBN (ThingISBN e/o XISBN). Questa opzione è solo per l'interfaccia dello staff; l'opzione OPACFRBRizeEditions deve essere attiva affinché le edizioni compaiano sull'OPAC.

Importante

Richiede l'attivazione di uno o più sevizi ISBN (ThingISBN e/o XISBN)
Default: Non mostrare
Chiede. ___ altre edizioni di una copia nell'OPAC.
Descrizione:
  • Utilizzando le regole dell'FRBR Functional Requirements for Bibliographic records, questa opzione, se attiva, include nel tuo catalogo tutte le edizioni relative ad un titolo, indipendentemente dal tipo di materiale. I record appariranno in una specifica scheda 'Edizioni' nella pagina dei dettagli del titolo in questione. Secondo Libraries Unlimited's Online Dictionary for Library and Information Science (http://lu.com/odlis/), rendere coerente con FRBR un catalogo significa mettere in relazione record di materiale simile. L'operazione implica mettere insieme entità (insiemi di Opere, Espressioni o Manifestazioni) e non tanto insiemi di record. Ciò può aiutare l'utenza a a selezionare record, espressioni o manifestazioni simili di possibile interesse. Quando è impostato a 'Mostra', l'OPAC contatta uno o più web service ISBN per ottenere gli ISBN associati e mostrare una scheda Edizioni nella pagina dei dettagli. Attivandola, va anche selezionato una delle opzioni ISBN (ThingISBN e/o XISBN). Questa opzione è solo per l'OPAC; l'opzione FRBRizeEditions deve essere attiva affinché le edizioni compaiano sull'interfaccia dello staff.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Questa preferenza recupera tutte le edizioni di un titolo disponibile nella tua collezione indipendentemente dal tipo di materiale. L'informazione apparirà dentro la scheda 'Edizioni' nella pagina dei dettagli del titolo in questione.

Importante

Richiede l'attivazione di uno o più sevizi ISBN (ThingISBN e/o XISBN)

2.1.6.2. Amazon

2.1.6.2.1. AmazonAssocTag
Chiede: Metti il tag associato ___ nei link ad Amazon.

Nota

Questo può azzerare le tue multe di rinvio della biblioteca se un utente decide di acquistare un libro tramite Amazon a partire dal tuo sito.
Descrizione:
  • Un Amazon Associates Tag permette alla biblioteca di guadagnare una percentuale delle vendite effettuate da Amazon agli utenti a partire da Koha. Informazione sul Amazon Associates program è disponibile sul sito Amazon's Affiliate Program's https://affiliate-program.amazon.com/. Prima di ottenere un Tag, la biblioteca deve disporre di un account AWS Amazon Web Services. L'iscrizione è gratuita e si possono effettuare tramite http://aws.amazon.com. Con un account AWS, la biblioteca può ottenere un Amazon Associates Tag.
2.1.6.2.2. AmazonCoverImages
Default: Non mostrare
Chiede: ___ le immagini delle copertine da Amazon nei risultati di ricerca e nelle pagine di dettaglio delle copie nell'interfaccia dello staff.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di mostrare le copertine di Amazon nell'interfaccia dello staff. Le copertine vengono cercate in base al primo ISBN del record MARC. Amazon offre gratuitamente questo servizio. Se lo attivi, devi disabilitare tutti gli altri servizi di copertine, altrimenti funzionerà male.
2.1.6.2.3. AmazonLocale
Default: American
Chiede: Utilizzare i dati di Amazon dal suo sito ___.
Valore:
  • American
  • British
  • Canadian
  • French
  • German
  • Giapponese
Default: Non mostrare
Chiede: ___ le immagini delle copertine da Amazon nei risultati di ricerca e nelle pagine di dettaglio delle copie nell'interfaccia OPAC.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di mostrare le copertine di Amazon nell'interfaccia dell'OPAC. Le copertine vengono cercate in base al primo ISBN del record MARC. Amazon offre gratuitamente questo servizio. Se lo attivi, devi disabilitare tutti gli altri servizi di copertine, altrimenti funzionerà male.

2.1.6.3. Babelthèque

2.1.6.3.1. Babeltheque
Predefinito: Non attivare
Chiede: ___ l'informazione da Babelthèque (recensioni, citazioni, ecc.) nella pagina dei dettagli dell'OPAC.
Descrizione:
  • Questa preferenza attiva una scheda Babeltheque nell'OPAC, e consente agli utenti di accedere a vari tipi di informazione fornita da Babeltheque. L'informazione fornita da Babeltheque è tratta dal servizio francese Babelio.com, simile a LibraryThing. Ulteriore informazione su LibraryThing è disponibile su http://www.babeltheque.com. Le biblioteche che desiderano fruire dei servizi di Babelteque devono registrarsi tramite http://www.babeltheque.com (in francese).
Valori:
  • Attivare
  • Non attivare
2.1.6.3.2. Babeltheque_url_js
Chiede: ___ definire l'url del file javascript di Babeltheque (es. http://www.babeltheque.com/bw_XX.js)
Chiede: ___ definire l'url del file di aggiornamento periodico di Babeltheque (es. http://www.babeltheque.com/.../file.csv.bz2).

2.1.6.4. Baker & Taylor

Importante

È un servizio a pagamento. Devi contattare Baker & Taylor per abbonarti a questo servizio e impostare queste opzioni.
2.1.6.4.1. BakerTaylorEnabled
Default: Non aggiungere
Chiede: ___ i link e le copertine del servizio Baker and Taylor nell'interfaccia dello staff. Richiede uno username e password (che si trovano nei link delle immagini).
Valori:
  • Aggiungi
  • Non aggiungere
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di visualizzare contenuti da Baker & Taylor (recensioni di libri, descrizioni, immagini di copertina, ecc), sia nel client dello staff che nell'OPAC. Le biblioteche che desiderano visualizzare contenuti Baker & Taylor devono prima registrarsi e pagare per questo servizio a Baker & Taylor ( http://www.btol.com ). Se il contenuto di Baker & Taylor è abilitato assicurarsi di disattivare altri servizi analoghi per evitare interferenze.

Importante

Per usare questo è necessario impostare anche le preferenze di sistema BakerTaylorUsername & BakerTaylorPassword
Chiede: i link a "My Library Bookstore" di Baker and Taylor si raggiungono all'indirizzo https:// ___ isbn
Descrizione:
  • Alcune biblioteche generano ricavi addizionali vendendo libri o altro che sono stati acquistati o noleggiati da Baker & Taylor. Questo materiale può essere acceduto tramite link presenti sul sito della biblioteca. Questo servizio si chiama spesso "My Library Bookstore". Per partecipare a questo programma, la biblioteca deve prima registrarsi e pagare Baker & Taylor. Altra informazione si trova sul sito di Baker & Taylor http://www.btol.com. La preferenza BakerTaylorBookstoreURL stabilisce l'URL al Baker & Taylor-backed online bookstore, se questo bookstore esiste. Il default per questo campo è di essere vuoto; e i link a My Library Bookstore rimarranno inattivi. Se si attiva questa preferenza, indicare il server della biblioteca e il Parent Number nel modo corretto nell'URL. Il "key" value (key=) deve essere al termine dell'URL, e iniziare con https://.
Da riempire con qualcosa come koha.mylibrarybookstore.com/MLB/actions/searchHandler.do?nextPage=bookDetails&parentNum=10923&key=

Nota

Lasciare il campo in bianco per disabilitare.

Importante

Assicurarsi di ottenere queste informazioni da Baker & Taylor, quando ci si iscrive.
Chiede: Accedi a Baker and Taylor usando username ___ e password ___
Descrizioni:
  • Questa impostazione è disponibile solo se la biblioteca ha pagato la sottoscrizione al servizio Content Café di Baker & Taylor. Inserire nelle caselle relative username e password di Content Café. Assicurarsi anche che le impostazioni BakerTaylorBookstoreURL e BakerTaylorEnabled siano attive. Il servizio Content Café consiste in informazione arricchita come copertine, recensioni professionali, riassunti, da mostrare nei risultati dell'OPAC e dell'interfaccia dello staff. Per ulteriore informazione vedere http://www.btol.com

Importante

Assicurarsi di ottenere queste informazioni da Baker & Taylor, quando ci si iscrive.
Coce è una cache URL dell'immagine remota. Con questa opzione, le immagini di copertina non sono recuperati direttamente da Amazon, Google, e così via. I loro URL vengono richiesti a Coce che gestisce una cache di URL.
2.1.6.5.1. Coce
Default: Non attivare
Chiede: ___ il servizio di cache di immagini di copertina fornito da Coce
Valori:
  • Non attivare
  • Attiva
Descrizione:
  • Coce ha molti vantaggi quando si tratta di scegliere e visualizzare immagini di copertina in Koha:
    • Se una copertina non è disponibile da un provider, ma è disponibile da un altro, Koha potrà visualizzare comunque la copertina, cosa impossibile altrimenti
    • Dal momento che gli URL vengono memorizzati nella cache, non è necessario ripetere la richiesta al fornitore ogni volta che occorre una copertina.
    • Le copertine di libri Amazon vengono recuperate con le API di Amazon Product Advertising, il che significa che più copertine vengono recuperate (ISBN13).

    Importante

    Coce non viene fornito in bundle con Koha. Il tuo Koha non ha già configurato un server Coce. Prima di attivare questa funzionalità si vuole essere sicuri di avere un server Coce definito. Le istruzioni per l'installazione e la configurazione di Coce possono essere trovate sulla pagina ufficiale GitHub a https://github.com/fredericd/coce .
2.1.6.5.2. CoceHost
Chiede: l'URL del servizio Coce ___
Descrizione:
  • Deve essere l'URL completo (che inizia con http://) del server Coce
2.1.6.5.3. CoceProviders
Chiede: Usa i seguenti fornitori per reperire le copertine ____
Valori:
  • [Seleziona tutto]
  • Amazon Web Services
  • Google Books
  • Open Library
Descrizione:
  • I fornitori selezionati qui verranno utilizzate per raccogliere immagini di copertina per la visualizzazione nel catalogo Koha.

2.1.6.6. Google

2.1.6.6.1. GoogleJackets
Default: Non aggiungere
Chiede: ___ le icone di copertina da Google Books nei risultati di ricerca e nelle pagine di dettaglio dell'OPAC.
Valori:
  • Aggiungi
  • Non aggiungere
Descrizione:
  • Questa impostazione controlla la visualizzazione delle copertine provenienti dal database gratuito di Google Books, tramite l'API di Google Books. Si prega di notare che per utilizzare questa funzionalità, tutti gli altri servizi di copertine devono essere disattivati.

2.1.6.7. HTML5 Media

2.1.6.7.1. HTML5MediaEnabled
Default: in nessuna interfaccia
Chiede: Mostra un tab con un player HTML5per i file catalogati nel campo 856 ___
Valori:
  • nell'OPAC e nell'interfaccia dello staff
  • nell'OPAC
  • nell'interfaccia dello staff
  • in nessuna interfaccia
Descrizione:
  • Se hai file multimediali nel campo 856 dei tuoi record MARC, questa preferenza può mostrare o eseguire i file in un tab separato usando l'HTML5.
Default: webm|ogg|ogv|oga|vtt
Chiede: estensioni dei file multimediali ___
Descrizione:
  • Indica le estensioni dei file separate da barra verticale (|)

2.1.6.8. IDreamLibraries

IDreamBooks.com riporta recensioni dalla critica per aiutare a scoprire il meglio di quanto pubblicato ogni settimana. Queste preferenze permettono di aggiungere contenuto proveniente da IDreamBooks.com al tuo OPAC.

Nota

Questo è un nuovo sito web e ha un contenuto limitato, quindi è possibile visualizzare solo queste funzioni sui nuovi titoli popolari fino a quando il database cresce un po '.
Default: Non aggiungere
Chiede: ___ un "Termometro delle letture" che riassume le revisioni raccolte su IDreamBooks.com nella pagina dei dettagli dell'OPAC.
Valori:
  • Aggiungi
  • Non aggiungere
2.1.6.8.2. IDreamBooksResults
Default: Non aggiungere
Chiede: ___ il rating da IDreamBooks.com nei risultati dell'OPAC.
Valori:
  • Aggiungi
  • Non aggiungere
2.1.6.8.3. IDreamBooksReviews
Default: Non aggiungere
Chiede: ___ una scheda nei dettagli dell'OPAC con recensioni e critiche raccolte da IDreamBooks.com.
Valori:
  • Aggiungi
  • Non aggiungere

2.1.6.9. LibraryThing

LibraryThing per biblioteche è un servizio a pagamento. Per prima cosa è necessario contattare LibraryThing direttamente per informazioni sui prezzi e la sottoscrizione. Per saperne di più, si veda http://www.librarything.com/forlibraries . Inoltre, per ulteriori istruzioni di configurazione consultare il Wiki LibraryThing: http://www.librarything.com/wiki/index.php/Koha
Default: Non mostrare
Chiede: ___ recensioni, edizioni simili e tag da LibraryThing for Libraries sulla pagine dei dettagli sull'OPAC.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Questa impostazione è applicabile solo se la biblioteca è abbonata al servizio esterno LibraryThing. Questo servizio può offrire agli utenti la visualizzazione di ulteriore informazione sulle copie del catalogo come le raccomandazioni o le recensioni di altri utenti, i tags e la biblioteca virtuale acceduta dalla scheda dei dettagli.

Importante

Se questa impostazione ha valore 'Mostra', dovrai specificare un valore per la preferenza di sistema 'LibraryThingForLibrariesID'.
Chiede: Accedi a Library Thing for Libraries usando l'ID utente ___
Descrizione:
  • Questa impostazione è utilizzabile solo se la biblioteca ha pagato il servizio esterno LibraryThing. Inserire nella casella l'ID di LibraryThing ricevuto dopo il pagamento. L'ID è una serie di cifre del tipo ###-#########, e può essere trovato nella pagina dell'account di LibraryThing. Il servizio permette di offrire agli utenti informazione arricchita nei record bibliografici come recensioni e copertine, tags, ...
Default: accanto all'informazione bibliografica
Chiede: Mostra il contenuto proveniente da Library Thing for Libraries ___
Valori:
  • insieme all'informazione bibliografica
  • nelle schede
Descrizione:
  • Questa impostazione è applicabile solo se la biblioteca è abbonata al servizio esterno LibraryThing. Questo servizio può offrire agli utenti la visualizzazione di ulteriore informazione sulle copie del catalogo come le raccomandazioni o le immagini di copertina. Può anche offrire caratteristiche avanzate come la vista a schede, recensioni scritte da altri utenti, e il display di una biblioteca virtuale nella scheda dei dettagli.
2.1.6.9.4. ThingISBN
Default: Non usare
Chiede: ___ al servizio ThingISBN di mostrare altre edizioni di un titolo
Valori:
  • Non usare
  • Usa
Descrizione:
  • Imposta su 'Usa' per visualizzare una scheda "Edizioni" sulla pagina di dettaglio del prodotto. Le edizioni sono elencate, con la copertina (se si dispone di uno dei servizi relativi) e le informazioni bibliografiche. L'informazione proviene dal servizio web ThingISBN di LibraryThing. Si tratta di un servizio gratuito per i siti non commerciali con meno di 1.000 richieste al giorno.

Importante

Richiede che FRBRizeEditions e/o OPACFRBRizeEditions siano impostati a 'Mostra'

Importante

Questo è diverso da Library Thing for Libraries e non ha costi associati.
2.1.6.10.1. AllowMultipleCovers
Default: Non permettere
Chiede: ___ più immagini associate a un record bibliografico.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Se questa preferenza è impostata a 'Permetti', sarà possibile caricare più immagini che appariranno nella scheda relativa del record bibliografico nell'OPAC e nell'interfaccia dello staff. Questa preferenza richiede che uno o entrambi tra LocalCoverImages e OPACLocalCoverImages siano impostati a 'Mostra'.
2.1.6.10.2. LocalCoverImages
Predefinito: Non mostrare
Chiede: ___ le copertine locali nella pagina di ricerca dello staff e nella pagina dei dettagli.
Valori:
  • Visualizza
  • Non mostrare
Descrizione:
  • L'impostazione di questa preferenza su 'Mostra' permette di caricare le proprie immagini di copertina nei record bibliografici e visualizzarle nella pagina di dettaglio nel client dello staff. La copertina verrà mostrata nella scheda 'Imnagini', non accanto al titolo in alto a sinistra o sui risultati di ricerca.
Predefinito: Non mostrare
Chiede: ___ le copertine locali nella pagina di ricerca dell'OPAC e nella pagina dei dettagli.
Valori:
  • Visualizza
  • Non mostrare
Descrizione:
  • Impostando questa preferenza a 'Mostra', permette di caricare le tue immagini di copertina dei record bibliografici e di mostrarle nelle pagine dei risultati e dei dettagli nell'OPAC.

2.1.6.11. EBSCO NoveList

Ebsco Novelist non è un servizio gratuito. Contatta il tuo rappresentante Ebsco per avere le informazioni di log in e includere i dati di Novelist nell'OPAC.

Importante

Ebsco Novelist non include le immagini di copertina nelle pagine dei risultati e dei dettagli. Puoi scegliere qualsiasi altro fornitore di copertine o chiedere ad Ebsco per avere accesso a Baker & Taylor Content Cafe con un costo aggiuntivo.
Default: Non aggiungere
Chiede: ___ contenuti da Ebsco Novelist all'OPAC.
Valori:
  • Aggiungi
  • Non aggiungere

Importante

L'abilitazione di questa preferenza richiede l'inserimento di username e password nelle preferenze NovelistSelectProfile & NovelistSelectPassword.
Descrizione:
  • Ebsco Novelist è un abbonamento con cui si può aggiungere contenuto addizionale all'OPAC.
Chiede: Accedere a Novelist Select usando il profilo utente ___ e la password ___.

Importante

Questa informazione sarà visibile se qualcuno legge il codice sorgente nel tuo OPAC.
Descrizione:
  • Ebsco Novelist è un abbonamento con cui si può aggiungere contenuto addizionale all'OPAC.
2.1.6.11.3. NovelistSelectView
Default: in un tab dell'OPAC
Chiede: Mostra il contenuto di Ebsco Novelist ___
Descrizione:
  • Ebsco Novelist restituisce molto contenuto, per cui devi scegliere bene dove mostrarlo. Il default è la scheda nella tabella del Posseduto.
    Il contenuto è lo stesso se si sceglie di mostrare sopra la tabella degli holdings o sotto. Se indicato nella colonna di destra della pagina è lo stesso contenuto, ma mostra un po' diverso in quanto lo spazio è limitato.
Valori:
  • sopra la tabella delle copie
  • sotto la tabella delle copie
  • in un tab dell'OPAC
  • sotto la tendina 'Salva il record' sulla destra

2.1.6.12. OCLC

2.1.6.12.1. XISBN
Default: Non usare
Chiede: ___ il serizio xISBN di OCLC per mostrare altre edizioni di un titolo
Descrizione:
  • Impostare a 'Usa' per mostrare una scheda 'Edizioni' nella pagina dei dettagli. Le edizioni elencate includono copertina e informazioni bibliografiche. E' alimentata dal web service xISBN di OCLC. Per siti non commerciali ha un limite di 1000 richieste al giorno.
Valori:
  • Non usare
  • Usa

Importante

Richiede che FRBRizeEditions e/o OPACFRBRizeEditions siano impostati a 'Mostra'
2.1.6.12.2. OCLCAffiliateID
Chiede: ___ Usa l'ID ___ di OCLC per accedere al servizio xISBN
Descrizione:
  • Questa impostazione è utilizzabile solo se la biblioteca dispone di un ID OCLC Affiliate. Questo permette la ricerca WorldCat nell'OPAC tramite l'interfaccia di programmazione XISBN. Digitare l'ID OCLC Affiliate nella casella relativa. Si noti che utilizzare questo dato è necessario solo se FRBRizeEditions e/o OPACFRBRizeEditions e XISBN sono attivi. Per approfondimenti su questo servizio si veda il sito OCLC http://www.worldcat.org/affiliate/default.jsp.

Importante

Salvo disporre di un ID di OCLC, c'è un limite di 1000 richieste al giorno. Disponibile a: http://www.worldcat.org/affiliate/webservices/xisbn/app.jsp
2.1.6.12.3. XISBNDailyLimit
Default: 999
Chiede: Usa il servizio xISBN non oltre ___ volte al giorno.

Importante

Salvo disporre di un ID di OCLC, c'è un limite di 1000 richieste al giorno. Disponibile a: http://www.worldcat.org/affiliate/webservices/xisbn/app.jsp

2.1.6.13. Open Library

2.1.6.13.1. OpenLibraryCovers
Default: Non aggiungere
Chiede: ___ immagini di copertina da Open Library ai risultati della ricerca e nella pagina dei dettagli dell'OPAC.
Valori:
  • Aggiungi
  • Non aggiungere
Descrizione:
  • Questa impostazione controlla la visualizzazione delle copertine dal servizio gratuito Open Library, tramite la relativa API. Si noti che devono essere disattivati gli altri servizi di copertina.

2.1.6.14. Overdrive

OverDrive è un servizio a pagamento. Per prima cosa è necessario contattare direttamente OverDrive per informazioni sui prezzi e la sottoscrizione. L'attivazione di questo servizio integrerà i risultati Overdrive nelle ricerche OPAC. Si dovrà fare domanda per questi 3 elementi di informazioni tramite un'applicazione come uno sviluppatore API. Applicazioni API overdrive vengono valutate una volta alla settimana e potresti non essere in grado di utilizzare questa funzione subito dopo l'iscrizione. Per ulteriori informazioni si prega di contattare il rappresentante OverDrive.
Chiede: Includere informazioni sulla disponibilità da OverDrive con la chiave ___ e il codice cliente segreto ___
Descrizione:
  • I clienti di OverDrive possono ottenere queste informazioni visitando il portale OverDrive per gli sviluppatori e seguire le istruzioni che vi si trovano per registrarsi come sviluppatore di API. Una volta che questi dati e la OverDriveLibraryID sono popolati, vedrete i risultati OverDrive sulle ricerche OPAC.
2.1.6.14.2. OverDriveLibraryID
Chiede: Mostra le copie dal catalogo OverDrive della biblioteca # ___
Descrizione:

2.1.6.15. Plugins

2.1.6.15.1. UseKohaPlugins
Default: Non attivare
Chiede: __ la possibilità di usare i Plugin di Koha.
Valori:
  • Non attivare
  • Attiva

Nota

Il sistema di plugin deve essere abilitato nel file di configurazione Koha per essere pienamente abilitato. Per saperne di più nel Capitolo Plugin .

2.1.6.16. Syndetics

Syndetics è un servizio a pagamento. Prima devi contattarli per avere informazioni su costi e abbonamento.
2.1.6.16.1. SyndeticsEnabled
Default: Non usare
Chiede: ___ contenuto da Syndetics.
Valori:
  • Non usare
  • Usa
Descrizione:
  • Quando questa opzione è attiva, diventano disponibili tutte le opzioni di Syndetics.

Importante

Richiede il codice SyndeticsClientCode.
2.1.6.16.2. SyndeticsClientCode
Chiede: Usa il codice cliente ___ per accedere a Syndetics.
Descrizione:
  • Quando la biblioteca si abbona ai servizi di Syndetics, riceve un codice di accesso. (Visitare la homepage di Syndetics a http://www.bowker.com/syndetics/ per approfondimenti.) Questo è il codice da indicare per attivare il servizio. Syndetics è a pagamento. Questo valore va introdotto prima di attivare SyndeticsEditions. Se il codice è perso, corrotto, dimenticato, ottenerne uno nuovo tramite http://www.bowker.com/syndetics/.

Importante

Sarà necessario ottenere il vostro codice cliente direttamente da Syndetics.
SyndeticsCoverImages Default: Non mostrare
SyndeticsCoverImageSize Default: media
Chiede: ___ copertine da Syndetics nei risultati di una ricerca e nelle pagine dei dettagli dell'OPAC a dimensione ___.
Descrizioni:
  • SyndeticsCoverImages permette alla biblioteca di mostrare copertine a colori di libri, video, CD, DVD nell'OPAC. Per ogni copia mostrata dopo una ricerca, verrà mostrata una copertina. Queste immagini possono avere tre dimensioni, e la migliore andrà scelta usando la preferenza SyndeticsCoverImageSize dopo che SyndeticsCoverImages è stata attivata. Le copertine Syndetics hanno le dimensioni media (187 x 187 pixels) e grande (400 x 400 pixels). Syndetics è un servizio a pagamento. Il codice SyndeticsClientCode deve essere indicato e l'opzione SyndeticsEnabled deve essere attiva. Le altre preferenze relative a copertine devono essere disabilitate.
Valori di SyndeticsCoverImages:
  • Non mostrare
  • Mostra
Valori di SyndeticsCoverImageSize:
  • media
  • grande
Default: Non mostrare
Chiede: ___ note sull'autore dell'opera da Syndetics nelle pagine di dettaglio dell'OPAC.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Quando questa preferenza è su 'Mostra', Syndetics fornisce note e una breve biografia dell'autore per oltre 300.000 autori, sia narrativa che di saggistica. Con questa opzione, la biblioteca può mostrare le Syndetics Author Notes nell'OPAC. Secondo il sito web di Syndetics (http://www.bowker.com/syndetics/), Author Notes include un elenco di contributori per molti testi con più autori e curatori. Per fruire del servizio, il codice SyndeticsClientCode va riempito e l'opzione SyndeticsEnabled va attivata.
2.1.6.16.5. SyndeticsAwards
Default: Non mostrare
Chiede: ___ informazione da Syndetics sui premi vinti dall'opera nelle pagine di dettaglio dell'OPAC.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Quando questa preferenza è su 'Mostra', Syndetics fornisce una lista dei premi vinti dal libro. Con questa opzione, la biblioteca può mostrare i riconoscimenti nell'OPAC. Per ogni risultato di una ricerca, vengono aggiunti i premi relativi ai titoli. Quando un utente fa click su un premio, viene mostrata ulteriore informazioni, oltre a quali altri libri hanno vinto lo stesso premio in momenti diversi. Cliccando sul titolo del libro, l'utente può vedere informazione sul titolo relativa alla sua regione. Questo servizio è a pagamento. Il codice SyndeticsClientCode deve essere specificato e va attivata l'opzione SyndeticsEnabled.
2.1.6.16.6. SyndeticsEditions
Default: Non mostrare
Chiede: ___ informazione da Syndetics su altre edizioni dell'opera nelle pagine di dettaglio dell'OPAC.
Descrizione:
  • Quando questa opzione è abilitata, sono riportate le informazioni da Syndetics sulle altre edizioni di un titolo sulle pagine dei dettagli dell'OPAC. Syndetics è un servizio a pagamento. Il SyndeticsClientCode deve essere inserito e l'opzione SyndeticsEnabled deve essere attivata prima di utilizzare questo servizio.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra

Importante

Richiede OPACFRBRizeEditions impostato su 'mostra'
2.1.6.16.7. SyndeticsExcerpt
Default: Non mostrare
Chiede: ___ estratti di un'opera da Syndetics nelle pagine di dettaglio dell'OPAC.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Questa preferenza permette a Syndetics di mostrare estratti provenienti da editori scelti. Questi estratti sono disponibili soprattutto per importanti titoli, di narrativa o saggistica. Gli estratti includono poemi, saggi, ricettari, introduzioni o prefazioni. Link automatici basati sull'ISBN sono richiesti per integrare i server internet sicuri di Syndetics con l'OPAC della biblioteca. Per approfondimenti si veda http://www.bowker.com/syndetics/.
2.1.6.16.8. SyndeticsReviews
Default: Non mostrare
Chiede: ___ revisioni di un'opera da Syndetics nelle pagine di dettaglio dell'OPAC.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Syndetics Reviews è un set di recensioni disponibile per riviste e pubblicazioni periodiche. La pagina delle recensioni mostra immagini a colori delle copertine dei libri recensiti, unitamente ai nomi delle fonti della recensione. Cliccando sull'icona, si aprirà una finestra con il titolo del libro, il nome dell'autore, la copertina e un'opinione critica sul libro. E' necessario un link automatico basato sull'ISBN del record MARC locale per accedere al server sicuro di Syndetics verso l'OPAC della biblioteca in alta velocità. Per maggiore informazione, si veda http://www.bowker.com/syndetics/.
2.1.6.16.9. SyndeticsSeries
Default: Non mostrare
Chiede: ___ informazioni da Syndetics su altri libri della stessa collana nelle pagine di dettaglio dell'OPAC.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Ogni titolo di narrativa all'interno di una collana è collegato al record della serie completa. Il record visualizza ogni titolo in ordine di lettura e visualizza anche l'ordine di pubblicazione, se diverso. Vengono visualizzati anche i titoli della serie alternativi. Link automatici forniti dai codici ISBN all'interno dei record MARC locali sono richiesti per integrare i server Syndetics sicuri all'OPAC della biblioteca. Per ulteriori informazioni, consultare http://www.bowker.com/syndetics/ .
2.1.6.16.10. SyndeticsSummary
Default: Non mostrare
Chiede: ___ un sommario dell'opera da Syndetics nelle pagine di dettaglio dell'OPAC.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Fornisce più di 5,6 milioni di sommari e annotazioni derivati da copertine di libri, dall'editore, o da terzi forniti da Book News, Inc. Copre fiction e non-fiction, questa opzione fornisce annotazioni su libri commerciali e titoli accademici. Per ulteriori informazioni, si veda http://www.bowker.com/syndetics/ .
2.1.6.16.11. SyndeticsTOC
Default: Non mostrare
Chiede: ___ l'indice di un'opera da Syndetics nelle pagine di dettaglio dell'OPAC.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Questa preferenza permette agli utenti di ottenere i Sommari (ToC) da una vasta gamma di pubblicazioni dai popolari libri fai-da-te ai proceedings di conferenze. Lo scopo principale è dare informazioni di accesso alla sezione di interesse del libro. Vengono utilizzati speciali accorgimenti con determinati servizi commerciali per recuperare i sommari di nuove pubblicazioni ogni anno. Link automatici basati sull'ISBN contenuto nel record bibliografico sono richiesti per integrare i server Syndetics ad alta velocità con gli OPAC. Per ulteriore informazione si veda http://www.bowker.com/syndetics/.

2.1.6.17. Tag

2.1.6.17.1. TagsEnabled
Default: Permetti
Chiede: ___ agli utenti e allo staff di inserire i tag alle copie.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Impostato su 'Consenti' attiva il tagging. Un tag è una parola da associare a un titolo. I tag consentono agli utenti di classificare il materiale secondo propri schemi. TagsEnabled è l'interruttore principale che permette il tagging. TagsEnable deve essere impostata su 'Consenti' per attivare poi altre caratteristiche di tagging.
2.1.6.17.2. TagsModeration
Default: Non richiedere
Chiede: ___ che i tag inviati dagli utenti siano verificati dallo staff prima pubblicazione.
Valori:
  • Non richiedere
  • Richiedi
Descrizione:
  • Se impostato su 'Require', tutti i tag dovranno essere prima filtrati dal moderatore dei tag. Solo un tag approvato sarà visibile agli utenti. Quando è impostato su 'Non richiedere', consentirà di bypassare il moderatore di tag e i tag saranno subito visibili agli utenti. Quando è attivata questa preferenza il moderatore, un membro del personale, dovrà approvare il tag nel Client di personale. Il moderatore avrà la possibilità di approvare o rifiutare ogni tag ancora in sospeso.
Quando la moderazione è necessaria, tutti i tag passano attraverso lo strumento di moderazione dei tag prima di diventare visibili.
  • Vai a: Più > Strumenti > Tags
2.1.6.17.3. TagsShowOnList
Default: 6
Chiede: Mostra ___ tags nella pagina dei risultati dell'OPAC.

Nota

Imposta il valore a 0 (zero) per disabilitare questa funzione.
2.1.6.17.4. TagsInputOnList
Default: Permetti
Chiede: ___ agli utenti di aggiungere tags nella pagina dei risultati dell'OPAC.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
2.1.6.17.5. TagsShowOnDetail
Default: 10
Chiede: Mostra ___ tags nelle pagine di dettaglio dell'OPAC.

Nota

Imposta il valore a 0 (zero) per disabilitare questa funzione.
2.1.6.17.6. TagsInputOnDetail
Default: Permetti
Chiede: ___ agli utenti di aggiungere tags nella pagina dei dettagli dell'OPAC.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Chiede: Consente di non dover moderare i tag contenuti nel dizionario del server ispell ___.
Descrizione:
  • Il dizionario include due liste, di tag accettati e di tag rifiutati. La lista dei tag accettati contiene quelli che verranno permessi, e viceversa. Questa preferenza identifica il dizionario dei tag accettati in uso. Ispell è un dizionario open source che può essere usato come lista di tag accettati. Dato che il dizionario riconosce termini osceni, le regole della biblioteca possono indicare di fare modifiche al dizionario ispell se questa preferenza è attiva. Per approfondimenti si veda http://www.gnu.org/software/ispell/ispell.html. Indicare il percorso all'eseguibile ispell, usato per impostare $Lingua::Ispell::path.

2.1.7. I18N/L10N

Queste preferenze controllano le impostazioni di internazionalizzazione e localizzazione.
Vai a: Più > Amministrazione > Preferenze di Sistema globali > I18N/L10N

2.1.7.1. AddressFormat

Predefinito: stile USA ([Numero civico], [Indirizzo] - [Città], [Zip / Postal Code], [Paese])
Chiede: Formatta gli indirizzi postali usando ___
Valori:
  • Stile tedesco ([indirizzo] [Numero civico] - [Zip / Postal Code] [Città] - [Paese])
  • Stile degli Stati Uniti ([Numero civico], [Indirizzo] - [Città], [Zip / Postal Code], [Paese])
Descrizione:
  • Questa preferenza vi permetterà di controllare il modo in cui Koha visualizza gli indirizzi degli utenti con le informazioni inserite nei vari campi del loro record.

2.1.7.2. alfabeto

Default: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Chiede: Usa l'alfabeto ___ per l'elenco di lettere a scorrimento. Si tratta di una lista di lettere maiuscole separate da spazi.
Descrizione:
  • Questa preferenza ti permette di definire un tuo alfabeto per scorrere gli utenti in Koha.
Default: Domenica
Chiede: Usa ___ come primo giorno della settimana nel calendario.
Valori:
  • Lunedì
  • Domenica
Descrizione:
  • Questa preferenza controlla il primo giorno della settimana mostrato nei calendari usati da Koha e nello Strumento Calendario. Se cambi questa preferenza e non ne vedi gli effetti, cancella la cache del tuo browser dato che sono coinvolti programmi JavaScript relativi a quelle pagine.

2.1.7.4. dateformat

Default: mm/gg/aaaa
Chiede: Formatta la data usando ___
Valori:
  • gg/mm/aaaa
  • mm/gg/aaaa
  • aaaa/mm/gg
Descrizione:
  • Questa preferenza controlla il formato di visualizzazione delle date. Le possibilità sono: USA mm/dd/yyyy (04/24/2010), Europa dd/mm/yyyy (24/04/2010) o ISO yyyy/mm/dd (2010/04/24). Il formato ISO è adatto per biblioteche accedute da nazioni diverse che potrebbero usare formati diversi tra loro, o dove non vanno bene nemmeno gli altri formati. Approfondimenti sul formato ISO si trovano su http://www.iso.org/iso/iso_catalogue.htm.

2.1.7.5. lingua

Default: inglese
Chiede: attiva le seguenti lingue nella interfaccia dello staff
Valori:
  • Inglese

2.1.7.6. opaclanguages

Default: inglese
Chiede: Attivare le seguenti lingue nell'OPAC
Valori:
  • Inglese
Per installare altre lingue devi eseguire misc/translation/install-code.pl.Per esempio per installare il francese devi eseguire il comando install-code.pl fr-FR che prepara i template; una volta pronti, apparirà la relativa lingua come opzione in questa preferenza.
Default: Non permettere
Chiede: ___ agli utenti di cambiare lingua nell'OPAC.
Valori:
  • Permetti
    • Gli utenti possono scegliere la lingua da un elenco nella parte inferiore del catalogo pubblico
  • Non permettere
    • Il catalogo pubblico non darà la possibilità di scegliere la lingua

2.1.7.8. TimeFormat

Default: formato 24 ore
Chiede: Formatta l'ora usando ___
Valori:
  • formato 12 ore (es.: 02:18PM)
  • formato 24 ore (es.: 14:18)

2.1.8. Uso locale

Queste preferenze sono definite localmente.
Vai a: Più > Amministrazione > Preferenze di Sistema globali > Uso locale

Nota

A volte le preferenze che sono nuove o non aggiornate verranno visualizzate in questa scheda, se non è stato aggiunta alcun preferenze a questa scheda, allora è meglio ignorare le preferenze elencati qui.

2.1.9. Log

I log tengono traccia di operazione sul sistema. Si può decidere quali azioni si desidera registrare utilizzando queste preferenze. I registri possono poi essere visualizzati nel Visualizzatore dei Log sotto Strumenti.
Vai a: Più > Amministraazione > Preferenze di Sistema globali > Logs

2.1.9.1. AuthoritiesLog

Default: Non registrare
Chiede: ___ i cambiamenti dei record di autorità
Valori:
  • Non registrare
  • Registrare

2.1.9.2. BorrowersLog

Default: Registra
Chiede: ___ i cambiamenti alle schede utenti.
Valori:
  • Non registrare
  • Registrare

2.1.9.3. CataloguingLog

Default: Non registrare
Chiede: ___ i cambiamenti ai record bibliografici o ai dati di copia.
Valori:
  • Non registrare
  • Registrare

Importante

Questo avviene quando un libro è catalogato, modificato o passa dal prestito; è un processo pesante, che può rallentare il tuo sistema.

2.1.9.4. CronjobLog

Default: Non registrare
Chiede: ___ informazioni dai cron jobs.
Valori:
  • Non registrare
  • Registrare

2.1.9.5. FinesLog

Default: Registra
Chiede: ___ quando le multe per ritardo sono caricate o dimenticate automaticamente.
Valori:
  • Non registrare
  • Registrare

2.1.9.6. IssueLog

Default: Registra
Chiede: ___ quando le copie vengono prestate.
Valori:
  • Non registrare
  • Registrare

2.1.9.7. LetterLog

Default: Registra
Chiede: ___ quando un sollecito di restituzione viene inviato.
Valori:
  • Non registrare
  • Registrare

Nota

Questo log tiene traccia degli avvisi inviati agli utenti, solleciti compresi.

2.1.9.8. ReturnLog

Default: Registra
Chiede: ___ quando le copie vengono restituite.
Valori:
  • Non registrare
  • Registrare

2.1.9.9. SubscriptionLog

Default: Registra
Chiede: ___ quando le risorse in continuazione vengono aggiunte, cancellate o cambiate.
Valori:
  • Non registrare
  • Registrare

2.1.10. OPAC

Vai a: Più > Amministrazione > Preferenze di Sistema globali > OPAC
Default: Seleziona tutto
Chiede: Mostra opzioni di ricerca per la vista espansa ___
Valori:
  • [Seleziona tutto]
  • Tipologie di documenti
  • Lingua
  • Collocazione e disponibilità
  • Data di pubblicazione
  • Ordinamento
  • Sottotipi
Descrizione:
  • Le impostazioni di questo preferenza determineranno quali campi di ricerca mostreranno se l'utente sta utilizzando la modalità 'Altre opzioni' nella pagina di ricerca avanzata.
Valore predefinito: tipi di copia, lingua, posizione e disponibilità, data di pubblicazione, ordinamento
Chiede: Mostra le opzioni di ricerca ___
Valori:
  • [Seleziona tutto]
  • Tipologie di documenti
  • Lingua
  • Collocazione e disponibilità
  • Data di pubblicazione
  • Ordinamento
  • Sottotipi
Descrizione:
  • Le impostazioni di questo preferenza determineranno quali campi di ricerca compariranno quando l'utente sta utilizzando la modalità 'Meno Opzioni' nella pagina di ricerca avanzata.

2.1.10.2. Aspetto

Queste preferenze controllano come le cose appaiono nell'OPAC.
Default: Non mostrare
Chiede: ___ immagini per i valori autorizzati (ad esempio gli stati perduto e le posizioni) nei risultati di ricerca e nelle pagine di dettaglio sull'OPAC.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Vai a: Più > Amministrazione > Valori autorizzati
2.1.10.2.2. BiblioDefaultView
Default: in forma semplice
Chiede: Per default, mostra i record bibliografici ___
Valori:
  • come specificato nel modello ISBD.
    • Vedi la preferenza di sistema ISBD per maggiori informazioni
  • in forma semplice.
  • nel formato MARC.
Descrizione:
  • Questa preferenza determina il livello di dettaglio bibliografico che l'utente vedrà nella pagina di dettaglio OPAC. La forma semplice visualizza l'interfaccia grafica; Formato MARC visualizza la vista MARC21 della catalogazione; ISBD visualizza la vista ISBD (International Standard Bibliographic Description, AACR2).
2.1.10.2.3. COinSinOPACResults
Default: Includi
Chiede: ___ COinS / OpenURL / Z39.88 nei risultati di ricerca dell'OPAC.
Valori:
  • Non includere
    • Se scegli di non includere i COinS nei risultati della ricerca, saranno comunque caricati nella pagina dei dettagli di ogni record.
  • Includi
    • L'attivazione di questa funzionalità rallenterà i tempi di risposta del'OPAC.
Descrizione:
  • Monete sta per ContextObjects in Spans. COinS è un metodo per incorporare metadati bibliografici nel codice HTML delle pagine web. Questo consente al software bibliografico di pubblicare elementi bibliografici leggibili a macchina e software di gestione di riferimento del cliente (ad esempio Zotero) per recuperare metadati bibliografici. I metadati possono anche essere inviati a un resolver OpenURL. Ciò consente, ad esempio, ad un utente esterno la ricerca di una copia di un libro nella propria biblioteca.
Default: Non mostrare
Chiede: Nelle pagine visualizzate con fogli di stile XSLT sul OPAC, ___ icone per itemtype e valori autorizzati.

Importante

OPACXSLTResultsDisplay e / o OPACXSLTDetailsDisplay devono essere impostate per utilizzare un foglio di stile XSLT associato (predefinito o personalizzato)
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra

Nota

Si veda la Guida Icone XSLT per ulteriori informazioni su queste icone.
2.1.10.2.5. hidelostitems
Default: Non mostrare
Chiede: ___ le copie perse nella pagina dei risultati e dei dettagli.
Descrizione:
  • Gli elementi che sono contrassegnati persi dalla biblioteca possono essere visualizzati o no sull'OPAC. Impostando il valore su "Non visualizzare", l'oggetto smarrito non viene visualizzato sull'OPAC. Impostando il valore "Show", la copia persa viene visualizzata sull'OPAC con lo stato di 'Smarrito'.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
HighlightOwnItemsOnOPAC Default: Non evidenziare
HighlightOwnItemsOnOPACWhich Default: biblioteca di origine dell'utente
Chiede: ___ risultati dal ___ spostando i risultati in primo piano e aumentando le dimensioni o evidenziando le righe di tali risultati.
Valori di HighlightOwnItemsOnOPAC:
  • Non evidenziare
  • Evidenzia
Valori di HighlightOwnItemsOnOPACWhich:
  • OPAC della biblioteca basata sull'URL
    • La libreria viene scelta in base alla variabile di ambiente di Apache BRANCHCODE. Ad esempio, questo potrebbe essere aggiunto alla sezione OPAC di koha-httpd.conf: SetEnv BRANCHCODE "CPL"
  • la biblioteca dell'utente
    • Le copie evidenziate saranno quelle della stessa biblioteca dell'utente. Se nessuno è connesso in OPAC, nessun elemento verrà evidenziato.

Importante

Questa preferenza sarà solo attiva per i siti che non utilizzano un foglio di stile XSLT. I fogli di stile XSLT sono definiti nelle preferenze OPACXSLTResultsDisplay and OPACXSLTDetailsDisplay.
Default: Non mostrare
Chiede: ___ GoogleIndicTransliteration nell'OPAC.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
2.1.10.2.8. LibraryName
Chiede: Usa ___ come nome della biblioteca nell'OPAC.

Nota

Questo valore apparirà nella barra del titolo del browser

Nota

Modifica 'opacheader' se vuoi aggiungere un nome di biblioteca sopra la casella di ricerca nell'OPAC
2.1.10.2.9. NoLoginInstructions
Chiede: Mostra il seguente codice HTML nella form di login nell'OPAC, quando l'utente non è ancora collegato:
Descrizione:
  • Questa preferenza consente di modificare il testo predefinito nella pagina nel Koha OPAC di accesso. L'impostazione predefinita HTML è:
    <h5>Non hai ancora una password?</h5>
    <p> Se non hai una password, chiedila al personale della biblioteca.</p>
    <h5>Non hai la tessera della biblioteca?</h5>
    <p> Se non hai la tessera, chiedila al personale della biblioteca.</p>
    Il codice HTML in questa casella sostituirà il testo posto sotto la casella di login.
Default: Non aggiungere
Chiede: ___ un menù a tendina per la scelta della biblioteca nella sezione masthead dell'OPAC.
Valori:
  • Aggiungi
  • Non aggiungere
2.1.10.2.11. OPACBaseURL
Chiede: L'OPAC è all'indirizzo http:// ___
Descrizione:
  • Questa preferenza è l'URL del tuo catalogo pubblico (OPAC) senza http:// in testa ad esso (indica www.mycatalog.com invece di http://www.mycatalog.com). Una volta che è compilato Koha lo userà per generare link permanenti nei feed RSS, per i pulsanti di condivisione sui social network e nell'interfaccia dello staff quando genera collegamenti ai bib record nell'OPAC.

Importante

Non includere una barra'/' alla fine dell'URL. Questo danneggerebbe i link creati usando questo URL. Esempio: www.google.com e non www.google.com/

Importante

Va riempito con l'URL del tuo catalogo pubblico, per le RSS, unAPI e plugin di ricerca.

Importante

Va riempito con l'URL del tuo catalogo pubblico, per mostrare i link 'Vista nell'OPAC' dei record bibliografici nelle pagine dello staff:
Chiede: Includi il foglio di stile CSS addizionale ___ per sostituire il foglio di stile di default.
Descrizione:
  • La preferenza serve per cercare fogli di stile nella directory dei modelli per la lingua del tuo OPAC, p.es.: /koha-tmpl/opac-tmpl/prog/en/css. Se carichi un tuo file file opac-mystyles.css in questa directory, puoi spoecificarlo scrivendo opac-mystyles.css nella preferenza di sistema opaccolorstylesheet. Il tuo foglio di stile verrà aggiunto a quelli di default dell'OPAC. Questo metodo è preferibile perché i fogli di stile sono conservati nella cache del browser dell'utente, e non dovranno essere scaricati più volte via rete.
  • Se preferisci, puoi caricare il tuo CSS su un altro server e indicarne l'URL completo, che deve iniziare con http://

Nota

Lascia vuoto il campo per disabilitarlo

Nota

Questo file aggiungerà un CSS collegato, ma non sostituirà il CSS di default.
2.1.10.2.13. opaccredits
Chiede: includi il seguente codice HTML nel piè di pagina di tutte le pagine dell'OPAC:

Nota

Fai click sul link 'Click per modificare' per specificare il codice HTML che apparirà a piè di pagina di ogni pagina dell'OPAC
Descrizione:
  • Questa impostazione è usata per i crediti in fondo alle pagine dell'OPAC. I crediti tradizionalmente si riferiscono a copyright, date di ultimo aggiornamento, link o altre informazioni in formato HTML. Si tratta di informazione statica, da aggiornare manualmente.
Altri dettagli si trovano nella sezione OPAC Editable Regions.
2.1.10.2.14. OpacCustomSearch
Chiede: Sostituisci la casella di ricerca in testa alle pagine dell'OPAC con il seguente codice HTML
Descrizione:
  • Questa preferenza ti permette di sostituire la casella di ricerca di default in testa alle pagine dell'OPAC:
    con il codice HTML che preferisci:
Default: né nei dettagli né nella pagina dei risultati
Chiede: Visualizza l'URI del campo 856$u come immagine in: ___
Valori:
  • Sia i risultati sia le pagine dei dettagli
    • Importante

      Non ancora implementato
  • Solo nella pagina dei dettagli
  • Né nella pagina dei dettagli né nei risultati
  • Solo risultati
    • Importante

      Non ancora implementato
Descrizione:
  • Oltre all'impostazione di questa preferenza, va attivata la corrispondente opzione XSLT. Inoltre il campo 856$q deve contenere la corretta estensione dell'immagine (es. jpg) o il MIME type dell'immagine (es. che inizi con "image/"), o il generico indicatore "img". Quando tutti i requisiti sono soddisfatti, un file immagine può essere visualizzato al posto del link testuale. Cliccando sull'immagine, verrà aperta allo stesso modo del click sul link testuale. Il click sull'immagine la aprirà alla sua massima dimensione, nella finestra corrente o in una nuova, in base alla preferenza di sistema OPACURLOpenInNewWindow.
2.1.10.2.16. OpacExportOptions
Default:
Chiede: Elenca le opzioni di esportazione da rendere disponibili nella pagina dei dettagli dell'OPAC: ___
Descrizione:
  • Nel OPAC sulla destra di ogni record bibliografico c'è un menu che consente di salvare il record in vari formati. Questa patch consente di definire quali sono le opzioni nel menu a tendina. Le opzioni disponibili sono: BIBTEX (bibtex), Dublin Core (dc), MARCXML (marcxml), MARC-8 codificati MARC (marc8), MARC (utf8) codificati Unicode/UTF-8, Unicode/UTF-8 codificati MARC senza campi e sottocampi locali - 9xx, x9x, xx9- (marcstd), MODS (mods) e RIS (ris).
2.1.10.2.17. OPACFallback
Default: bootstrap
Chiede: Utilizzare il tema ___ come tema di default sull'OPAC.
Descrizione:
  • Questa preferenza non ha alcun uso in questo momento, dato che Koha ha un solo tema, ma se la biblioteca ha un tema personalizzato, verrà mostrato qui come opzione. Lo scopo di questa preferenza è quello di fornire un modo per scegliere quale tema di ripiego quando avete impostato un tema parziale.
2.1.10.2.18. OpacFavicon
Chiede. Usa l'immagine che si trova in ___ come icona (favicon) dell'OPAC.

Importante

Deve essere un URL completo, che inizia con http://

Nota

Trasforma il tuo logo in icona (favicon) con il Favicon Generator.
Descrizione:
  • L'icona (Favicon) è la piccola immagine che appare accanto all'URL nella barra degli indirizzi di quasi tutti i browser. Il default (se lasci in bianco il campo) è la piccola 'K' del logo di Koha.
2.1.10.2.19. opacheader
Chiede: Includere il seguente codice HTML nell'intestazione di tutte le pagine del OPAC

Nota

Questo valore viene visualizzato sopra il contenuto principale della pagina

Nota

Modifica ' LibraryName ' se si desidera modificare il contenuto del tag <title>
Altri dettagli si trovano nella sezione OPAC Editable Regions.
OpacHighlightedWords Default: Non evidenziare
NotHighlightedWords Default: and|or|not
Chiede: ___ le parole cercate dall'utente nei risultati di ricerca e pagine di dettaglio. Per evitare che certe parole siano evidenziate, inserire una lista di parole non significative qui ___ (colonne separate con |)
Valori di OpacHighlightedWords:
  • Non evidenziare
  • Evidenzia
2.1.10.2.21. OpacKohaUrl
Default: Non mostrare
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Quando questa preferenza è impostata su 'Visualizza' il testo apparirà nella parte inferiore destra del piè di pagina OPAC affermando 'Powered by Koha' e comprendendo il collegamento al sito ufficiale di Koha.
2.1.10.2.22. opaclayoutstylesheet
Default: opac.css
Chiede: Usa il foglio di stile CSS /css/ ___ in tutte le pagine dell'OPAC, al posto di quello di default
Descrizione:
  • La funzione di questa impostazione è puntare al file .css * utilizzato per definire il layout OPAC. Un file *.css è un foglio di stile a cascata che viene utilizzato in combinazione con il linguaggio HTML per impostare la formattazione della pagina HTML e avrà effetto sull'OPAC. Ci sono due fogli di stile che vengono con il sistema; opac.css e opac2.css. Un foglio di stile personalizzato può essere utilizzato al loro posto. I fogli di stile elencate nella preferenza opaclayoutstylesheet sono sul server Koha.

Nota

Lasciare vuoto questo campo per disattivarla e consentire a Koha invece di utilizzare il file predefinito

Importante

Utilizzando un valore personalizzato in questa preferenza fa sì che Koha ignori completamente il foglio di stile di layout predefinito.
Predefinita: biblioteca che lo possiede
Chiede: Visualizzare il ___ per le copie nella pagina dettagli del record nell'OPAC.
Valori:
  • la biblioteca che possiede la copia
  • sia la biblioteca che possiede la copia, sia la biblioteca in cui si trova adesso la copia
  • la propria biblioteca
Descrizione:
  • Definisce se visualizzare la biblioteca che possiede adesso la copia, la biblioteca a cui appartiene, o entrambe nella pagina dei dettagli dell'OPAC.
Predefinita: biblioteca che lo possiede
Chiede: Visualizza la posizione a scaffale sotto il ___ per le copie sulla pagina dei dettagli dei record OPAC.
Valori:
  • la biblioteca che possiede la copia
  • sia la biblioteca che possiede la copia, sia la biblioteca in cui si trova adesso la copia
  • la propria biblioteca
Descrizione:
  • Definisce dove deve essere visualizzata la posizione scaffalature, sotto la biblioteca di appartenenza, sotto la biblioteca che ha adesso la copia, o entrambe.
2.1.10.2.25. OpacMaintenance
Default: Non mostrare
Chiede: ___ un avviso che l'OPAC è in manutenzione, al posto dell'OPAC stesso.

Nota

questo mostra lo stesso avviso di quando il database deve essere aggiornato, ma senza condizioni.
Descrizione:
  • Questa preferenza consente all'amministratore di sistema di disattivare l'OPAC durante la manutenzione e visualizzare un messaggio agli utenti. Se questa preferenza è impostata su "Visualizza" allora l'OPAC non è utilizzabile. Il testo di questo messaggio non è modificabile in questo momento.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
    • Se questa preferenza è impostata su mostrare il messaggio di manutenzione, la possibilità di effettuare ricerche nell'OPAC è disattivata e viene visualizzato un messaggio
2.1.10.2.26. OpacMainUserBlock
Default: Benvenuto in Koha... <hr>
Chiede: Mostra il seguente codice HTML nella sua colonna nella homepage dell'OPAC
Descrizione:
  • Il codice HTML inserito qui apparirà nel centro della homepage dell'OPAC
Altri dettagli si trovano nella sezione OPAC Editable Regions.
2.1.10.2.27. OpacMaxItemsToDisplay
Default: 50
Chiede: Visualizza fino a ___ copie nella pagina dei dettagli di un record
Descrizione:
  • Questa preferenza aiuterà in caso di tempi di caricamento lenti delle pagine di dettaglio dei record bibliografici limitando il numero di copie da visualizzare. Se il record bibliografico ha più copie di questo numero, viene visualizzato un collegamento che permette all'utente di scegliere di visualizzare tutti le copie.
2.1.10.2.28. OPACMySummaryHTML
Chiede: Includere una colonna "Collegamenti" nella scheda "la mia sintesi" quando un utente è connesso all'OPAC, con il seguente codice HTML (lasciare vuoto per disabilitare).
Descrizione:
  • In questa preferenza è possibile inserire codice HTML che verrà visualizzato nella scheda 'Prestiti in corso' nella sezione 'Mio Sommario' quando l'utente è collegato all'OPAC. I segnaposto {BIBLIONUMBER}, {title}, {ISBN} e {AUTORE} verranno sostituiti con le informazioni dal record visualizzato. Questi possono essere usati nei collegamenti a reti sociali o generare le ricerche su altri cataloghi di biblioteche.
Dati di esempio:
<p><a href="http://www.facebook.com/sharer.php?u=http://YOUROPAC.ORG/cgi-bin/koha/opac-detail.pl?biblionumber={BIBLIONUMBER}">Condividi su Facebook</a>
<br />TITLE: {TITLE}
<br />AUTHOR: {AUTHOR}
<br />ISBN: {ISBN}
<br />BIBLIONUMBER: {BIBLIONUMBER}</p>
2.1.10.2.29. OPACMySummaryNote
Chiede: Nota da visualizzare nella pagina di riepilogo dell'utente.
Descrizione:
  • Questa preferenza visualizzerà del testo sopra riassunto dell'utente e sotto il messaggio di benvenuto quando l'utente si collega all'OPAC e visualizza la sua scheda 'Riepilogo'.
2.1.10.2.30. OpacNav
Valore predefinito: Link importanti qui.
Chiede: mostra il seguente codice HTML nella colonna di sinistra della pagina principale e nella pagina dell'account utente sull'OPAC (generalmente link di navigazione)
Altri dettagli si trovano nella sezione OPAC Editable Regions.
2.1.10.2.31. OpacNavBottom
Chiede: Mostra il seguente codice HTML nella colonna di sinistra della pagina principale e di account utente sull'OPAC, dopo OpacNav , e prima dei link all'account utente, se disponibili:
Descrizione: quando un utente è connesso al proprio account vede una serie di schede con cui accedere ai propri dati di account. OpacNav appare sopra questo elenco di schede e apparirà OpacNavBottom sotto. Fuori dalle pagine di account, il codice HTML in OpacNavBottom apparirà subito sotto OpacNav.
2.1.10.2.32. OpacNavRight
Chiede: Visualizza il seguente codice HTML nella colonna di destra della homepage, sotto la form di login.
Descrizione: il codice HTML inserito in questa preferenza apparirà sul lato destro dell'OPAC sotto la form di login. Se la form di login non è visibile questo contenuto si sposta sulla colonna di destra.
2.1.10.2.33. OPACNoResultsFound
No Default
Chiede: Mostra questo codice HTML quando la ricerca nell'OPAC non dà risultati
Questo codice HTML verrà visualizzato sotto l'avviso esistente che non sono stati trovati risultati per la tua ricerca.

Nota

È possibile inserire il segnaposto {QUERY_KW} che verrà sostituito con le parole chiave della query.
2.1.10.2.34. OpacPublic
Default: Attiva
Chiede: ___ l'OPAC di Koha come pubblico. L'OPAC privato richiede autenticazione per essere acceduto.
Valori:
  • Non attivare
  • Attiva
Descrizione:
  • Questa preferenza determina se il tuo OPAC è accessibile e consultabile da chiunque o solo dai membri della biblioteca. Su 'Non consentire' solo i membri che hanno eseguito il login all'OPAC potranno cercare. La maggior parte delle biblioteche lascia questa impostazione al suo valore predefinito di 'Abilita' per consentire a chiunque di accedere all'OPAC e richiedono solo di login per l'accesso a contenuti personalizzati.
2.1.10.2.35. OPACResultsSidebar
Chiede: Includere il seguente codice HTML sotto le faccette nei risultati di ricerca OPAC
Descrizione:
  • Il codice HTML inserito in questa preferenza apparirà sulle pagine dei risultati di ricerca sotto l'elenco delle faccette sul lato sinistro dello schermo.
2.1.10.2.36. OPACSearchForTitleIn
Default: <li><a href="http://worldcat.org/search?q={TITLE}" target="_blank">Other Libraries (WorldCat)</a></li> <li><a href="http://www.scholar.google.com/scholar?q={TITLE}" target="_blank">Other Databases (Google Scholar)</a></li> <li><a href="http://www.bookfinder.com/search/?author={AUTHOR}&title={TITLE}&st=xl&ac=qr" target="_blank">Online Stores (Bookfinder.com)</a></li>
Chiede: Includere una casella "Altre Ricerche" nelle pagine di dettaglio delle copie nell'OPAC, con il seguente codice HTML (lasciare vuoto per disabilitare)

Nota

I segnaposto {BIBLIONUMBER}, {CONTROLNUMBER}, {TITLE}, {ISBN}, {ISSN} e {AUTHOR} verranno sostituiti con le informazioni del record visualizzato.
OpacSeparateHoldings default: Non separare
Default di OpacSeparateHoldingsBranch: biblioteca dell'utente
Chiede: ___ le copie in due sezioni, la prima contiene le copie appartenenti alla biblioteca ___. La seconda sezione conterrà tutte le altre.
Valori di OpacSeparateHoldings:
  • Non separare
  • Separare
Valori di OpacSeparateHoldingsBranch:
  • la biblioteca che possiede la copia
  • la propria biblioteca
Descrizione:
  • Questa preferenza consente di decidere se si desidera avere le informazioni di holding nella pagina dei dettagli bibliografica suddivisi su più schede. L'impostazione predefinita è di mostrare tutti gli holding in una scheda.
2.1.10.2.38. OPACShowBarcode
Default: Non mostrare
Chiede: ___ il codice a barre della copia nella scheda degli holding.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Questa preferenza consente di controllare se gli utenti possono vedere i codici a barre delle copie nell'OPAC.
2.1.10.2.39. OPACShowCheckoutName
Default: Non mostrare
Chiede: ___ il nome dell'utente che la una copia in prestito sulle pagine di dettaglio dell'OPAC.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Questa preferenza consente a tutti gli utenti vedere chi ha una copia in prestito. In piccole biblioteche aziendali (dove l'OPAC è dietro un firewall e non pubblicamente visibile) questo può essere utile così i colleghi possono contattare il l'utente. In grandi biblioteche pubbliche e accademiche, se è impostato su 'Visualizza' potrebbe causare problemi di privacy.
Default: Non mostrare alcun dettaglio di prenotazione
Chiede: ___ gli utenti nell'OPAC.
Valori:
  • Non mostrare alcun dettaglio di prenotazione
  • Mostra le copie
  • Mostra le prenotazioni e il livello di priorità
  • Mostra il livello di priorità
Default: Non mostrare
Chiede: ___ un link ai commenti recenti nella sezione masthead dell'OPAC.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Se si è scelto di consentire i commenti nel tuo OPAC impostando reviewson su 'Consenti', con questa preferenza è possibile includere un collegamento per i commenti recenti sotto la casella di ricerca nella parte superiore dell'OPAC.
Default: Mostra
Chiede: ___ i record di autorità inutilizzati nell'OPAC.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
    • Importante

      Richiede che la preferenza OpacAuthorities sia impostata a 'Permetti'
Descrizione:
  • Quando un utente cerca tra i record di autorità, può visualizzare anche record del tuo sistema che non sono collegati a record bibliografici. Questa preferenza ti permette di determinare il comportamento di default durante la ricerca nell'OPAC. Se scegli 'Non mostrare', l'utente vedrà solo i record di autorità collegati a record bibliografici. Altrimenti vedrà anche record di autorità non collegati a record bibliografici.
2.1.10.2.43. OpacStarRatings
Default: no
Chiede: Mostra le valutazioni a stelle sulle pagine ___.
Valori:
  • no
  • solo dettagli
  • risultati e dettagli
Descrizione:
  • Il punteggio a stelle è un modo per vostri utenti di votare senza dover lasciare una recensione completa. Gli utenti che non sono collegati saranno solo in grado di vedere le stelle, ma una volta collegati possono cliccare sulle stelle nella pagina dei dettagli per esprimere il proprio voto. Cliccare sulle stelle sui risultati della ricerca non costituirà un voto.
Default: Mostra
Chiede: ___ il nome del membro del personale che ha gestito un suggerimento nell'OPAC.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Se permetti agli utenti di effettuare suggerimenti di acquisto allora essi vedranno la scheda 'miei suggerimenti "dopo essersi collegati. Questa scheda mostra all'utente quale bibliotecario ha approvato o respinto la proposta di acquisto. Questa preferenza controlla se l'utente vede il nome del bibliotecario o meno.
2.1.10.2.45. opacthemes
Default: bootstrap
Chiede: Usa il tema ___ nell'OPAC.
Valori:
  • bootstrap
    Questo tema è completamente sensibile al dispositivo di visualizzazione
Predefinito: non tentare
Chiede: Quando l'utente fa clic su un collegamento a un altro sito web dal tuo OPAC (come Amazon o OCLC), ___ il sito in una nuova finestra.
Valori:
  • tenta
  • non attivare
Descrizione:
  • Questa preferenza determina se gli URL nell'OPAC si aprono in una nuova finestra o no. Quando si clicca su un link nell'OPAC, un utente non ha bisogno di preoccuparsi di uscire dai risultati della ricerca.
2.1.10.2.47. OPACUserCSS
Chiede: Includere il seguente codice CSS su tutte le pagine nell'OPAC
Descrizione:
  • OPACUserCSS allows the administrator to enter styles that will overwrite the OPAC's default CSS as defined in 'opaclayoutstylesheet' or 'opacstylesheet'. Styles may be entered for any of the selectors found in the default style sheet. The default stylesheet will likely be found at http://your_koha_address/opac-tmpl/bootstrap/css/opac.css. Unlike OpacAdditionalStylesheet and opaclayoutstylesheet this preference will embed the CSS directly on your OPAC pages.
2.1.10.2.48. opacuserjs
Chiede: Includere il seguente codice JavaScript su tutte le pagine nell'OPAC
Descrizione:
  • Questa preferenza consente all'amministratore di inserire codice JavaScript o JQuery che verrà incorporato in tutte le pagine di OPAC. Gli amministratori possono utilizzare questa preferenza per personalizzare alcune sezioni interattive di Koha, personalizzare il testo per la richiesta di accesso, ecc. Esempi di JQuery utilizzabili in Koha possono essere trovati sul wiki: http://wiki.koha-community.org/wiki/JQuery_Library.
Default: default
Chiede: Mostra la pagina di dettagli dell'OPAC usando il foglio di stile XSLT ___
Valori:
  • lasciare vuoto per non usare il foglio XSLT
    • Nelle versioni precedenti di Koha questa era l'impostazione con la scritta 'normalmente'
  • indica 'default' per usare il default
  • inserire un percorso per indicare un file XSLT
    • es: /path/to/koha/and/your/stylesheet.xsl
    • In un sistema multi-lingua, è possibile immettere {langcode} nel percorso per dire a Koha di cercare nella cartella relativa alla lingua
      • es: /home/koha/src/koha-tmpl/opac-tmpl/bootstrap/{langcode}/xslt/MARC21slim2OPACDetail.xsl
      • es. http://mykohaopac.org/{langcode}/stylesheet.xsl
  • indica un URL di un foglio di stile esterno
    • es: http://mykohaopac.org/stylesheet.xsl
Descrizione:
  • I fogli di stile XSLT permettono la personalizzazione dei dettagli durante la visualizzazione di un record bibliografico. Questa preferenza permetterà di usare la vista predefinita fornita con Koha o di usare un proprio foglio di stile.
Default: default
Chiede: Visualizzare i risultati nell'OPAC utilizzando il foglio di stile XSLT ___
Valori:
  • lasciare vuoto per non usare il foglio XSLT
    • Nelle versioni precedenti di Koha questa era l'impostazione con la scritta 'normalmente'
  • indica 'default' per usare il default
  • inserire un percorso per indicare un file XSLT
    • es: /path/to/koha/and/your/stylesheet.xsl
    • In un sistema multi-lingua, è possibile immettere {langcode} nel percorso per dire a Koha di cercare nella cartella relativa alla lingua
      • es: /home/koha/src/koha-tmpl/opac-tmpl/bootstrap/{langcode}/xslt/MARC21slim2OPACResults.xsl
      • es. http://mykohaopac.org/{langcode}/stylesheet.xsl
  • indica un URL di un foglio di stile esterno
    • es: http://mykohaopac.org/stylesheet.xsl
Descrizione:
  • I fogli di stile XSLT permettono la personalizzazione dei dettagli durante la visualizzazione dei risultati della ricerca. Questa preferenza permetterà di usare la vista predefinita fornita con Koha o di usare un proprio foglio di stile.

2.1.10.3. Caratteristiche

2.1.10.3.1. numSearchRSSResults
Default: 50
Chiede: Mostra ___ risultati nel feed RSS.
Descrizione:
  • Per impostazione predefinita, il feed RSS che viene generato automaticamente per ogni ricerca nella pagina dei risultati vengono elencati 50 elementi. Questo a volte può essere troppo per alcuni lettori di feed RSS e per alcune persone questo non è sufficiente. Questa preferenza permette di regolare questo numero per mostrare il numero di risultati adatto ai vostri utenti.
Predefinito: Non mostrare
Chiede: ___ i dettagli dell'acquisizione nelle pagine dei dettagli dell'OPAC.
Valori:
  • Visualizza
  • Non mostrare
Descrizione:
  • Questa preferenza mostra agli utenti quante copie sono in fase di acquisto nella scheda Holdings se avete la AcqCreateItem impostato a 'catalogazione record'
2.1.10.3.3. OpacAuthorities
Default: Permetti
Chiede: ___ agli utenti di effettuare ricerche sui record di autorità.
Descrizione:
  • Questa preferenza visualizza il link sull'OPAC per la ricerca dell'autorità. Impostando la preferenza a "Consenti" l'utente può utilizzare questo link sull'OPAC.
Valori:
  • Permetti
    • Un collegamento con l'etichetta 'Ricerca Autorità' apparirà sulla parte superiore del vostro OPAC sotto la casella di ricerca
  • Non permettere
2.1.10.3.4. opacbookbag
Default: Permetti
Chiede: ___ agli utenti di memorizzare i record in un "carrello" temporaneo sull'OPAC.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di memorizzare temporaneamente un elenco di record trovati sul catalogo. Usando il carrello dei libri, l'utente può stampare o spedire via e-mail un gruppo di record. L'utente non deve essere registrato. Questo elenco è temporaneo e verrà svuotato, o eliminato, al termine della sessione!
2.1.10.3.5. OpacBrowser

Importante

Questa preferenza si applica solo ai sistemi francesi in questo momento.
Default: Non permettere
Chiede: ___ agli utenti di i record di autorità dei soggetti nell'OPAC
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere

Importante

esegui il cron job Autorità Browser per creare l'elenco dei soggetti
2.1.10.3.6. OpacBrowseResults
Default: attiva
Chiede: ___ navigazione e paginazione dei risultati di ricerca della pagina di dettaglio OPAC.
Valori:
  • disattiva
  • attiva
Descrizione:
  • Questa preferenza controllerà l'opzione per tornare ai risultati e / o scorrere dalla pagina dettaglio nel OPAC.
2.1.10.3.7. OpacCloud

Importante

Questa preferenza si applica solo ai sistemi francesi in questo momento.
Default: Non mostrare
Chiede: ___ la nuvola dei soggetti nell'OPAC
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra

Importante

esegui il cron job Autorità Browser per creare l'elenco dei soggetti
2.1.10.3.8. OPACFinesTab
Default: Permetti
Chiede: ___ agli utenti di accedere alla scheda delle Multe nella pagina MyAccount dell'OPAC.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
2.1.10.3.9. OpacHoldNotes
Valore predefinito: Non permettere
Chiede: ___ agli utenti di aggiungere una nota quando fanno una prenotazione.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
2.1.10.3.10. OpacItemLocation
Default: solo la segnatura
Chiede: Visualizza ___ per le copie sui risultati della ricerca OPAC.
Valori:
  • solo la segnatura
  • codice di collezione
  • posizione
Descrizione:
  • Questa impostazione consente agli utenti del OPAC che vedono i risultati tramite foglio di stile XSLT di scegliere di visualizzare il codice di collezione o la posizione in aggiunta alla segnatura.
2.1.10.3.11. OpacPasswordChange
Default: Permetti
Chiede: ___ agli utenti di cambiare la propria password tramite l'OPAC.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere

Importante

L'attivazione interromperà l'autenticazione LDAP.
2.1.10.3.12. OPACPatronDetails
Default: Permetti
Chiede: ___ agli utenti di notificare la biblioteca di modifiche alle loro informazioni di contatto dal OPAC.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Se gli utenti sono autorizzati a notificare alla biblioteca le modifiche al proprio account, il personale poi dovrà approvare le modifiche tramite l'interfaccia dello staff. Notifica delle richieste degli utenti apparirà sulla dashaboard sotto l'elenco dei moduli con altre azioni in corso.
    Una volta cliccata la notifica ti verranno presentati i cambiamenti che l'utente vorrebbe fare al proprio account e da lì si può scegliere come procedere.

    Nota

    È possibile controllare quali campi gli utenti vedono e potranno modificare tramite l'OPAC impostando le preferenze PatronSelfRegistrationBorrowerMandatoryField e PatronSelfRegistrationBorrowerUnwantedField .
2.1.10.3.13. OPACpatronimage
Default: Non mostrare
Chiede: ___ le foto dell'utente nella pagina informazioni dell'utente nell'OPAC.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Se patronimages è impostato per consentire il caricamento delle immagini degli utenti tramite il client dello staff, allora impostare questa preferenza su 'mostrare' mostrerà all'utente quale sua immagine avete salvato quando visualizza le informazioni personali sul loro account nell'OPAC.
Predefinito: Non mostrare
Chiede: ___ l'elenco degli autori/argomenti in un popup per una ricerca combinata nelle pagine di dettaglio dell'OPAC.
Valori:
  • Visualizza
    • Importante

      Questo visualizzerà il popup solo se non si utilizza un foglio di stile XSLT. Modifica il tuo OPACXSLTDetailsDisplay per scoprire quale foglio di stile stai usando.
  • Non mostrare
    • Autori e soggetti verranno visualizzati come link di ricerca invece di menù a tendina.
Descrizione:
  • Se questa preferenza è impostata su 'Display', un clic su un soggetto o autore dalla pagina dei dettagli nel OPAC presenterà al ricercatore una finestra pop-up. Da questo dialogo è possibile spuntare uno qualsiasi dei soggetti o degli autori e cercarli tutti in una volta facendo clic su 'Cerca' nella parte inferiore del pop-up. Il comportamento predefinito di Koha è cercare solo l'autore o il soggetto su cui si fa clic.
2.1.10.3.15. OpacTopissue
Default: Non permettere
Chiede: ___ agli utenti di accedere a una lista delle copie più prestate sull'OPAC.
Valori:
  • Permetti
    • Verrà mostrato un link 'Più popolari' in testa all'OPAC
  • Non permettere
Descrizione:
  • Questa preferenza permette all'amministratore di scegliere se mostrare il link 'Più popolari' sull'OPAC, sotto la casella di ricerca. La pagina "Più popolari" mostra i libri più prestati dalla biblioteca, in base al numero di volte in cui sono stati prestati. Questo permette all'utenza di vedere cosa viene letto più spesso. Si raccomanda di lasciare questa preferenza su 'Non permettere' fino ad avere fatto funzionare Koha per alcuni mesi, altrimenti i dati non saranno significativi.
2.1.10.3.16. opacuserlogin
Default: Permetti
Chiede: ___ agli utenti di effettuare il login nell'OPAC.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
    • L'OPAC sarà sempre accessibile, ma agli utenti non sarà permesso accedere tramite credenziali.
2.1.10.3.17. QuoteOfTheDay
Default: Disattivare
Chiede: ___ la citazione del giorno sulla home page dell'OPAC
Valori:
  • Disabilita
  • Attiva
Descrizione:
  • Questa funzione vi permetterà di inserire una serie di citazioni che appariranno sulla homepage dell'OPAC in ordine casuale. Per aggiungere/modificare le citazioni, visitare Editor delle citazioni del giorno sotto Strumenti.
2.1.10.3.18. RequestOnOpac
Default: Permetti
Chiede: ___ agli utenti di prenotare copie dall'OPAC.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
2.1.10.3.19. reviewson
Default: Permetti
Chiede: ___ agli utenti di postare commenti sulle copie nell'OPAC.
Valori:
  • Permetti
    • I commenti e le recensioni degli utenti richiedono una moderazione prima di comparire nell'OPAC
    • opacuserlogin deve essere impostata a 'Permetti'
  • Non permettere
Descrizione:
  • Questo pulsante permette agli utenti di inviare osservazioni tramite l'OPAC sui libri che hanno letto. Se questa preferenza è impostata su "Consenti" le recensioni prima vengono inviate al client dello staff per l'approvazione, prima che la revisione sia visualizzata sull'OPAC. La persona dello staff che esamina e approva i commenti trova i commenti in sospeso nello strumento di commenti. La persona dello staff può quindi scegliere di approvare o eliminare i commenti.
2.1.10.3.20. ShowReviewer
Default: nome e cognome
Chiede: Visualizza il ___ del commentatore con i commenti in OPAC.
Valori:
  • nome
  • nome e iniziale del cognome
  • nome e cognome
  • cognome
  • nulla
  • username
Descrizione:
  • Se si desidera proteggere la privacy dei vostri utenti nell'OPAC, è possibile scegliere di nascondere i loro nomi o parti dei loro nomi dai commenti che lasciano sul record nel vostro sistema. Ma anche la preferenza reviewson deve essere impostata su 'Consenti'.
2.1.10.3.21. ShowReviewerPhoto
Default: Mostra
Chiede: ___ la foto del commentatore accanto al commento nell'OPAC.
Valori:
  • Nascondi
  • Mostra
    • questa preferenza funziona se reviewson è impostata a 'Permetti' e ShowReviewer è impostata a 'Mostra'
Descrizione:
  • Questa preferenza di sistema consente di mostrare avatar accanto al commento del patrono in OPAC librerie. Questi avatar sono presi dalla biblioteca Libravatar, un prodotto open source che permette agli utenti di Internet di scegliere una piccola icona da visualizzare accanto al loro nome su vari siti web differenti. La biblioteca non ha alcun controllo sulle immagini che l'utente sceglie di visualizzare.
2.1.10.3.22. SocialNetworks
Default: Disattivare
Chiede: ___ i link a reti sociali nella pagina dei dettagli dell'OPAC
Valori:
  • Disabilita
  • Attiva
Descrizione:
  • Questa preferenza consentirà una riga di pulsanti di condivisione sulle reti sociali sotto la colonna a destra nelle pagine di dettaglio dei record nell'OPAC.

Importante

Per il buon funzionamento di questi pulsanti di condivisione sulle reti sociali, devi avere definito la preferenza OPACBaseURL.
2.1.10.3.23. Suggerimento
Default: Permetti
Chiede: ___ agli utenti di suggerire acquisti dall'OPAC.
Valori:

2.1.10.4. Politica

Default: Non permettere
Chiede: ___ agli utenti di selezionare una biblioteca quando effettuano un suggerimento di acquisto
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Se il vostro sistema consente agli utenti di fare suggerimenti di acquisto per una biblioteca specifica, è possibile impostare questa preferenza su 'Consenti' per aggiungere un'opzione di selezione della biblioteca nel modulo di proposta di acquisto.
Default: Non bloccare
Chiede: ___ utenti con tessera scaduta dall'effettuare azioni nell'OPAC quali prenotare o rinnovare.
Valori:
  • Blocca
  • Non bloccare
Descrizione:
  • Questa preferenza consente di impostare un valore predefinito per come Koha gestisce le autorizzazioni per gli utenti che sono scaduti. Questa preferenza può essere sovrascritta dall'impostazione categorie individuali utente.
Default: Permetti
Chiede: ___ gli utenti di creare liste pubbliche nell'OPAC
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Le liste pubbliche sono visibili a chiunque visiti il tuo OPAC. Con questa preferenza è possibile controllare se gli utenti possono creare questi liste pubbliche. Se è impostata su "Non consentire", solo il personale sarà in grado di creare liste pubbliche.

Importante

Questa preferenza sarà tenuta in conto se avete impostato virtualshelves su 'Consenti'
Default: Non permettere
Chiede: ___ agli utenti dell'OPAC di condividere liste private con altri utenti.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Questa funzionalità permetterà agli utenti di condividere le loro liste con altri utenti. Quando questa è impostato su 'Consenti' gli utenti vedranno un link di condivisione in cima alla loro lista. Quando fanno clic su tale collegamento, verrà chiesto l'e-mail dell'utente con cui vorranno condividere la lista. Koha invierà quindi all'utente un invito di visualizzare la lista.
2.1.10.4.5. OPACFineNoRenewals
Default: 99999
Chiede: Permetti agli utenti di rinnovare i loro prestiti solo se hanno multe inferiori a ___ dollari

Nota

Lasciare il campo in bianco per disabilitare.

Importante

Per permettere i rinnovi nell'OPAC, opacuserlogin deve essere impostato a 'permetti'
2.1.10.4.6. OpacHiddenItems
Chiede: Permette di impostare regole personalizzate per nascondere specifiche copie nell'OPAC.

Nota

Vedi docs/opac/OpacHiddenItems.txt nella tua directory di installazione di Koha per avere ulteriori informazioni
Descrizione:
  • In questo campo è possibile immettere i criteri per le copie che si desidera nascondere nell'OPAC. Questo campo accetta qualsiasi combinazione di campi di copia (dalla tabella items nel database di Koha) per il blocco. Ad esempio un valore di:
    itype: [07, 10]
    location: [STAFF, ISO]
    bloccherà oggetti con un codice di itype 07 o 10 nonché le copie che hanno posizione a scaffale STAFF o ISO.
    Nelle copie items.itype 07 è definito come 'Assegnato allo Staff', items.itype 10 è 'Copia di archivio'. Le localizzazioni 'STAFF' e 'ISO' sono valori autorizzati della lista LOC. STAFF significa assegnato alla sezione riservata al personale, ISO invece è la sezione posta in isolamento.
2.1.10.4.7. OpacRenewalAllowed
Default: Non permettere
Chiede: ___ agli utenti di rinnovare i propri prestiti sull'OPAC.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
    • Il personale sarà ancora in grado di rinnovare i prestiti per gli utenti tramite il client di personale
Descrizione:
  • Questa preferenza consente all'amministrazione di scegliere se gli utenti possono rinnovare i loro prestiti tramite la cronologia prestiti nell'OPAC. Consente agli utenti di rinnovare senza dover tornare o contattare la biblioteca.
2.1.10.4.8. OpacRenewalBranch
Default: la biblioteca dove fu registrato il prestito
Chiede: Utilizzare ___ come codice di biblioteca da memorizzare nella tabella delle statistiche
Valori:
  • NULL
  • 'OPACRenew'
  • la biblioteca che possiede la copia
  • la biblioteca dove è iscritto l'utente
  • la biblioteca dove fu registrato il prestito
Descrizione:
  • Questo valore viene utilizzato nella tabella delle statistiche per facilitare la reportistica. La tabella delle statistiche in Koha tiene traccia di tutti i prestiti e rinnovi; questa preferenza definisce quale biblioteca è iscritta alla tabella quando un utente rinnova una copia per se stesso tramite l'OPAC.
Default: Non mostrare
Chiede: ___ suggerimenti di acquisto da altri utenti sull'OPAC.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
2.1.10.4.10. SearchMyLibraryFirst
Default: Non limitare
Chiede: ___ le ricerche degli utenti alla biblioteca in cui sono registrati.
Valori:
  • Non limitare
    • Cercando sull'OPAC, verranno mostrati i risultati di tutte le biblioteche
    • Se sei un sistema con più biblioteche, scegli 'Non limitare'
  • Limitare
    • Gli utenti saranno ancora in grado di cercare su altre biblioteche attraverso la pagina di ricerca avanzata - la ricerca sarà limitata alla loro biblioteca solo dalla casella di ricerca semplice
    • opacuserlogin deve essere impostata a 'Permetti'
2.1.10.4.11. singleBranchMode
Default: Non permettere
Chiede: ___ agli utenti di selezionare la propria biblioteca nell'OPAC.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Questa preferenza è per le biblioteche che hanno filiali, ma non vogliono condividere le loro copie con le altre filiali nel loro sistema. Se la preferenza è impostata su "Non consentire" gli holdings saranno mostrati per tutte le biblioteche all'interno del sistema. Nella schermata "Home" dell'OPAC gli utenti potranno limitare i risultati per posizione della copia. L'impostazione di questa preferenza su "Consenti" visualizzerà solo gli holdings di una filiale.

2.1.10.5. Privacy

2.1.10.5.1. AnonSuggestions
Default: Non permettere
Chiede: ___ agli utenti che non sono connessi di inoltrare proposte d'acquisto.

Importante

Se impostata a 'Permetti', i suggerimenti sono collegati a AnonymousPatron
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
2.1.10.5.2. AnonymousPatron
Default: 0
Chiede: Utilizzare ___ come borrowernumber per l'utente Anonimo (per suggerimenti anonimi e cronologia di lettura)

Nota

Prima di impostare questa preferenza creare un utente da utilizzare per tutte le proposte di acquisto anonime e/o elementi della cronologia di lettura. Questo utente può essere di qualsiasi tipo e dovrebbe essere chiamato con un nome che rifletta chiaramente la sua funzione (es. utente anonimo).

Importante

Ricordatevi di usare borrowernumber e non cardnumber per questo valore. Il borrowernumber si trova sul record dell'utente sotto 'Uso biblioteca' sulla destra.
Default: Non conservare
Chiede: ___ cronologia delle ricerche dell'utente nell'OPAC.
Valori:
  • Non mantenere
  • Mantieni
2.1.10.5.4. OPACPrivacy
Default: Non permettere
Chiede: ___ agli utenti di scegliere le proprie impostazioni di privacy per la loro cronologia di lettura.

Importante

Ciò richiede opacreadinghistory impostato su 'Consenti' e AnonymousPatron impostata sul borrowernumber del vostro utente anonimo.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • L'impostazione di privacy predefinita per ogni categoria utente può essere impostata nell'area categorie utenti. Se si imposta questa preferenza su 'consentire', gli utenti possono cambiare da soli tramite l'OPAC.
2.1.10.5.5. opacreadinghistory
Default: Permetti
Chiede: ___ agli utenti di vedere quali libri hanno preso in prestito in passato.

Importante

L'attivazione di questa preferenza farà in modo che gli utenti possano visualizzare la propria cronologia di circolazione nell'OPAC a meno che OPACPrivacy sia impostata su 'Consenti'.

Importante

Questo dati vengono memorizzati nel sistema indipendentemente dalla tua scelta, a meno che i tuoi utenti hanno scelto di non salvare mai la cronologia di lettura.
2.1.10.5.6. TrackClicks
Default: Non tracciare
Chiede: ___ link su cui gli utenti fanno clic.
Valori:
  • Non tracciare
  • Tracciare
  • Tracciare in modo anonimo
Descrizione:
  • Impostando questa preferenza su una delle opzioni di tracciamento, permetterai a Koha di tenere traccia di ogni link cliccato in Koha. Questi dati saranno memorizzati in una tabella di database in modo che sarà possibile eseguire report sulla base di questi dati. Se si sceglie di 'Tenere traccia' dei click, Koha registrerà sia il link cliccato sia l'utente connesso che ha cliccato il link. Se si sceglie di "Tenere traccia in modo anonimo", il borrowernumber non sarà registrato.

    Nota

    Ricordarsi di aggiornare le regole di privacy locale e impostare un link ad esse dall'OPAC, per fare sapere agli utenti che stai tracciando informazioni rilevanti.
Default: Non permettere
Chiede: ___ agli utenti della biblioteca di registrare un account tramite l'OPAC.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • L'impostazione di questa preferenza su 'Consenti' fornirà un link sull'OPAC per registrare un nuovo account. Usando l'altra preferenze di sistema Auto registrazione è possibile controllare come funzionerà questa preferenza.

Importante

Gli utenti che si registrano tramite l'OPAC non dovranno essere approvati dal un membro dello staff. Per questa ragione si raccomanda di impostare una categoria utente provvisoria senza diritti di circolazione. In questo modo, gli utenti dovranno passare dalla biblioteca per poterne verificare l'identità e poter poi assegnare diritti sui prestiti. Una volta verificata l'identità, lo staff potrà a discrezione modificare la categoria dell'utente a una con possibilità di prestito e prenotazioni.
Chiede: mostra le seguenti ulteriori istruzioni agli utenti che si registrano da soli tramite l'OPAC (è permesso inserire codice HTML):
Descrizione:
  • Questa preferenza contiene il codice HTML che si desidera visualizzare nella pagina dell'utente, e verrà mostrata subito dopo la registrazione della tessera.
Default: surname|firstname
Chiede: Le seguenti colonne ____ del database devono essere compilate sulla schermata di immissione dell'utente
Descrizione:
  • Questa preferenza consente di definire quali campi devono compilare gli utenti sul modulo di autoregistrazione. Se uno qualsiasi dei campi obbligatori è vuoto, Koha non permetterà all'utente di registrarsi.

Importante

Separare le colonne con |

Nota

Per aiuto con nomi di campo, chiedere all'amministratore di sistema o si veda la tabella borrowers nella struttura del database.

Nota

Se hai intenzione di richiedere che gli utenti verificano loro account via e-mail con la preferenza PatronSelfRegistrationVerifyByEmail il campo email verrà contrassegnato automaticamente come obbligatorio.
Chiede: Le seguenti colonne del database non appariranno sulla schermata di immissione dell'utente: ___
Descrizione:
  • Utilizzando questa preferenza puoi nascondere campi di registrazione o modifica dell'utente nell'OPAC.

Importante

Separare le colonne con |

Nota

Per aiuto con nomi di campo, chiedere all'amministratore di sistema o si veda la tabella borrowers nella struttura del database.
Chiede: Uso la categoria utente ___ come categoria utente predefinita per gli utenti registrati tramite l'OPAC.
Descrizione:
  • Indicare il codice della categoria utente nella quale verranno inseriti provvisoriamente tutti gli utenti registrati via OPAC.

Importante

Gli utenti che si registrano tramite l'OPAC non dovranno essere approvati dal un membro dello staff. Per questa ragione si raccomanda di impostare una categoria utente provvisoria senza diritti di circolazione. In questo modo, gli utenti dovranno passare dalla biblioteca per poterne verificare l'identità e poter poi assegnare diritti sui prestiti. Una volta verificata l'identità, lo staff potrà a discrezione modificare la categoria dell'utente a una con possibilità di prestito e prenotazioni.

Importante

Se si lascia questo campo vuoto o si immette in un codice non valido i vostri utenti saranno ancora in grado di registrarsi, ma non verrà assegnato un nome utente. Non ci sarà nessun errore nella pagina per spiegare questo, quindi assicuratevi di inserire un codice di categoria utente valido.
Default: 0
Chiede: Elimina gli utenti registrati tramite l'OPAC, ma non ancora verificati dopo ___ giorni.
Descrizione:
Default: Non richiedere
Chiede: ___ che un utente in fase di auto-registrazione confermi se stesso via e-mail.
Valori:
  • Non richiedere
  • Richiedi
Descrizione:
  • Se si richiede all'utente di verificare i proprio account via e-mail, non sarà in grado di accedere all'OPAC fino a che non riconosce la mail inviata da Koha. Se non si richiede questo allora l'utente sarà in grado di accedere non appena compilato il modulo di registrazione. È possibile impostare la preferenza PatronSelfRegistrationExpireTemporaryAccountsDelay per eliminare le auto registrazioni non verificate dopo un certo numero di giorni.

Nota

Se hai intenzione di richiedere che gli utenti verifichino il loro account via e-mail, il campo email verrà contrassegnato automaticamente come obbligatorio.

2.1.10.7. Shelf Browser

2.1.10.7.1. OPACShelfBrowser
Default: Mostra
Chiede: ___ uno scaffale virtuale nella pagina dei dettagli, permettendo agli utenti di vedere quali altri libri sono vicino alla copia sullo scaffale.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Questa preferenza consente agli utenti di visualizzare ciò che si trova sullo scaffale accanto alla copia che stanno vedendo. L'opzione dello scaffale virtuale appare sulla pagina dei dettagli a destra della segnatura della copia. Cliccando sul link 'Scaffale virtuale' si ha una esperienza virtuale di navigazione di scaffale tramite l'OPAC e permette agli utenti di sapere quali altri libri possono riguardare la loro ricerca e le copie che sono sul ripiano vicine alla copia che stanno guardando.

Importante

Questo utilizza un gran quantità di risorse sul server, e deve essere evitato se la vostra collezione ha un gran numero di copie.
Default: Non usare
Chiede: ___ il codice collezione quando si mostrano le copie nel browser virtuale.
Valori:
  • Non usare
  • Usa
Descrizione:
  • Se la biblioteca utilizza codici di collezione allora si potrebbe desiderare che il browser delle collocazioni prenda in considerazione la collezione a cui appartiene il libro quando popola la lista.
Default: Usa
Chiede: ___ la biblioteca della copia quando si mostrano le copie nel browser virtuale.
Valori:
  • Non usare
  • Usa
Descrizione:
  • Se il tuo sistema è composto da più biblioteche, puoi controllare come Koha compone lo scaffale virtuale tenendo presente le biblioteche del sistema.
Default: Usa
Chiede: ___ la provenienza della copia quando viene composto lo scaffale virtuale.
Valori:
  • Non usare
  • Usa
Descrizione:
  • Se la tua biblioteca utilizza le collocazioni a scaffale (shelving locations), puoi richiedere che lo scaffale virtuale le tenga presenti quando viene composto e visualizzato.

2.1.11. Utenti

Vai a: Più > Amministrazione > Preferenze di sistema globali > Utenti

2.1.11.1. Generale

2.1.11.1.1. AutoEmailOpacUser
Default: Non spedire
Chiede: ___ un messaggio di posta elettronica agli utenti appena creati con i dettagli dell'account.
Descrizione:
  • AutoEmailOpacUser permette agli utenti di ricevere una notifica via email con i dettagli dell'account, all'indirizzo specificato nella preferenza AutoEmailPrimaryAddress. Il messaggio conterrà username e password dati o scelti dall'utente al momento dell'iscrizione e potranno essere personalizzati tramite ACCTDETAILS.
Valori:
  • Non spedire
  • Invia
Default: alternativo
Chiede: Usa ___ come indirizzo email di utenet per spedire messaggi email.
Valori:
  • alternativo
  • primo valido
  • casa
  • lavoro
Descrizione:
  • Se scegli 'prima valida' come valore per AutoEmailPrimaryAddress il sistema controllerà i campi e-mail in questo ordine: casa, lavoro, poi alternativo. In caso contrario, il sistema utilizzerà l'indirizzo email specificato.
2.1.11.1.3. autoMemberNum
Default: Ricollega
Chiede: ___ il numero tessera nella schermata del nuovo utente al numero disponibile successivo
Valori:
  • Attivare
    • Se il numero tessera più alto finora usato è 26345000012941, questo campo verrà impostato a 26345000012942 per l'utente successivo
  • Non attivare
Descrizione:
  • Questa preferenza determina se il barcode dell'utente è calcolato automaticamente. Evita che al bancone si debbano assegnare i numeri di barcode manualmente. Se impostato a 'Imposta' il sistema calcolerà il nuovo barcode aggiungendo 1 al più alto barcode esistente nel database.
Default: surname|cardnumber|barcode
Chiede: Le seguenti colonne ____ del database devono essere compilate sulla schermata di immissione dell'utente
Descrizione:
  • Questa preferenza consente all'amministratore del sistema di scegliere quali campi tua biblioteca considera necessari per gli account utente. Immettere i nomi dei campi separati da | (barra). Ciò garantisce che le informazioni di base sono incluse in ogni record utente. Se un utente lascia vuoto uno dei campi obbligatori, verrà emesso un messaggio di errore e non verrà creato l'account.

Importante

Separare le colonne con |

Nota

Per aiuto con nomi di campo, chiedere all'amministratore di sistema o si veda la tabella borrowers nella struttura del database.
Default: father|mother
Chiede: Garanti può essere il seguito di quelli che garantiscono ___
Descrizione:
  • Questa preferenza consente all'amministratore di sistema di definire le relazioni valide tra un garante (di solito un genitore) e una garantito (di solito un bambino). La definizione di valori per questo campo non rende il campo garante necessario quando si aggiunge un utente garantito. Questa preferenza crea un elenco a discesa che identifica il rapporto tra garante e garantito. Per disabilitare la possibilità di aggiungere tipi bambini in Koha è possibile lasciare questo campo vuoto.

Importante

inserisci scelte multiple separate da |
Default: date di oggi
Chiede: Al momento del rinnovo di un utente, basare la nuova data di scadenza su ___
Valori:
  • data di oggi.
  • data di scadenza dell'iscrizione
Descrizione:
  • Questa preferenza controlla la nuova data di scadenza dell'utente sarà quando rinnova la tessera. Utilizzando 'data corrente' il calcolo della nuova data di scadenza parte da oggi. Usando 'data precedente di scadenza' aggiungerà il periodo di adesione alla vecchia data di scadenza in occasione del rinnovo del suo account.
2.1.11.1.7. BorrowersTitles
Default: Mr|Mrs|Miss|Ms
Chiede: Gli utenti possono avere i seguenti titoli ___
Descrizione:
  • Questa preferenza consente allo staff di scegliere quali titoli possono essere assegnati agli utenti. Saranno presentati in un menù a tendina durante la creazione di un account utente.

Importante

inserisci scelte multiple separate da |
Chiede: Le seguenti colonne del database non appariranno sulla schermata di immissione dell'utente: ___
Descrizione:
  • Questa preferenza consente all'amministratore di sistema di scegliere quali campi tua biblioteca non ha bisogno nel modulo di iscrizione utente. Immettere i nomi dei campi separati da | (barra).

Importante

Separare le colonne con |

Nota

Per aiuto con nomi di campo, chiedere all'amministratore di sistema o si veda la tabella borrowers nella struttura del database.
2.1.11.1.9. CardnumberLength
Chiede: numeri di tessera degli utenti devono essere lunghi ___ caratteri.
Descrizione:
  • La lunghezza può essere un singolo numero per indicare una lunghezza esatta, una gamma separati da una virgola (cioè 'Min, Max'), o al massimo senza limite minimo (cioè, ', Max'). Se 'numero di tessera' è incluso nella lista BorrowerMandatoryField , la lunghezza minima, se non specificata qui, ha default uno.
2.1.11.1.10. checkdigit
Predefinito: Non attivare
Chiede: ___ controllare e costruire i numeri delle tessere utente in stile Katipo.
Valori:
  • Attivare
  • Non attivare

Importante

Questo sovrascrive autoMemberNum se attivo.
2.1.11.1.11. EnableBorrowerFiles
Predefinito: Non attivare
Chiede: ___ abilitare la possibilità di caricare e allegare file arbitrari a un record utente.
Valori:
  • Attivare
  • Non attivare
Descrizione:
  • Quando abilitata, questa preferenza aggiungerà una scheda 'File' a sinistra della pagina dei dettagli dell'utente dove è possibile visualizzare e caricare file.
Default: Permetti
Chiede: ___ agli utenti di scegliere quali avvisi ricevere e quando riceverli.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere

Importante

Si applica a certi tipi di avvisi; i solleciti dei prestiti verranno spediti in base alle regole della biblioteca, non dipendono dalle scelte dell'utente.
Descrizione:
  • Questi messaggi sono in aggiunta ai solleciti di prestiti scaduti che invia la biblioteca. La differenza tra questi avvisi e i solleciti è che l'utente può scegliere se riceverli o no. L'impostazione di questa preferenza su 'Consenti' permetterà agli utenti di scegliere se visualizzare ognuno dei seguenti messaggi:
    • Prestito di una copia: un avviso che elenca tutte le copie che l'utente ha preso in prestito e/o rinnovato; è la versione elettronica della ricevuta dei prestiti
    • Copia in scadenza: Un avviso nel giorno in cui una copia deve essere restituita alla biblioteca
    • Prenotazione accettata: Un avviso quando hai confermato che la prenotazione è in attesa di ritiro da parte dell'utente
    • Copia restituita: Un avviso che elenca le copie da poco restituite dall'utente
    • Preavviso: Un preavviso all'utente con le copie che stanno per scadere (l'utente può scegliere il numero di giorni di anticipo)
Default: Attiva
Chiede: ___ ricerca, modifica e visualizzazione delle proprietà personalizzate degli utenti.
Valori:
Descrizione:
  • Le proprietà degli utenti sono campi definiti dalla biblioteca che possono essere applicati ai record degli utenti

Nota

Usa le proprietà degli utenti per quei campi che non sono nel record di default, quali la patente di guida o il codice studente, ecc.
Default: Permetti
Chiede: ___ allo staff di accedere allo storico dei prestiti degli utenti

Importante

Se la preferenza OPACPrivacy è impostata a 'Permetti' e l'utente ha deciso di non fare conservare lo storico dei suoi prestiti, allora lo staff vedrà solo le copie attualmente in prestito.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere

Importante

Questi dati sono conservati nel sistema indipendentemente dalla tua scelta.
2.1.11.1.15. MaxFine
Default: 9999
Chiede: La multa per tutti i prestiti non supererà ___ dollari.
Descrizione:
  • Questa preferenza consente di controllare il tetto predefinito sulle multe maturate dall'utente. Lasciando questo preferenza vuota, si indica che non c'è un limite alla quantità di multe che possa accumulare un utente. Se lo desideri, tetti per tipi di copia possono essere specificati nella matrice delle regole di circolazione .
2.1.11.1.16. minPasswordLength
Default: 3
Chiede: Le password di login dello staff devono essere lunghe almeno ___ caratteri.

Importante

Si applica sia al login dello staff sia al login dell'OPAC.
Default: 30
Chiede: Mostra un avviso all'utente se la sua tessera sta per scadere entro ___ giorni.
Descrizione:
  • Quando un utente chiede un prestito, apparirà un avviso sulla finestra della circolazione che dice che la tessera dell'utente sta per scadere.

Importante

Questo avviso apparirà sul record dell'utente nell'interfaccia dello staff.
2.1.11.1.18. patronimages
Default: Permetti
Chiede: ___ immagini da caricare e mostrare per ogni utente nell'interfaccia dello staff.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Se questa preferenza è 'Permettere' lo staff potrà caricare immagini di utenti sia una a una sia in blocco. Le immagini utente verranno mostrate nella pagina dei dettagli allal sinistra delle informazioni sull'utente. Appariranno anche nell'OPAC se la preferenza OPACpatronimage è attiva o nel sistema di autoprestito se la preferenza ShowPatronImageInWebBasedSelfCheck è attiva.
2.1.11.1.19. PatronsPerPage
Default: 20
Chiede: Per default, mostra ___ risultati per pagina nell'interfaccia dello staff.
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di definire quanti utenti per pagina verranno mostrati nella pagina di ricerca utenti.
Chiede: Usa il driver SMS::Send:: ___ per spedire messaggi SMS. Definisci username/login ___ e password ___.

Importante

Attenzione: controlla la tua legislazione vigente al rigardo l'invio massivo di SMS prima di abilitare questa feature.
Descrizione:
  • Alcuni esempi di valori per il driver sono:
    • SMS::Send::Us::Ipipi
    • SMS::Send::US::TMobile
    • SMS::Send::US::Verizon
    • SMS::Send::IN::Unicel

    Importante

    Solo i driver disponibili come moduli Perl funzioneranno in questa preferenza, per cui assicurati che un modulo Perl sia disponibile prima di scegliere un servizio SMS.
    Una volta che un driver viene specificato nella preferenza un'opzione apparirà nel client del personale e nell'OPAC sul modulo di messaggistica, per poter scegliere se ricevere i messaggi come SMS

Importante

Per consentirne il funzionamento, devi attivare EnhancedMessagingPreferences.
2.1.11.1.21. StatisticsFields
Default: location|itype|ccode
Chiede: Mostra i seguenti campi della tabella copie come colonne nella scheda statistiche sul record utente: ___

Importante

Inserisci i valori separati da barre (|)
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di definire quali campi del record utente verranno mostrati nella scheda Statistiche.
Default: Disattivare
Chiede: ___ notifiche via telefono all'utente utilizzando Talking Tech i-tiva (scaduti, in scadenza, prenotazioni sono attualmente supportati).
Valori:
  • Disabilita
  • Attiva
Descrizione:

Importante

È necessario che EnhancedMessagingPreferences sia impostata su 'Consenti'.
2.1.11.1.23. uppercasesurnames
Predefinito: Non attivare
Chiede: ___ conservare e mostrare i cognomi in maiuscolo.
Valori:
  • Attivare
  • Non attivare
2.1.11.1.24. useDischarge
Default: Non permettere
Chiede: ___ ai bibliotecari di rilasciare una liberatoria agli utenti e agli utenti di richiedere una liberatoria.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
Descrizione:
  • Una liberatoria certifica che l'utente non ha prestiti in corso, né prenotazioni né multe.

    Nota

    In Francia un "quitus" ("liberatoria") è necessario se si desidera registrare un account in una biblioteca o di una università.

    Nota

    Le biblioteche accademiche spesso richiedono dalla biblioteca una liberatoria prima di potersi laureare.
NorwegianPatronDBEnable Default: Disabilitato
Chiede: ___ the ability to communicate with the Norwegian national patron database via the ___ endpoint.
Valori:
  • Disabilita
  • Attiva
Predefinito: Non attivare
Chiede: ___ search the Norwegian national patron database after a local search result was found.
Valori:
  • Attivare
  • Non attivare
Chiede: Communicate with the Norwegian national patron database using the username ___ and the password ___.
Descrizione:
  • È possibile ottenerli da "Base Bibliotek", che è mantenuto dalla Biblioteca nazionale norvegese.

2.1.12. Ricerca

Vai a: Più > Amministrazione > Preferenze di sistema globali > Ricerca

2.1.12.1. Caratteristiche

2.1.12.1.1. EnableSearchHistory
Default: Non conservare
Chiede: ___ lo storico della ricerca utente nel client dello staff.
Valori:
  • Non mantenere
  • Mantieni
Descrizione:
  • Questa preferenza controlla se l'interfaccia dello staff di personale conserva la cronologia di ricerca per gli utenti registrati. La cronologia di ricerca sarà accessibile sotto il link al tuo account in alto a destra dell'interfaccia dello staff.
Default: Non includere
Chiede: ___ l'intestazione visto da (forma non accettata) nelle ricerche bibliografiche.
Valori:
  • Non includere
  • Includi
Descrizione:
  • Se questa preferenza è impostato su includere, il motore di ricerca aggiungerà voci vedi dai record di authority nei record bibliografici al momento dell'indicizzazione, in modo che una ricerca su un termine rifiutato darà comunque dati pertinenti. Per esempio quando si esegue una ricerca di cookery (il vecchio termine) si ottiene titoli con l'intestazione cooking (il nuovo termine).

Importante

Se cambi questa preferenza, dovrai indicizzare nuovamente il tuo database bibliografico.
2.1.12.1.3. OpacGroupResults
Default: Non usare
Chiede: ___ PazPar2 per raggruppare risultati simili nell'OPAC.
Valori:
  • Non usare
  • Usa

Importante

Ciò richiede che PazPar2 sia configurato e funzionante.
2.1.12.1.4. QueryAutoTruncate
Predefinito: automaticamente
Chiede: Eseguire ricerca con caratteri jolly (dove, per esempio, har corrisponderebbe a Harry e harp) ___ (il carattere * viene utilizzato in questo modo: Har* o *logging.)
Valori:
  • automaticamente
  • solo se viene aggiunto un *
Descrizione:
  • Questa impostazione permette di effettuare ricerche automaticamente troncate, o di poter aggiungere suffissi alla stringa di ricerca. Se impostata a "automaticamente", la ricerca viene effettuata con il carattere jolly. Per esempio, "invent" troverà anche inventor, invention, inventory, ecc. Se non si desidera questa funzionalità, le ricerche possono essere effettuate anche aggiungendo manualmente l'asterisco (*). Digitando "invent*" la ricerca troverà anche inventor, invention, inventory, ecc. L'autotroncamento evita la necessità di digitare lunghe stringhe di ricerca intere.
2.1.12.1.5. QueryFuzzy
Default: Tenta
Chiede: ___ di trovare parole simili nelle ricerche (per esempio, una ricerca per flang troverà anche flange e fang)
Valori:
  • Non tentare
  • Tenta
Descrizione:
  • Questa preferenza consente la ricerca "fuzzy", in cui il motore di ricerca restituisce risultati analoghi, ma non esattamente corrispondenti alla parola o alle parole immesse dall'utente. Questa preferenza consente nella ricerca di compensare leggermente nomi o frasi errate.

Importante

Richiede che UseICU sia impostata a 'Non usare'
2.1.12.1.6. QueryStemming
Default: Tenta
Chiede: ___ di trovare parole con la stessa radice nelle ricerche
Valori:
  • Non tentare
  • Tenta
    • Una ricerca per enabling troverà anche enable e enabled
Descrizione:
  • Questa preferenza consente lo stemming delle parole. Lo stemming attiva la funzione di ricerca che restituisce più versioni della stessa parola, ed eventuali termini correlati (per esempio, pesca e pesce).
2.1.12.1.7. QueryWeightFields
Default: Attiva
Chiede: ___ l'ordinamento per rilevanza dei risultati
Valori:
  • Disabilita
  • Attiva
Default: forza
Chiede: ___ i soggetti nell'OPAC e nell'interfaccia staff per cercare solo per coincidenza con sottocampo.
Valori:
  • Non forzare
    • Ricerche per parole chiave del soggetto (esempio: opac-search.pl?q=su:World%20Wide%20Web)
  • Forza
    • Ricerche per campo soggetto intero (esempio: opac-search.pl?q=su,complete-subfield:World%20Wide%20Web)
Descrizione:
  • Se TraceCompleteSubfields è impostato a "force," cliccare sui links di soggetti non-authority controlled subject tracings will only find other records where the entire subfields match. Leaving it at "don't force" does a keyword search of the subject indexes.

Importante

Questa preferenza presume che tu stia utilizzando fogli di stile XSLT come impostato nella preferenza OPACXSLTDetailsDisplay.
Default: Includi
Chiede: ___ le suddivisioni nelle ricerche effettuate cliccando su soggetti.
Valori:
  • Non includere
    • Ricerche per parole chiave oggetto (esempio: opac-search.pl?q=su,complete-subfield:%22Web%20sites%22)
  • Includi
    • Ricerca sul tutto il campo soggetto (esempio: opac-search.pl?q=(su,complete-subfield:%22Web%20sites%22)%20and%20(su,complete-subfield:%22Design.%22))
Descrizione:
  • Se TraceSubjectSubdivisions è impostato a "Includere," un click sui soggetti con sottodivisioni (sottocampi diversi da 'a') effettuerà una ricerca per soggetto (sottocampo 'a') includendo gli altri sottocampi. Per cercare solo tramite sottocampo 'a', impostare questa preferenza a "Non includere".

Importante

Questa preferenza presume che tu stia utilizzando fogli di stile XSLT come impostato nella preferenza OPACXSLTDetailsDisplay.
2.1.12.1.10. UseICU
Default: Non usando
Chiede: ___ l'indicizzazione ICU di Zebra.
Valori:
  • Non usando
  • Usando
Descrizione:
  • ICU è un insieme di librerie software per Unicode. ICU è utile all'indicizzatore Zebra solo se si utilizzano caratteri di alfabeti non latini nella catalogazione. Se usi ICU, in Zebra non utilizzare la QueryFuzzy .

Importante

Questa impostazione non influirà sull'indicizzazione di Zebra, ma va indicata perché Koha non può capire da solo che ti serve.

Importante

Rivolgiti al tuo amministratore di sistema quando si cambia questa preferenza per assicurarsi che il sistema sia impostato correttamente.
2.1.12.1.11. UseQueryParser
Default: Non tentare
Chiede: ___ il modulo QueryParser per l'analisi delle query.

Nota

L'attivazione di questa opzione non avrà alcun impatto se non avete installato QueryParser, e tutto continuerà a funzionare come al solito.
Valori:
  • Tenta
  • Tenta
Descrizione:
  • Questa preferenza attiva un nuovo parser sperimentale di query che permette una sintassi di ricerca più espressiva e più efficace.
defaultSortField Default: autore
defaultSortOrder Default: ascendente
Chiede: Per default, ordina i risultati delle ricerche nel client dello staff per ___, ___
Descrizione:
  • Queste preferenze impostano il campo e il verso di ordinamento predefinito per le ricerche sull'Interfaccia dello staff. Indipendentemente dalla tua scelta, le altre opzioni di ordinamento sono ancora disponibili nel menu a tendina nella pagina della ricerca avanzata.
Valori di defaultSortField:
  • author
  • segnatura
  • data di aggiunta
  • data di pubblicazione
  • rilevanza
  • title
  • numero totale di prestiti
Valori di defaultSortOrder:
  • ascendente
  • discendente
  • da A a Z
  • da Z ad A
2.1.12.2.2. displayFacetCount
Default: Non mostrare
Chiede: ___ i conteggi delle faccette.
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di decidere quante volte una faccetta o raggruppamento viene mostrata nei risultati dell'OPAC. La rilevanza di questi numeri dipende dal valore della preferenza maxRecordsForFacets. Questi valori possono influire negativamente sulle performance del tuo sistema, per cui si consiglia di fare dei test con valori diversi per individuare i migliori.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Predefinita: biblioteca che lo possiede
Chiede: Mostra le faccette per ___
Valori:
  • sia la biblioteca proprietaria della copia, sia quella che la detiene in questo momento
  • la biblioteca che possiede la copia
  • la propria biblioteca
Descrizione:
  • Questa preferenza controlla le faccette o raggruppamenti per biblioteca mostrati con i risultati di ricerca nell'interfaccia dello staff e nell'OPAC. Il valore selezionato determinerà quali biblioteche appariranno nelle faccette quando viene eseguita una ricerca.
Default: 20
Chiede: Tronca i raggruppamenti (faccette) a ___ caratteri, nell'OPAC e nell'interfaccia dello staff.
Descrizione:
  • In OPAC e nell'interfaccia dello staff le faccette sono sono tagliate a 20 caratteri per impostazione predefinita. A seconda della composizione della pagina, questo valore potrebbe non andare bene, e questa preferenza consente di decidere quale valore è meglio per la tua biblioteca.
2.1.12.2.5. FacetMaxCount
Default: 20
Chiede: Mostra fino a ___ raggruppamenti per categoria.
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di controllare quante voci per intestazione (autori, serie, soggetti, ecc.) vengono raggruppate nell'OPAC.
Default: 20
Chiede: Mostra fino a ___ copie per record bibliografico nei risultati della ricerca
Descrizione:
  • Questa preferenza permette di definire quanti risultati mostrare per default quando una ricerca viene effettuata nell'interfaccia dello staff.
2.1.12.2.7. maxRecordsForFacets
Default: 20
Chiede: Costruire le faccette basate su ___ record dai risultati della ricerca.
Descrizione:
  • Per impostazione predefinita Koha basa le faccette solo sulla prima pagina dei risultati (solitamente 20 risultati). Questa preferenza consente di dire a Koha di basare i numeri e le descrizioni delle faccette su qualsiasi numero di risultati di ricerca restituiti. Più alto questo numero più tempo ci vorrà per calcolare le faccette, quindi prova con vari valori diversi per trovare il miglior equilibrio per la tua biblioteca.
Default: 20
Chiede: Per record con molte copie, controlla lo status di disponibilità solo per le prime xx copie.
Descrizione:
  • Gli status di disponibilità posso essere scorretti nei risultati di ricerca se il record ha più copie del limite qui impostato. Gli status saranno corretti nei dettagli del record. Lascia vuoto per nessun limite.
2.1.12.2.9. numSearchResults
Default: 20
Chiede: Per default, mostra ___ risultati per pagina nell'interfaccia dello staff.
Default di OPACdefaultSortField: rilevanza
Default di OPACdefaultSortOrder: ascendente
Chiede: Per impostazione predefinita, ordina i risultati nell'OPAC per ___, ___
Descrizione:
  • Queste preferenze impostano il campo e il verso di ordinamento predefinito per l'ordinamento dei risultati delle ricerche nell'OPAC. Indipendentemente dalla tua scelta, le altre opzioni di ordinamento sono ancora disponibili nel menu a tendina nella pagina della ricerca avanzata.
Valori di OPACdefaultSortField:
  • author
  • segnatura
  • data di aggiunta
  • data di pubblicazione
  • rilevanza
  • title
  • numero totale di prestiti
Valori di OPACdefaultSortOrder:
  • ascendente
  • discendente
  • da A a Z
  • da Z ad A
Default: Non mostrare
Chiede: ___ la biblioteca, la localizzazione e la segnatura di una copia nei risultati di ricerca nell'OPAC.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Descrizione:
  • Questa impostazione consente di selezionare le informazioni su una copia che verranno visualizzate nella pagina dei risultati di ricerca dell'OPAC. I risultati possono visualizzare lo stato di una copia e/o i dettagli completi tra cui biblioteca, posizione e segnatura. Mentre l'opzione 'Show' consente di visualizzare ulteriori informazioni nella pagina dei risultati di ricerca, l'informazione può essere eccessiva per grandi collezioni con molte biblioteche.
2.1.12.2.12. OPACnumSearchResults
Default: 20
Chiede: Per default, mostra ___ risultati per pagina nell'OPAC.
Default: non cercare
Chiede: Durante la ricerca sull'indice ISBN, ___ su tutte le varianti dell'ISBN.
Valori:
  • non cercare
  • cerca
Descrizioni:
  • Con questa preferenza insieme per cercare sarete in grado di cercare i codici ISBN, anche se ci sono trattini o spazi nel campo. Quindi, se si cerca 9781843345855 ma l'ISBN è stato catalogato come 978-1843345855, il risultato sarà lo stesso, se questa preferenza è impostato su 'ricerca'.

Importante

Questa preferenza non ha effetto se la preferenza UseQueryParser è attiva.
Chiede: Limita le lingue elencate nella ricerca avanzata ai codici ISO 639-2 ___ (separa i valori con | o ,).
Descrizione:
  • Questa preferenza vi permetterà di decidere quali lingue mostrare mel menù a discesa nella pagina di ricerca avanzata dell'OPAC e dell'interfaccia dello staff. Se questa preferenza è lasciata vuota, verranno mostrate tutte le lingue. Per limitare le lingue che vengono visualizzate immettere i codici di lingua ISO 639-2 separati da una virgola (,) o barra (|). Ad esempio per limitare il profilo di francese e italiano, immettere ita|fre.
2.1.12.3.2. AdvancedSearchTypes
Default: itemtype
Chiede: Visualizza le schede della ricerca avanzata nell'OPAC e nell'interfaccia dello staff per l'affinamento delle ricerche sui campi ___ (separare i valori con |).
Descrizione:
  • Nella ricerca avanzata si può scegliere di attivare i filtri seguenti: tipi di copia (itemtypes), codici di collezione (ccode), e collocazioni a scaffale (loc). Se per esempio vuoi abilitare i limiti di tipi di copia e collocazioni a scaffale, nella preferenza devi indicare itemtype|loc. L'ordine di questi campi determina l'ordine delle schede della ricerca avanzata nell'OPAC e nell'interfaccia dello staff. I valori saranno in OR, mentre i filtri saranno in AND. I valori salvati sono supportati senza richiedere alcuna modifica. Ogni set di campi della ricerca avanzata è mostrato in una scheda, sia nell'OPAC sia nell'interfaccia dello staff. Il primo valore della preferenza AdvancedSearchTypes è la scheda selezionata; in mancanza, si usa "itemtypes". Per valori diversi da itemtype, il valore in AdvancedSearchTypes deve coincidere con il nome dell'Authorised Value, e deve essere indicizzato con il prefisso 'mc-'.
Default: non mostrare
Chiede: Per default, ___ "Altre opzioni" nella ricerca avanzata dell'OPAC e del'interfaccia staff.
Valori:
  • non mostrare
  • mostra
Default: non usare
Chiede: Per default, ___ l'operatore "phr" nelle ricerche dello staff con callnumber e standard number
Valori:
  • non usare
  • usa
Descrizione:
  • In caso di ricerca per call number o per numero standard (biblionumber) nell'interfaccia dello staff, puoi scegliere se forzare la ricerca come frase impostando la preferenza a 'usa'. Si può effettuare così una ricerca più accurata di quella per parole chiave.
Default: non usare
Chiede: Per default, ___ l'operatore "phr" nelle ricerche dell'OPAC con callnumber e standard number
Valori:
  • non usare
  • usa
Descrizione:
  • In caso di ricerca per call number o per numero standard (biblionumber) nell'interfaccia dell'OPAC, puoi scegliere se forzare la ricerca come frase impostando la preferenza a 'usa'. Si può effettuare così una ricerca più accurata di quella per parole chiave.
Vai a: Più > Amministrazione > Preferenze di sistema globali > Risorse in continuazione
Default: scheda degli abbonamenti
Chiede: Mostra ___ come scheda di default per i periodici nell'OPAC.
Valori:
  • Scheda del posseduto
  • Scheda della collezione del periodico

    Importante

    Si prega di notare che la scheda della collezione del periodico è attualmente disponibile solo per sistemi che utilizzano lo standard UNIMARC.
  • Scheda degli abbonamenti
Default: 3
Chiede: Mostra i ___ precedenti fascicoli di una risorsa in continuazione nell'OPAC.
Descrizione:
  • Questa preferenza permette all'amministratore di scegliere quanti fascicoli recenti di una risorsa in continuazione verranno mostrati nell'OPAC quando viene visualizzata la risorsa. Questo è il valore di default, gli utenti potranno espandere la lista completa con un click.
Default: Non aggiungere
Chiede: ___ un suggerimento di un record bibliografico quando il periodico collegato viene rinnovato.
Valori:
  • Aggiungi
  • Non aggiungere
Descrizione:
  • Se impostata a "Aggiungi", questa preferenza aggiungerà automaticamente una pubblicazione periodica ai Suggerimenti di acquisto se si fa click su sull'opzione 'rinnova'. Se non si usa il modulo di Acquisizioni per gli acquisti delle pubblicazioni periodiche, è meglio lasciare questa opzione al valore "Non aggiungere".
Default: Immettere
Chiede: ___ in routing list una risorsa in continuazione appena ricevuta.
Valori:
  • Immettere
  • Non immettere

2.1.13.5. RoutingListNote

Chiede: Includere la seguente nota in tutte le routing list
Descrizione:
  • Il testo inserito qui apparirà al fondo dell'informazione associata alla routing list.

2.1.13.6. RoutingSerials

Default: Non aggiungere
Chiede: ___ le risorse in continuazione ricevute alla routing list.
Descrizione:
  • Questa preferenza determina se è attiva la routing list per i periodici. Quando è impostata su 'Aggiungi', la routing list è attiva e un fascicolo può essere inviato in successione a una lista di persone determinate. Si può impostare una lista per ogni periodico nel modulo delle Risorse in continuazione. Questa preferenza permette di essere sicuri che ogni persona interessata ha potuto vedere un fascicolo appena arrivato in biblioteca. Approfondisci sulla sezione routing list di questo manuale.
Valori:
  • Aggiungi
  • Non aggiungere
Default: 3
Chiede: Visualizza i ___ precedenti fascicoli di una pubblicazione periodica sul client dello staff.
Descrizione:
  • Questa preferenza consente all'amministratore di selezionare il numero dei recenti fascicoli per ogni serie che vengono visualizzati nell'interfaccia dello staff quando il viene mostrato il periodico. Questo è solo il valore di impostazione predefinita, lo staff potrà sempre fare clic per visualizzare un elenco completo delle pubblicazioni periodiche.
Chiede: Elenco di campi che non devono essere riscritti quando una sottoscrizione viene duplicata (separati da barra |) ___
Descrizione:
  • Quando si duplica una sottoscrizione a volte non si desidera duplicare tutti i campi; con questa preferenza è possibile elencare i campi da non duplicare. Questi nomi di campo provengono dalla tabella subscription nel database Koha. Vedi i campi della tabella subscription sul sito Koha DB Schema.
Default: tutta la cronologia
Chiede: Quando vengono presentate le informazioni di un abbonamento collegato ad un record bibliografico, viene preselezionata la vista ___ dei fascicoli.
Valori:
  • cronologia breve
  • Storico completo
Descrizione:
  • Questa preferenza determina quali informazioni appaiono nell'OPAC quando l'utente fa clic sull'opzione 'maggiori dettagli'. L'opzione 'breve' visualizza un riassunto di una riga del volume e numero di tutti i fascicoli di quel periodico posseduti dalla biblioteca. L'opzione 'completa' consente di visualizzare una suddivisione più dettagliata dei numeri per anno, comprese le informazioni come la data di emissione e lo stato di ogni fascicolo.
Get there: More > Administration > Global System Preferences > Staff Client

2.1.14.1. Aspetto

2.1.14.1.1. Display856uAsImage
Default: né nei dettagli né nella pagina dei risultati
Chiede: Visualizza l'URI del campo 856$u come immagine in: ___
Valori:
  • Sia i risultati sia le pagine dei dettagli
    • Importante

      Non ancora implementato
  • Solo nella pagina dei dettagli
  • Né nella pagina dei dettagli né nei risultati
  • Solo risultati
    • Importante

      Non ancora implementato
Descrizione:
  • Oltre all'impostazione di questa preferenza, va attivata la corrispondente opzione XSLT. Inoltre il campo 856$q deve contenere la corretta estensione dell'immagine (es. jpg) o il MIME type dell'immagine (es. che inizi con "image/"), o il generico indicatore "img". Quando tutti i requisiti sono soddisfatti, un file immagine può essere visualizzato al posto del link testuale. Cliccando sull'immagine, verrà aperta allo stesso modo del click sul link testuale. Il click sull'immagine la aprirà alla sua massima dimensione, nella finestra corrente o in una nuova, in base alla preferenza di sistema OPACURLOpenInNewWindow.
2.1.14.1.2. DisplayIconsXSLT
Default: Mostra
Chiede: ___ le icone del formato, dell'audience e del tipo di materiale nei risultati e nei dettagli generati con l'XSLT MARC21 nelle pagine dello staff.

Importante

XSLTResultsDisplay e/o XSLTDetailsDisplay devono essere impostati su un foglio di stile XSLT (predefinito o personalizzato) per poter mostrare queste icone.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra

Nota

Si veda la Guida Icone XSLT per ulteriori informazioni su queste icone.
2.1.14.1.3. intranet_includes
Default: includi
Chiede: Uso includono i file dalla directory ___ nella directory del modello, invece di includes/. (Lasciare vuoto per disabilitare)
Chiede: Includere il foglio di stile CSS aggiuntivo ___ per sostituire le impostazioni specificate dal foglio di stile predefinito
Descrizione:
  • Questa preferenza serve per indicare il colore di sfondo e lo stile dell'interfaccia dello staff. L'amministratore di sistema dovrebbe determinare il file appropriato. Indicare un nome di file, oppure il percorso completo di un file, o l'url di un file esterno che inizi con http://. Se indichi il nome di un file, deve risiedere nella directory css di ogni tema attivo e lingua della directory dei templates di Koha. Un percorso completo deve partire dalla document root del tuo server HTTP.

Importante

Lasciare questo campo vuoto per disabilitare.
2.1.14.1.5. IntranetFavicon
Chiede: usa l'immagine che ha indirizzo ___ come favicon dell'interfaccia dello staff.

Importante

Deve essere un URL completo, che inizia con http://

Nota

Trasforma il tuo logo in icona (favicon) con il Favicon Generator.
Descrizione:
  • L'icona (Favicon) è la piccola immagine che appare accanto all'URL nella barra degli indirizzi di quasi tutti i browser. Il default (se lasci in bianco il campo) è la piccola 'K' del logo di Koha.
Chiede: Mostra il seguente codice HTML nella rispettiva colonna della pagina principale dell'interfaccia dello staff
2.1.14.1.7. IntranetNav
Chiede: Mostra il seguente codice HTML nel menù Altro presente in alto in ogni pagina dell'interfaccia dello staff (deve essere una lista di link o va lasciato vuoto)
Chiede: usa il seguente codice JavaScript per la stampa delle ricevute veloci.
Descrizione:
2.1.14.1.9. intranetstylesheet
Chiede: Utilizzare il foglio di stile CSS ___ su tutte le pagine nell'interfaccia dello staff, anziché il css predefinito (utilizzato quando si lascia vuoto questo campo).
Descrizione:
  • La preferenza Intranetstylesheet indica quale layout utilizzare per l'interfaccia dello staff. Questa preferenza permette di personalizzare l'aspetto dell'interfaccia dello staff. Indicare un nome di file, un percorso completo o un url completo (che inizi con http://) se il file risiede su un server remoto). Si noti che se si indica un nome di file, il file deve risiedere nella sottodirectory css di ogni tema attivo e lingua all'interno dei template di Koha. Un percorso completo sarà relativo alla document root del proprio server HTTP.
2.1.14.1.10. IntranetUserCSS
Chiede: includere il seguente foglio di stile CSS in tutte le pagine dello staff
2.1.14.1.11. intranetuserjs
Chiede: includere il seguente script JavaScript in tutte le pagine dello staff
Descrizione:
  • Questa preferenza consente all'amministratore di inserire codice JavaScript o JQuery che verrà incorporato in tutte le pagine dell'interfaccia dello staff. Gli amministratori possono utilizzare questa preferenza per personalizzare alcune sezioni interattive di Koha, personalizzare il testo per la richiesta di accesso, ecc. Esempi di JQuery utilizzabili in Koha possono essere trovati sul wiki: http://wiki.koha-community.org/wiki/JQuery_Library.
2.1.14.1.12. SlipCSS
Chiede: Includere il foglio di stile ___ per le ricevute di prestito e di prenotazione.

Importante

Deve essere un URL completo, che inizia con http://
Descrizione:
  • Se vuoi personalizzare le ricevute o le ricevute veloci con font e colori di tuo gradimento, puoi usare questa preferenza per indicare un foglio di stile specifico.
Default: Mostra
Chiede: ___ le immagini per i valori autorizzati (ad esempio gli status di smarrito e le posizioni a scaffale) nei risultati di ricerca.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
2.1.14.1.14. staffClientBaseURL
Chiede: il client dello staff si trova all'indirizzo http:// ___
2.1.14.1.15. template
Default: prog
Chiede: usa il tema ___ per l'interfaccia dello staff.
Valori:
  • prog

Importante

Non includere una barra'/' alla fine dell'URL. Questo danneggerebbe i link creati usando questo URL. Esempio: www.google.com e non www.google.com/
2.1.14.1.16. XSLTDetailsDisplay
Default: default
Chiede: Visualizzare i risultati nell'interfaccia dello staff utilizzando il foglio di stile XSLT all'indirizzo ___
Valori:
  • lasciare vuoto per non usare il foglio XSLT
    • Nelle versioni precedenti di Koha questa era l'impostazione con la scritta 'normalmente'
  • indica 'default' per usare il default
  • inserire un percorso per indicare un file XSLT
    • es: /path/to/koha/and/your/stylesheet.xsl
    • In un sistema multi-lingua, è possibile immettere {langcode} nel percorso per dire a Koha di cercare nella cartella relativa alla lingua
      • es: /home/koha/src/koha-tmpl/intranet-tmpl/prog/{langcode}/xslt/intranetDetail.xsl
      • es. http://mykoha.org/{langcode}/stylesheet.xsl
  • indica un URL di un foglio di stile esterno
    • es: http://mykoha.org/stylesheet.xsl
Descrizione:
  • I fogli di stile XSLT permettono la personalizzazione dei dettagli durante la visualizzazione di un record bibliografico. Questa preferenza permetterà di usare la vista predefinita fornita con Koha o di usare un proprio foglio di stile.
2.1.14.1.17. XSLTResultsDisplay
Default: default
Chiede: Visualizzare i risultati nell'interfaccia dello staff utilizzando il foglio di stile XSLT all'indirizzo ___
Valori:
  • lasciare vuoto per non usare il foglio XSLT
    • Nelle versioni precedenti di Koha questa era l'impostazione con la scritta 'normalmente'
  • indica 'default' per usare il default
  • inserire un percorso per indicare un file XSLT
    • es: /path/to/koha/and/your/stylesheet.xsl
    • In un sistema multi-lingua, è possibile immettere {langcode} nel percorso per dire a Koha di cercare nella cartella relativa alla lingua
      • es: /home/koha/src/koha-tmpl/intranet-tmpl/prog/{langcode}/xslt/intranetDetail.xsl
      • es. http://mykoha.org/{langcode}/stylesheet.xsl
  • indica un URL di un foglio di stile esterno
    • es: http://mykoha.org/stylesheet.xsl
Descrizione:
  • I fogli di stile XSLT permettono la personalizzazione dei dettagli durante la visualizzazione dei risultati della ricerca. Questa preferenza permetterà di usare la vista predefinita fornita con Koha o di usare un proprio foglio di stile.

2.1.14.2. Opzioni

2.1.14.2.1. HidePatronName
Default: Mostra
Chiede: ___ i nomi degli utenti che hanno copie in prestito o in prenotazione sulle pagine di dettaglio o sulla schermata delle "Prenotazioni".
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
2.1.14.2.2. intranetbookbag
Default: Mostra
Chiede: ___ il carrello nell'interfaccia dello staff.
Valori:
  • Non mostrare
  • Mostra
Default: Attiva
Chiede: ___ la selezione di copie nella pagina dei dettagli del record.
Valori:
  • Disabilita
  • Attiva
Descrizione:
  • Questa preferenza consente di scegliere di mostrare (o non mostrare) caselle di controllo a sinistra di ogni holding nella visualizzazione di dettaglio di un record nell'interfaccia dello staff client. Mostrando queste caselle di controllo, consenti allo staff di selezionare più copie da modificare o eliminare in una sola volta.
2.1.14.2.4. viewISBD
Default: Permetti
Chiede: ___ allo staff di visualizzare il record nel modulo ISBD sull'interfaccia di catalogazione.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
2.1.14.2.5. viewLabeledMARC
Default: Permetti
Chiede: ___ allo staff di visualizzare il record nel formato MARC con etichette sull'interfaccia di catalogazione.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere
2.1.14.2.6. viewMARC
Default: Permetti
Chiede: ___ allo staff di visualizzare il record in formato MARC esteso sull'interfaccia di catalogazione.
Valori:
  • Permetti
  • Non permettere

2.1.15. Strumenti

Vai a: Più > Amministrazione > Preferenze di Sistema Globali > Strumenti
Queste preferenze fanno riferimento allo strumento Modifica Batch di copie .
2.1.15.1.1. MaxItemsForBatch
Default: 1000
Chiede: Elabora al massimo ___ copie in un unico lotto di modifica o di cancellazione.
Descrizione:
  • Nello strumento cancella copie in blocco questo consentirà di evitare la visualizzazione di un numero di copie superiore a quello immesso in questa preferenza, ma sarete in grado di eliminare più copie del numero immesso qui. Nel strumento modifica copie in blocco questa preferenza impedirà la modifica di oltre il numero di copie immesso qui.

2.1.15.2. Schede utenti

Queste preferenze sono correlate allo strumento Creatore delle tessere utente.
2.1.15.2.1. ImageLimit
Chiede: Limita il numero di immagini conservate nel database a ___.

2.1.16. Web Services

Vai a: Più > Amministrazione > Preferenze di sistema globali > Web Services

2.1.16.1. IdRef

Default: Disattivare
Chiede: ___ il webservice IdRef dalla pagina opac dettagli. IdRef permette di interrogare le autorità del database Sudoc.
Valori:
  • Disabilita
  • Attiva
Descrizione:
  • IdRef è un servizio francese per i record di autorità Sudoc. Utilizzando il database di Sudoc, permette di richiedere / modificare / aggiungere record di autorità. Se un record viene da Sudoc (009 è riempito con un numero intero), presso l'OPAC si vedrà "Autore: Idref" se un 7... $3 (autore unimarc) è riempito con un ppn. Cliccando sul link Idref, si aprirà una finestra popup.
    Il webservice IdRef è richiesto e verranno visualizzati tutti i record (divisi per ruolo) di questo autore
    C'è 1 riga / record e 2 link alla fine. 1 rimanda a Koha (cgi-bin/koha/opac-search.pl?q=ident:003381862), l'altro invia alla pagina di Sudoc (http://www.sudoc.fr/003381862).
  • Importante

    Si prega di notare che questa caratteristica è disponibile solo per sistemi che utilizzano lo standard UNIMARC.
  • Nota

    Il database Sudoc francese non deve essere confuso con lo schema di classificazione US Superintendent of Documents (SuDocs).

2.1.16.2. ILS-DI

2.1.16.2.1. ILS-DI
Default: Disattivare
Chiede: ___ i servizi ILS-DI per gli utenti dell'OPAC
Valori:
  • Disabilita
  • Attiva
Chiede: ___ gli indirizzi IP da usare per i servizi ILS-DI

2.1.16.3. OAI-PMH

2.1.16.3.1. OAI-PMH
Default: Disattivare
Chiede: ___ il server OAI-PMH di Koha.
Valori:
  • Disabilita
  • Attiva
Descrizione:
  • Una volta abilitato puoi visitare http://YOURKOHACATALOG/cgi-bin/koha/oai.pl per vedere il file. Per il Protocollo OAI-PMH (Open Archives Initiative-Protocol for Metadata Harvesting) ci sono due gruppi di 'partecipanti': fornitori di dati e fornitori di servizi. I fornitori di dati (archivi aperti, repositori) danno libero accesso ai metadati, e possono offrire a loro discrezione accesso libero al full-text o ad altre risorse. OAI-PMH offre una soluzione semplice ai fornitori di dati. I fornitori di servizi usano le interfacce OAI dei fornitori di dati per raccogliere e conservare metadati. Questo implica che non saranno effettuate ricerche dall'utenza verso i fornitori di dati; se mai, i servizi sono basati sui dati raccolti via OAI-PMH. Koha attualmente può avere solo il ruolo di fornitori di dati. Non può raccogliere da altri repositori. Il problema principale per far sì che Koha raccolga metadati da altri fornitori di dati è costituito dal fatto che il MARC è l'unico formato di metadati che Koha indicizza in modo nativo. Visitare http://www.oaforum.org/tutorial/english/page3.htm per studiare come funziona il protocollo OAI-PMH.
Approfondisci il protocollo OAI-PMH su http://www.openarchives.org/pmh/
2.1.16.3.2. OAI-PMH:archiveID
Default: KOHA-OAI-TEST
Chiede: Identifica i record di questo sito con il prefisso ___ :
Default: Disattivare
Chiede: ___ l'aggiornamento automatico dei set OAI-PMH quando un record bibliografico viene creato o modificato.
Valori:
  • Disabilita
  • Attiva
2.1.16.3.4. OAI-PMH:ConfFile
Se questa preferenza è lasciato vuoto, il server OAI di Koha funziona in modalità normale, altrimenti funziona in modalità estesa. In modalità estesa, è possibile parametrizzare formati diversi dal MARCXML o dal Dublin Core. OAI-PMH: ConfFile specifica un file di configurazione in formato YAML che elenca i formati disponibili di metadati e il file XSL usato per crearli a partire dai record MARCXML.
Per altra informazione, vedi il file sample conf file nell'appendice.
2.1.16.3.5. OAI-PMH:MaxCount
Default: 50
Chiede: Restituisci solo ___ record per volta nelle risposte alle query ListRecords o ListIdentifiers.
Descrizione:
  • Questo è il numero massimo di record che potrebbero essere restituiti in base sulle interrogazioni ListRecord o ListIdentifier inviate al tuo Koha dai raccoglitori di metadati. ListRecords invia l'intero record, mentre ListIdentifier è una forma abbreviata di ListRecords, che invia solo le intestazioni.

2.1.16.4. Cronache

2.1.16.4.1. SvcMaxReportRows
Default: 10
Chiede: Restituire solo ___ righe di un report tramite il web service dei report.
Descrizione:
  • Questo valore verrà utilizzato per limitare il numero di risultati restituiti dai report pubblici .
Vai a: Più > Amministrazione

Importante

Configura i parametri nell'ordine in cui appaiono.
Quando si configura Koha, si fornisce informazione per ogni biblioteca che condivide il sistema. Questi dati saranno usati in varie aree di Koha.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Parametri di base > Biblioteche e Gruppi
Accedendo a questa pagina, verrà presentata una lista di biblioteche e gruppi definiti nel sistema.
Per aggiungere una biblioteca:
  • Clicca 'Nuova biblioteca'
  • La parte alta del modulo chiede alcune informazioni di base sulla biblioteca
    • Il codice della biblioteca non può contenere alcun spazio e può essere di massimo 10 caratteri. Questo codice sarà usato come identificativo univoco nel database.
    • Il nome sarà visualizzato nell'opac ovunque appaia il nome della biblioteca e dovrà essere un nome significativo per gli utenti.
    • Se hai impostato dei gruppi, dopo l'inserimento del codice e del nome puoi selezionare il gruppo a cui la biblioteca appartiene.
  • Inoltre, puoi inserire delle informazioni di contatto di base sulla sede
    • L'indirizzo e i campi del contatto posso essere usati per personalizzare le informazioni su ciascuna biblioteca
    • Il campo Email non è obbligatorio, ma è bene compilarlo per ogni biblioteca nel tuo sistema
      • Importante

        Inserisci un indirizzo email della biblioteca per assicurare che i messaggi spediti e le relative risposte vi facciano riferimento
    • Se vuoi puoi inserire un altro indirizzo di posta elettronica 'Reply-To'. Questo è l'indirizzo email a cui andranno tutte le risposte.
      • Nota

        Se non si compila questo valore Koha utilizzerà il valore della preferenza ReplytoDefault
    • Se vuoi puoi anche inserire un altro indirizzo di posta elettronica 'Return-Path'. Questo è l'indirizzo email a cui andranno tutti i messaggi respinti.
      • Nota

        Se non si compila questo valore Koha utilizzerà l'indirizzo della preferenza ReturnpathDefault
    • Una volta riempito il campo URL il nome della biblioteca potrà essere linkato nella tabella con i dati di copia presente nell'opac
    • Il riquadro Opac info serve per inserire le informazioni sulla biblioteca che appariranno nell'opac quando si passerà sopra con il mouse il suo nome nella tabella delle copie.
    • L'indirizzo IP non deve essere inserito a meno che tu voglia restringere l'accesso all'interfaccia amministrativa ad uno specifico indirizzo IP
      • Importante

        L'indirizzo IP è necessario se hai abilitato la preferenza di sistema AutoLocation
    • Infine, se hai delle note puoi inserirle qui. Queste non saranno visibili nell'Opac.

Nota

Solo i campi 'Codice della biblioteca' e 'Nome' sono obbligatori
Non potrai cancellare biblioteche che abbiano utenti o copie associati.
Le informazioni associate ad una biblioteca possono essere modificate premendo il relativo link 'Modifica'.

Importante

Non sarai in grado di modificare il 'Codice Biblioteca'
Per aggiungere un Dominio di ricerca o Proprietà clicca il tasto 'Nuovo gruppo' nella parte alta della schermata
Dai al gruppo un 'codice Categoria' di 'Dominio di ricerca' e se vuoi che il gruppo compaia nella tendina in alto nell'OPAC (con OpacAddMastheadLibraryPulldown impostata ad 'Aggiungere') e nella pagina della Ricerca Avanzata, puoi fsarlo selezionado la casella 'Mostra nella tendica di ricerca'.
Tra i campi del modulo del gruppo, 'codice Categoria', 'Nome', e 'il tipo Categoria' sono gli unici campi obbligatori
La ricerca per Gruppi di dominio permette di cercare su un gruppo di biblioteche alla volta invece di una sola o tutte le biblioteche.
Per vedere l'utilizzo dei domini di ricerca visita la pagina della ricerca avanzata nell'interfaccia amministrativa
Tramite la creazione di gruppi proprietà puoi riunire le tue biblioteche in categorie
I gruppi proprietà vengono applicati nel modulo per l'aggiunta o per la modifica di biblioteche
Koha ti permette di organizzare le tue collezioni per tipo di copia o per codice.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Parametri di base > Tipologie di documenti
I tipi di copia normalmente si riferiscono al tipo di materiale (libri, cd, dvd, ecc.) ma possono essere usati in altri modi a seconda degli interessi della tua biblioteca.
Per aggiungere un nuovo tipo di copia, clicca sul bottone 'Nuovo tipo di copia' in testa alla pagina.
  • Nel campo 'Tipo di copia' indica il codice del tipo di questa copia
  • Il campo descrizione serve per descrivere il tipo di copia
  • Puoi scegliere se associare un'immagine al tuo tipo di copia
    • Puoi scegliere tra diverse collezioni di icone
    • Puoi collegare un'immagine da un altro server
    • Oppure puoi non associare alcuna immagine al tipo di copia
    • Importante

      Affinché l'immagine appaia nell'OPAC devi impostare la preferenza di sistema noItemTypeImages impostata su 'Mostra'
      • Vai a: Più > Amministrazione > Preferenze di sistema globali > Amministrazione
  • Per le copie non in prestito, seleziona l'opzione 'Escluso dal prestito'
    • Copie con la dicitura 'Escluso dal prestito' compaiono nel catalogo ma non potranno essere prestate agli utenti.
  • In caso di copie con tariffa per il prestito, specifica l'importo applicato nel campo 'Tariffa'
    • Importante

      Non inserire simboli in questo campo, ma solo numeri e punti per i decimali (ad esempio 5$ va inserito come 5 o 5.00)
    • Ciò assegnerà una spesa all'utente al momento del prestito
  • Se si desidera che appaia un messaggio o avviso quando le copie di questo tipo rientrano dal prestito è possibile immetterle nella casella 'messaggio checkin'
    • Il tipo di messaggio di restituzione prestito può essere un Messaggio o un Avviso. L'unica differenza tra questi due è lo stile. Per impostazione predefinita, un Messaggio è blu
      e un Avviso è giallo.
  • Alcuni dispositivi SIP hanno bisogno di utilizzare un tipo di supporto specifico per SIP invece di tipo di copia di Koha (di solito armadietti e selezionatori hanno bisogno di questo tipo di supporto); se si utilizza un dispositivo come questo ti consigliamo di specificare il tipo di supporto SIP.
  • Quando hai finito, clicca 'Salva modifiche'
    • Nota

      Tutti i campi eccetto 'Tipo di copia' saranno modificabili a partire dalla lista dei tipi di copia
  • Il nuovo tipo di copia apparirà nella lista
Ogni copia ha un bottone 'Modifica'. Premilo per modificare la copia.

Importante

Non potrai modificare il codice del tipo di copia, ma potrai cambiare la descrizione.
Ogni copia ha un bottone 'Cancella'. Premilo per cancellare la copia.

Importante

Non puoi cancellare tipi di copia a cui sia associata qualche copia nel sistema.
I valori autorizzati sono usati in diverse aree di Koha. Il controllo sui valori che possono essere inseriti nei campi MARC durante la catalogazione, ad esempio, rappresenta uno dei casi in cui vengono utilizzati.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Parametri di base > Valori autorizzati
Koha viene installato con alcune serie di valori autorizzati di uso comune per una biblioteca, ad esempio 'Perso'.
  • Asort1
    • Utilizzato per statistiche sulle acquizioni
  • Asort2
    • Utilizzato per statistiche sulle acquizioni
  • BOR_NOTES
    • Valori per i messaggi per l'utente, compaiono nelle pagine della circolazione e nell'OPAC. Il valore nel campo Descrizione rappresenta il testo del messaggio ed è limitato a 200 caratteri.
  • Bsort1
    • Valori che possono essere introdotti per il campo di ordinamento 1 dell'utente
  • Bsort2
    • Valori che possono essere introdotti per il campo di ordinamento 2 dell'utente
  • CART
  • CCODE
    • Codici delle collezioni (utilizzati nella catalogazione e nelle operazioni sulle copie)
  • DAMAGED
    • Descrizioni per oggetti segnati come danneggiati (utilizzati nella catalogazione e nelle operazioni sulle copie)
  • DEPARTMENT
  • HINGS_AS
    • General Holdings: Acquisition Status Designator : [qui si fa riferimento a MARC21 Holdings] Questo elemento specifica lo status di acquisizione della copia al momento del report delle holdings.
  • HINGS_C
    • General Holdings: Completeness Designator [ci si riferisce allo standard MARC21 Holdings]
  • HINGS_PF
    • Physical Form Designators [ci si riferisce allo standard MARC21 Holdings]
  • HINGS_RD
    • General Holdings: Retention Designator : [qui si fa riferimento a MARC21 Holdings]. Questo dato specifica la politica di circolazione della copia al momento del report di holdings.
  • HINGS_UT
    • General Holdings: Type of Unit Designator [ci si riferisce allo standard MARC21 Holdings]
  • LOC
    • Collocazione a scaffale (utilizzato solitamente all'aggiunta o modifica di una copia)
  • LOST
    • Descrizioni per le copie segnate come perse (utilizzate all'aggiunta o modifica di una copia)
    • Importante

      I valori assegnati agli status di smarrimento devono essere numerici e non alfabetici affinché gli status appaiano correttamente
  • MANUAL_INV
    • Valori per i tipi di fatture fatte a mano
    • Importante

      Per questa categoria di valori autorizzati, il valore di Valore autorizzato indica la descrizione, mentre quello di Descrizione l'importo, che va inserito senza simboli di valuta.
  • NOT_LOAN
    • Ragioni per cui un'opera non è in prestito
    • Importante

      I valori assegnati agli status di smarrimento devono essere numerici e non alfabetici affinché gli status appaiano correttamente
    • Nota

      I numeri negativi permettono comunque le prenotazioni (è il caso, per esempio, delle prenotazioni sulle opere in ordinazione) mentre quelli positivi non permettono prenotazioni o prestiti
  • ORDER_CANCELLATION_REASON
    • Motivi per cui un ordine potrebbe essere stato annullato
  • PROC
  • REPORT_GROUP
    • Categorie per ordinare e filtrare i report. I valori predefiniti rappresentano moduli di Koha.
  • REPORT_SUBGROUP
    • Possono essere utilizzati per ordinare e filtrare ulteriormente i report. Questa categoria non viene popolata all'installazione. I valori devono contenere un codice dei valori autorizzati di REPORT_GROUP nel campo Descrizione (OPAC) affinché il sottogruppo venga collegato al gruppo appropriato.
  • RESTRICTED
    • Limitazioni all'uso della copia
  • ROADTYPE
    • Tipi di strada da usare per gli indirizzi degli utenti
  • SIP_MEDIA_TYPE
    • Utilizzato quando creazione o modifica un tipo di elemento per assegnare un tipo di supporto specifico SIP per dispositivi come gli armadietti e i selezionatori.
  • SUGGEST
    • Lista di motivazioni per l'accettazione o il respingimento dei suggerimenti di acquisto degli utenti (utilizzati nella gestione dei suggerimenti).
  • WITHDRAWN
    • Descrizione per una copia ritirata (utilizzato nell'aggiunta o modifica di una copia)
  • YES_NO
    • Un generico valore autorizzato utilizzabile ogni qual volta serva un semplice menu a tendina sì/no.
Oltre alle categorie esistenti per default in Koha, si possono aggiungere altre categorie di valori autorizzati. Per aggiungere una nuova categoria:
  • Clicca 'Nuova categoria'
  • Nel campo Categoria inserisci una breve stringa (massimo 10 caratteri) che suggerisca chiaramente lo scopo della categoria.
    • Importante

      I nomi delle categorie non devono contenere spazi o caratteri speciali eccetto il trattino e il trattino basso.
  • Per aggiungere una categoria è richiesta la creazione di almeno un valore autorizzato
    • Inserisci il codice di questo nel campo 'Valore autorizzato'
      • Importante

        Valore autorizzato dev'essere lungo al massimo 80 caratteri e non può contenere spazi o caratteri speciali eccetto trattini e trattini bassi.
    • Usa il campo Descrizione per il valore che verrà visualizzato. Se vuoi visualizare qualcosa differente sull'Opac, inserisci una stringa in 'Descrizione (OPAC)'
    • Se vuoi limitare questa categoria di valori autorizzati a solo certe specifiche biblioteche, sceglile dal menu 'Limitazione per biblioteche'. Per usarla dovunque basta scegliere 'Tutte le biblioteche' all'inizio della lista
    • Se le preferenze di sistema StaffAuthorisedValueImages e/o AuthorisedValueImages abilitano le immagini per i valori autorizzati, puoi scegliere un'immagine in 'Scegli un'icona'
  • Clicca 'Salva'
  • La nuova categoria e il suo valore appariranno nella lista dei Valori autorizzati
Nuovi valori autorizzati possono essere aggiunti a una categoria nuova o esistente. Per aggiungere un valore:
  • Clicca 'Nuovo valore autorizzato per ...'
  • Inserisci il codice di questo nel campo 'Valore autorizzato'
    • Importante

      Valore autorizzato dev'essere lungo al massimo 80 caratteri e non può contenere spazi o caratteri speciali eccetto trattini e trattini bassi.
  • Usa il campo Descrizione per il valore che verrà visualizzato. Se vuoi visualizare qualcosa differente sull'Opac, inserisci una stringa in 'Descrizione (OPAC)'
  • Se vuoi limitare questa categoria di valori autorizzati a solo certe specifiche biblioteche, sceglile dal menu 'Limitazione per biblioteche'. Per usarla dovunque basta scegliere 'Tutte le biblioteche' all'inizio della lista
  • Se le preferenze di sistema StaffAuthorisedValueImages e/o AuthorisedValueImages abilitano le immagini per i valori autorizzati, puoi scegliere un'immagine in 'Scegli un'icona'
  • Clicca 'Salva'
  • Il nuovo valore apparirà nella lista insieme agli altri valori esistenti
Impostazioni per la gestione della circolazione e delle informazioni degli utenti
Le categorie utente permettono di organizzare gli utenti sotto differenti ruoli, gruppi di età e tipi.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Utenti e circolazione > Categorie utente
Le categorie utente posso riferirsi a una di queste sei macrocategorie in Koha
  • Adulto
    • Tipo più comune di utente, normalmente usato per una categoria generica 'Utente'
  • Bambino
    • Gli utenti bambini possono fare riferimento al "garante" che sia legato a loro.
  • Staff
    • I bibliotecari e il personale della biblioteca vanno assegnati al tipo staff di modo che tu possa impostare i loro permessi e dare loro accesso all'interfaccia amministrativa.
  • Istituzionale
    • Gli utenti organizzazione sono enti. Un ente fa da garante agli utenti professionali associati.
  • Professionale
    • Professionista = Un utente che può avere un ente come garante.
  • Statistico
    • Questo tipo di utente è usato solo a scopi statistici, per esempio per l'uso interno di copie.
Per aggiungere una nuova categoria utente, clicca 'Nuova categoria' in alto sulla pagina
  • Il 'Codice della categoria' è un identificatore univoco per la nuova categoria.
    • Importante

      Il codice dev'essere composto di soli caratteri alfanumerici e dev'essere lungo massimo 10 caratteri
    • Importante

      Questo campo è obbligatorio per il salvataggio della categoria di utenti. Se non è compilato, ti verrà mostrato un messaggio di errore.
  • Inserisci una spiegazione più lunga in 'Descrizione'
    • Importante

      Questo campo è obbligatorio per il salvataggio della categoria di utenti. Se non è compilato, ti verrà mostrato un messaggio di errore.
  • Durata dell'iscrizione (in mesi) dev'essere compilato se è presente un tempo limitato di iscrizione per i tuoi utenti (ad esempio le tessere degli studenti possono scadere dopo nove mesi o in una specifica data)
    • Importante

      Non puoi inserire sia un limite di mesi che una data di scadenza, devi scegliere una sola soluzione delle due.
    • Importante

      Questo campo è obbligatorio per il salvataggio della categoria di utenti. Se non è compilato, ti verrà mostrato un messaggio di errore.
  • Alcune categorie di utenti possono avere un requisito di età minima (in anni), inseriscilo nel campo 'Età minima richiesta'
    • Importante

      Questo campo verrà controllato solo se la preferenza di sistema BorrowerMandatoryField definisce il campo dateofbirth del database come obbligatorio per il record utente
  • Le categorie di utenti possono avere anche un limite di età massima (espresso anch'esso in anni; è il caso ad esempio dei bambini), inseriscilo nel campo 'Limite di età superiore'
    • Importante

      Questo campo verrà controllato solo se la preferenza di sistema BorrowerMandatoryField definisce il campo dateofbirth del database come obbligatorio per il record utente
  • Se addebiti un costo di iscrizione per gli utenti (ad esempio per coloro che risiedono in un'altra regione) puoi inserirlo nel campo 'Quota di iscrizione'.
    • Importante

      Inserisci in questo campo solo valori numerici (con eventuali decimali)
  • Se vuoi che gli utenti ricevano avvisi per le restituzioni in ritardo, imposta 'Overdue notice required' a 'Sì'
  • Puoi decidere su base utente se le copie smarrite vengano mostrate nell'interfaccia amministrativa. Seleziona un valore nel menu a tendina 'Copie smarrite nell'interfaccia dello staff'.
    • Importante

      Nota: quest'impostazione ha effetto solo nell'interfaccia amministrativa, perciò il suo valore non fa differenza per le categorie di utenti a cui non è permesso accedervi.
  • Se applichi delle tariffe agli utenti per la prenotazione delle copie, inserisci l'importo nel campo 'Quota di prenotazione'.
    • Importante

      Inserisci in questo campo solo valori numerici (con eventuali decimali)
  • Nel campo 'Tipo di categoria' scegli una delle sei categorie principali
    • Importante

      Questo campo è obbligatorio per il salvataggio della categoria di utenti. Se non è compilato, ti verrà mostrato un messaggio di errore.
  • Le limitazioni per biblioteca ti permetto di limitare la categoria utente a solo qualcuna delle biblioteche del tuo sistema . Seleziona 'Tutte le biblioteche ' se vuoi usare la categoria ovunque.
  • È possibile decidere se questa a categoria utente è impedita l'esecuzione di azioni nell'OPAC se la tessera è scaduta utilizzando l'opzione successiva. Per impostazione predefinita seguirà la regola impostata nella preferenza BlockExpiredPatronOpacActions
  • Successivamente è possibile scegliere l'impostazione predefinita per la privacy per questa categoria di utente. Questa impostazione può essere modificata dall'utente tramite l'OPAC, se glielo permetti con la preferenze di sistema OPACPrivacy.
  • Infine puoi assegnare delle preferenze avanzate di messaggio come predefinite per la categoria di utenti
    • Importante

      Ciò richiede che tu abbia abilitato la preferenza di sistema EnhancedMessagingPreferences
    • Questi valori predefiniti verranno applicati a nuovi utenti che vengono aggiunti al sistema. Non influiranno sulle le preferenze degli utenti già registrati. Inoltre, questi possono essere cambiati per singoli utenti, questa impostazione è solo un valore predefinito per rendere più facile impostare i messaggi per un'intera categoria.
      • Nota

        Dopo aver impostato i valori predefiniti per la categoria di utenti, puoi propagare le modifiche a tutti gli utenti precedentemente aggiunti eseguendo lo script borrowers-force-messaging-defaults nella cartella misc/maintenance. Contatta il tuo amministratore di sistema per assistenza.
Queste regole definiscono come le copie circolano, come le multe sono calcolate e come le prenotazioni sono gestite.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Utenti e circolazione > Circolazione e regole dei ritardi
Le regole sono applicate dal più specifico al meno specifico. Nell'ordine:
  • stessa sottobiblioteca, stesso tipo di utente, stesso tipo di copia
  • stessa iblioteca, stesso tipo di utente, tutti i tipi di copia
  • stessa sottobiblioteca, tutti i tipi di utente, stesso tipo di copia
  • stessa sottobiblioteca, tutti i tipi di utente, tutti i tipi di copia
  • default (tutte le biblioteche), stesso tipo di utente, stesso tipo di copia
  • default (tutte le biblioteche), stesso tipo di utente, tutti i tipi di copia
  • default (tutte le biblioteche), tutti i tipi di utente, stesso tipo di copia
  • default (tutte le biblioteche), tutti i tipi di utente, tutti i tipi di copia
I CircControl e HomeOrHoldingBranch entrano in gioco anche per capire la regola di circolazione da seguire.
  • Se CircControl è impostato a ' la biblioteca a cui sei collegato' le regole di circolazione applicate saranno quelle della biblioteca con cui sei loggato.
  • Se CircControl è impostato su 'la biblioteca a cui appartiene l'utente' le regole di circolazione applicate saranno quelle della biblioteca dell'utente
  • Se CircControl è impostato su 'la biblioteca da cui proviene la copia' le regole applicate saranno quelle scelte in base all'impostazione fatta della biblioteca della copia nella preferenza HomeOrHoldingBranch tra la biblioteca da cui proviene la copia o la biblioteca che ha prestato la copia.
  • Se IndependentBranches è impostato su 'Evitare', allora il valore di HomeOrHoldingBranch viene utilizzato per capire se la copia può essere prestata. Se biblioteca padrona della copia non corrisponde con la biblioteca a cui si è collegato l'utente, la copia non può essere prestata, tranne se sei un superlibrarian .

Nota

Suggerimento: se sei in un sistema con una sola biblioteca, scegli il nome della biblioteca prima di creare regole (a volte avere solo regole per 'tutte le biblioteche' può causare problemi con le prenotazioni)

Importante

È necessario impostare almeno una regola predefinita per la circolazione. Questa regola dev'essere valida per tutti i tipi di copia, tutte le categorie di utenti e tutte le biblioteche; verrà utilizzata in tutti i casi per cui non è possibile ricorrere a una specifica regola. Se questa regola predefinita manca, è possibile che gli utenti vengano bloccati nell'effettuare prenotazioni. Sempre per evitare questo problema sulle prenotazioni, è necessario definire una regola per la stessa biblioteca, tutti i tipi di utente e tutti i tipi di copia. Koha deve conoscere una regola su cui ripiegare.
Utilizzando la matrice per le regole di circolazione puoi definire delle regole sulla base delle categorie di utenti e dei tipi di copia. Per impostare le tue regole scegli una biblioteca dal menu a tendina (oppure 'Tutte le biblioteche' se desideri applicare queste regole a tutte le sedi):
Nella matrice puoi scegliere ogni combinazione di categoria utente e tipologia di copia su cui vuoi applicare le regole che definisci
  • Per prima cosa scegli a quale categoria utente la regola si applicherà. Se lasci 'Tutte', si applicherà a tutte le categorie utente
  • Scegliere il tipo di copia a cui si desidera applicare questa regola. Se si lascia su 'Tutti' si applicherà a tutti i tipi di copia
  • Limitare il numero di copie che un utente può avere in prestito allo stesso tempo inserendo un numero nel campo 'Prestiti contemporanei permessi'
  • Definire il periodo di tempo in cui una copia può essere prestata a un utente inserendo il numero di unità (giorni o ore) nella casella 'periodo di prestito'.
  • Scegliere l'unità di tempo, giorni o di ore, e il periodo di prestito e le multe saranno calcolate nella colonna 'unità'
  • Puoi anche indicare una data fissa per un determinata categoria di utenti e tipi di copia. Una data fissa ignorerà le regole correnti di circolazione e permetterà di far scadere tutti i prestiti relativi a copie del tipo definito alla data che hai specificato, oppure prima, oppure dopo .
  • 'Importo multe' dovrebbe avere l'importo che si desidera fare pagare per i prestiti scaduti
    • Importante

      Inserisci solo numeri e punti per i decimali (nessun simbolo di valuta).
  • Inserire l''intervallo di attribuzione delle multe' nell'unità impostata (es. Attribuisci le multe ogni 1 giorno, o ogni 2 ore)
  • Il 'periodo di grazia' è il lasso di tempo in cui una copia può essere in ritardo prima che inizino a essere conteggiate le multe.
    • Importante

      Questa opzione può essere impostata solo in giorni, non in ore.
  • Il 'tetto multe prestiti scaduti' è la multa massima per questa combinazione di utente e tipo di copia
    • Importante

      Se questo campo non viene compilato Koha non limiterà l'ammontare di multe che una copia può causare. L'ammontare massimo di una multa può essere impostato tramite la preferenza di sistema MaxFine.
  • Se la biblioteca 'multa' gli utenti sospendendo il loro account, è possibile immettere il numero di giorni di sospensione nel campo 'Sospensione in giorni'
    • Importante

      Questa opzione può essere impostata solo in giorni, non in ore.
  • Puoi anche definire il numero massimo di giorni che un utente può essere sospeso impostandolo nel campo ' Giorni di sospensione massimi'
  • Poi decidere se l'utente può rinnovare questo tipo di copia e, in caso affermativo, inserire quante volte si può rinnovare nella casella 'Rinnovi consentiti'
  • Se hai l'autorizzazione ai rinnovi, è possibile controllare quanto è lungo il periodo del rinnovo (con le unità di tempo che hai scelto) nel box 'Periodo di rinnovo'.
  • Se stai permettendo rinnovi, si può controllare quanto tempo prima della data di scadenza gli utenti possono rinnovare i loro prestiti con la casella 'No rinnovi prima di'.
    • I prestiti possono essere rinnovati in qualsiasi momento, se questo valore viene lasciato vuoto. In caso contrario, i prestiti possono essere rinnovati solo se la copia deve essere resa dopo il numero di unità di tempo (giorni / ore) indicate in questa casella.
  • È possibile abilitare i rinnovi automatici per alcune coppie tipo di copia / tipo di utente, se vuoi. Il rinnovo avverrà automaticamente usando con le regole della circolazione, salvo in caso di copia prenotata.
    • Importante

      È necessario attivare il job di cron rinnovo automatico per fare questo.
    • Importante

      Questa funzione ha bisogno di avere la colonna "non rinnovare prima di" compilata o il rinnovo avverrà automaticamente tutti i giorni dopo la data di scadenza
  • Se l'utente può prenotare questo tipo di copia, inserire nel campo 'Prenotazioni consentite' il numero totale di copie (di questo tipo) che possono essere prenotate
  • Poi puoi decidere se su questa coppia utente/copia è possibile fare prenotazioni sulle copie che sono a scaffale ( o disponibili in biblioteca) oppure no. Se sceglii 'no' allora si potranno fare prenotazioni su queste copie solo se sono in prestito
  • È anche possibile decidere se gli utenti sono autorizzati a prenotare copie specifiche sul tipo di materiale in questione. Le opzioni sono:
    • Permetti: questo permetterà agli utente di sceglire la copia disponibile successivamente o una copia spefica
    • Non permettere: Gli utenti potranno scegliere solo la prossima copia disponibile
    • Obbliga: Gli utenti dovranno scegliere una specifica copia
  • Infine, se addebiti una tariffa per il prestito per il tipo di copia in questione e vuoi effettuare uno sconto su questa tariffa per una particolare categoria di utente, inserisci la percentuale di sconto (senza il simbolo %) nel campo 'Sconto (%) sul costo del prestito'
Al termine, fare clic su 'Add' per salvare le modifiche. Per modificare una regola, è sufficiente fare clic sul collegamento 'Modifica' alla destra della regola e modificare i valori che appaiono nella parte inferiore del modulo.
Se si desidera eliminare la regola, fare clic sul collegamento 'Elimina' alla destra della regola.
Per perdere meno tempo, puoi clonare le regole da una biblioteca ad un'altra.
Dopo aver scelto di fare una copia, ti verrà presentato un messaggio di conferma.
È possibile impostare una regola di massimo numero predefinito di prestiti e prenotazioni che verrà utilizzata se non viene definito di seguito per un particolare tipo di copia o categoria utente. Questa sarà la regola di default.
Da questo menu è possibile impostare un valore predefinito da applicare a tutti i tipi utente e copia nella biblioteca se nessun'altra opzione è impostata nei moduli sottostanti.
  • In 'Prestiti attualmente autorizzati' inserisci il numero totale di copie che un utente può avere in prestito
  • Con il menu 'Configurazione delle prenotazioni' definisci la sede da cui gli utenti possono effettuare le prenotazioni
    • Da ogni biblioteca: utenti di ogni biblioteca posso fare prenotazioni su questa copia (default se nulla viene definito)
    • Dalla biblioteca di appartenenza: solo gli utenti registrati alla biblioteca a cui appartiene la copia posso fare una prenotazione su questo libro.
    • Prenotazioni non possibili: nessun utente può prenotare quest'opera
  • Definisci la sede a cui deve ritornare la copia al momento della restituzione
    • La copia ritorna alla biblioteca proprietaria
    • La copia rientra nella biblioteca di provenienza
    • Copia circolante
      • Quando una copia è circolante, rimane dove è rientrata e non ritorna alla biblioteca che la possiede (home library)
  • Una volta che una regola è configurata, puoi cancellarla cliccando il link 'Pulisci' posto a destra della regola
Per questa biblioteca, puoi specificare il numero massimo di prestiti che può effettuare l'utente di una categoria, senza riguardo al tipo di copia.

Nota

Se il valore non viene compilato, nessun limite viene applicato, a parte ulteriori limiti definiti su specifici tipi di copia.
Ad esempio, se si dispone di una regola nella matrice che dice che utenti del Consiglio possono avere 10 libri e 5 DVD ma si vuole fare in modo che abbiano solo al massimo 12 oggetti in prestito alla volta. Se qui si immette 12 e l'utente ha già 10 libri in prestito, potrà prendere solo 2 DVD, per eguagliare il totale 12.
Per questa biblioteca è possibile modificare i criteri di prenotazione e restituzione per un determinato tipo di copia, indipendentemente dalla categoria utente.
Le diverse politiche per le prenotazioni hanno questi effetti:
  • Da ogni biblioteca: utenti di ogni biblioteca posso fare prenotazioni su questa copia (default se nulla viene definito)
  • Dalla biblioteca di appartenenza: solo gli utenti registrati alla biblioteca a cui appartiene la copia posso fare una prenotazione su questo libro.
  • Prenotazioni non possibili: nessun utente può prenotare quest'opera

Importante

Se la preferenza di sistema AllowHoldPolicyOverride è impostata su 'Permetti' queste regole possono essere scavalcate dallo staff della circolazione.

Importante

Queste regole sono basate sulla sede di appartenenza dell'utente, non su quella a cui appartiene l'operatore.
Le diverse politiche di restituzione hanno questi effetti:
  • La copia ritorna alla biblioteca proprietaria: la copia attiverà la procedura di trasferimento alla sua biblioteca di appartenenza
    • Importante

      Se la preferenza di sistema AutomaticItemReturn è impostata per trasferire automaticamente la copia alla sua biblioteca di appartenenza, non verrà mostrato nulla al bibliotecario
  • La copia ritorna alla biblioteca che l'ha prestata: la copia chiederà al bibliotecario il trasferimento alla biblioteca da cui è stata prestata
    • Importante

      Se la preferenza di sistema AutomaticItemReturn è impostata per trasferire automaticamente la copia alla sua biblioteca di appartenenza, non verrà mostrato nulla al bibliotecario
  • Copia circolante: la copia non verrà trasferita dalla sede in cui è stata restituita, ma rimarrà lì finché non verrà trasferita manualmente o restituita ad un'altra sede
Ad esempio si potrebbe consentire prenotazioni nella tua biblioteca, ma per evitare prenotazioni di nuove copie o DVD da altre biblioteche del sistema sii può impostare la 'Hold policy' a 'Dalla propria biblioteca' in modo che tali copie possano essere prenotate solo se la biblioteca che le possiede e la biblioteca dell'utente coincidono. È inoltre possibile bloccare completamente le prenotazioni di specifici tipi di copie tramite questo modulo. Questo è anche il modo per impostare tipi di copie floating e tipi che rimangono nella propria biblioteca.
Tramite gli attributi utente è possibile definire dei campi personalizzati associabili al record utente. Per abilitare l'uso di questi campi personalizzati devi abilitare la preferenza di sistema ExtendedPatronAttributes.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Utenti e circolazione > Attributi utente
Un tipico uso di questo campo è l'ID dello studente o il numero di patente di guida.
Per aggiungere un nuovo Attributo Utente, clicca 'Nuovo tipo attributo utente'
  • Inserisci un breve codice identificativo nel campo 'Codice dell'attributo utente'
    • Importante

      Questo campo è limitato a 10 caratteri esclusivamente alfanumerici
    • Importante

      Questa impostazione non può essere cambiata successivamente alla creazione dell'attributo utente
  • Nel campo 'Descrizione' inserisci una spiegazione libera di cosa conterrà questo campo
  • Spunta la casella 'Ripetibile' per permettere l'assegnazione di un numero multiplo di questo attributo per un singolo utente.
    • Importante

      Questa impostazione non può essere cambiata successivamente alla creazione dell'attributo utente
  • Se la casella 'Identificatore univoco' è spuntata, l'attributo sarà un identificatore univoco nel database, il che significa che se un determinato valore è assegnato ad un utente, non potrà essere assegnato ad un altro utente.
    • Attributi univoci possono essere usati come regole di coincidenza nello strumento di importazione utenti
    • Importante

      Questa impostazione non può essere cambiata successivamente alla creazione dell'attributo utente
  • Spunta per associare una password a questo attributo.
  • Spunta per visualizzare questo attributo nella pagina dei dettagli dell'utente nell'OPAC.
  • Spunta per rendere questo attributo cercabile nell'interfaccia staff.
  • Spunta 'Visualizza nel prestito' per rendere questo attributo visibile nel riepilogo a sinistra nella schermata del prestito e inaltre pagine riguardanti l'utente
  • Categoria di valori autorizzati: se una categoria è selezionata, la pagina di inserimento dei dati dell'utente permetterà di scegliere solo tra i valori autorizzati della lista.
    • Devi avere almeno una lista di valori autorizzati affinché appaia nel menu a tendina
    • Importante

      le liste di valori autorizzati non vengono applicate in fase di importazione massiva degli utenti
  • Se vuoi che questo campo si usato solo da specifiche biblioteche, puoi scegliere le biblioteche abilitate dalla lista 'Limitazione per biblioteche'. Oppure scegli 'Tutte le biblioteche' per usarlo dovunque.
    • Importante

      Si noti che le copie con posizioni già impostate non saranno modificate. La limitazione evita solo la scelta di un valore autorizzato in base alla sede della biblioteca di login del membro dello staff. Tutti i valori autorizzati per i record di copia (LOC, LOST, CCODE, ecc) appariranno sull'OPAC per tutti gli utenti.
  • Se vuoi che questo attributo venga solo mostrato per un particolare tipo di utente, allora scegli il tipo di utente dal menu a tendina 'Categoria'
  • Se devi gestire molti attributi può essere utile raggrupparli affinché possa trovarli facilmente per modificarli. Se crei dei Authorized Value della categoria PA_CLASS questi verranno mostrati nel menu a tendina 'Classe' e nella pagina degli attributi saranno presenti delle sezioni per il raggruppamento
  • Premi 'Salva' per salvare il nuovo attributo
Una volta aggiunto l'attributo, apparirà nella lista degli attributi e nella scheda dell'utente
Se hai configurato delle classi per ordinare gli attributi degli utenti, essi appariranno in questo modo nel form per aggiungere/modificare utenti
Ogni dato di un utente ha accanto un bottone per la modifica o la cancellazione.
Alcun campi nell'attributo non saranno modificabili una volta creati:
  • Codice dell'attributo utente:
  • Ripetibile
  • Identificatore univoco
Non potrai cancellare un attributo se è in uso.
Limita la possibilità di trasferire copie tra le biblioteche basandosi sulla biblioteca che invia, la biblioteca che riceve e la tipologia di copia coinvolta.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Utenti e circolazione > Limiti nei trasferimenti
Queste regole hanno effetto solo se la preferenza di sistema UseBranchTransferLimits è impostata su 'Forza'.
Prima di tutto occorre scegliere la biblioteca per la quale si stanno definendo questi limiti.
I limiti nel trasferimento sono basati sui codici di collezione impostati tramite la sezione Valori autorizzati.
I codici di collezione appariranno come schede sopra le caselle da spuntare:
Spunta le caselle per le biblioteche da cui accetti restituzioni per la collezione della copia selezionata sopra (nell'esempio sotto, FIC)
Nell'esempio sopra, la biblioteca Centerville accetterà la restituzione delle copie provenienti da tutte le biblioteche eccetto Liberty e Franklin.
La matrice dei costi di trasporto consente a un sistema bibliotecario di definire i costi relativi al trasporto libri interno. Affinché il sistema utilizzi questa matrice è necessario innanzitutto impostare la preferenza UseTransportCostMatrix a 'Usa'.

Importante

La matrice dei costi di trasporto ha la precedenza a controllare dove le prenotazioni sono soddisfatte; se non si utilizza la matrice, Koha utilizza StaticHoldsQueueWeight .
I costi sono valori decimali tra un numero massimo (es.: tra 1 e 100) e 0 (che indica senza costo). Per esempio, puoi usare la distanza tra ogni biblioteca in chilometri come tuo 'costo', se la cosa riflette il costo di trasporto. Forse gli uffici postali usano un parametro diverso. Le biblioteche che condividono un ufficio postale avranno un costo di 1, uffici postali adiacenti avranno costo 2, ecc.
Per indicare il costo di trasporto, clicca sulla cella, togli la spunta e inserisci il costo
Dopo aver indicato il costo, premi 'Enter' sulla tastiera o fai click sul bottone 'Salva' al fondo della tabella per salvare le modifiche.

Nota

Un valore NULL non farà alcuna differenza se la biblioteca From e To coincidono. Tuttavia, come buona norma, si dovrebbe indicare uno 0. Per tutte le altre combinazioni da/a, un valore NULL disabiliterà la relazione. Per cui, in sintesi, non è bene lasciare valori vuoti. È meglio mettere sempre un numero (anche se si sceglie di disabilitare l'opzione).
Ogni biblioteca può decidere se notificare automaticamente agli utenti i loro prestiti e restituzioni
  • Vai a: Più > Amministrazione > Utenti & Circolazione > Avvisi di circolazione delle copie
Queste preferenze sono basate sul tipo utente e tipo di copia.

Importante

Questi preferenza può essere modificata nelle preferenze di messaggistica dell'utente.
Per definire avvisi di circolazione delle copie:
  • Scegliere la tua biblioteca dal menu a tendina nella parte superiore dello schermo
    • Per definire preferenze per tutte le biblioteche, mantieni il menù al valore 'Default'
  • Per default gli utenti vengono avvisati di prestiti o restituzioni per ogni tipo di copia. Per modificare il default, clicca sulle singole caselle di spunta.
    • Nell'esempio precedente, ragazzi e bambini non riceveranno comunicazioni di prestiti.
Per uniformare i dati degli utenti, puoi definire città e paesi della tua zona, per facilitare lo staff quando registra gli utenti. Gli basterà scegliere da menù tendina.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Preferenze di Sistema globali > Città e paesi
Per aggiungere una nuova città, fare clic sul pulsante 'Nuova Città' nella parte superiore della pagina e inserire il nome della città, provincia, CAP / codice postale e paese.
Dopo aver cliccato su Invia, la città sarà mostrata nella relativa pagina
Le città possono essere modificate o cancellate in qualsiasi momento.
Se hai definito delle città usando la form 'Nuova città', troverai un menù a tendina nella form dei dati utente popolata con i nomi delle tue città.
Ciò facilita il data entry di nomi di città nella scheda utente, senza il rischio di errori di battitura nel nome o del CAP
Configura queste impostazioni prima di cominciare la catalogazione con Koha.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Catalogo
Puoi pensare alle griglie di catalogazione come a modelli per creare record. Koha ne ha alcuni predefiniti, che possono essere modificati o cancellati. Ne possono anche essere create di nuove, se servono alla biblioteca.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Catalogo > Griglia di catalogazione bibliografica MARC

Importante

Non cancellare o modificare la griglia di catalogazione di default perché potrebbe causare problemi alla catalogazione. Crea sempre una nuova griglia basata su quella di default, o modifica un'altra griglia esistente.
Dopo aver cliccato su 'Struttura MARC' a destra di ogni griglia di catalogazione, potrai decidere quanti campi vedere sullo schermo usando le opzioni di paginazione in alto sulla tavola.
Per aggiungere una griglia di catalogazione
  • Clicca 'Nuova griglia di catalogazione'
    • Inserisci un codice non più lungo di 4 caratteri
    • Usa il campo Descrizione per descrivere la tua griglia di catalogazione
  • Clicca 'Invia'
  • Una volta aggiunta la griglia, clicca 'Struttura MARC' a destra di essa nella lista delle griglie
    • Ti verrà chiesto di scegliere una griglia di catalogazione su cui basare la nuova griglia. Ti faciliterà la vita non dover iniziare da zero.
  • A questo punto puoi modificare o cancellare ogni campo seguendo le istruzioni per la modifica dei sottocampi
Il link 'Modifica' a destra di ogni griglia permette esclusivamente di modificare la descrizione della griglia:
Per modificare i campi presenti nella griglia clicca 'Struttura MARC' e poi segui le istruzioni per la modifica dei sottocampi
Per aggiungere un campo a una griglia, clicca 'Nuovo tag' in alto sulla pagina della definizione della griglia
Si aprirà una form vuota per introdurre i campi MARC.
Inserisci l'informazione relativa al tuo nuovo tag:
  • Il 'Tag' è il numero del campo MARC
  • L'"Etichetta per lo staff" è il testo visualizzato nella Vista MARC della catalogazione
  • L'etichetta per l'Opac è il testo che apparirà nell'Opac nella vista MARC del record
  • Spunta la casella 'Ripetibile' se il campo può essere ripetuto
  • Spunta la casella 'Obbligatorio' se il campo deve essere inserito
  • Se vuoi che questo campo abbia valori determinati e non altri, scegli quale lista di 'Valori autorizzati' associargli.
Quando hai finito clicca 'Salva modifiche' e ti verrà presentato il nuovo campo
A destra del nuovo campo è presente il link 'Sottocampi'; dovrai aggiungere dei sottocapi prima che il tag sia utilizzabile nell'editor. La procedura di inserimento di nuovi sottocampi è la stessa della sezione modifica dei sottocampi del manuale.
Le griglie di catalogazione sono composte da campi e sottocampi. Per modificarle, devi cambiare le caratteristiche di campi e sottocampi. Lo puoi fare cliccando 'Modifica' a destra di ogni sottocampo.
  • Ogni campo ha un tag (un tag MARC) che non è editabile
    • 'Testo per il bibliotecario' è il testo che verrà mostrato nell'interfaccia amministrativa se la sua visualizzazione è attivata dalla preferenza di sistema advancedMARCeditor
    • L'"Etichetta per l'OPAC" è il testo visualizzato nella Vista MARC dell'OPAC
    • Se spunti 'Ripetibile', accanto al campo apparirà un segno '+' cliccabile, che aggiungerà una nuova occorrenza editabile
    • Se spunti 'Obbligatorio', non sarà possibile salvare il record senza riempire questo campo
    • 'Valore autorizzato' definisce un valore autorizzato tra cui scegliere tramite un menu a tendina.
Per modificare i sottocampi legati al campo, clicca 'Sottocampi' a destra del tag nella pagina 'Struttura MARC'
  • Scegli il link 'Cancella' posto a destra di un sottocampo per cancellarlo.
  • Per modificare i sottocampi, premi 'Modifica i sottocampi'
  • Per ogni sottocampo puoi impostare i seguenti vincoli
    • Testo per il bibliotecario
      • ciò che appare prima del sottocampo nell'Opac.
    • Testo per l'OPAC
      • ciò che appare prima del campo nell'Opac.
        • Se vuoto, viene usato il testo per il bibliotecario al suo posto
    • Ripetibile
      • il campo avrà accanto un segno '+' per ripeterlo
    • Obbligatorio
      • non sarà possibile salvare il record senza riempire questo campo
    • Gestito nella scheda
      • indica la scheda in cui il sottocampo viene mostrato. Tutti i sottocampi di un campo devono essere sotto la stessa scheda o ignorati. 'Ignora' significa che il sottocampo non viene gestito.
  • Per ogni sottocampo puoi impostare i seguenti vincoli avanzati
    • Valore di default
      • definisce il valore di default del campo, che resta modificabile ma risparmia molto tempo in caso di uso frequente
    • Visibilità
      • ti permette di selezionare per ogni sottocampo se è visibile/nascosto, semplicemente clicca i box per dove vuoi vedere il campo e deselezione per dove vuoi sia nascosto.
    • È un URL
      • se selezionato, significa che il sottocampo è un URL e può essere cliccato
    • Link
      • Se inserisci un campo o sottocampo qui (200b), un link apparirà dopo il sottocampo nella vista MARC. Questa vista è presente solo nell'interfaccia amministrativa, non nell'OPAC. Se il bibliotecario clicca il link, viene eseguita una ricerca sul database per il campo o sottocampo con lo stesso valore. Ciò può essere usato principalmente per due ragioni:
        • su un campo come quello di autore (200f UNIMARC), inserendo 200f qui, sarai in grado di vedere gli altri record con lo stesso autore.
        • su un campo che è un link (4xx) per associarlo ad un altro record bibliografico. Per esempio, inserendo 011a in 464$x, si troverà la risorsa in continuazione con questo ISSN. Con il plugin 4xx si dispone di uno strumento utile per gestire le relazioni tra records bibliografici.
      • Avvertimento

        Questo valore non devono essere modificati dopo aver avere inserito dati nel catalogo. Se ti serve cambiarlo, chiedi all'amministratore del sistema di lanciare misc/batchRebuildBiblioTables.pl.
    • Link Koha
      • Koha è compatibile con diversi formati MARC. Koha non conosce il significato di 245$a, né di 200$f (questi due campi corrispondono al titolo sia in MARC21 sia in UNIMARC !). In questa lista puoi creare una "corrispondenza" tra un sottocampo MARC e il suo significato. Koha mantiene costantemente la coerenza tra un sottocampo e il suo significato. Quando l'utente esegue una ricerca per "titolo", questo link viene usato per trovare ciò che viene cercato (campo 245 di MARC21, 200 se sei in UNIMARC).
  • Per ogni sottocampo puoi impostare i valori per la seguente Altra opzione
    • Valore autorizzato
      • implica che il valore non possa essere digitato liberamente dal bibliotecario, ma scelto da un menu a tendina contenente una lista di valori autorizzati
      • Nell'esempio qui sopra, il campo 504a mostrerà i valori della lista autorizzata MARC504.
    • Thesaurus
      • thesaurus : significa che il valore non è libero, ma può essere cercato nell'archivio di authority/thesaurus della categoria selezionata
    • Plugin
      • indica che il valore è calcolato o generato da un plugin. I plugin possono fare praticamente di tutto.
      • Esempi per MARC 21:
        • Per le collocazioni è possibile inserire uno scorrimento di collocazioni vicino alla riga apposita nella catalogazione delle copie. Il plugin da usare è cn_browser.pl. Per saperne di più controlla la sezione aggiugi copie di questo manuale.
        • In UNIMARC esistono plugin per tutti i campi 1xx che sono codificati. Il plugin è di grande aiuto per il catalogatore. Ci sono anche due plugin (unimarc_plugin_210c e unimarc_plugin_225a) che possono "magicamente" trovare l'editore da un ISBN e la lista delle collane per editore
  • Dopo aver effettuato le modifiche, fai clic su 'Salva modifiche' nella parte superiore dello schermo
Accanto ad ogni griglia è presente un link per importare o esportare la griglia.
Per esportare una griglia clicca semplicemente il link 'Esporta' a destra del titolo della griglia.
Una volta cliccato 'Esporta', ti verrà chiesto in quale formato di file esportare.
Una griglia esportata in questa maniera può essere importata in qualsiasi altra installazione di Koha utilizzando l'opzione per l'importazione di griglie.
Un modo facile per creare una nuova griglia di catalogazione è importarne una da un'altra installazione di Koha. Per esportarlo dall'altro sistema, si vedano le istruzioni.
Per importare una griglia di catalogazione devi prima creare una nuova griglia. Quando lo hai fatto, premi 'importa'a destra della nuova griglia.
Ti verrà chiesto di cercare nel disco il file da importare.
Ti verrà chiesto anche di confermare le tue azioni prima che il file venga importato.
Una volta caricato il file, comparirà un'immagine che conferma l'elaborazione da parte del sistema.
Una volta completata l'importazione, verrà caricata la schermata per la modifica della griglia, dove potrai fare le modifiche che desideri sulla griglia importata.
Koha registra il record MARC completo. Ma in alcune tabelle conserva anche campi usati comunemente per facilitarne l'uso. I link Koha-MARC sono usati per dire a Koha dove trovare questi valori nel record MARC. In molti casi non ti occorre cambiare i default di installazione. Ma è importante conoscere l'esistenza di questo strumento utilizzabile anche in futuro.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Catalogo > Link tra Koha e MARC
La pagina dei Link tra Koha e MARC ti permette di scegliere una di tre tabelle del database a cui assegnare i valori.
Premi 'OK' dopo aver scelto la tavola che vuoi vedere. Per modificare la mappatura, clicca sul 'Legame Koha' o sul link 'Modifica'.
Scegli quale campo MARC vuoi associare a questo campo Koha e premi il bottone 'OK'. Se vuoi cancellare la mappatura, premi il bottone 'Sgancia'.

Importante

Attualmente puoi mappare solo 1 campo MARC a 1 campo Koha. Questo significa che non puoi mappare sia il campo 100a sia il campo 700a al campo autore, dovrai scegliere l'uno o l'altro.
Questo strumento ti permette di collagare dei campi MARC a un insieme di keyword predefinite.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Catalogo > Mappatura da keyword a MARC

Importante

Questo strumento si riferisce solo alle installazioni che non usano i fogli di stile XSLT.
In questo momento l'unica parola chiave in uso è 'sottotitolo.'
Usando questo strumento tu definisci quale campo Marc apparirà vicino a 'keywords' nel dettaglio del record bibliografico. Il seguente esempio usa il campo subtitle.
Utilizzando il menu a tendina delle griglie, scegliere la Struttura a cui si desidera applicare questa regola. Ad esempio, il sottotitolo per i libri si trova nel campo 245$b (MARC21).
Tuttavia il sottotitolo dei DVD è in 245$p
Usando questo strumento dici a Koha qual'e' il campo MARC che corrisponde al 'subtile' quando visualizzi il record bibliografico nell'Opac.
Questo strumento può anche essere usato per unire parti del record. Se vuoi che il numero di serie sia visibile accanto al titolo nella pagina dei risultati, associa 490$v a 'sottotitolo' insieme a 245$b.

Nota

Concatenare i campi che si desidera mostrare dopo il titolo articolo nell'ordine in cui si desidera che vengano visualizzati.
Sviluppi futuri permetteranno di usare altre keyword oltre a 'subtitle'.
Controlla la struttura MARC.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Catalogo > Test della griglia di catalogazione bibliografica MARC
Se cambi la griglia di catalogazione, è raccomandabile che lanci questo script per verificare eventuali errori nella tua definizione.
In Tipi di autorità si trovano sostanzialmente delle griglie MARC per i record di autorità; le regole sono le stesse della sezione griglie di catalogazione bibliografica MARC di questo manuale. Koha installa già diverse griglie di autorità. Per maggiori informazioni su come aggiungerne altre o modificare quelle esistenti, rivedi la sezione griglie di catalogazione bibliografica MARC di questo manuale.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Catalogo > Tipi di authority

Savitra Sirohi

Nucsoft OSS Labs

A cura di

Nicole C. Engard

Corretti errori, cambiato cntenuto dove necessario e aggiunti nuovi screenshot. 
2010
Fonte di classificazione o schema scaffalatura è un Valore autorizzato che viene mappato ai campi 952 $2 e $ 942$2 delle griglie MARC di Koha e memorizzato nel campo items.cn_source nel database.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Catalogo > Schemi di classificazione
Valori normalmente usati in questo campo:
  • ddc - Classificazione decimale Dewey
  • lcc - Classificazione della Library of Congress
Se scegli di installare altre regole di classificazione durante l'installazione di Koha, vedrai altri valori:
  • ANSCR (registrazioni sonore)
  • Classificazione SuDOC
  • Classificazione decimale universale
  • Altra/generica classificazione
Puoi aggiungere il tuo schema di classificazione usando il bottone 'Nuovo schema di classificazione'. Per modificarlo, usa i link 'Modifica'.
Quando crei o modifichi:
  • Dovrai specificare un codice e una descrizione.
  • Spunta "Schema in uso?" se vuoi che il valore appaia nel menù a tendina della categoria.
  • Selezionare la corretta filing rule dal menù a tendina.
Le regole di ordinamento determinano l'ordine delle copie sugli scaffali.
Valori preconfigurati in Koha sono:
  • Dewey
  • LCC
  • Generica
Regole di indicizzazione vengono basate su Fonti di classificazione . È possibile impostare nuove regole di indicizzazione utilizzando il pulsante Nuova regola di indicizzazione. Per modificarle, utilizzare il collegamento Modifica.
Quando crei o modifichi:
  • Inserisci un codice e una descrizione
  • Scegli la regola di normalizzazione: dewey, generic, lcc

Joy Nelson

ByWater Solutions

A cura di

Nicole C. Engard

Contentuto cambiato/modificato dove necessario.  
2013
Le regole di match sono usate quando si importano record MARC in Koha.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Catalogo > Regole di corrispondenza per record
Le regole impostate qui si useranno nella Importazione dei Records MARC.
È importante capire la differenza tra Match Points e Match Checks prima di aggiungere nuove regole di match a Koha.
I punteggi di coincidenza sono i criteri che tu indichi e che devono essere soddisfatti per vedere se un record in importazione coincide con uno presente in catalogo. Possono essere indicati più criteri di coincidenza per ogni regola di importazione, ognuno con un suo punteggio. Un record in importazione verrà confrontato con i record in catalogo ('uno alla volta') e assegnato un punteggio per ogni criterio di coincidenza. Quando la somma dei punteggi uguaglia o supera quella della regola di importazione, Koha considera che c'è coincidenza. Un aspetto da tenere d'occhio è la somma dei punteggi. Controllare bene che le coincidenze che interessano abbiano punteggio sufficiente.
Esempio:
Soglia di 1000
Punteggio di match per 020$a 1000
Punteggio di match per 022$a 1000
Punteggio di match per 245$a 500
Punteggio di match per 100$a 100
Nell'esempio precedente, un match sul campo 020$a o 022$a comporta una coincidenza. Un match su 245$a titolo e 100$a autore (ma non 020$a o 022$a) raggiungerà quota 600 ma non costituisce un match. E un match su 020$a e 245$a raggiunge quota 1500, che è quindi coincidenza, e i restanti 500 punti sono superflui. Il record entrante coincide con lo 020$a senza la necessità della coincidenza con il 245$a. Tuttavia, se si assegna un punteggio di 500 al 100$a, un match con 245$a titolo e 100$a autore verrà considerato sufficiente (totale 1000) anche se non c'è match su 020$a.
Le regole di coincidenza sono utilizzate soprattutto in fase di importazione. Ma possono servire in alcuni altri casi di confronto tra record. Anzitutto, possono essere usate come criteri invece di punteggi se i tuoi indici hanno problemi o sono obsoleti. Il controllo di coincidenza si baserà sui dati invece di affidarsi ai dati presenti negli indici. (Se temi che i tuoi indici siano vecchi, una ricostruzione è la soluzione migliore!) Un altro uso di un Controllo di coincidenza è il "doppio controllo" o "veto" delle tue regole di match. Per esempio, se hai una regola di match come la seguente:
Soglia di 1000
Punteggio di match per 020$a 1000
Controllo su 245$a
Koha controllerà anzitutto il 020$a per vedere se il record in importazione coincide per ISBN con uno in catalogo. In caso positivo, verificherà confrontando i campi 245$a del titolo. Se coincidono anch'essi, Koha prosegue considerando valida la coincidenza. Se i 245$c non coincidono, Koha considera i due record diversi. I criteri di coincidenza formano uno strumento molto potente.
Quando si creano nuove regole di match per i record di autorità, saranno usati i seguenti indici:

Tabella 2.1. Indici di autorità

Index name Matches Marc Tag
LC-cardnumber 010$a
Personal-name 100$a
Corporate-name-heading 110$a
Meeting-name 111$a
Title-uniform 130$a
Chronological-term 148$a
Subject-topical 150$a
Name-geographic 151$a
Term-genre-form 155$a

Per creare una nuova regola di corrispondenza:
  • Clicca su 'Nuova regola di corrispondenza'
    • Scegli un nome univoco e inseriscilo nel campo 'Codice della regola di match'
    • 'Descrizione' è un testo libero per aiutare nella scelta della regola
    • 'Soglia di match' è il numero totale di punti che un record deve accumulare perché venga dichiarata la corrispondenza
    • 'Tipo di record' è il tipo di importazione per il quale si applica questa regola - record di autorità o bibliografici
    • I punti di match sono definiti per determinare quali campi confrontare
    • 'Search index' può essere trovato nel file ccl.properties sul tuo sistema, che indica a Zebra quali dati cercare nei record MARC".
    • 'Punteggio' - Il numero di 'punti' da assegnare al match su questo campo. Se la somma di ogni punteggio supera la soglia, il record in ingresso 'coincide' con quello esistente
    • Nel campo "Tag" Indica il campo MARC della tua regola di match
    • Nel campo "Subfields" Indica il sottocampo MARC della tua regola di match
    • 'Offset' - Da usare nei campi di controllo, 001-009
    • 'Lunghezza' - Da usare nei campi di controllo, 001-009
    • Koha ha solo una 'Regola di normalizzazione' che rimuove caratteri in eccesso come virgole o punto e virgola. Il valore che introduci in questo campo è irrilevante ai fini della normalizzazione.
    • 'Richiesto controllo di corrispondenza' - ??
  • Soglia di corrispondenza: 100
  • Tipo record: bibliografico
    • Nota

      Se vuoi una regola per abbinare il tag 001 nelle registrazioni di autorità è necessario ripetere tutti questi valori e cambiare il tipo di record a 'record di autorità'
  • Matchpoints (just the one):
  • Cerca indice: Control-Number
  • Risultato: 101
  • Tag: 001
    • Nota

      questo campo è il numero di controllo assegnato dall'istituzione che crea, usa o distribuisce il record
  • Sottocampi: a
  • Offset: 0
  • Lunghezza: 0
  • Regola di normalizzazione: Control-Number
  • Controlli di match richiesti: nessuno (rimuovi quello vuoto)
In questa pagina puoi creare, modificare e cancellare i set di OAI-PMH

2.4.8.1. Crea un set

Per creare un set:
  • Click sul link 'Aggiungi un nuovo set'
  • Compila i campi obbligatori 'setSpec' e 'setName'
  • Poi puoi aggiungere una definizione a questo set. Clicca su 'Aggiungi una descrizione' e compila il campo. Puoi aggiungere quante descrizioni vuoi.
  • Clicca il bottone 'Salva'
Pre modificare un set clicca il link 'Modifica' sulla linea del set che vuoi modificare. Apparirà un form simile a quello per creare i set; esso ti permette di modificare setSpec, setName e le descrizioni.
Per cancellare un set, clicca sul link 'Cancella' che si trova sulla linea del set che vuoi cancellare.
Qui puoi definire come costruire un set (quali record apparterranno al set) indicando delle mappature. Le mappature sono una lista di condizioni sul contenuto del record. Un record che soddisfa almeno una condizione apparterrà al set.
  • Indica 'Campo', 'Sottocampo' e 'Valore'. Per esempio se vuoi includere in questo set i record che hanno 999$9 uguale a 'XXX', riempi 'Campo' con 999, 'Sottocampo' con 9 e 'Valore' con XXX.
  • Per aggiungere una nuova condizione, fai click sul bottone 'OR' e ripeti il passo 1.
  • Clicca 'Salva'
Per cancellare una condizione, lascia vuoto uno tra 'campo', 'sottocampo' o 'valore' e clicca su 'Salva'.

Nota

Una condizione è vera se il valore del corrispondente sottocampo è strettamente uguale al valore usato nell'if. Un record che ha 999$9 = 'XXX YYY' non apparterrà al set con condizione 999$9 = 'XXX'.
Ed è sensibile alle maiuscole: un record con 999$9 = 'xxx' non soddisfa la condizione 999$9 = 'XXX'.

2.4.8.4. Crea sets

Una volta che hai configurato i set, devi costruirli. Questo si fa usando lo script misc/migration_tools/build_oai_sets.pl.
Da qui è possibile aggiungere campi personalizzati all'opzione Ricerca copie nell'interfaccia dello staff.
Per aggiungere un nuovo termine di ricerca è sufficiente riempire l'area 'Aggiungere un nuovo campo':
  • "Nome" è un campo per te per identificare il termine di ricerca
  • L'etichetta apparirà nella pagina di ricerca sulle copie
  • "Campo MARC" ti permette di selezionare su quale campo vuoi che avvenga la ricerca
  • "Sottocampo MARC" indica il sottocampo su cui vuoi ricercare
  • Un lista di valori autorizzati può essere usata per trasformare questo campo di ricerca da campo a testo libero a campo con opzioni da selezionare
Quando il nuovo campo è stato aggiunto, diventa visibile all'inzio di questa pagina e nella pagina di ricerca sui dati di copia
Il modulo Acquisizioni di Koha fornisce uno strumento grazie al quale la biblioteca può registrare gli ordini fatti ai fornitori e gestire i budget di spesa.
Prima di utilizzare il Modulo Acquisizioni , si deve fare in modo di aver completato tutto il set up.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Parametri per le acquisizioni
Se hai fatto ordini relativi a più nazioni, dovrai indicare i cambi per ogni valuta, in modo che il sistema possa fare i calcoli esatti dei totali.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Parametri per le acquisizioni > Valute e tassi di cambio

Nota

Questi dati non sono aggiornati automaticamente, bisogna essere sicuri di mantenerli aggiornati in modo che la contabilità sia corretta.
Il codice ISO che inserisci sarà usato durante l'importazione dei files MARC utilizzando la funzione gestisci deposito Marc, lo strumento cercherà e collegherà il valore monetario presente alla divisa in quel momento attiva.
La valuta attiva è la valuta corrente della tua biblioteca. E' marcata con un segno di spunta. Se non ne spunti nessuna, comparirà un messaggio di errore.

2.5.2. Budgets

I bilanci sono utilizzati per il monitoraggio dei valori contabili relativi alle acquisizioni. Ad esempio si potrebbe creare un bilancio per l'anno in corso (es. 2015) e poi scomporlo in Fondi per le diverse aree della biblioteca (es. libri, audio, ecc).
  • Vai a: Più > Amministrazione > Parametri per le acquisizioni > Budgets
Nella pagina di amministrazione dei budget ci sono due sezioni: una per gli attivi una per i non attivi.
Se non hai usato finora le acquisizioni in Koha, devi iniziare con un nuovo budget. Per crearlo, premi il bottone 'Nuovo budget'.
  • Scegli la tempistica di questo budget: un anno accademico, un anno fiscale, un quadrimestre, etc.
  • La descrizione dovrebbe essere qualcosa che ti aiuta a identificare il budget quando fai gli ordini
  • Nel campo per l'importo non usare simboli, metti l'importo del budget con numeri e decimali.
  • Rendere attivo un budget significa renderlo utilizzabile per inserirvi ordini nel modulo acquisizioni, anche se gli ordini sono messi dopo la data di chiusura del bilancio. Questo permette di registrare gli ordini che erano stati messi in un precedente bilancio.
  • Bloccare un budget significa che i fondi non possono essere modificati dai bibliotecari
Quando ha fatto le tue modifiche, clicca su 'Salva modifiche'. Ti sarà fornita la lista dei budget esistenti
Per duplicare un budget dall'anno precedente, clicca sul link del nome del budget nell'elenco dei budget.
Sulla schermata che mostra la scomposizione in fondi del budget, clicca il bottone Modifica in alto e scegli Duplica budget.
Puoi cliccare il bottone 'Azioni' alla destra del budget e scegliere 'Duplica'.
In entrambi i casi ti verrà presentata una form da riempire con le nuove date di inzio e fine e poi salvare il budget.
Marca il box 'segna il budget iniziale come inattivo' se tale budget non deve più essere utilizzato.
Marca il box 'Imposta tutti i fondi a zero' se vuoi che il nuovo budget abbia tutti i fondi con la stessa struttura del budget precedente ma senza alcuna cifra allocata finchè non inserirai manulamente un importo nel fondo.
Questa operazione non duplica solo il budget, ma anche tutti i fondi ad esso associati, così potrai riusare budgets e fondi di anno in anno e così puoi muovere gli ordini non ricevuti e i fondi non spesi da budget preceente al nuovo.
2.5.2.1.3. Chiudi un budget

Denise Hannibal

Washington University in St. Louis

A cura di

Nicole C. Engard

2014
Chiudere un budget per spostare ordini non percepiti e se lo si desidera fondi non spesi da un bilancio precedente per un nuovo bilancio. Prima di chiudere il budget si potrebbe desiderare di duplicare il bilancio dell'anno precedente in modo da avere un posto per gli ordini non percepiti a rotolare a.
Trova il budget precedente con ordini non ricevuti sotto il tab budgets attivi o budgets non attivi e seleziona 'Chiudi' dal menù 'Azioni'

Nota

Affinché gli ordini non ricevuti possano essere spostati automaticamente nel nuovo budget, le strutture dei fondi nel bilancio precedente devono esistere nel nuovo bilancio. I bilanci senza ordini non ricevuti non possono essere chiusi.
Quando selezioni 'Chiudi' ti verrà presentato un form.
Usa il drop down 'Seleziona un budget' per scegliere un nuovo budget per gli ordini non ricevuti.
Marca il box 'Muovi i fondi con delle rimanenze' per spostare l'ammontare non speso da fondi di budget ormai chiusi a un altro budget selezionato.
Una volta fatta la tua scelta, clicca sul bottone ' Muovi ordini non ricevuti'. Ti si aprirà un finestra di dialogo che dirà 'Hai scelto di spostare tutti gli ordini non ricevuti dal 'Budget X' al 'Budget Y'. Questa azione è irreversibile. Vuoi continuare?' Budget X è il budget che verrà chiuso e Budget Y è il Budget è il budget selezionato.
Se tutto è corretto clicca 'OK' e gli ordini non ricevuti e, se selezionati, i fondi non spesi saranno spostati.
Aspetta fino a quando non si mostra il 'Report dopo ave mosso ordini non ricevuti dal budget X a Y'. Il report elencherà i numeri d'ordine presi in considerazione (raggruppati per fondo) e dira se l'ordine non ricevuto è stato spostato oppure no. Per esempio se il nuovo budget non contiene un fondo con lo stesso nome del prededente budget, l'ordine non viene spostato.

2.5.3. Fondi

  • Vai a: Più > Amministrazione > Parametri per le acquisizioni > Fondi
Un fondo è aggiunto a un budget.

Importante

Prima di creare un fondo, deve essere definito un budget.
Per aggiungere un nuovo fondo clicca sul bottone 'Nuovo' e poi scegli a quale budget aggiungere il fondo.
Nel form che appare puoi inserire le informazioni di base riguardo il tuo fondo.
Questi tre campi sono richiesti, gli altri sono opzionali
  • Il codice del fondo è un identificatore univoco del tuo fondo
  • Il nome del fondo deve essere significativo per i bibliotecari
  • La cifra deve essere scritta con solo numeri e decimali senza altri caratteri
  • Avviso a (%) o avviso a (importo) possono essere compilati per avere da Koha un avviso prima di spendere una certa percentuale o importo del tuo budget. Questo impedirà eccessi di spesa.
  • Puoi scegliere di assegnare questo fondo a un bibliotecario. In questo modo farai sì che solo quel bibliotecario possa effettuare modifiche al fondo
  • Scegli la biblioteca che userà questo fondo
  • Puoi limitare le persone che possono fare ordini su questo fondo sia scegliendo un 'proprietario', 'proprieatario e utenti', 'proprietatio, utenti e biblioteca' dal menu 'Restringi l'accesso a'
    • Importante

      Senza un proprietario, la restrizione di accesso ai conti verrà ignorata: assicurati di definire un proprietario e di scegliere una restrizione
  • Le note sono semplicemente note descrittive che tu potresti voler aggiungere in modo che i bibliotecari possano visualizzarle quando usano questo fondo.
  • Le Categorie di pianificazione sono utilizzati a scopi statistici. Per ulteriori informazioni sulle categorie di pianificazione, controllare FAQ Categorie di Pianificazione .
Quando hai finito, clicca 'Invia' e sarai portato a una lista di tutti i fondi del budget.
Le colonne della tabella conti sono le seguenti:
  1. Livello-base assegnato è l'"ammontare" definito al momento della creazione del conto
  2. Livello-base ordinato è l'ammontare degli ordini fatti con questo conto (senza i sottoconti)
  3. Totale ordinato è il livello-base degli ordini fatti con questo conto e tutti i suoi i sottoconti
  4. La spesa livello-base è quanto è stato speso con questo conto (senza i suoi sottoconti)
  5. Totale spesa è quanto è stato speso con questo conto compresi tutti i suoi i suoi sottoconti
  6. Livello di base disponibile è 1 - 2
  7. Totale disponibile è 1 - 3
A destra di ciascun fondo potrai trovare il bottone 'Azioni' sotto il quale troverai le opzioni 'Modifica', 'Cancella' e ' Aggiungi un fondo collegato'.
Alla destra di ogni fondo troverai le opzioni 'Modifica, ' Cancella' e 'Aggiungi un fondo figlio'. Un fondo figlio è semplicemente un sotto fondo del fondo stesso. Ad esempio ci potrebbe essere un fondo 'Romanzi' e sotto di lui un fondo 'Riedizioni' e un fondo 'Novità'. E' un modo opzionale di organizzare le tue spese.
I fondi con fondi collegati hanno una piccola freccia a sinistra. Cliccando su questa, saranno visualizzati i fondi collegati.
Quando guardi la lista dei fondi clicca su 'Pianificazione' e scegli come vuoi pianificare di spendere il tuo budget.
Se si sceglie 'Pianificazione per MESI' vedrete la somma prevista suddivisa per mesi:
Per nascondere alcune delle colonne è possibile fare clic sul collegamento 'nascondere' alla destra (o al di sotto, come nello screenshot sopra) delle date. Per aggiungere più colonne è possibile fare clic sul link 'Mostra una colonna' presente sotto la voce 'Fondo rimanente'.
Da qui puoi pianifcare le spese del budget inserendo i valori a mano o cliccando il bottone 'Autocompila linea'. Se scegli l'auto-compilazione, il sistema cerca di dividere la somma, dovrai fare qualche modifica a mano per perfezionare il risultato.
Una volta che hai fatto i tuoi cambiamenti, clicca sul bottone 'Salva'. Se vuoi esportare i dati come CSV, puoi farlo mettendo un nome file in 'Manda ad un file di nome' e cliccando sul bottone 'Output'
  • Vai a: Più > Aministrazione > Parametri aggiuntivi
Lo Z39.50 è un protocollo client-server per cercare e scaricare informazione da db su server remoti, in pratica è uno strumento per copiare records.
SRU- Search/Retrieve via URL - è un protocollo standard basato su XML per le interrogazioni di ricerca, che utilizza il CQL - Common Query Language - una sintassi standard per la rappresentazione di interrogazioni.
Usando Koha è possibile collegarsi a qualsiasi Z39.50 o di destinazione SRU disponibile al pubblico o di cui si dispone le credenziali per accedere e copiare o record bibliografici o di autorità da quella fonte.
  • Vai a: Più > Amministrazione > Parametri aggiuntivi > Servers Z39.50/SRU
Koha ha un gruppo di server Z39.50/SRU predefiniti, che puoi modificare.
Per trovare obiettivi Z39.50 aggiuntivi si può utilizzare IRSpy di IndexData: http://irspy.indexdata.com o la lista della Biblioteca del Congresso http://www.loc.gov/z3950/
  • Dalla pagina principale dei server Z39.50, clicca 'Nuovo server Z39.50'
    • Il campo 'Z39.50 server' può essere compilato con un nome utile ad identificarlo (tipo il nome della biblioteca).
    • 'Hostname' sarà l'indirizzo del server Z39.50.
    • 'Port' indica a Koha su quale porta contattare il server.
    • Userid e password sono richiesti solo per server protetti
    • Seleziona il box 'Preselected' se vuoi che questo target sia sempre selezionato di default.
    • 'Rango' consente di inserire questo server nella lista dove si desidera che compaia.
      • Se non viene compilato i server saranno ordinati alfabeticamente.
    • 'Syntax' è la tipologia MARC che usi (MARC21/Unimarc/NORMARC).
    • 'Encoding' indica al sistema come trattare i caratteri speciali.
    • 'Timeout' è utile per i target che impiegano molto tempo a rispondere. Puoi impostare un tempo di scadenza di modo che non continui ad interrogarli se i risultati non vengono trovati nell'intervallo di tempo auspicato.
    • 'Tipo record' definisce se si tratta di un server di record bibliografico o di authority.
    • 'File XSLT(s)' permette di inserire uno o più nomi di file XSLT (separati da virgola) che si desidera applicare sui risultati di ricerca.
      • Quando si recuperano i record da target esterni si potrebbe desiderare di automatizzare alcune modifiche a tali record. Gli XSLT di permettono di fare questo. Koha è preimpostato con alcuni file di esempio XSLT nella directory /koha-tmpl/intranet-tmpl/prog/en/xslt/ pronti per l'uso:
        • Del952.xsl: Rimuovi le copie (MARC21/NORMARC)
        • Del995.xsl: Rimuovi le copie (UNIMARC)
        • Del9LinksExcept952.xsl: Rimuovi ilink $9. Ma non dalle copie (MARC21/NORMARC)
        • Del9LinksExcept995.xsl: Rimuove i collegamenti $9. Salta i campi di copia (UNIMARC)
Biblioteche Koha con attivo il server Z39.50 possono condividere l'informazione sul wiki di Koha http://wiki.koha-community.org/wiki/Koha_Open_Z39.50_Sources. È possibile trovare altre sorgenti Z39.50 visitando IRSpy: http://irspy.indexdata.com.
I seguenti server Z39.50 sono stati usati con successo da altre biblioteche Koha (nelle Americhe):
  • ACCESS PENNSYLVANIA 205.247.101.11:210 INNOPAC
  • CUYAHOGA COUNTY PUBLIC webcat.cuyahoga.lib.oh.us:210 INNOPAC
  • GREATER SUDBURY PUBLIC 216.223.90.51:210 INNOPAC
  • HALIFAX PUBLIC catalogue.halifaxpubliclibraries.ca:210 horizon
  • HALTON HILLS PUBLIC cat.hhpl.on.ca:210 halton_hills
  • LIBRARY OF CONGRESS: lx2.loc.gov:210/LCDB
  • LONDON PUBLIC LIBRARY catalogue.londonpubliclibrary.ca:210 INNOPAC
  • MANITOBA PUBLIC library.gov.mb.ca:210 horizon
  • MILTON PL cat.mpl.on.ca:210 horizon
  • NATIONAL LIBRARY OF WALES cat.llgc.org.uk:210 default
  • NHUPAC 199.192.6.130:211 nh_nhupac
  • OCEAN STATE LIBRARIES (RI) catalog.oslri.net:210 INNOPAC
  • OHIOLINK olc1.ohiolink.edu:210 INNOPAC
  • PUBCAT prod890.dol.state.vt.us:2300 unicorn
  • SAN JOAQUIN VALLEY PUBLIC LIBRARY SYSTEM (CA) hip1.sjvls.org:210 ZSERVER
  • SEATTLE PUBLIC LIBRARY zserver.spl.org:210 HORIZON
  • TORONTO PUBLIC symphony.torontopubliclibrary.ca:2200 unicorn
  • TRI-UNI 129.97.129.194:7090 voyager
  • VANCOUVER PUBLIC LIBRARY z3950.vpl.ca:210 Horizon
I seguenti server Z39.50 sono stati usati con successo da altre biblioteche Koha (nelle Americhe):
  • Server z39.50 authority Australia: z3950-test.librariesaustralia.nla.gov.au:210 userid per test: ANLEZ / password: z39.50
  • LIBRARY OF CONGRESS NAME AUTHORITIES: lx2.loc.gov:210/NAF
  • LIBRARY OF CONGRESS SUBJECT AUTHORITIES: lx2.loc.gov:210/SAF
  • Dalla pagina principale Z39.50/SRU, fai clic su 'Nuovo server SRU'
    • Il campo 'nome del server' può essere compilato con un nome utile ad identificarlo (tipo il nome della biblioteca).
    • 'Hostname' sarà l'indirizzo del server Z39.50.
    • 'Port' indica a Koha su quale porta contattare il server.
    • Userid e password sono richiesti solo per server protetti
    • Seleziona il box 'Preselected' se vuoi che questo target sia sempre selezionato di default.
    • 'Rango' consente di inserire questo server nella lista dove si desidera che compaia.
      • Se non viene compilato i server saranno ordinati alfabeticamente.
    • 'Syntax' è la tipologia MARC che usi (MARC21/Unimarc/NORMARC).
    • 'Encoding' indica al sistema come trattare i caratteri speciali.
    • 'Timeout' è utile per i target che impiegano molto tempo a rispondere. Puoi impostare un tempo di scadenza di modo che non continui ad interrogarli se i risultati non vengono trovati nell'intervallo di tempo auspicato.
    • 'Ulteriori opzioni SRU' permette di inserire opzioni aggiuntive del server esterno, come sru_version = 1.1 o schema = MARC21, ecc. Si noti che queste opzioni sono server dipendenti.
    • 'Mappatura SRU campo di ricerca' consente di aggiungere o aggiornare la mappatura dei campi disponibili nel modulo di ricerca Koha ai nomi degli indici del server interrogato.
      • Per raffinare ulteriormente le tue ricerche, è possibile aggiungere i seguenti nomi indicizzati alla mappatura dei campi per la ricerca SRU. Per fare ciò, modifica il server e clicca poi sul bottone Modifica vicino a questi campi.

        Tabella 2.2. Mappatura SRU

        Titolo dc.title
        ISBN bath.isbn
        Tutti cql.anywhere
        Autore dc.author
        ISSN bath.issn
        Soggetto dc.subject
        ID standard bath.standardIdentifier

    • 'File XSLT(s)' permette di inserire uno o più nomi di file XSLT (separati da virgola) che si desidera applicare sui risultati di ricerca.
      • Quando si recuperano i record da target esterni si potrebbe desiderare di automatizzare alcune modifiche a tali record. Gli XSLT di permettono di fare questo. Koha è preimpostato con alcuni file di esempio XSLT nella directory /koha-tmpl/intranet-tmpl/prog/en/xslt/ pronti per l'uso:
        • Del952.xsl: Rimuovi le copie (MARC21/NORMARC)
        • Del995.xsl: Rimuovi le copie (UNIMARC)
        • Del9LinksExcept952.xsl: Rimuovi ilink $9. Ma non dalle copie (MARC21/NORMARC)
        • Del9LinksExcept995.xsl: Rimuove i collegamenti $9. Salta i campi di copia (UNIMARC)
Vai a: Più > Amministrazione > Parametri aggiuntivi > Intendi dire
Koha può offrire le opzioni 'Intendi dire' tramite ricerche basate su valori dei record di autorità.

Importante

Intendevi dire? funziona solo nell'OPAC in questo momento. Le opzioni Intranet sono qui per lo sviluppo futuro.
Con questa pagina puoi controllare quali opzioni offre Koha agli utenti relativamente ai risultati delle ricerche.
Per attivare la feature 'Intendi dire:' nei risultati delle ricerche, devi selezionare la casella vicina ad ogni plugin che vuoi usare. I plugin che puoi scegliere sono:
  • Il plugin ExplodedTerms suggerisce all'utente di effettuare ricerche per termini più restrittivi, meno restrittivi o correlati (per esempio un utente che cerca New York(Stato) potrebbe cliccare sul termine più restrittivo New York(Città)). È rilevante solo per biblioteche con record di autorità fortemente gerarchici.
  • Il plugin AuthorityFile cerca sui record di autorità e suggerisce all'utente i record bibliografici associati alle prime 5 intestazioni
Se vuoi che un plugin abbia priorità su un altro, spostalo sopra all'altro, trascinandolo.
Se si sceglie di entrambi i plugin vedrai diverse opzioni nella parte superiore dei risultati di ricerca
Se si sceglie solo l'AuthorityFile, vedrai solo le autorità.
Questa area dell'amministrazione ti permette di nascondere o visualizzare le colonne in tabelle prefissate attraverso lo staff client.
  • Vai a: Amministrazione > Parametri aggiuntivi > Impostazioni colonna
Cliccando sul modulo di cui vuoi modificare le tabelle e ti saranno mostrate le opzioni disponibili.
Questa area consente di controllare le colonne che compaiono nella tabella in questione. Se nulla è nascosto, non vedrai alcun segno di spunta nella colonna 'Nascosto per default'.
E si vedranno tutte le colonne durante la visualizzazione della tabella.
Se le colonne sono nascoste, saranno spuntate nella colonna 'Nascosto per default'.
e nascoste quando vedi la tabella.
Puoi anche mostrare o nascondere le colonne usando il bottone 'Mostra/Nascondi Colonne' a destra in alto della pagina

Capitolo 3. Strumenti

Tutti gli strumenti di Koha eseguono determinate operazioni. Spesso voci del menù Strumenti di Koha corrispondono a report in altri sistemi di gestione di biblioteca.
  • Vai a: Più > Strumenti

3.1.1. Liste utenti

  • Vai a: Più > Strumenti > Utenti e Circolazione > Elenchi utenti
Gli elenchi utenti sono un modo per raggruppare utenti e apportare modifiche di gruppo tramite lo strumento batch patron modification tool o i report.
Per creare una nuova lista di utenti clicca il tasto 'Nuova lista di utenti'
Inserisci un nome per la lista e salvala.
Per aggiungere utenti all'elenco premi sul bottone 'Aggiungi utenti' a destra del nome dell'elenco.
Inserisci il nome o il numero di tessera nel riquadro per la ricerca e clicca sul risultato giusto per aggiungere l'utente.
Una volta che si hanno tutti gli utenti che si desidera aggiungere, cliccare sul pulsante 'Aggiorna' per salvarli nella lista.

3.1.2. Commenti

  • Vai a: Più > Strumenti > Utenti e Circolazione > Commenti
Tutti i commenti aggiunti dagli utenti tramite l'OPAC ai record bibliografici richiedono moderazione dello staff. Se ci sono commenti in attesa di moderazione, saranno elencati sulla pagina principale dello staff sotto il modulo Liste:
e anche nello strumento Commenti nel modulo Strumenti
Per moderare i commenti clicca sulla notifica che c'e' nella bashbord principlae o vai nello stumente 'Commenti' e clicca su 'Accetta' o 'Cancella' alla destra dei commenti in attesa di moderazione.
Se non ci sono commenti da moderare, apparirà un messaggio
Puoi anche rivedere e togliere l'approvazione a commenti che avevi approvato in passato, scegliendo la voce 'Approvazione commenti'
  • Vai a: Più > Strumenti > Utenti e Circolazione > Importa utenti
L'importazione utenti può essere usata in qualunque momento per aggiungere utenti in gruppo. Si utilizza titpicamente in scuole o università per nuovi gruppi di studenti da registrare.
la tua installazione di Koha ha un file CSV vuoto che puoi usare come modello per i record utente. Se ne vuoi creare uno da solo, accertati che contenga come prima riga i seguenti campi e nel seguente ordine:
cardnumber, surname, firstname, title, othernames, initials, streetnumber, streettype, address, address2, city, state, zipcode, country, email, phone, mobile, fax, emailpro, phonepro, B_streetnumber, B_streettype, B_address, B_address2, B_city, B_state, B_zipcode, B_country, B_email, B_phone, dateofbirth, branchcode, categorycode, dateenrolled, dateexpiry, gonenoaddress, lost, debarred, debarredcomment, contactname, contactfirstname, contacttitle, guarantorid, borrowernotes, relationship, ethnicity, ethnotes, sex, password, flags, userid, opacnote, contactnote, sort1, sort2, altcontactfirstname, altcontactsurname, altcontactaddress1, altcontactaddress2, altcontactaddress3, altcontactstate, altcontactzipcode, altcontactcountry, altcontactphone, smsalertnumber, privacy, patron_attributes

Importante

Le 'password' dovranno essere in chiaro, e saranno convertite in codifica Bcrypt.
Se le tue password sono già criptate, parla con il tuo amministratore di sistema per le opzioni

Importante

I formati delle date devono coincidere con quelli della relativa preferenza di sistema, e devono avere gli zeri, come in '01/02/2008'.

Importante

I campi 'branchcode', 'categorycode' e tutti i campi definiti nella preferenza BorrowerMandatoryField sono obbligatori e devono coincidere con i valori presenti nel database.

Nota

Se si caricano gli attributi utente, il campo 'patron_attributes' deve contenere un elenco delimitato da virgole dei tipi di attributi e valori.
  • Il codice tipo di attributo e due punti deve precedere ogni valore.
    • Per esempio: "INSTID:12345,BASEBALL:Cubs"
    • Questo campo deve esser compreso tra doppie virgolette se sono definti valori multipli.
    • Poiché i valori possono contenere spazi, possono essere richieste doppie virgolette:
      • "INSTID:12345,BASEBALL:Cubs,""BASEBALL:White Sox"""
    • Quando sostituisci il record di un utente, tutti i dati presenti nel file di input andranno a sovrascivere i dati immessi in precedenza.

3.1.3.2. Importa utenti

Creato il file, puoi usare lo strumento Importa utenti per inserire i dati in Koha.
  • Scegli il tuo file CSV
  • Scegli di controllare il numero tessera o lo username per evitare di avere doppioni nell'elenco
  • Poi puoi scegliere i valori di default da assegnare a tutti gli utenti che stai importando
    • es.: se importi utenti di una biblioteca è possibile utilizzare il campo nel modulo Importa per applicare il codice della biblioteca a tutti coloro che stai importando.
  • Infine è necessario decidere quali dati si desidera sostituire se esistono duplicati.
    • Un record equivalente viene trovato usando i valori già presenti nel campo scelto per il controllo delle equivalenze, questo per evitare duplicazioni
    • Se il file include attributi utente, puoi decidere se aggiungerli o sostituirli a quelli esistenti.
  • Vai a: Più > Strumenti > Utenti e Circolazione > Avvisi e ricevute
Tutti gli avvisi (e le ricevute) mandati da Koha possono essere personalizzati con lo strumento 'Avvisi'. Il sistema ha diverse lettere predefinite presenti nello strumento.
Ogni avviso può essere modificato ma pochi possono essere cancellati, per evitare errori al sistema che avverrebbero se si tentasse di mandare un avvisoo senza un testo di default. Ogni avviso e ogni ricevuta può esser modificata per singola biblioteca, di default vedi gli avvisi per tutte le biblioteche.
Se si dispone di uno stile che ci piace applicare a tutte le ricevute, si può impostare la preferenza SlipCSS a un foglio di stile. Lo stesso vale per le comunicazioni, utilizzando la preferenza NoticeCSS per definire un foglio di stile.
Si può anche vedere la Guida Avvisi & Ricevute per ulteriori informazioni sulla formattazione di questi avvisi.
Per aggiungere un nuovo avviso o ricevuta
  • Clicca 'Nuovo messaggio'
  • Scegli a quale biblioteca inviare l'avviso o la ricevuta
    • Importante

      Non tutti gli avvisi possono essere specifici di una biblioteca. Per ulteriore informazione vedi Guida al campo Avvisi e ricevute in questo manuale.
  • Scegli il modulo a cui l'avviso e' relativo
  • Il codice ha un limite di 20 caratteri
    • Importante

      Quando lavori con gli avvisi per i ritardi puoi volere che ciascun avviso di ciascuna biblioteca abbia un codice univoco. Puoi ottenere il risultato mettendo il codice della biblioteca come prima parte del codice dell'avviso per ciascuna biblioteca.
  • Usa il campo 'nome' per espandere il tuo codice
    • Nota

      Con i messaggi di sollecito, assicurati di mettere il nome della biblioteca nella descrizione in modo che sia visibile prima di impostare i trigger .
  • Successivamente è possibile personalizzare l'avviso per ogni metodo di spedizione possibile
    • Ogni avviso può avere un testo di email specifico
    • Se si utilizza il servizio TalkingTechItivaPhoneNotification è possibile impostare una notifica via telefono
    • Se pensi di stampare questo avviso, puoi successivamente impostare il template per la stampa.
    • Se hai abilitato gli avvisi via SMS con la preferenza SMSSendDriver dopo potrai impostare in testo per gli avvisi via SMS
  • Ogni avviso offre le stesse opzioni
    • Se pensi di scrivere l'avviso o la ricevuta in HTML, selezione il flag 'Messaggio HTML', altrimenti il messaggio verrà generato come puro testo
    • 'Soggetto del messaggio' è ciò che appare nelle linea 'subject' dell'email
    • Nel corpo del messaggio inserisci il testo che preferisci, usa i campi a sinistra per specificare dati provenienti dal database.
      • Nota

        Rivedere la Guida ad Avvisi & Ricevute per informazioni su quali campi possono essere utilizzati qui.
      • Importante

        Gli avvisi per i ritardi possono utilizzare il tag <<items.content>> , o utilizzare <item></item> per gestire in maniera più fine il contenuto. Ulteriori informazioni su Costruzione dell'avviso di ritardo
        • Negli avvisi per i ritardi usa il tag <<items.content>> per stampare la data di tutte le copie che sono in ritardo.
        • L'altra opzione, solo per li solleciti di prestiti in ritardo, è utilizzare il tag <item></item> per coprire la linea in modo che si stamperà più righe. Un esempio di uso del tag <item></item> tag è:
          <item>"<<biblio.title>>" by <<biblio.author>>, <<items.itemcallnumber>>, Barcode: <<items.barcode>> , Checkout date: <<issues.issuedate>>, Due date: <<issues.date_due>> Fine: <<items.fine>> Due date: <<issues.date_due>> </item>
      • Importante

        Solo i solleciti di restituzione prestiti in ritardo potranno sfruttare i tag <item></item>, tutti gli altri messaggi relativi a copie dovranno usare <<items.content>>
      • Nota

        Per aggiungere la data di oggi puoi usare la sintassi <<today>>
      • Nota

        Se non si desidera stampare il nome completo dell'utente sui ricevute e negli avvisi o nota è possibile immettere dati in 'Altro nome' o in 'Iniziali' per ogni utente e utilizzare tale valore invece.
Quando si creano i solleciti di restituzione prestiti ci sono due tag oltre ai vari campi di database che è possibile utilizzare nelle vostre comunicazioni. Puoi anche vedere la Guida per Avvisi & Ricevute per informazioni sulla formattazione di dati di copia in queste comunicazioni.

Importante

Questi nuovi tag funzionano solo sui solleciti di restituzione prestiti, e non per altri avvisi di circolazione, al momento.
Questi tag sono <item> e </item>; che può includere tutti i campi dalle tabell biblio, biblioitems, e items.
Un esempio d'uso di questi due tag in un template per un un avviso può essere:
   The following item(s) is/are currently overdue:

   <item>"<<biblio.title>>" by <<biblio.author>>, <<items.itemcallnumber>>, Barcode: <<items.barcode>> Fine: <<items.fine>></item>
Dunque, assumento che due copie siano in ritardo, genererà un avviso fatto così:
   The following item(s) is/are currently overdue:

   "A Short History of Western Civilization" by Harrison, John B, 909.09821 H2451, Barcode: 08030003 Fine: 3.50
   "History of Western Civilization" by Hayes, Carlton Joseph Huntley, 909.09821 H3261 v.1, Barcode: 08030004 Fine: 3.50
Tra le comunicazioni di default si trovano avvisi per diverse azioni comuni all'interno Koha. Tutte queste comunicazioni possono essere personalizzate modificando il loro testo tramite lo strumento Avvisi e Ricevute e il loro stile con la preferenza NoticeCSS relativa a un foglio di stile. Si può anche vedere la Guida per Avvisi &e Ricevute per informazioni sulla formattazione di dati di copia in queste comunicazioni. Ecco alcune delle cose che fanno tali avvisi:
  • ACCTDETAILS
    • Inviato a clienti quando il loro conto è impostato se la preferenza AutoEmailOPACUser è impostata su 'Invia'
  • ACQCLAIM (Solleciti acquisizioni)
    • Usato nella acquisizioni per i solleciti
    • Vai a: Più > Acquisizioni > Ordini in ritardo
  • CHECKIN
    • Questo avviso è inviato come avviso di rientro di tutte le copie rientrate dal prestito.
    • Questo avviso viene utilizzato se sono soddisfatti due criteri:
      1. La preferenza EnhancedMessagingPreferences è impostata su 'Consenti'
      2. L'utente ha richiesto di ricevere questo avviso
        • Vai a: OPAC > Login > i miei messaggi
        • Vai a: Interfaccia Staff > Utenti > Avvisi
  • CHECKOUT
    • Questo avviso è inviato come avviso di prestito per tutte le copie che sono state prestate.
    • Questo avviso viene utilizzato se sono soddisfatti due criteri:
      1. La preferenza EnhancedMessagingPreferences è impostata su 'Consenti'
      2. L'utente ha richiesto di ricevere questo avviso
        • Vai a: OPAC > Login > i miei messaggi
        • Vai a: Interfaccia Staff > Utenti > Avvisi
  • DUE
    • Questo avviso è inviato come 'copia da rientrare' per ciascuna copia che deve rientrare dal prestito
    • Questo avviso viene utilizzato se sono soddisfatti due criteri:
      1. La preferenza EnhancedMessagingPreferences è impostata su 'Consenti'
      2. L'utente ha richiesto di ricevere questo avviso
        • Vai a: OPAC > Login > i miei messaggi
        • Vai a: Interfaccia Staff > Utenti > Avvisi
  • DUEDGST
    • Questo avviso è inviato come 'copia in ritardo' per tutte le copie che sono in ritardo.
    • Questo avviso viene utilizzato se sono soddisfatti due criteri:
      1. La preferenza EnhancedMessagingPreferences è impostata su 'Consenti'
      2. L'utente ha richiesto di ricevere questo avviso come digest
        • Vai a: OPAC > Login > i miei messaggi
        • Vai a: Interfaccia Staff > Utenti > Avvisi
  • HOLD (copia disponibile per il prelievo)
    • Questo avviso viene utilizzato se sono soddisfatti due criteri:
      1. La preferenza EnhancedMessagingPreferences è impostata su 'Consenti'
      2. L'utente ha richiesto di ricevere questo avviso
        • Vai a: OPAC > Login > i miei messaggi
        • Vai a: Interfaccia Staff > Utenti > Avvisi
    • Quando questo avviso si riferisce alla tabella delle biblioteche, riporta l'informazione della biblioteca di prelevamento.
  • HOLDPLACED (un avviso allo staff della biblioteca che è stata fatta una nuova prenotazione)
    • Questo avviso richiede la preferenza di sistema emailLibrarianWhenHoldIsPlaced impostata su 'Attiva'
    • Quando questo avviso si riferisce alla tabella delle biblioteche, riporta l'informazione della biblioteca di prelevamento.
  • ODUE (Avviso di prestito scaduto)
  • PREDUE
    • Questo avviso è usato 'Preavviso' agli utenti i cui prestiti stanno per scadere
    • Questo avviso viene utilizzato se sono soddisfatti due criteri:
      1. La preferenza EnhancedMessagingPreferences è impostata su 'Consenti'
      2. L'utente ha richiesto di ricevere questo avviso
        • Vai a: OPAC > Login > i miei messaggi
        • Vai a: Interfaccia Staff > Utenti > Avvisi
  • PREDUEDGST
    • Questo avviso è spedito come 'preavviso' per tutte le copie che sono in scadenza
    • Questo avviso viene utilizzato se sono soddisfatti due criteri:
      1. La preferenza EnhancedMessagingPreferences è impostata su 'Consenti'
      2. L'utente ha richiesto di ricevere questo avviso come digest
        • Vai a: OPAC > Login > i miei messaggi
        • Vai a: Interfaccia Staff > Utenti > Avvisi
  • RENEWAL
    • Questo avviso è inviato come avviso di prestito per tutti i rinnovi.
    • Questo avviso viene utilizzato se sono soddisfatti tre criteri:
      1. La preferenza EnhancedMessagingPreferences è impostata su 'Consenti'
      2. La preferenza RenewalSendNotice è impostata su 'Invia'
      3. L'utente ha richiesto di ricevere l'avviso di prestito
        • Vai a: OPAC > Login > i miei messaggi
        • Vai a: Interfaccia Staff > Utenti > Avvisi
  • RLIST (Routing List)
    • Utilizzato nel modulo serial per avvisare utenti / personale di nuovi fascicoli di un periodico
    • Hai l'opzione di selezionare l'avviso 'Routing List'' quando crei un nuovo abbonamento, sciegliendolo dal menù a tendina 'Notificazione per gli utenti' .
    • Nota

      Si noti anche che se si desidera comunicare agli utenti di nuove fascicoli di un periodico, è possibile fare clic su 'definire un avviso' che vi porterà allo strumento 'Avvisi'
  • SHARE_ACCEPT
    • E' usato per notificare a un utente che un altro utente ha accettato di condividere la lista.
    • Richiede di impostare OpacAllowSharingPrivateLists a 'Permettere'
  • SHARE_INVITE
    • E' usato per notificare a un utente che un altro utente vuole condividere una lista con lui.
    • Richiede di impostare OpacAllowSharingPrivateLists a 'Permettere'
C'è anche una serie di scontrini predefiniti (o ricevute) elencati in questa pagina. Tutti questi foglietti possono essere personalizzati modificando il loro testo tramite lo strumento Avvisi e ricevute e il loro stile con la preferenza SlipCSS per definire un foglio di stile. Ecco per che cosa sono utilizzati quei foglietti:
  • ISSUEQSLIP
    • Usato per stampare una ricevuta veloce di prestito
    • La ricevuta veloce include solo le copie prestate oggi
  • ISSUESLIP
    • Usato per stampare una ricevuta completa nella circolazione
    • La ricevuta mostrerà le copie prestate oggi cosi come le copie ancora in prestito
  • RESERVESLIP
    • Usato per stampare una ricevuta di prenotazione
    • La ricevuta di prenotazione è generata quando la prenotazioneè confermata
  • TRANSFERSLIP
    • Usato per stampare una ricevuta di trasferimento
    • La ricevuta di trasferimento è stampata quando confermi il trasferimento da una biblioteca all'altra nel tuo sistema
  • Vai a: Più > Strumenti > Utenti e Circolazione > Triggers per messaggi di ritardo/status
Per inviare i solleciti di ritardo definiti con lo strumento Avvisi , è necessario impostare prima i trigger di generazione di questi messaggi.

Importante

Per inviare agli utenti solleciti di prestiti da restituire, occorre indicare che alla categoria utente vanno inviati solleciti.

Importante

A seconda del valore della preferenza OverdueNoticeCalendar , il ritardo può includere o non includere i giorni di chiusura della biblioteca in base al calendario delle festività .
Lo strumento 'Triggers per avvisi di ritardo/status' dà al bibliotecario la possibilità di mandare ad ogni tipo di utente fino a tre avvisi/notifiche per copie in ritardo.
  • Il ritardo è il numero di giorni dopo che un problema si è verificato e prima che venga attivata un'azione.
    • Importante

      Se volete che Koha attivi un'azione (inviare una lettera o limitare un utente), è necessario indicare un valore di ritardo.
  • Per inviare ulteriori avvisi circa i ritardi, clicca sulle schede 'Secondo' e 'Terzo' avviso
  • Se vuoi impedire a un utente di fare prestiti perché ha delle copie in ritardo, seleziona la casella 'Sospeso dal prestito'; questo inserirà una notizia sul record utente, e al momento del prestito il bibliotecario verrà avvisato che l'utente non può ricevere prestiti perché ha copie in ritardo.
    • Se si sceglie di limitare un utente in questo modo, si può anche chiedere a Koha di rimuovere automaticamente la restrizione con la preferenza AutoRemoveOverduesRestrictions .
  • Poi si può scegliere il metodo di consegna per il sollecito dei prestiti in ritardo. È possibile scegliere tra e-mail, telefono (se si utilizza il servizio iTiva Talking Tech ), stampa e SMS (se si è impostato il SMSSendDriver ).
    • Nota

      L'opzione Feed non è ancora presente in Koha, lo sarà in futuro.
  • Vai a: Più > Strumenti > Creatore di tessere utente
Il creatore tessere ti permette di usare layout e template per definire una varietà quasi illimitata di tessere inclusi i barcode. Ecco alcune delle caratteristiche del modulo Creatore tessere:
  • Personalizzare i layout di tessere utente con il testo recuperato dai dati utente
  • Definisce dei template personalizzati per le stampe delle tessere utente (per usare al meglio i fogli delle etichette)
  • Costruisci e gestisci batch di stampa tessere utenti
  • Esportare (in formato PDF) lotti singoli o multipli da stampare
  • Esportare (in formato PDF) tessere utente singole o multiple da un processo batch
Nel Creatore di tessere utente, ogni schermata ha una barra degli strumenti, che dà rapido accesso a funzioni rilevanti. Il menu a sinistra di ogni schermata dà anche facile accesso alle sezioni del Creatore di tessere utente. Le 'briciole' in alto sullo schermo indicheranno dove ci si sta trovando durante il processo di creazione e permettono una rapida navigazione tra le fasi. Infine, puoi trovare altra informazione su ogni sezione del Creatore di tessere utente cliccando sul link dell'help online nell'angolo in alto a destra di ogni pagina.

3.1.6.1. Layouts

  • Vai a: Più > Strumenti > Creatore tessere utenti > Gestione layouts
Il layout definisce il testo e l'immagine che verranno stampate sulla scheda e il punto in cui appariranno.

Nota

Possono essere stampate sulla tessera fino a tre righe di testo, il numero dell'utente in formato barcode e fino a due immagini.
Se non si hanno layout definiti, si aggiungerà un nuovo layout facendo clic sul pulsante 'Nuovo layout' nella parte superiore dello schermo.
Si può anche scegliere di premere il tasto 'Gestire il layout' sul lato sinistro. Qui vi verrà offerto un elenco di layout disponibili, da selezionare per la modifica. Comunque nella parte superiore della pagina c'è sempre il pulsante 'Nuovo layout'.
  • Il nome assegnato al layout è a tuo beneficio, dovrebbe essere qualcosa che ti permetta di identificarlo facilmente in futuro.
  • La lista 'Unita' è utilizzata per definire la scala di misura che stai usando per i tuoi layout.
    • Nota

      Un punto Postscript è 1/72", un Adobe Agata è 1/64", un pollice è 25,4 millimetri
  • Poi indica se questo layout è relativo al fronte o al retro della tessera utente
    • Nota

      Occorre un layout sia per la parte anteriore e posteriore della tessera se si dispone di tessere di biblioteca con 2 facce, questa opzione non consente di stampare le due facce, consente solo di tenere traccia di quale lato della tessera si sta progettando.
  • Hai la possibilità di aggiungere fino a 3 linee di testo sulla tessera. Può essere una frase statica, con campi dal record utente. Se vuoi inserire campi dal record utente, metti i nomi dei campi tra uncinate, così: <firstname>
  • Per ogni linea di testo puoi scegliere il tipo di font, la dimensione del font e la collocazione del testo sulla tessere usando le coordinate X e Y
  • Per mostrare il numero della tessera come un barcode, devi selezionare l'opzione 'Stampa numero tessera come barcode'.Questo cambierà il numero tessera in un barcode. Se vuoi stampare il numero in una forma leggibile dalle persone, devi selezionare l'opzione 'Stampa numero tessera come testo sotto il barcode'.
  • Infine puoi scegliere fino a due immagini da stampare sulla tessera.
    • Una può essere l'immagine utente che puoi ridimensionare a piacimento.
    • L'altra immagine può essere il logo della biblioteca o un simbolo che hai caricato usando il modulo 'Gestione immagini' dello Strumento per la Creazione di tessere utenti.

Importante

È responsabilità dei progettisti definire linee di testo, codici a barre e le immagini in modo che non si sovrappongano.
Dopo aver salvato, i tuoi layout appariranno nella pagina 'Gestisci i layout'.

3.1.6.2. Templates

  • Vai a: Più > Strumenti > Creatore tessere utenti > Gestione template
Un template è la collezione di etichette/schede che stai usando. Il template può essere Avery 5160 per le etichette degli indirizzi, Gaylord 47-284 per le etichette dei dorsi oppure Avery 28371 per le schede degli utenti. Queste etichette contengono tutte le informazioni di cui hai bisogno per configurare Koha, queste informazioni possono essere contenute nell'involucro oppure si possono trovare sul sito del fornitore.
Per aggiungere un nuovo modello fai clic sul pulsante 'Nuovo modello' nella parte superiore della pagina, che porta al modulo di modifica del modello. Si può anche scegliere di premere il tasto 'Gestisci modelli' sul lato sinistro. Qui verrà offerto un elenco di modelli disponibili che è possibile selezionare per l'editing. Ma nella parte superiore della pagina vi è ancora il pulsante 'Nuovo modello'.
Usando il form che appare puoi definire il template per il foglio che usi per stampare le etichette o le tessere.
  • Template ID è semplicemente un ID univoco generato dal sistema
  • Il codice template dovrebbe essere il nome di questo modello per identificarlo in un elenco di modelli
  • Puoi usare la descrizione per aggiungere informazioni circa il template
  • La tendina Unità viene utilizzata per definire quale scala di misura utilizzare per il modello.
    • Nota

      Un punto Postscript è 1/72", un Adobe Agata è 1/64", un pollice è 25,4 millimetri
  • Le misure (altezza pagina, larghezza della pagina, larghezza tessera, altezza tessera) possono essere sulla confezione, o sul sito del venditore o possono essere misurate da un foglio di esempio.
  • Un profilo è un insieme di "aggiustamenti" ad un dato modello appena prima della stampa che compensa anomalie uniche e peculiari di una determinata stampante (a cui viene assegnato il profilo).
    • Prima di raccogliere un profilo cerca di stampare alcune schede di esempio così da poter definire facilmente il profilo adatto alla combinazione scelta di templatate / stampante.
    • Dopo aver trovato e la documentazione di eventuali anomalie nel documento stampato, allora si può creare un profilo e assegnarlo al modello.
    • Importante

      Non specificare un profilo se non necessario, vale a dire non fare clic per definire un profilo della stampante. Non è possibile rimuovere un profilo da un modello, ma è possibile passare a un altro profilo.
    • Nota

      Se devi usare più stampanti, puoi definire diversi template identici ma che differiranno per il profilo usato.
Dopo aver salvato, i tuoi template appariranno nella pagina 'Gestisci i template'.

3.1.6.3. Profili

  • Vai a: Più > Strumenti > Creatore tessere utenti > Gestione profili
Un profilo è un insieme di "perfezionamenti" da applicare a un dato template subito prima della stampa, per compensare anomalie o peculiarità di ogni stampante (a cui il profilo è assegnato). Questo significa che se imposti un template e poi stampi una prova e noti che i dati delle tessere non sono allineati correttamente alle etichette, devi impostare un profilo per la stampante (o addirittura per un determinato vassoio) per migliorare la stampa, per esempio introducendo spostamenti del testo a destra o a sinistra, in alto o in basso.
Se le tessere utente sono stampate cosi come vuoi, non è necessario che tu crei un profilo
Per aggiungere un nuovo profilo, clicca sul bottome 'Profili' in testa alla pagina e scegli 'Nuovo profilo'
Per aggiungere un nuovo profilo, fare clic su 'nuovo profilo' nella parte superiore della pagina. Utilizzando il modulo che appare si possono definire i valori per correggere i disallineamenti di tessera sul foglio di etichette. Si può anche scegliere 'Gestisci profili' sul lato sinistro e selezionare uno dei profili attualmente disponibili per la modifica.
  • Il nome della stampante e collocazione della carta non devono corrispondere esattamente alla stampante, sono un tuo riferimento in modo da poter ricordare per quale stampante hai impostato il profilo.
    • Nota

      Ad esempio: se si desidera utilizzare il numero di modello della stampante nel nome della stampante è possibile, o si può chiamare 'la stampante sulla mia scrivania'
  • Il templeta va campilato una volta che hai scelto quale template collegare al profilo nel form di modifica template
  • La lista 'Unità' è utilizzata per definire la scala di misura che stai usando per i profili
    • Nota

      Un punto Postscript è 1/72", un Adobe Agata è 1/64", un pollice è 25,4 millimetri
  • Offset deve essere usato quando l'intera immagine è fuori centro orizzontalmente o verticalmente. Intervallo descrive una condizione in cui la distanza tra le etichette cambia all'interno della pagina o su e giù la pagina
    • Per i valori di offset e intervallo, i numeri negativi spostano le informazioni su e a sinistra sul foglio stampato e numeri positivi le spostano verso il basso e a destra
    • Esempio: il testo è .25" (pollici) dal margine sinistro della prima etichetta, .28" dal margine sinistro della seconda etichetta, e da .31" dal margine ministro della terza. Questo significa che il margine orizzontale va messo a .03" per gestire questa differenza.
Dopo aver salvato, i tuoi profili appariranno nella pagina 'Gestisci i profili'.
Una volta che hai salvato il tuo nuovo profilo, puoi tornare alla lista dei templates e scegliere di modificare il template che usa questo profilo.
  • Vai a: Più > Strumenti > Creatore di tessere utente > Lavorazione a blocchi
Un batch è una collezione di utenti per i quali vuoi generare delle schede.
3.1.6.4.1. Aggiungi un batch
Per aggiungere un nuovo batch, si fa clic sul pulsante 'Nuovo batch' nella parte superiore della pagina. Scegliendo la voce di menu 'Gestione batch' sulla sinistra viene visualizzato un elenco dei batch già definiti. In questa schermata si può selezionare un batch per la modifica o aggiungere un nuovo batch.
Per un nuovo batch, si apre un messaggio che chiede di selezionare gli utenti da elaborare nel batch.
Dopo aver scelto il pulsante 'Aggiungi copia(e)' si apre la finestra di ricerca utente.
Da qui è possibile cercare gli utenti da aggiungere al batch tramite parte del loro nome, categoria e/o biblioteca. Usando * nella ricerca, verranno visualizzati tutti gli utenti.
Dai risultati è possibile aggiungere utenti al lotto facendo clic sul pulsante 'Aggiungi'. Dopo aver aggiunto utenti dai risultati si può ricominciare da capo e effettuare un'altra ricerca o fare clic su 'Chiudi' nella parte inferiore dello schermo per indicare che si è concluso. Verrà quindi presentato il batch.
Se sei soddisfatto del batch, è possibile procedere all'esportazione. Se si vuole correggere o eliminare il batch, i pulsanti per farlo si trovano nella parte superiore dello schermo. Si può sempre tornare qui attraverso la voce di menu 'Gestione batch'.
Se vuoi esportare tutte le tessere utente puoi cliccare su 'Esporta batch', altrimenti puoi scegliere alcuni utenti cliccando la casella di spunta a destra del nome e poi cliccare 'Esporta utente(i)' in alto.
Il menu di esportazione chiederà di scegliere un modello, un layout e la posizione di partenza (dove deve iniziare la stampa sul foglio).

Nota

Per la posizione di partenza, se p.es. sono già stati utilizzate le prime 6 etichette sul foglio, è possibile avviare la stampa dall'etichetta nella posizione 7 del foglio. Le etichette sono numerate da sinistra a destra, dall'alto verso il basso.
Una volta che si fa clic su 'Esporta', si presenterà un PDF delle etichette da stampare
Quando si apre il PDF si vedrà le tessere da stampare
L'immagine qui sopra mostra un layout fatto con due righe di testo. La prima è testo libero, la seconda è composta dai campi <firstname> <surname>. L'immagine utente viene stampata (se disponibile) e il barcode utente viene mostrato nel formato code 39. Il tutto è stampato su un template di tre colonne e 8 righe usando le posizioni 1-3. Stampando in formato PDF, fare attenzione che la stampa non cambi la scala del PDF (p.es. che non esegua un 'adatta alla pagina') altrimenti la stampante non obbedirà al template.
  • Vai a: Più > Strumenti > Creatore di tessere utente > Gestione immagini
Le immagini caricate utilizzando questo strumento verranno visualizzate nel menu quando si crea un layout per tessere utente . Sei limitato nel numero di immagini caricabili (senza contare le immagini utente) dalla preferenza di sistema ImageLimit .

Importante

IMPORTANTE: Le immagini non devono superare i 500k.

Nota

CONSIGLIO: Le immagini caricate con questo strumento dovrebbero almeno avere 300 dpi, che è il minimo per stampare un'immagine.
Al centro dello schermo si trova una semplice form per inviare un file. Cercalo sul tuo computer e associa un nome per lavorarlo dopo averlo caricato su Koha.
A caricamento del file avvenuto, ti verrà presentato un messaggio di conferma.
E l'immagine verrà elencata insieme alle altre sulla parte destra della pagina.
Per cancellare una o più di queste immagini, spunta la casella rispettiva e premi il bottone 'Cancella'
  • Vai a: Più > Strumenti > Utenti e Circolazione > Cancella/rendi anonimi gli utenti via batch
Questo strumento permette di rendere anonimo le registrazioni di circolazione o cancellare in massa dei records utente. Questo significa che il sistema tiene un link fra vecchi prestiti e le loro copie ma tronca il link all'utente.

Importante

Utenti con multe o copie in prestito non vengono salvati. Essi non sono completamente rimossi dal sistema (sono spostati nella tabella delete_borrowers), ma questo strumento non fornisce tutti i controlli che si potrebbero desiderare.

Importante

Prima di usare questo strumento conviene fare un backup del database. Le modifiche fatte qui saranno permanenti.

Importante

La trasformazione in forma anonima fallirà silenziosamente se la preferenza AnonymousPatron non contiene un valore valido.
Per cancellare o rendere anonimi gli utenti
  • Marca il lavoro che vuoi eseguire (cancellare o rendere anonimi)
  • Indica una data massima prima della quale intendi modificare i dati
  • Se stai cancellando degli utenti puoi cercarli per specifica categorie o per data di scadenza
  • Clicca 'Successivo'
  • Per confermare ti verrà chiesto se sei sicuro che questo avvenga
  • Premendo 'Fine' i dati verranno cancellati o resi anonimi
  • Vai a: Più > Strumenti > Utenti e Circolazione > Modifica batch di utenti
Con questo strumento è possibile apportare modifiche a un lotto di record utente. Basta caricare un file di numeri tessera (uno per riga), scegliere tra una lista di utenti o scansire i numeri di tessera utente nella casella apposita.
Una volta che hai caricato il file o scansito i barcode, fai click su 'Continua'. Vedrai una lista di utenti e dei cambiamenti che puoi apportare.
A sinistra di ogni casella di testo c'è una casella di spunta. Se viene cliccata, i campi verranno svuotati.

Importante

Se il campo è obbligatorio, non si sarà in grado di cancellare il valore in esso.
Se hai più di un attributo utente, puoi cambiarli tutti usando il segno (+) a destra della casella di testo. Ciò ti permetterà di aggiungere un altro valore di attributo.
Una volta fatti i cambiamenti, clicca 'Salva' e ti saranno presentati gli utenti modificati.
  • Vai a: Più > Strumenti > Utenti e Circolazione > Tag
In funzione delle preferenze di sisteme dei tag , i bibliotecari possono avere bisogno di approvare i tag prima che vengano pubblicati sull'OPAC. Questo viene fatto attraverso lo strumento Moderazione dei tag. Se ci sono tag in attesa di moderazione, saranno elencati sulla home dell'interfaccia dello staff, sotto le etichette dei moduli:
Per moderare i tag usa lo strumento Tags. Quando usi questo strumento per la prima volta, ti sara presentata una lista di tag che aspettano di essere approvati o rifiutati da un bibliotecario
  • Per vedere tutti i titoli a cui questo tag è stato collegato, semplicemente clicca sul termine
    • Da questo elenco di titoli è possibile rimuovere un tag senza impedirne l'uso futuro facendo clic sul pulsante 'Rimuovi tag' a destra del titolo.
  • Per approvare un tag, clicca 'approva' sulla linea del termine o seleziona i termini che vuoi approvare e clicca 'approva' sotto la tabella.
  • Per rifiutare un tag, clicca 'Rifiuta' sulla linea del termine o seleziona i i termini da rifiutare e clicca 'rifiuta' sotto la tabella.
Una volta che un tag è stato approvato o scartato, viene messo nell'apposita lista di tag. Un riassunto di tutti i tag apparirà nella parte destra della pagina
Anche se un tag è approvato o scartato, può essere ancora spostato in un'altra lista. Quando guardi i tag approvati, ogni tag ha l'opzione per essere scartato:
Per controllare i termini dei tag rispetto alle liste di termini approvati o respinti (e, eventualmente, rispetto al dizionario che è stato assegnato per il tag moderazione) è sufficiente inserire il termine nella casella di ricerca nella parte inferiore destra dello schermo per visualizzare lo stato del termine
Infine si possono cercare tag utilizzando i filtri sulla sinistra.
  • Vai a: Più > Strumenti > Utenti e circolazione > Carica le immagini utente
Patrono immagini possono essere caricate in blocco se permettere immagini utente consente di allegarle ai record utente. Queste immagini possono essere utilizzate anche durante la creazione di tessere utente .
  • Crea un file txt e dagli nome "DATALINK.TXT" o "IDLINK.TXT"
  • Su ogni riga nel file di testo inserire numero di tessera utente seguito da virgola (o tab) e poi il nome file dell'immagine
    • Assicurati che il tuo file TXT sia un documento di testo in chiaro, non un RTF.
  • Comprimi il file di testo e le immagini
  • Vai allo strumento per caricare le immagini degli utenti
  • Per una singola immagine, indica il nome del file e il numero tessera dell'utente
  • Per più immagini, scegli di caricare un file zip
  • Dopo aver caricato, ti verrà presentato un messaggio di conferma.

Importante

C'è un limite di 100K sulla dimensione dell'immagine caricata e si raccomanda che l'immagine sia 200 x 300 pixel, ma immagini più piccole funzionerà pure.

Cindy Murdock Ames

Meadville Public Library | CCFLS

A cura di

Nicole C. Engard

2014
  • Vai a: Più > Strumenti > Catalogo > Rotating Collections
Rotating Collections è uno strumento per gestire gruppi di materiale da spostare spesso tra biblioteche. Aggiunge la possibilità non solo di registrare la biblioteca di appartenenza e la biblioteca dove si trovano attualmente, ma anche informazione sul percorso futuro per assicurare che tute le copie del gruppo vengano inviate alla biblioteca prevista. Quando una copia di una Rotating Collection rientra da un prestito, il personale al bancone prestiti viene informato dell'appartenenza della copia a una Rotating Collection e a quale biblioteca vada eventualmente inviata.

Importante

La preferenza di sistema AutomaticItemReturn deve essere impostata su "Non trasferire automaticamente gli elementi alla loro libreria di casa quando sono restituiti" per far funzionare correttamente le Rotating Collections
  • Per creare una nuova raccolta mobile, clicca sul bottone "Nuova raccolta mobile", compila il titolo e la descrizione, poi clicca Invia. Una volta inviato vedrai una scritta di conferma; clicca su "Ritorna alla home delle raccolte mobili" per tornare sulla pagina di gestione principale. O clicca il link apposito sulla barra di lato.
  • Per aggiungere copie a una raccolta mobile clicca su "Aggiungi o rimuovi copia" vicino al nome della raccolta nella lista delle raccolte mobili. Sotto la scritta "Aggiungi o rimuovi copie" leggi con il lettore o inserissci a mano il barcode della copia che vuoi aggiungere, poi clicca Invia o premi enter.
  • Per rimuovere una copia da una rotating collection, fare clic su Rimuovi accanto al barcode o spuntare al casella "Rimuovi la copia dalla collection" accanto al barcode sotto "Aggiungi o rimuovi copie", e scansiona o scrivi i barcode, cliccando Invia o premendo il tasto Invio se necessario. Nota: la casella di spunta "Rimuovi la copia dalla collection" rimarrà attiva mentre si è nella pagina "Aggiungi o rimuovi copie", per semplificare la rapida rimozione di più copie tramite la scansione dei barcode.
Trasferendo una rotating collection accadrà:
  • Cambia l'attuale localizzazione delle copie nella collezione in quella in cui vengono trasferite
  • Inizia a trasferire dalla corrente localizzazione alla localizzazione in la collezione si trasferisce. Quando la biblioteca riceve la collezione deve far rientrave le copie per completare il traserimento-
Puoi trasferire una collezione in uno di questi due modi:
  • Dalla pagina principale delle Rotating Collections, clicca su 'Trasferisci' vicino al titolo della collezione che vuoi trasferire; scegli la bibliotecha in cui vuoi trasferire la collezione e clicca su "Trasferisci la collezione".
  • Oppure, dalla pagina "aggiungi o rimuovi copie" di una raccolta mobile, puoi cliccare sul bottone 'Trasferisci', scegliere la biblioteca in cui vuoi trasferire e cliccare "Trasferisci la raccolta mobile".

Importante

Per completare il processo di trasferimento, la biblioteca che riceve la rotating collection deve far rientrare tutte le copie quando le riceve. Questo chiuderà la fase di trasferimento così le copie non risulteranno più 'in transito'.
Se una copia di una rotating collection viene prestata/rientra in una biblioteca diversa da quella dove doveva essere trasferita, una notifica apparira al personale della biblioteca avvisando che si tratta di una copia di una rotating collection. Inoltre dirà a quale biblioteca va inviata.

3.2. Catalogo

  • Vai a: Più > Strumenti > Catalogo > Modificare copie via batch
Questo strumento ti permette di modificare delle copie in Koha con una lavorazione in batch
Dallo strumento è possibile scegliere di caricare un file di codici a barre o ID di copia, o scansire le copie una alla volta nella casella sotto lo strumento di caricamento. È inoltre possibile decidere che le copie da modificare asumano valori predefiniti definiti nel framework di default .
Una volta che il file è caricato o i codici a barre sono nell'elenco, si può fare clic su "Continua".
Ti verrà presentato un iassunto delle copie che vuoi modificare. Da qui potrai togliere le copie che non vuoi modificare prima di fare i cambiamenti. Puoi anche nascondere le colonne di cui non hai bisogno per evitare di dove scorre il form da sinistra a destra.

Nota

Per deselezionare tutte le copie ora in prestito è possibile fare clic sul link 'Deselezione quanto in prestito' nella parte superiore del modulo.
Usando la maschera di edit, puoi scegliere su quali campi effettuare le modifiche. Attivando la casella a destra di ogni campo, puoi cancellare i valori di quel campo nei record su cui stai lavorando.
Una volta fatti i cambiamenti, ti saranno presentate le copie risultanti.

Nota

È anche possibile modificare in blocco le copie di un record bibliografico entrando nel record e facendo clic su Modifica > Modifica copie via batch
  • Vai a: Più > Strumenti > Catalogazione > Cancellazione di copie in blocco
Questo strumento ti permette di cancellare delle copie da Koha con una lavorazione in batch
Da questo strumento puoi scegliere di caricare un file con i barcode o con gli id delle copie, oppure puoi inserire i barcode con la pistola uno alla volta nel box sotto lo strumennto di carico.
Una volta che hai caricato il file o scansito i barcode, puoi fare click su 'Continua'.
Verrà presentata una schermata di conferma. Da qui è possibile deselezionare le copie che non si desidera eliminare e decidere se Koha dovrebbe eliminare il record bibliografico se l'ultima copia viene eliminata prima di cliccare 'Elimina copie selezionate.' Se vuoi puoi eliminare il record bibliografico mentre se ne sta cancellando l'ultima copia, fare clic sulla casella di controllo accanto a 'Elimina il record se non ci sono copie rimanenti'.
Se il tuo file (o lista di barcode) ha più di 1000 barocde, Koha non sarà in grado di farti vedere la lista delle copie. Potrai sempre cancellarle, ma non potrai indicare quali vanno in concreto cancellate e quali record bibliografici cancellare.
Se la copia è in prestito, premendo 'Cancella copie selezionate' comparirà un messaggio di errore e le copie non verranno cancellate.
Se le copie possono essere cancellate, lo saranno e ti verrà chiesta conferma della tua cancellazione
Questo strumento esegue una procedura batch sui numeri di record per ciascun record bibliografico o record di authority e ti permette di cancellare tutti questi record e ogni copia ad essi attaccata.
La prima cosa da comunicare alla funzione è se vuoi cancellare records bibliografici o di authority. Poi puoi scegliere o di caricare un file con la lista dei numeri dei records bibliografici o delle authority o inserire una lista degli stessi nell'apposito box. Una volta che avrai sottomesso il form, ti sarà presentato un elenco dei records che stai per cancellare.
Se un record che vuoi cancellare non può essere cancellato verrà evidenziato.
Marca i record che vuoi cancellare e clicca sul pulsante 'Cancella i record selezionati' per terminare l'operazione.
  • Vai a: Più > Strumenti > Catalogo > Modificare record via batch
Questo strumento vi permetterà di modificare lotti di registrazioni bibliografiche e / o di autorità usando Modelli di modifica MARC . Prima di visitare questo strumento bisogna impostare almeno un modello di modifica MARC.
Quando visiti questo strumento ti verra chiesto:
  • Scegli se vuoi vedere editare i record bibliografici o di authority
  • Inserisci un biblionumber o un id di authority
    • Puoi caricare un file con quei numeri oppure
    • Inserisci i numeri (uno per linea) nel box fornito
  • In fine scegli il template di modifica MARC che vuoi usa per manipolare questi records.
Quando hai inserito i tuoi criteri, clicca 'Continua'
Ti verrà presentata una lista di records che verranno modificati. Vicino ad ogniuno di essi c'e' una casella di spunta, così che puoi togliere ogni record che non vuoi sia modificato in questa occasione.
Cliccando 'Anteprima MARC' vedrai i cambiamenti che verrano fatto una volta lanciate le modifiche.
Una volta che sei sicuro che tutto è come tu vuoi, clicca il bottone 'Modifica i record selezionati' e i records saranno modificati.
  • Vai a: Più > Strumenti > Catalogazione > Esportazione dati
In Koha c'è uno strumento per esportare i tuoi dati bibliografici, di autorità e di copia in massa. Può essere usato per inviare i dati ad altre biblioteche o servizi oppure per backup.
In alto sullo schermo, scegli quali dati stai per esportare. Se si tratta di record bibliografici, fai click sul tab 'Esporta record bibliografici'.
  • Compila il modulo per limitare la esportazione a un intervallo specifico (tutti i campi sono facoltativi)
    • Scegli di limitare l'esportazione con una o più tra le seguenti opzioni
      • Limita a un intervallo di numeri di sistema
      • Limita a tipi di copia
        • Importante

          Questo limite utilizzerà il tipo definito nella preferenza voce-level_itypes . Se la preferenza voce-level_itypes è impostata su 'copia specifica' e non ci sono copie collegate ad un record bibliografico, questo non verrà esportato. Per ottenere tutti i record bibliografici di un tipo specifico è necessario che la preferenza item-level_itypes sua impostata a 'biblio record'.
      • Limita a una biblioteca o ad un gruppo determinato di biblioteche
      • Limita con un intervallo di segnature
      • Limita a un intervallo di date di acquisto
    • Se lo desideri puoi caricare un file con la lista dei biblionumber per i record che vuoi esportare
    • Successivamente scegliere cosa saltare quando si esporta
      • Per default tutte le copie sono esportate a meno che la casella 'Non esportare copie' non sia spuntata
      • Per limitare l'export alle sole copie della bibliotca con cui sei loggato (se hai lascito nel campo 'Biblioteca' ' Tutti') o alla biblioteca tuiu hai selzionato qui sopra, allora seleziona l'opzione 'Rimuovi copie non locali'
      • Devi scegliere quali campi non vuoi esportare. Puoi rimuovere tutti i campi locali prima di inviare i tuoi dati a un'altra biblioteca
    • Infine, scegliere il tipo di file e il nome file
      • Scegli di esportare i tuoi dati in MARC oppure nel formato MARCXML
      • Scegli il nome del file in cui salvi
    • Clicca 'Esporta record bibliografici'
In alto sullo schermo, scegli quali dati stai per esportare. Se si tratta di record di autorità, fai click sul tab 'Record di autorità'.
  • Compila il form per limitare il tuo export a un insieme specifico o tipologia di records di autorità (tutti i campi sono opzionali)
  • Oppure si può scegliere un file con degli authids che verrano esportati
  • Poi scegli campi che si desidera escludere dalla esportazione separati da uno spazio (senza virgole)
    • Se vuoi escludere tutti i sottocampi del campo 200, indica solamente 200
    • Se vuoi escludere un sottocampo specifico, indicalo dopo il nome del campo; per esempio 100a escluderà il sottocampo 'a' del campo 100
  • Infine, scegliere il tipo di file e il nome file
    • Scegli di esportare i tuoi dati in MARC oppure nel formato MARCXML
    • Scegli il nome del file in cui salvi
  • Clicca 'Esporta records di authority'
  • Vai a: Più > Strumenti > Catalogo > Inventario/stoccaggio
Lo strumento 'Inventario' di Koha può essere usato in due modi, il primo stampando una lista di collocazioni che puoi via via spuntare o caricando un file di testo di barcode raccolti da una scanner portatile.
Se non hai uno scanner portatile, la tua prima opzione è di creare un lista di collocazioni secondo i tuoi criteri.
Scegli quale biblioteca, collocazione a scaffale, numero di chiamata, stato del documento e quando il documento è stato visualizzato l'ultima volta per creare una lista per scaffale che puoi stampare e utilizzare mentre cammini per la biblioteca verificando la tua collezione
In alternativa puoi esportare la lista in un file CSV per la modifica sul tuo desktop. Per generare questo file, basta semplicemente spuntare la casella vicino alla dicitura 'Export to csv file'.
Una volta che hai trovato le copie sugli scaffali, puoi tornare a questa lista e togliere la spunta alle copie trovate, per permettere al sistema di aggiornare la data a oggi
Se hai uno scanner portatile (o un portatile con scanner USB) puoi fare il giro della biblioteca con lo scanner in mano e leggere i barcode sulle copie che stanno sugli scaffali. Una volta finito puoi caricare il file di testo creato dallo scanner in Koha
Scegliere il file di testo e la data con cui si desidera contrassegnare tutte le copie come controllate, quindi scorrere fino in fondo e cliccare su 'Invia'.
  • Vai a: Più > Strumenti > Catalogo > Creatore etichette
Il creatore di etichette ti permette di usare layout e template per definire una forte varietà di etichette da stampare, inclusi i barcode. Alcune caratteristiche del modulo 'Creatore di etichette':
  • Personalizza il layout delle etichette
  • Definire dei template personalizzati per stampare etichette
  • Costruisci e gestisci batch di etichette
  • Esporta batch singoli o multipli
  • Esporta una o pià etichette all'interno di un batch
  • Esporta i dati delle etichette in uno di questi tre formati:
    • PDF - Leggibile da ogni lettore PDF standard, rende le etichette stampabili direttamente su una stampante
    • CSV - Esporta i dati delle etichette dopo che il layout è stato scelto permettendo di importare le etichette in una grande varietà di applicazioni
    • XML - Incluso come formato alternativo di export
Nel Creatore di etichette, ogni schermata ha una barra degli strumenti, che dà rapido accesso a funzioni rilevanti. Il menu a sinistra di ogni schermata dà anche facile accesso alle sezioni del Creatore di etichette. Le 'briciole' in alto sullo schermo indicheranno dove ci si sta trovando durante il processo di creazione e permettono una rapida navigazione tra le fasi. Infine, puoi trovare altra informazione su ogni sezione del Creatore di etichette cliccando sul link dell'help online nell'angolo in alto a sinistra di ogni pagina.

3.2.7.1. Templates

  • Vai a: Più > Strumenti > Creatore etichette > Modelli
Un template è la collezione di etichette/schede che stai usando. Il template può essere Avery 5160 per le etichette degli indirizzi, Gaylord 47-284 per le etichette dei dorsi oppure Avery 28371 per le schede degli utenti. Queste etichette contengono tutte le informazioni di cui hai bisogno per configurare Koha, queste informazioni possono essere contenute nell'involucro oppure si possono trovare sul sito del fornitore.
Per aggiungere un nuovo modello, fare clic sul pulsante 'Nuovo modello' in alto del Creatore di etichette.
Usando il form che appare puoi definire il template per il foglio che usi per stampare le etichette o le tessere.
  • Il template ID è generato automaticamente dopo che hai salvato il template, è semplicemente un id generato automaticamente
  • Il codice del template è qualcosa che serve a identificare il tuo template in una lista di template
  • Puoi usare la descrizione per aggiungere informazioni circa il template
  • La lista 'Unità' è utilizzata per definire la scala di misura che stai usando per i template. Probabilmente coinciderà con le unità di misura usate nella descrizione del template nella descrizione data dal fornitore del prodotto.
  • Le misure, numero di colonne e numero di righe possono essere trovate sulla confezione del prodotto o sul sito web del fornitore.
    • Importante

      Se non si fornisce un margine sinistro nel modello, si applica per impostazione predefinita il margine di 3/16" (13,5 punti).
  • Un profilo è un insieme di "aggiustamenti" ad un dato modello appena prima della stampa che compensa anomalie uniche e peculiari di una determinata stampante (a cui viene assegnato il profilo).
    • Prima di raccogliere un profilo cerca di stampare alcune schede di esempio così da poter definire facilmente il profilo adatto alla combinazione scelta di templatate / stampante.
    • Dopo aver trovato eventuali anomalie nel documento stampato, creare un profilo e assegnarlo al modello.
Dopo aver salvato, i tuoi template appariranno nella pagina 'Gestisci i template'.

3.2.7.2. Profili

  • Vai a: Più > Strumenti > Creatore etichette > Profili
Un profilo è un insieme di "perfezionamenti" da applicare a un dato template subito prima della stampa, per compensare anomalie o peculiarità di ogni stampante (a cui il profilo è assegnato). Questo significa che se imposti un template e poi stampi una prova e noti che i dati delle copie non sono allineati correttamente alle etichette, devi impostare un profilo per la stampante (o addirittura per un determinato vassoio) per migliorare la stampa, per esempio introducendo spostamenti del testo a destra o a sinistra, in alto o in basso.
Se le etichette sono già stampate come le vuoi, non è necessario che tu crei un profilo.
Per aggiungere un nuovo profilo, fare clic sul pulsante 'Nuovo profilo' nella parte superiore dello strumento Creatore di etichette.
Usa il modulo che appare quando crei un profilo per sistemare eventuali problemi con il tuo template.
  • Il nome della stampate e il raccoglitore di fogli non devono essere esattamente corrispondenti a quelli della tua stampante, sono lì come tua referenza, per aiutarti a ricordare quale stampante hai settato. Puoi dunque inserire il numero di meodello o anche 'la stampante sul mio tavolo'
  • Il modello verrà compilato una volta scelto a quale template applicare il profilo sul modulo di modifica del template
  • La lista 'Unità' è utilizzata per definire la scala di misura che stai usando per i profili
  • 'Offset' descrive cosa succede quando l'intera immagine è fuori centro o verticalmente o orizzontalmente e 'margini' descrive una condizione quando la distanza tra le etichette varia attraverso o su e giù della pagina
    • In questi valori, i numeri negativi muovono l'errore in su e a sinistra, i numeri positivi muovono l'errore in giù e a destra
    • Esempio: il testo è .25" (pollici) dal margine sinistro della prima etichetta, .28" dal margine sinistro della seconda etichetta, e da .31" dal margine ministro della terza. Questo significa che il margine orizzontale va messo a .03" per gestire questa differenza.
Dopo aver salvato, i tuoi profili appariranno nella pagina 'Gestisci i profili'.
Una volta che hai salvato il tuo nuovo profilo, puoi tornare alla lista dei templates e scegliere di modificare il template che usa questo profilo.

3.2.7.3. Layouts

  • Vai a: Più > Strumenti > Creatore etichette > Layout
Devi definire quali campi o sottocampi vuoi esportare, separandoli con barra verticale.
Per aggiungere un nuovo layout, si deve fare clic sul pulsante 'Nuovo layout' nella parte superiore dello strumento Creatore di etichette.
Usa il modulo che appare quando crei un profilo per sistemare eventuali problemi con il tuo template.
  • Il nome del layout può essere qualsiasi cosa che aiuti a identificarlo in un secondo momento.
  • Se questo è un codice a barre ti consigliamo di scegliere la codifica (Code 39 è il più comune)
  • Il tipo di layout può essere una combinazione di informazioni bibliografiche e / o codice a barre. Per esempio un'etichetta sul dorso sarebbe solo Biblio mentre un'etichetta per lo staff della circolazione per il prestito di un libro sarebbe probabilmente Biblio / Barcode.
  • I dati bibliografici da stampare includono tutti i campi mappati nella griglia di catalogazione. Puoi scegliere da un elenco precompilato o puoi cliccare su 'Elenco campi' e inserire i tuoi dati. In 'Elenco campi' puoi indicare sottocampi MARC nella forma a 4 caratteri (p.es. 245a per il campo titolo MARC21). Puoi concatenare campi nella forma "099a 099b" o "itemcallnumber barcode". Questi campi sono quelli dalle tabelle del database elencati sotto. Potrai anche indicare testo libero: "testo a piacere".
    • È possibile utilizzare il visualizzatore di schema ( http://schema.koha-community.org ) con le seguenti tabelle per trovare i nomi dei campi da utilizzare:
      • Attualmente tutti i campi nelle seguenti tabelle sono utilizzati: items, biblioitems, biblio, branches
  • Scegliere se l'etichettatrice deve stampare le linee guida intorno a ogni etichetta
  • Scegli se Koha dividerà le tue segnature (tipico delle etichette sul dorso)
  • Al termine scegli allineamento, font e dimensione per il tuo testo.
Dopo aver salvato, i tuoi layout appariranno nella pagina 'Gestisci i layout'.
  • Vai a: Più > Strumenti > Creatore di etichette > Batch
I batch sono basati su un elenco di barcode che vuoi stampare. Una volta entrato in questo strumento, potrai cercare i record di copia di cui vuoi stampare le etichette.
3.2.7.4.1. Aggiungi un batch
I lotti possono essere creati in due modi. Il primo è quello di fare clic sul link 'Crea etichetta batch' sulla pagina ' Deposito MARC records per l'importazione ':
L'altro è creare un nuovo batch dallo strumento di creazione etichette
Sarai portato a un lotto vuoto con un bottone 'Aggiungi copia(e)' nella parte superiore della pagina e una casella riempibile con la scansione di codici a barre.
È possibile sia inserire i codici a barre nella casella (usando il lettore a pistola ad esempio)e cliccare sul pulsante 'Aggiungi copia(e)' oppure è possibile fare clic sul pulsante 'Aggiungi copia (s)' lasciando vuota la casella. Facendo clic su 'Aggiungi copia(e)' con niente nella casella si aprirà una finestra di ricerca per permetteri di cercare le copie che si desidera aggiungere al batch.
Dai risultati, clicca la casella di spunta di ciascuna copia che vuoi aggiungere al batch, poi clicca il bottone 'Aggiungi selezionati al batch'. Puoi anche aggiungere le copie una ad una cliccando 'Aggiungi' alla sinistra di ogni copia.
Dopo aver aggiunto tutte le copie, clicca il bottone 'Fatto'. La pagina successiva mostrerà le copie da te scelte.
Per stampare le etichette, clicca il bottone 'Esporta batch'. Per stampare solo alcune etichette, clicca il bottone 'Esporta copia(e)'. In ogni caso ti verrà chiesta conferma e quale template e layout vuoi usare.
Ti verranno offerte tre opzioni di download: PDF, Excel e CSV.
Dopo aver salvato il file, stampa sulle etichette usate nella tua biblioteca.
  • Vai a: Più > Strumenti > Catalogo > Creatore etichette per il dorso

Nota

Questo strumento non utilizza i layout o modelli di etichette, ma stampa semplicemente un'etichetta sul dorso nel primo posto sul foglio di etichette.
  • Definisci i campi da stampare sull'etichetta del dorso nella preferenza di sistema SpineLabelFormat
  • Formatta la stampa delle etichette modificando il css spinelabel.css che trovi in koha-tmpl/intranet-tmpl/prog/en/css/
Per usare questo strumento hai bisogno solo del barcode dell'opere di cui vuoi stampare l'etichetta per il dorso.
I template di modifica MARC permettono agli utenti Koha di modificare i record MARC automaticamente durante il processo di importazione.
Questo strumento è utile per modificare i record MARC da vari fornitori / fonti per il framework MARC in uso. Il sistema essenzialmente consente di creare uno script di base con azioni per copiare, spostare, aggiungere, aggiornare ed eliminare campi.
Inzia aggiungendo un nuovo template (un template puo essere fatto di una o più azioni) inserendo un nome e cliccando su 'Crea template'.
Il prossimo passo è aggiungere azioni al template compilando la relativa sezione. Per esempio se stai caricando dei records dal fornitore di ebook, potresti voler aggiungere la stringa 'EBOOK' in 942 $c, che contiene la biblio item type.
  • Scegli 'Aggiungi/Aggiorna'
  • Inserisci il campo '942' e il sottocampo 'c'
  • Inserisci il valore 'EBOOK' (o qualunque sia il tuo codice di tipo di copia per gli e-book)
  • Inserisci una descrizione affinché tu possa identificare l'azione in un secondo momento
  • Clicca 'Aggiungi azione'
Ogni azione può anche avere una condizione facoltativa per controllare il valore o l'esistenza di un altro campo. Ad esempio è possibile aggiungere la segnatura alla copia, se non è già presente.
  • Scegli 'Copia'
  • Decidere se si desidera copiare la prima occorrenza o tutte le occorrenze del campo
  • Inserisci il campo '090' (o altro campo bibliografico con la collocazione) e il sottocampo 'a' per copiare
  • Inserisci '952' e 'o' da copiare in
  • Scegli 'se'
  • Inserisci '952' e 'o' da copiare in
  • Scegli "non esiste"
  • Inserisci una descrizione affinché tu possa identificare l'azione in un secondo momento
  • Clicca 'Aggiungi azione'
Le azioni Copia e Muovi supportano anche le regexp, che possono essere usate per modificare automaticamente i valori durante l'elaborazione dell'azione. Un esempio può essere il toglire il carattere $ dal campo 020 $c
  • Scegli 'Copia'
  • Decidere se si desidera copiare la prima occorrenza o tutte le occorrenze del campo
  • Inserisci il campo 020 e il sottocampo c da copiare
  • Inserisci '020' e 'c' da copiare in
  • Selezionare la casella 'RegEx' e immettere l'espressione regolare (in questo caso s/\$//)
  • Scegli 'se'
  • Inserisci il campo 020 e il sottocampo c
  • Scegli "corrisponde"
  • Selezionare la casella 'RegEx' e immettere l'espressione regolare (in questo caso m/^\$/)
  • Inserisci una descrizione affinché tu possa identificare l'azione in un secondo momento
  • Clicca 'Aggiungi azione'

Nota

Il valore di un update può includere variabili che cambiano ogni volta che il template viene usato. Attualmente il sistema supporta due variabili, __BRANCHCODE__ e __CURRENTDATE__ . La prima e' il valore della biblioteca che usa il template, la seconda è la data corrente in formato ISO ( YYYY-MM-DD).
Si potrebbero anche utilizzare espressioni regolari per aggiungere l'URL del proxy della biblioteca come prefisso dei link nel record MARC.
  • Scegli 'Copia'
  • Decidere se si desidera copiare la prima occorrenza o tutte le occorrenze del campo
  • Inserire il campo 856 e il sottocampo u da copiare
  • Inserire il campo 856 e il sottocampo u di destinazione
  • Selezionare la casella 'RegEx' e immettere l'espressione regolare (in questo caso s/^/PROXY_URL/ )
  • Inserisci una descrizione affinché tu possa identificare l'azione in un secondo momento
  • Clicca 'Aggiungi azione'
Una volta che le azioni sono salvate le puoi vedere in cima alla pagina. Le azioni posso essere spostate usando le frecce alla loro sinistra.
Per alcune azioni l'ordine è molto importante. Ad esempio, bisogna fare attenzione a non cancellare un campo prima di copiarlo su un altro.
Per creare un altro template puoi iniziarlo da zero o cliccare su 'Duplica il template corrente' per creare un copia del template corrente su cui inizare a lavorare.
Una volta che il modello viene salvato si sarà in grado di recuperarlo quando si utilizza lo strumento Deposito MARC records per l'importazione .
  • Vai a: Più > Strumenti > Catalogo > Deposito MARC records per l'importazione
Questo strumento può essere usaro per importare sia recorda bibliografici che di authority salvati in formato MARC. L'import di record in Koha include due passaggi. Il primo è immagazzinare record per l'import.
  • Per prima cosa trova il file MARC sul tuo computer
  • Poi ti verranno presentate le opzioni per il match tra i record e l'importazione nelle copie
    • Immettere 'Commenti su questo file' per identificare il caricamento quando si va allo strumento ' Gestisci il deposito dei records MARC '
    • Dì a Koha che tipo di file è, bibliografico o authority
    • Scegli la codifica dei caratteri
    • Scegliere se si desidera utilizzare un Templates di modifica MARC per modificare i dati che stai per importare
    • Scegliere se si desidera o meno cercare record corrispondenti
      • È possibile impostare le regole per corrispondenza record attraverso l'area di amministrazione
        • Quando si utilizza la regola di corrispondenza ISBN Koha troverà solo corrispondenze esatte. Se si scopre che l'uso degli ISBN non funziona bene è possibile cambiare la preferenza AggressiveMatchOnISBN in modo da attivarla e quindi eseguire di nuovo l'importazione.
    • Poi scegli cosa fare con i record che coincidono se vengono trovati
    • Infine scegli cosa fare con i records che risultano univoci
    • Poi puoi scegliere se importare o no i dati di copia presenti nei record MARC (se stai importando da un file con record bibliografici)
      • Da qui è possibile scegliere di aggiungere sempre elementi indipendentemente dallo stato della corrispondenza, aggiungere copie solo se è stato trovato un record bibliografico corrispondente, aggiungere copie solo se non vi era un record bibliografico corrispondente, sostituire le copie se è stato trovato un record bibliografico corrispondente (Il match esaminerà la itemnumbers e barcode per abbinare le copie. Itemnumbers ha precedenza su barcode), o Ignorare le copie senza aggiungerle.
  • Clicca su 'Prepara per l'importazione'
  • Verrà richiesta una conferma all'import MARC
  • Per completare il processo continuare tramite lo Strumento di Gestione del deposito dei records MARC
  • Vai a: Più > Strumenti > Catalogo > Gestione del deposito dei records MARC
Una volta che hai messo in deposito i record per l'importazione, è possibile completare l'importazione utilizzando questo strumento.
  • Dall'elenco di record in deposito, fare clic sul nome del file che si desidera importare
    • Vedrai che i record già importati sono segnati in maniera apposita sotto l'etichetta 'Status'
  • Apparirà un riepilogo del tuo import con l'opzione di cambiare le regole di corrispondenza
  • Dopo si trova l'opzione per importare il gruppo di record bibliografici tramite una griglia di catalogazione
    • Non è necessario scegliere una griglia diversa da Default, ma è utile per eseguire report e per avere il corretto livello bibliografico impostato in fase di catalogazione derivata.
  • Sotto la griglia di catalogazione ci sarà una lista di record che saranno importati
    • Controlla il sommario prima di completare il tuo import, per essere sicuro che le regole per il match abbiano funzionato come ti aspettavi
    • Le concordanze appariranno nella colonna "Dettagli concordanza"
      e quando si fa clic sul collegamento 'Visualizza' sotto 'Differenze' si può vedere la differenza tra le versioni.
  • Clicca 'Importa nel catalogo' per completare l'import
  • Una volta che l'import è completato, un link ai nuovi record bibliografici apparirà a destra di ogni titolo importato
  • Puoi tornare indietro dall'import cliccando il bottone 'Annulla l'importazione nel catalogo'
Record importati utilizzando questo strumento rimangono nel 'deposito' fino a quando non sono rimossi. Questi record appariranno durante la ricerca del catalogo dallo strumento Catalogazione :
Per cancellare copie dalla 'riserva':
  • Guarda la pagina principale dello strumento 'Gestisci records MARC preparati'
  • Per eliminare una lavorazione batch, clicca sul bottone 'Cancella' sulla destra
  • Verrà presentato un messaggio di conferma
    • Accetta la cancellazione e i record verranno rimossi dall'area temporanea e lo stato diventerà 'vuoto'
  • Vai a: Più > Strumenti > Catalogo > Carica le immagini di copertine locali
Questo strumento permette di caricare immagini di copertina per i materiali in catalogo. Per accedere a questo strumento, il personale avrà bisogno del permesso upload_local_cover_images . Affinché le immagini appaiano nel client del personale e / o nell'OPAC è necessario impostare le preferenze LocalCoverImages e / o OPACLocalCoverImages su 'Display'. Le immagini possono essere caricate in batch o una per una.

Nota

Koha non ha un limite di dimensione massima del file per questo strumento, ma Apache può limitare la dimensione massima di upload (parlare con l'amministratore di sistema).

Nota

Quando si desidera caricare più immagini per un record bibliografico, si visualizzano da sinistra a destra (quindi verso il basso, a seconda dello schermo), in ordine di caricamento, e quella a sinistra (la prima caricata) sarà quella utilizzata come icona nei risultati di ricerca e nella pagina di dettaglio. Non c'è modo di riordinare le immagini di copertina caricate in questo modo, per cui bisogna essere sicuri di caricarle nell'ordine che si desidera visualizzarle.
Se carichi una singola immagine:
  • Accedi allo strumento e premi il bottone 'Scorri' per vedere le immagini locali.
  • Clicca su 'Carica il file'
  • Scegli 'file immagine' nella sezione 'tipo file'
  • inserisci il biblionumber del records a cui stai collegando l'immagine. Non è lo stesso valore del barcode, è il numero di sistema assegnato da Koha.
    • Cerca il biblionumber guardando alla fine dell'URL nella barra degli indirizzi quando sei sulla pagina di dettaglio
    • o facendo clic sulla scheda MARC nella pagina di dettaglio nell'interfaccia dello staff
  • Se vuoi sostituire una qualsiasi immagine di copertina che hai caricato in passato, selezione il flag 'Sostituisci copertine esistenti' nella sezione 'Opzioni'
  • Clicca 'Lavorazione immagini'
  • Ti verrà presentato un riassunto del caricamento e un link a record a cui hai aggiunto l'immagine
Se vuoi caricare un gruppo di immagini tutte insieme, devi preparare un file ZIP prima.
  • Inserisci nel file zip tutte le immagini che stai caricando
  • Includere anche un file di testo (* .TXT) denominato sia datalink.txt o idlink.txt che contenga il biblionumber seguito dal nome dell'immagine per ogni immagine uno per riga
    • ex. 4091,image4091.jpg
  • Cerca sul tuo computer file di tipo *.zip
  • Clicca su 'Carica il file'
  • Scegli 'file zip' nella sezione 'tipo file'
  • Se vuoi sostituire una qualsiasi immagine di copertina che hai caricato in passato, selezione il flag 'Sostituisci copertine esistenti' nella sezione 'Opzioni'
  • Clicca 'Lavorazione immagini'
  • Ti verrà presentato un riassunto del carico

Importante

L'immagine di origine viene utilizzata per generare l'immagine di anteprima di 140 x 200 px e l'immagine piena di dimensioni 600 x 800 px. L'immagine originale non verrà memorizzata da Koha
Potrai vedere le tue immagini di coperte nel client dello staff nella pagina di dettagli del record, sotto l'etichetta Immagine della tabella delle copie
Nell'Opac le immagini di copertina appariranno nel punto previsto, vicino al titolo e nei risultati di ricerca.
Se si desidera rimuovere una immagine di copertina è possibile fare clic su 'Elimina immagine' sotto l'immagine se si ha il permesso upload_local_cover_images .

3.3.1. Calendario

  • Vai a: Più > Strumenti > Strumenti aggiuntivi > Calendario
La biblioteca può definire che i giorni di chiusura e le ferie vengano usati quando si calcolano le date di restituzione. Puoi fare uso del Calendario configurando ad hoc le appropriate preferenze di sistema:
  • Vai a: Più > Amministrazione > Preferenze di sistema globali > Circolazione > useDaysMode
    • Scegli il metodo per calcolare la data di restituzione - includendo i giorni in cui la biblioteca chiude oppure no.
  • Get there: Più > Amministrazione > Preferenze di sistema globali > Circolazione > finescalendar
    • Questo controlla con il calendario delle chiusure/festività prima di caricare le multe

3.3.1.1. Aggiungi eventi

Prima di aggiungere degli eventi, scegli la biblioteca a cui vuoi applicare delle chiusure. Quando aggiungi degli eventi ti verrà chiesto di applicare l'evento a una o più biblioteche. Per aggiungere un evento, semplicemente
  • Clicca sulla data nel calendario per impostare la chiusura a
  • Nel modulo che appare sopra il calendario, inserire le informazioni di chiusura (per ulteriori informazioni su ogni opzione fare clic sul punto di domanda [?] alla destra dell'opzione)
    • La biblioteca viene messa in automatico basandosi sulla biblioteche che hai scelto nella lista all'inizio della pagina
    • L'informazione sul giorno viene inserita in automatico basandosi sulla data che tu scegli sul calendario
    • Nella descrizione metti la regione per cui la biblioteca è chiusa
    • Poi si può scegliere se questo evento è un evento di una volta o se è ripetibile.
      • Se è una chiusura per un giorno scegli 'Chiusura solo in questo giorno'
      • Se è una chiusura settimanale (com il weekend) puoi scegliere 'Chiusura ripetuta lo stesso giorno della settimana'
      • Se vi è una chiusura ripetutoa ogni anno, schegli "Chiusura ripetuta ogni anno nella stessa data"
      • Se la biblioteca viene chiusa per una settimana o una serie di giorni l'anno, scegli 'Chiusura ripetuta ogni anno nella stessa data' e inserisci una data 'Fino a' sopra
      • Se la biblioteca viene chiusa per una serie di giorni l'anno (come nelle vacenze estive per le scuole), scegli 'Chiusura ripetuta ogni anno nella stessa data' e inserisci una data 'Fino a' sopra
    • Infine, decidere se questo evento deve essere applicato a tutte le biblioteche o solo quello che avete originariamente selezionato
      • Se si preferisce immettere tutte le vacanze e poi copiarle ad un'altra biblioteca tutto in una volta, è possibile utilizzare il menu di copia sotto il calendario
  • Dopo il salvataggio l'evento verrà mostrato nel sommario alla destra del calendario

3.3.1.2. Modifica eventi

Per modificare gli eventi
  • Clicca sull'evento nel calendario se vuoi fare dei cambiamenti (per fare i cambiamenti clicca sulla data nel calendario, non sull'evento elencato nella tabella riassuntiva)
  • Da questo modulo è possibile apportare modifiche alla vacanza o eliminare completamente la vacanza.
    • Tutte le azioni richiedono di fare clic su 'Salva' prima che la modifica venga apportata.
  • Cliccando su eventi ripetibili offrirà opzioni leggermente diverse
    • Nel form qui sopra puoi notare che c'è l'opzione 'Crea una eccezione per chiusura/festività ripetuta', scegliendola farai in modo che la data non sia uan chiusura anche se di solito la biblioteca è chiusa in quella data.
      • Tutte le azioni richiedono di fare clic su 'Salva' prima che la modifica venga apportata.

3.3.1.3. Aiuto

Quando aaggiungi o modifichi eventi, puoi avere una help aggiuntivo cliccando sul segno ? vicino a diverse opzioni del form

3.3.2. Profili CSV

  • Vai a: Più > Strumenti > Strumenti aggiuntivi > Profili CSV
I profili CSV definiscono in quale modo il carrello o la lista vengono esportati.
Per aggiungere un profilo CSV
  • Fare clic su 'Profili CSV' dal menu strumenti
  • Il 'tipo di profilo' determina quale tipo di campi si intende utilizzare (MARC o SQL) per definire un profilo
    • Se scegli MARC sarà necessario immettere campi MARC
    • Se scegli SQL, sarà necessario inserire campi di database SQL
    • Il 'Nome profilo' apparirà nell'export nella lista di selezione quando scegli di scaricare dal tuo carrello o lista
    • La 'Descrizione del profilo' è per tua comodità, ma apparirà anche nell'OPAC quando gli utenti scaricano il contenuto, per cui conviene che sia una descrizione chiara per tutti
    • Il 'Separatore CSV' è il carattere usato per separare valori o gruppi di valori

      Nota

      L'opzione più comune qui è virgola, dato che molti programmi di fogli elettronici sanno come aprire file con dati separati da virgole.
    • Il Separatore di campo è il carattere utilizzato per separare i campi duplicati
      • Esempio: il campo 650 può essere ripetuto e questo è il carattere che li separerà nella colonna
    • Il 'separatore di sottocampo' è il carattere utilizzato per separare i sottocampi duplicati
      • Esempio: in un campo possono esserci sottocampi $a ripetuti
    • Il campo 'Codifica' permette di indicare il set di caratteri usato per salvare il file
    • Infine formatta il file CSV utilizzando il campo 'Profilo MARC' o 'Profilo SQL'
      • Definire quali campi o sottocampi si desidera esportare, separati da barre verticali. Esempio: 200|210$ a|301 per MARC e biblio.title|biblio.author per SQL
      • Nota

        Suggerimento: puoi anche usare delle tue intestazioni (headers) al posto di quelle di Koha premettendo la tua intestazione seguita da un uguale al numero del campo.Esempio: Nome di persona=700|Titolo proprio=200$a
    Un volta digitata tutta l'informazione del tuo profilo, fai click su 'Invia' e ti verrà presentata la conferma di salvataggio del profilo.
Una volta che hai creato almeno un profilo CSV, l'opzione 'Modifica profili CSV' apparirà a fianco del bottone 'Nuovo profilo'.
  • Scegli il profilo da modificare e cambia i campi necessari.
  • Dopo aver inviato i cambiamenti, ti verrà presentato un messaggio di conferma.
  • Per cancellare un profilo, seleziona l'opzione 'Cancella profilo selezionato' prima di cliccare 'Invia'
Il tuo profilo CSV apparirà sulla lista di export o menu del carrello sotto il bottone 'Scarica' sia nella ricerca staff che nell'Opac
  • Vai a: Più > Strumenti > Strumenti aggiuntivi > Visualizzatore dei log
Azioni all'interno del sistema di Koha vengono registrate nei file di registro. Le relative preferenze di sistema possono essere modificate per impedire la registrazione di determinate azioni. Questi registri possono essere visualizzati utilizzando lo strumento Visualizzatore di Log.
Scegliendo differenti combinazioni del menù opzioni produrrà il file di log della query.

3.3.4. News Koha

  • Vai a: Più > Strumenti > Strumenti aggiuntivi > News di Koha
Il modulo 'News' di Koha permette ai bibliotecari di inserire notizie e avvisi nell'Opac, nell'interfaccia staff e nelle ricevute della circolazione.
Per aggiungere una news nell'Opac o nell'intranet o nelle ricevute di circolazione:
  • Clicca su 'Nuova notizia'
    • In 'Mostra posizione' scegli dove mettere la news nell'opac, nelle ricevute di circolazione o nell'interfaccia dello staff (intranet).
    • Scegliere la biblioteca in cui questa notizia apparirà
    • Scegli un titolo per quanto hai scritto
    • Usando i campi pubblicazione e data di scadenza puoi controllare quanto a lungo la news apparirà
      • Esempi: (si assume la data di oggi 07-mag-2015)
        • Pubblicare in data odierna: impostare la data di pubblicazione come 07-mag-2015
        • Programma per la pubblicazione in futuro: impostare una data successiva al 07-mag-2015
        • Retrodatare la notizia: data fissata prima del 07-mag-2015
    • 'Appare nella posizione' ti permette di decidere in quale ordine visualizzare i documenti
    • Il form 'News' ti permette di usare l'HTML per formattare le singole notizie
  • Dopo aver compilato i campi clicca su 'Invia'
  • Le Notizie nell'OPAC appariranno sopra la OpacMainUserBlock
    • Sotto le notizie nell'Opac c'è un'icona RSS che vi permetterà di sottoscrivere il feed per le relative novità.
  • Le news nello staff client appariranno nella zona a sinistra della pagina
  • Se ci sono novità nelle ricevute di circolazione, appariranno sotto le copie in prestito
  • Vai a: Più > Strumenti > Strumenti aggiuntivi > Pianificatore di operazioni
Lo schedulatore è uno strumento per impostare la creazione di report da eseguire ogni volta che ti serve.
Per pianificare una lavorazione, visita il 'piannificatore' e compila la petizione
  • L'ora del server è l'orario sul tuo server (lo schedulatore di tutti i report si basa su quell'orario, non sul tuo orario locale)
  • L'orario deve essere inserito nella forma hh::mm (due cifre per l'ora, due cifre per i minuti)
  • Inserisci la data usando il calendario pop-up
  • Da Report scegli il report che vuoi schedulare
  • Scegli se ricevere il testo oppure un link ai risultati
  • Nel campo email scrivi l'email di chi vuoi riceva il tuo report
Sotto il form dello schedulatore c'è una lista dei report schedulati
Puoi programmare quando verrà compilato il report direttamente dalla lista dei report salvati cliccando sul link 'Schedulatore'
Lo schedulatore non funzionerà se l'utente Unix del server web non ha i permessi per usarlo. Di' al tuo gestore del sistema di controllare la configurazione al riguardo in /etc/at.allow e in /etc/at.deny. E' lavoro del sistemista sistemare questo problema.
  • Vai a: Più > Strumenti > Strumenti aggiuntivi > Editor delle citazioni del giorno
Questo strumento permette di aggiungere e modificare le citazioni da mostrare sull'OPAC se si sta utilizzando la Citazione del giorno (QOTD).
Per attivare questa funzione impostare la preferenza Citazione del giorno a 'Attiva e aggiungere almeno una citazione tramite l'Editor delle citazioni. Una volta che questi passaggi sono completi vedrai le citazioni sopra il OpacMainUserBlock nell'OPAC:
Per aggiungere una citazione:
  • Clicca su 'Aggiungi citazione' sulla toolbar e una citazione vuota verrà aggiunta al fondo della lista delle citazioni.
    • Importante

      Entrambi i campi di 'Testo' e 'Fonte' devono essere compilati al fine di salvare la nuova citazione.
  • Quando finito di riempire in entrambi i campi, premere il tasto < Invio > sulla tastiera per salvare la nuova citazione.
  • L'elenco verrà aggiornato e la nuova citazione dovrebbe essere visibile nell'elenco.

Nota

E ' possibile cancellare l'aggiunta di una nuova citazione in qualsiasi momento prima del salvataggio semplicemente premendo il tasto < Esc > sulla tastiera.
Al termine del caricamento nella tabella, potrai modificare le citazioni.
  • Modifica il 'Sorgente' o il 'Testo' cliccando sul campo desiderato.
  • Quando si è finito di modificare un campo, premere il tasto < Invio > sulla tastiera per salvare le modifiche.
La lista verrà aggiornata, le modifiche salvate e rese visibili.
Se volete, potete anche cancellare la citazione(i).
  • Seleziona le citazioni che vuoi cancellare cliccando sull'ID.
  • Una volta terminata la selezione delle citazioni, semplicemente fare clic sul pulsante 'Elimina citazione(i)'.
  • Ti verrà presentato un messaggio per confermare la cancellazione
  • Dopo la conferma della cancellazione, la lista verrà aggiornata e la citazione/i non comparirà più.
Se volete, è possibile importare un batch di citazioni come file CSV. Il file deve contenere due colonne nella forma: "fonte", "testo" con nessuna riga di intestazione.

Nota

Ti verrà presentato un messaggio di conferma per caricare file più grandi di 512KB
  • Per avviare il processo di importazione, fare clic sul pulsante 'Importa citazioni' nella parte superiore dello schermo
  • Una volta arrivati alla schermata di importazione citazioni, è possibile cercare nel proprio computer il file che si desidera importare
  • Dopo aver scelto un file CSV, premi sul bottone 'Apri' e il file verrà caricato in una tabella temporanea per le modifiche.
  • Dalla lista è possibile modificare i campi 'Fonte' o "Testo" facendo clic sul campo desiderato. Quando si è finito di modificare un campo, premere il tasto <Invio;gt; sulla tastiera per salvare le modifiche.
  • È inoltre possibile eliminare alcune citazioni da questo elenco prima di completare l'importazione.
    • Seleziona le citazioni che vuoi cancellare cliccando sull'ID.
    • Al termine della selezione delle citazioni, clicca la chiave 'Cancella selezione/i'.
    • Ti verrà presentato un messaggio per confermare la cancellazione
    • Dopo la conferma della cancellazione, la lista verrà aggiornata e la citazione/i non comparirà più.
  • Una volta che sei soddisfatto delle citazioni, fai clic sul pulsante 'Salva citazioni' nella barra degli strumenti nella parte superiore e le citazioni verranno salvate.

Capitolo 4. Utenti

Prima di importare e/o aggiungere utenti, assicurati di avere impostato le categorie utente.
Gli utenti sono aggiunti usando ilo modulo 'Utenti'.
  • Vai a: Utenti
Una volta entrato, potrai aggiungere un nuovo utente.
  • Cliccare su 'Nuovo utente'
  • I campi del modulo di aggiunta utente possono essere controllati tramite la preferenza di sistema BorrowerUnwantedField.
  • Anzitutto digita l'informazione che identifica l'utente
    • I campi obbligatori sono definiti nella preferenza di sistema BorrowerMandatoryField
    • Il campo cortesia è popolato con i valori della preferenza di sistema BorrowersTitles
    • Nota

      Se vuoi evitare di stampare i nomi completi sulle ricevute e nopn stai usando i campi 'Iniziali' o 'Altro nome' per qualcos'altro, puoi usarli per delle versioni accorciate del nome per poi stampare quanto ivi contenuto sulla ricevuta.
      Per esempio:
      Nome: Nicole C.
      Cognome: Engard
      Iniziali: NCE
      Poi sulla ricevuta sarà stampato il campo <<borrowers.initials>> invece del nome completo (NCE).
      Oppure si potrebbe fare qualcosa di simile:
      Nome: Nicole 
      Cognome: Engard
      Iniziali: E
      Poi sulla ricevuta saranno stampati i campi <<borrowers.initials>>, <<borrowers.firstname>> invece del nome completo (E. Nicole).
  • Poi inserisci l'informazione sui contatti
    • Per le informazioni di contatto, nota che il telefono principale e gli indirizzi e-mail appaiono sugli avvisi e sulle ricevute stampate durante le operazioni di circolazione (ricevute di prestito, di trasferimento, di prenotazione), L' email principale è anche usata e negli avvisi di ritardo e altri.
  • Se l'utente è un bambino, ti verrà richiesto di collegarlo a un utente adulto
    • Clicca ''Set to Patron' per cercare se un utente esiste nel sistema
    • Se il garante non è registrato nel sistema, puoi mettere il suo nome e cognome nei campi disponibili.
    • Le relazioni sono impostate nella preferenza di sistema borrowerRelationship
  • Se l'utente è professionale, ti verrà richiesto di collegarlo a un utente istituzionale
    • Clicca 'Set to Patron' per cercare se un utente esiste nel sistema
  • Ogni utente può avere un contatto alternativo
    • Un indirizzo alternativo può essere un parente. Nei college può essere l'indirizzo di casa.
  • La sezione di gestione della biblioteca include valori usati all'interno della biblioteca
    • Il numero della tessera è calcolato automaticamente se la preferenza di sistema autoMemberNum lo prevede
      • Nota

        In un nuovo sistema appena installato, questo valore parte da 1 e viene incrementato di 1 ogni volta. Per partire da tuo attuale valore di barcode, insersci il primo barcode a mano nel record utente e salva il record. Successivamente il valore aumenterà di 1.
    • Se sbagli categoria utente all'inizio, lo puoi sistemare qui
    • Sort1 e 2 sono usati a scopo statistica nella biblioteca
  • Poi, la sezione Impostazione Biblioteca include altre impostazioni
    • La data di registrazione sarè riempita in automatico con la data di oggi
    • se la tessera dell'utente scade (in base alle impostazioni categoria utente), la data di scadenza sarà calcolata automaticamente
    • Il campo 'Nota Opac' e' una nota per l'utente - apparita in Opac nel record dell'utente
    • La nota di circolazione e'n solo per lo staff e appare quando lo staff presta una copia all'utente
    • La login e la password dell' OPAC sono usate dall'utente per loggarsi all'Opac. Lo staff le usa anche per loggarsi al client staff.
      • Lo staff potrà utilizzare questa informazione di login per collegarsi all'interfaccia dello staff se ha i necessari permessi.
  • Se sono impostati attributi utente addizionali, appariranno in seguito
  • Infine, se la preferenza EnhancedMessagingPreferences è impostata a 'Permettere', potrai scegliere le opzioni di messaggistica per l'utente.
    • Questi avvisi sono:
      • Preavviso: Un preavviso all'utente con le copie che stanno per scadere (l'utente può scegliere il numero di giorni di anticipo)
      • Prestito di una copia: un avviso che elenca tutte le copie che l'utente ha preso in prestito e/o rinnovato; è la versione elettronica della ricevuta dei prestiti
      • Prenotazione accettata: Un avviso quando hai confermato che la prenotazione è in attesa di ritiro da parte dell'utente
      • Copia in scadenza: Un avviso nel giorno in cui una copia deve essere restituita alla biblioteca
      • Copia restituita: Un avviso che elenca le copie da poco restituite dall'utente
    • Gli utenti possono scegliere se ricevere gli avvisi come digest spuntando la casella 'solo digest' e il metodo di spedizione. Il digest è un raggruppamento di tutti i messaggi di un certo tipo (p.es. tutte le copie da restituire nei prossimi 3 giorni in un solo messaggio) invece di un messaggio per avviso.
    • Importante

      Queste preferenze hanno priorità su quelle impostate in categorie utente
    • Importante

      Queste preferenze possono essere modificate dall'utente tramite l'OPAC
  • Quando hai finito, clicca 'Salva'
Se lo staff ha i permessi 'reserveforothers' può fare tutte quelle azioni. Se vuoi aver maggior controllo sulle prenotazioni, scegli tra queste opzioni:

Nota

Un utente duplicato viene individuato se coincidono nome e cognome, e non c'è data di nascita o se nome, cognome e data di nascita sono tutti presenti. Se nome e cognome coincidono ma manca una delle due date di nascita, gli utenti non sono considerati un duplicato.
Se hai impostato un'età minima o massima per una categoria utente e l'età è obbligatoria, Koha ti avviserà se stai assegnando l'utente a una categoria non appropriata:
Tutti i membri dello staff devono essere registrati in Koha tramite il tipo 'staff'. Segui i passi indicati in Aggiungi un utente per aggiungere un membro dello staff. Per attribuire i permessi corretti ai membri dello staff, segui i passi indicati in Permessi utente

Importante

Ricordati di assegnare allo staff password e id sicuri; verranno usati per entrare nel client staff.
Un modo per tenere traccia dell'uso interno delle copie è di "prestarle" fittiziamente all'utente delle statistiche. Il processo di "prestito" non presta realmente il libro, ma registra il suo uso interno. Per usare questo metodo devi prima disporre di una categoria utente impostata per l'utente delle statistiche.
Poi devi creare un utente del tipo statistiche
Successivamente, attenersi alla procedura definita nella sezione 'Aggiungi un nuovo utente' di questo manuale. Poiché questo utente non è una persona reale, basta compilare i campi obbligatori, la biblioteca corretta e nient'altro.
Per conoscere altri metodi di rilevamento dell'uso interno/consultazioni visita la sezione Traccia la consultazionedi questo manuale.
Alcune volte devi aggiungere un'intera famiglia e non vuoi scrivere lo stesso indirizzo più volte. Koha ti permette di duplicare un utente e cambiare solo le parti che vuoi/devi cambiare.
  • Apri l'utente che vuoi usare come base di partenza (quello da cui vuoi duplicare le informazioni)
  • Clicca su 'Duplica' in testa al record
  • Sono duplicabili tutti i campi ad eccezione di: 'Nome', 'Numero di tessera' , la login e la password dell'Opac. Compila i campi mancanti e premi 'Salva'
    • Nota

      Facendo clic in un campo che è già popolato con dati, verranno cancellate da quel campo tutte le informazioni (rendendo più facile per poter digitare in qualcosa di diverso)
  • Verrai portato alla pagina del nuovo utente
Se vuoi, puoi aggiungere immagini che aiutino a identificare l'utente. Per attivare questa funzionalità, la preferenza patronimages va impostata a 'Permettere'.
Se la preferenza è impostata a 'Permettere' vedrai un'icona sotto il nome dell'utente e una casella per caricare una sua immagine sotto le informazioni di contatto.
Nella casella 'Carica immagine utente' clicca su ''Browse' per cercare l'immagine sul tuo computer e caricarla nel record utente.

Importante

C'è un limite di 100K sulla dimensione dell'immagine caricata e si raccomanda che l'immagine sia 200 x 300 pixel, ma immagini più piccole funzionerà pure.
Gli utenti in Koha possono essere modificati usando molti bottoni 'Modifica'.
  • Per modificare tutto il record utente, clicca 'Modifica' all'inzio del record.
  • Le password degli utenti non sono recuperabili. Gli asterischi accanto all'etichetta Password sono sempre presenti, anche a password mancante. L'unico modo per cambiare una password dimenticata è resettarla. Per cambiarla, scegliere il bottone 'Cambia password'
    • Koha non può mostrare le password esistenti. Lascia il campo vuoto per lasciare la password non modificata.
    • Questa form può generare automaticamente una password casuale se premi il link che ha etichetta 'Clicca per generare una password casuale. Verrà mostrata in chiaro'.
  • Per modificare una specifica sezione del record utente, clicca sul link 'Modifica' sotto la sezione
  • Un 'immagine dell'utente può essere caricate a partire da un pc attraverso l'uso della sezione 'Gestisci immagine utente'
    • Questo modulo non verrà visualizzato se avete la preferenza di sistema patronimages configurata per non consentire le immagini dell'utente
    • Per aggiungere molte immagini utente, utilizza lo strumento Carica immagini utente
  • Gli utenti posso essere bloccati dal fare prestiti selezionando alcune caselle (flag) nella scheda utente
    • Se vuoi che lo staff confermi l'indirizzo di un utente prima di dargli un prestito, puoi usare la casella 'Partito senza lasciare indirizzo'
    • Se l'utente riferisce di aver perso la tessera, puoi settare il flag a 'Tessera persa' per evitare che altri la usino per prendere prestiti
    • Se si vuolee escludere un utente dalla biblioteca, puoi aggiungere una restrizione manuale
    • Se inserisci una data e/o una nota relativa alla restrizione, lo vedrai nel messaggio circa la restrizione.
  • Gli utenti bambini non diventano adulti automaticamente in Koha a meno che non hai il cron job j2acron attivo. Per aggiornare un bambino ad adulto manualmente biosgna andare al menu 'Piu' e scegliere 'Trasforma Bambino in utente Adulto'
    • Ti verrà presentata una finestra pop-up chiedendoti a quale categoria di utenti adulti va associato il minorenne
Se permetti agli utenti di modificare i propri account nell'OPAC, per mezzo della preferenza OPACPatronDetails, dovrai poi approvare nel client staff tutti i cambiamenti, prima che diventino effettivi. Se ci sono modifiche in attesa di approvazione, vengono elencate nel cruscotto del client staff, sotto la lista dei moduli (unitamente ad altri elementi in attesa di un'azione).
Quando clicchi sul link 'Utenti che chiedono modifiche' ti verrà mostrata una lista di utenti con le loro richieste di modifica dati.
Da qui puoi 'Approvare' e rendere effettivi i cambiamenti al record utente. Puoi 'Calcellare' i cambiamenti, puoi 'Ignorare' i cambiamenti e dunque gestirli successivamente.
I permessi dell'utente sono usati per definire i diritti dei membri dello staff dentro l'interfaccia relativa.

Importante

Per un utente dello staff è richiesto almeno il permesso 'catalogue' per poter accedere all'interfaccia staff.
Per impostare i permessi per un utente, bisogna innanzitutto accedere al sistema con unutente di tipo "Staff"
  • Nella scheda utente, premi il bottone Più e scegli Imposta i permessi per cambiare i permessi all'utente
  • Ti verrà presentata una lista di preferenze, alcune delle quali potranno essere espanse cliccando sul segno più a sinistra della sezione titolo.
  • superlibrarian
    • Accesso a tutte le funzioni del sistema
      • Nota

        Con questo permesso, non ne occorrono altri
  • circolazione
    • Copie in prestito e restituite
    • Questa sezione può essere espansa (approfondisci)
  • catalogo
    • Richiesto per il login di un membro dello staff. Accesso staff, permette di vedere il catalogo nell'interfaccia dello staff
      • Importante

        Deve essere dato a tutti i membri dello staff per permettere loro di aprire una sessione nell'interfaccia staff
  • parametri
    • Gestione di Koha (pannello di Amministrazione)
    • Questa sezione può essere espansa ( Approfondisci)
  • borrowers
    • Aggiungi o modifica utenti
  • permissions
    • Imposta i permessi
  • reserveforothers
    • Metti e modifica le prenotazioni per gli utenti
    • Questa sezione può essere espansa ( Approfondisci)
  • borrow
    • Presta i libri
  • editcatalogue
    • Permessi di catalogazione (alterare e aggiungere record bibliografici e dati di copia)
    • Questa sezione può essere espansa (approfondisci)
  • updatecharges
    • Gestisci le multe e le tariffe
    • Questa sezione può essere espansa (approfondisci)
  • acquisizione
    • Gestione delle acquisizioni e dei suggerimenti
    • Questa sezione può essere espansa approfondisci)
  • amministrazione
    • Impostazione dei parametri di gestione della biblioteca (sconsigliato)
      • Importante

        Questo livello di permessi non controlla più nulla.
  • tools
    • Usa tutti gli strumenti
    • Questa sezione si può espandere (Approfondisci)
  • editauthorities
    • Modificare Authority
  • serials
    • Gestisci gli abbonamenti alle risorse in continuazione
    • Questa sezione si può espandere (Approfondisci)
  • reports
    • Permetti di accedere al modulo dei report
    • I reports che sono nella pagina di Cricolazione non sono controllati da questo permesso
    • Questa sezione può essere espansa (Approfondisci)
  • staffaccess
    • Autorizza i bibliotecari a modificare i permessi degli altri bibliotecari
    • Importante

      Richiede il privilegio "borrowers" visto sopra
  • plugin
    • Plugin di Koha
    • Questa sezione può essere espansa (approfondisci)
  • liste
    • Liste di Koha
    • Importante

      Ogni persona dello staff ha i permessi di creare e modificare le proprie liste, questo permesso è necessario se vuoi dare allo staff il permesso di cancellare liste pubbliche che non hanno creato loro.
    • Questa sezione può essere espansa (Approfondisci)
Se lo staff ha i permessi 'circulate' puo' fare tutte quelle azioni. Se vuoi aver maggior controllo sulla circolazione, scegli tra queste opzioni:
  • circulate_remaining_permissions
    • Rimanenti permessi per la circolazione
    • Tutti i permessi di circolazione eccetto quelli elencati sotto
  • force_checkout
    • Forza il prestito se esiste una limitazione
    • Con questo privilegio, il bibliotecario ha il potere di ignorare un blocco sul prestito nei seguenti casi:
      • Restrizione per età
      • la copia è in prestito ad un altro utente
      • la copia non è prestabile
      • l'utente ha delle copie in ritardo
      • la copia è persa
      • la copia è a forte richiesta
      • la copia è prenotata
  • manage_restrictions
    • Gestire le restrizioni degli utenti
    • Concede al membro dello staff il potere di rimuovere una restrizione che potrebbe gravare sull'utente
  • overdues_report
    • Esegui il report delle copie in ritardo
    • Il permesso per far girare il report dei ritardi dal menu della circolazione
  • override_renewals
    • Abilita a superare il blocco dei rinnovi
    • Richiedono che i bibliotecari abbiano anche i circulate_remaining_permissions
Se lo staff ha i permessi puo' fare tutte quelle azioni. Se vuoi aver maggior controllo sui livelli di permessi, scegli tra queste opzioni:
  • manage_circ_rules
  • parameters_remaining_permissions
    • Rimanenti permessi per i parametri di sistema
    • La possibilità di accedere a tutte le aree in Amministrazione (tranne le regole di circolazione e delle multe)
Se lo staff ha i permessi 'reserveforothers' puo' fare tutte quelle azioni. Se vuoi aver maggior controllo sulle prenotazioni, scegli tra queste opzioni:
  • modify_holds_priority
    • Modifica priorità prenotazioni
    • Abilita a modificare la priorità delle prenotazioni (spostare in su o in giù gli utenti nella coda)
  • place_holds
    • Prenota per gli utenti
Se lo staff ha i permessi 'editcatalogue' puo' fare tutte quelle azioni. Se vuoi aver maggior controllo sulla catalogazione, scegli tra queste opzioni:
  • delete_all_items
    • Cancella tutte le copie in una volta
    • Abilita ad usare l'opzione ' Cancella tutte lo copie' che trovi nel menu 'Modifica' in catalogazione
  • edit_catalogue
    • Permessi di catalogazione (alterare e aggiungere record bibliografici e dati di copia)
    • Possibilità di accedere a tutte le funzionalità nella pagina Catalogazione
  • edit_items
  • edit_items_restricted
  • fast_cataloging
Se lo staff ha i permessi "updatecharges", può fare tutte quelle azioni. Se vuoi avere maggior controllo sulle multe e sugli addebiti, scegli tra queste opzioni:
  • remaining_permissions
    • Tutti i permessi per gestire le multe e le tariffe, eccetto la possibilità di cancellare gli addebiti
  • writeoff
    • Cancella multe e tariffe
Se lo staff ha i permessi 'acquisition' puo' fare tutte quelle azioni. Se vuoi aver maggior controllo sulle acquisizioni, scegli tra queste opzioni:
  • budget_add_del
    • Aggiungi e cancella (ma non modifica) budgets
  • budget_manage
    • Gestisci i budgets
  • budget_manage_all
    • Gestisci tutti i budgets
    budget_modify
    • Modifica budget (non puoi creare ma modificare gli esistenti)
  • contracts_manage
    • Gestisci i contratti
  • group_manage
    • Gestisci ordini, raccoglitori e ordini d'acquisto
  • order_manage
    • Gestisci ordini e raccoglitori
  • order_manage_all
    • Gestisci ordini e raccoglitori senza restrizioni al riguardo
  • order_receive
    • Gestisci ordini e raccoglitori
  • period_manage
    • Gestisci le risorse in continuazione
  • planning_manage
    • Pianificazione del budget
  • vendors_manage
    • Gestisci i fornitori
Se lo staff ha i permessi 'serials' puo' fare tutte quelle azioni. Se vuoi aver maggior controllo sui seriali, scegli tra queste opzioni:
  • check_expiration
  • claim_serials
  • create_subscription
  • delete_subscription
    • Cancella abbonamento
  • edit_subscription
    • Cancella abbonamento esistente
    • Questo permesso non include la possibilità di cancellare o creare un abbonamento
  • receive_serials
    • Ricevi risorse in continuazione
    • Abilita a ricevere i fascicoli degli abbonamenti esistenti
  • renew_subscription
    • Rinnova un abbonamento
  • routing
  • superserials
    • Permette di gestire gli abbbonamenti da qualsiasi biblioteca (si applica solo se la preferenza IndependantBranches è attiva)
Se lo staff ha i permessi 'tools' puo' usare tutti gli stumenti della sezione 'Strumenti'. Se vuoi aver maggior controllo sull'uso degli strumenti, scegli tra queste opzioni:
Se lo staff ha i permessi 'reports' puo' fare tutte quelle azioni. Se vuoi aver maggior controllo sui reports, scegli tra queste opzioni:
  • create_reports
    • Crea report SQL
    • Abilita a creare o a modificare un report SQL, ma non a eseguire
  • execute_reports
    • Esegui il report SQL
    • Abilita a eseguire ma non a creare o modificare reports SQL
Se lo staff ha i permessi 'plugins' può fare tutte quelle azioni, Se vuoi avere maggior controllo sui plugin, scegli tra queste opzioni:
  • configure
    • Permette di configurare i plugin
    • Consente di aprire la sezione "configurazione" di un plugin, se questo la prevede.
  • manage
    • Gestisci i plugin
    • La possibilità di installare o disinstallare plugin
  • report
    • Usa i plugin di tipo report
    • La possibilità di usare i plugin di tipo report
  • strumento
    • Usa lo strumento 'Plugins'
    • La possibilità di usare plugin di tipo tool (strumento)
Tutti i membri dello staff posso accedere alle lista. Questa sezione va usata se vuoi dare il permesso a un mebro dello staff di cancellare liste pubbliche che non creato da se medesimo.
  • delete_public_lists
    • Cancellare liste pubbliche
Quando guardi un record utente puoi vedere le informazioni da una delle molte sezioni indicate alla sinistra della pagina.
  • Vai a: Utenti > Sfoglia o ricerca un utente > Fai clic sul nome utente

4.9.1. Presta

Per istruzioni dettagliate sul prestito delle copie, vedi la sezione Prestiti del manuale.
I membri dello staff possono accedere alla situazione dei propri prestiti facendo clic sul loro username, sulla riga in alto a destra del client staff, e facendo poi clic su Prestiti nel menu a scomparsa

4.9.2. Dettagli

I membri dello staff possono accedere alla situazione del proprio account facendo clic sul loro username , sulla riga in alto a destra del client staff, e facendo poi clic su 'Mio Account' nel menu a scomparsa
Tutte le informazioni dell'utente apparirano in Dettagli. Questo include tutti i dati di indirizzo, le note, le prefernze, etc.
In caso di utenti di tipo 'Bambino' o 'Professionista' verrano mostrate anche le informazioni dei loro garanti.
  • Un bambino vedrà i suoi garanti
  • Sul record del garante sono lelencati tutti i bambin/professionisti collegati
In fondo alla pagina di informazione dell'utente troverai un rapido accesso alle copie che l'utente ha in prestito, attese da tempo e prenotato.